giovedì 10 maggio 2012



di Paolo Carta
riveduto da SA DEFENZA

Undici anni di lotta: questa  è la sconfitta della classe politica


L'inchiesta ha ottenuto quello che da anni chiedevano i familiari delle vittime.

C'è voluta un'inchiesta della magistratura per smuovere la classe politica  e far affrontare di petto dal Senato Italiano il caso Poligono di Quirra.

E' la grande vittoria del Procuratore di Lanusei Domenico Fiordalisi, che è riuscito a ottenere attenzione da parte del Governo Italico, l'avvio della bonifica e la sospensione di tutte le attività sperimentali e addestrative che mettevano più a rischio la salute dei militari e dei pastori. 

Era quello che chiedevano invano i pacifisti e i parenti di familiari morti dopo avere lavorato nel poligono con la divisa o al seguito del bestiame. 
Almeno dal 2001 dopo le segnalazioni sui casi sospetti di tumore del sindaco-oncologo Antonio Pili.

In mezzo c'erano stati due controlli ambientali voluti dalla classe politica regionale sarda e nazionale italiana, vera sconfitta di tutta questa vicenda.
Perchè al termine di analisi molto contestate anche in tempi non sospetti, si era arrivati nel 2005 e nel 2011 a una sorta di assoluzione delle attività svolte dalle forze armate italiane e dalle industrie belliche di tutto il mondo, senza il minimo controllo.

Pareri bollati come "bugie di stato" dal pm Fiordalisi ieri davanti alla commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito, in virtù delle consulenze di illustri scienziati coinvolti nell'inchiesta della Procura come esperti superpartes. 

A prescindere da come andrà il processo penale che inizierà tra un mese davanti al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Lanusei, quel che emerso merita il pronto intervento del Parlamento ITALIANO . Un angolo di paradiso, uno dei posti più belli della Sardinya è stato usato come discarica per smaltire armi provenienti da tutta l'Italia.

Quell'area militare inaugurata nel 1956 come se dovesse diventare una sorta di Cape Canaveral della NASA per il lancio di missili sperimentali e scientifici, è stata trasformata in una discarica che secondo la Procura ha inquinato suolo, aria e falde acquifere. Al punto che adesso la bonifica non è più procrastinabile.
Perchè dopo la parte destruens fatta di sequestri di aree del poligono, sgomberi dei meno colpevoli di tutti, i pastori, controlli e quant'altro, adesso è necessario avviare una fase costruens

La bonifica può dare posti di lavoro per tanti anni, porzionidel poligono come quella sul mare, utilizzata per tanti anni per test messi al bando, potrebbero essere sgomberate creando altro reddito una volta che i fondali saranno ripuliti.

Si farebbe giustizia anche dell'accordo (rimasto sin qui disatteso) firmato trent'anni fa dall'allora primo ministro italiano Giovanni Spadolini e dal presidente della regione Sarda Mario Melis, sulla necessità di alleggerire il peso delle servitù militari che grava così pesantemente sulla Sardinya e sul suo sviluppo economico.




Mariella Careddu
www.unionesarda.it

Poligono Quirra Sardinya, bugie di Stato

Audizione-choc del Procuratore di Lanusei Fiordalisi al Senato:
«Non test ma smaltimento illecito di rifiuti bellici dentro la base





I veleni di Quirra potrebbero uccidere il Poligono. La chiusura della base militare non è da escludere. Ci stanno pensando i parlamentari, all'indomani dell'audizione choc del procuratore della Repubblica di Lanusei, Domenico Fiordalisi.


IL VERTICE 
Ieri pomeriggio, si è svolto il vertice d'urgenza della commissione di senatori che dovrà decidere cosa fare e dovrà farlo in fretta. Non si esclude nessuna ipotesi. Il magistrato ha parlato di «bugia di Stato», perché tra i confini della base isolana si «svolgeva un'attività diversa da quella dichiarata. Uno smaltimento di rifiuti bellici illecito». Una menzogna lunga decenni, secondo il pm, che per due ore ha riferito del grave inquinamento ambientale provocato da cadmio, amianto, uranio impoverito, torio e altre sostanze cancerogene sprigionate dai brillamenti e dalle esercitazioni avvenute in quel pezzo di Sardegna.


RELAZIONE CHOC 
La prima bugia starebbe già nel video mostrato dal pm ai commissari. Un filmato dell'esercito che nell'etichetta porta la scritta test , ma che in realtà mostra i brillamenti di bombe portate a Quirra da tutti i poligoni d'Italia. «I test sono un'altra cosa», assicura. Deflagrazioni che liberano nell'aria colonne di fumo e detriti alte diverse centinaia di metri, che il vento ha soffiato via verso i pascoli di Escalaplano e Perdasdefogu, verso fiumi e sorgenti, verso le aziende agricole che producono il miele e il formaggio nei quali i periti della Procura hanno trovato tracce di metalli pesanti. La relazione choc ha scosso i parlamentari: la commissione che indaga sulle morti e sulle malattie che hanno colpito personale militare impiegato nei poligoni in Italia e all'estero, dovrà fare in fretta. Dopo l'audizione di martedì è arrivata la convocazione d'urgenza nell'ufficio di presidenza. Ieri alle due del pomeriggio l'ultimo incontro. Un'ora per fare il punto della situazione e stabilire le tappe dell'intervento.


IL GENERALE 
Martedì prossimo a riferire davanti ai parlamentari sarà il generale Maurizio Lodovisi, responsabile della bonifica. L'ufficiale dovrà chiarire la situazione e presentare una relazione dettagliata che indichi l'importo necessario per ripulire l'area, il cronoprogramma e quello che già è stato fatto. «È importante che la commissione abbia deciso questo cambio di passo in seguito all'audizione del procuratore. Ora si passa da un livello cognitivo a un livello attivo», spiega Gian Piero Scanu, senatore del Pd e unico sardo a far parte del gruppo di lavoro.


L'AGENDA 
Dopo l'incontro con il generale, sono già in agenda altri due appuntamenti cruciali. Mercoledì la commissione farà gli straordinari: la prima seduta è fissata alle due del pomeriggio, servirà a tirare le somme, la seconda alle otto e mezza di sera, sarà quella decisiva. Il momento per decretare la morte o la vita del Poligono di Quirra. Ai parlamentari resta una settimana per ripensare alle foto mostrate loro dal magistrato. Il ritratto dell'agnello polifemo nato in un allevamento a una decina di chilometri dai confini della base. Le immagini di vacche impegnate a strappare i fili d'erba a ridosso della discarica di Is Pibiris. E poi, ci sono le relazioni degli esperti dell'Arpas, le perizie dei ricercatori che mostrano tracce di sostanze cancerogene e metalli pesanti ben oltre il perimetro del poligono.
Il resto è l'inchiesta della Procura che venerdì scorso ha chiesto venti rinvii a giudizio per il disastro provocato dalle esercitazioni militari. Nel registro degli indagati sono finiti nomi eccellenti dell'esercito, luminari del mondo accademico, medici, ricercatori e amministratori, tutti colpevoli, secondo il pubblico ministero, del disastro che ha seminato la terra e infestato l'aria con le scorie mortali.



Uranio impoverito e torio, accertamenti sul nesso di causalità coi tumori

C'è un'inchiesta-bis Morti sospette: si indaga ancora sulle guerre simulate
Inchiesta che va, inchiesta che viene. Gli atti dell'indagine sui veleni di Quirra sono appena arrivati nella cancelleria del giudice dell'udienza preliminare. Venti richieste di rinvio a giudizio in attesa di una risposta: la data dell'udienza verrà fissata a giugno. Al terzo piano del palazzo di giustizia di Lanusei, però, va avanti l'inchiesta bis, quella che vuole accertare il nesso tra le morti sospette di militari e civili e le sostanze letali lasciate a terra dalle guerre simulate. Per cercare una prova schiacciante non sono bastati i cadaveri dei diciotto pastori riesumati dalla Procura. Nella lista dei sospettati non c'è solo l'uranio impoverito. I test dei ricercatori hanno isolato tracce di torio, un metallo pesante più difficile da smaltire, più difficile da collegare in maniera univoca alle malattie che hanno portato alla tomba i pastori strappati alla terra in nome della giustizia. Senza nuovi risvolti, resta l'attesa per l'inchiesta madre nella quale sono indagati i militari Fabio Molteni, Alessio Cecchetti, Roberto Quattrociocchi, Valter Mauloni, Carlo Landi, Paolo Ricci, Gianfranco Fois, Francesco Fulvio Ragazzon, Giuseppe Di Donato, Vittorio Sabbatini, Vincenzo Mauro, Walter Carta, i ricercatori Francesco Riccobono, Giuseppe Protano, Fabio Baroni, Luigi Antonello Di Lella, i chimici Gilberto Nobile e Gabriella Fasciani, il medico Pierluigi Cocco e il sindaco Walter Mura. 
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!