lunedì 31 agosto 2020

BENJAMIN FULFORD: Il primo ministro giapponese Abe è solo il primo domino a cadere seguiranno, Macron, Moon ...    


Sa Defenza 

Berlino manifestazione del 29 Agosto 2020 contro la dittatura della finta pandemia Covid 19

L'attacco truffaldino in corso contro l'umanità del Covid-19 ha esposto la cabala e i suoi massimi leader agli occhi di tutti. Ciò li rende un bersaglio facile e ora vengono sistematicamente cacciati e rimossi dalle posizioni di potere. Il primo ministro schiavo giapponese Shinzo Abe, ad esempio, è stato "invitato alla pensione dal generale Jay Raymond, membro del Joint Chiefs of Staff", affermano fonti del Pentagono. Raymond, dopo essersi dimesso dalla carica di capo del comando spaziale statunitense "è il perfetto emissario JCS", aggiungono. Abe è stato anche costretto a cancellare le Olimpiadi, cosa che ha privato i suoi amici criminali  di enormi somme di denaro che erano state promesse in cambio di far andare avanti l'attacco di Fukushima contro il Giappone.



                                                                  Shinzo Abe
Oltre ad Abe, gli altri leader che stanno per cadere sono quelli che si sono identificati con misure fasciste draconiane attuate contro il loro stesso popolo per ordine dei loro signori satanici Khazariani, dicono fonti della White Dragon Society.

Ciò significa che la tedesca Angela Hitler, il suo animale domestico Emmanuelle [sic] Macron in Francia, il canadese Justin Castro, il sudcoreano Moon Jae In e il britannico Boris Johnson sono tutti tra quelli diretti al tagliere, dicono le fonti.


La scommessa migliore è che Macron, in Francia, sarà il prossimo a cadere. Proprio come il dittatore rumeno Nicolae Ceausescu , ha aumentato la repressione, fino a quando le sue stesse forze di sicurezza lo hanno messo di fronte a un plotone di esecuzione.  
Anche Macron sta aumentando la repressione in Francia. I rapporti delle "notizie" di propaganda citano il ministero della salute (o morte) che dice che in Francia si sta assistendo a un "aumento esponenziale di casi".  Questa è la scusa del combattuto Macron per chiedere un altro blocco (lockdown) a livello nazionale. Macron sta spingendo anche il 5G come questione di "sovranità europea".  

https://www.bbc.com/news/world-europe-53954562


https://www.msn.com/en-gb/news/world/macron-says-frances-5g-strategy-founded-on-european-sovereignty/ar-BB18tofg

Tuttavia, un rapporto dell'associazione degli ufficiali di riserva francesi,   ha compilato una lista d'ampia gamma di professionisti con esperienza in prima linea nel mondo reale nella battaglia contro la "pandemia" della cabala, ha raggiunto le seguenti conclusioni:

  • Evidenti incongruenze e inspiegabili "lacune" invalidano la teoria ufficiale
  • La gestione della “crisi” sanitaria sembra essere un pretesto per una conquista globale totalitaria
  • Macchinazioni totalitarie: intenzione di imporre una criptovaluta globale, un vaccino con nano-chip e un chip elettronico sottocutaneo
  • C'è una massiccia corruzione nel cuore dell'OMS e nelle intenzioni più inconfessabili
  • Il 5G è implicato nel Covid-19, con la irradiazione elettromagnetica che può essere altamente potenziata:
  • Il potere patogeno del virus, o il batterio Prevotella che ha causato lo shock delle citochine
  • La somiglianza tra il danno polmonare osservato da tutti i medici di emergenza e il danno causato dall'uso di un'arma elettromagnetica (più mal di testa permanente, affaticamento, sensazioni di bruciore ai polmoni, trombosi e perdita di sensibilità all'olfatto e al gusto, è anche citata come sintomi di COVID-19)
  • Molte antenne sono state installate grazie al lockdown, senza preoccuparsi del "principio di precauzione", nonostante fosse altrimenti ampiamente citato, in particolare, che ostacola le cure mediche
  • "Il Covid-19" è una guerra biologica ed elettromagnetica supportata da una vasta operazione di "fumo negli occhi", che sta seminando confusione tra le fila del personale medico e ospedaliero
  • "Covid-19" potrebbe essere la preparazione per un'operazione congiunta su scala molto più ampia combinata con una cortina fumogena per nascondere test su larga scala dell'arma 5G, per fini criminali che devono ancora essere chiariti
  • Le installazioni 5G, sia terrestri che aeree (i satelliti di Elon Musk in orbita terrestre bassa), fanno chiaramente parte di questo progetto di "guerra totale"
  • Il dottor Jeremy K. Raines, un autorevole ingegnere del campo elettromagnetico, riferisce che i segnali elettromagnetici vengono utilizzati dal corpo umano per regolare i suoi processi e avverte che le emissioni elettromagnetiche esterne possono interferire seriamente in questo processo.
  • Nessuna indagine è stata condotta sulla reazione della Terra sull'uso massiccio della tecnologia 5G nonostante sia stato accertato che le attività industriali (attività minerarie, estrazione di petrolio e gas, geotermia) possono indurre terremoti
  • In Francia si sono verificati terremoti insoliti e i comuni sono stati dichiarati in stato di emergenza
L'intero rapporto di 190 pagine verrà pubblicato nella newsletter dell'editore.

L'esercito francese sa di avere il dovere di difendere il proprio popolo e questo significa che deve rimuovere il governo assassino di Macron.

Le società segrete asiatiche hanno affermato che un attacco elettromagnetico ad alta frequenza ha ucciso grandi quantità di persone a Wuhan, in Cina. "Ora questi attacchi si stanno verificando a livello globale e una guerra invisibile ad occhio nudo è in corso", aggiungono.

Sebbene ci siano molti aspetti di questa guerra che sono "invisibili ad occhio nudo", noi umani possiamo liberare il pianeta attaccando gli aspetti visibili. Il processo che ha portato all'attacco di Fukushima al Giappone e alla successiva elezione fraudolenta di Abe nel 2012 ci fornisce obiettivi concreti.

In particolare, il problema può essere ricondotto alle persone che hanno controllato il monoteismo come impresa familiare per migliaia di anni. Ad esempio, il leader degli attuali attacchi antifa, Black Lives Matter e altri attacchi di tipo bolscevico negli Stati Uniti,  è Leo Zagami, secondo fonti della Loggia P3. 

Abbiamo confermato in modo indipendente che la pista di controllo giudiziaria porta a Leo Zagami, che è fuggito dall'Italia per evitare l'arresto da parte delle forze fedeli a Papa Francesco e ai massoni P3. Ora si nasconde a Palm Springs, in California, e prega come un devoto cristiano.

Tuttavia, quando Zagami è venuto a trovarmi in Giappone, mi ha mostrato immagini di entità demoniache e ha detto che lui e i suoi compagni satanisti potevano evocarli con cerimonie che coinvolgono stelle a cinque punte, proprio come nei film. Ha detto che queste entità potrebbero causare enormi tempeste, terremoti, ed altre tragedie.

Zagami afferma che le entità più potenti possono essere evocate solo tramite sacrificio umano. Avendo ricevuto una educazione  ateista,  all'epoca pensavo che Zagami stesse usando delle rozze tattiche superstiziose e spaventose progettate per spaventare le vecchie signore monoteiste. Oggi non ne sono più così sicuro.

Immediatamente dopo l'attacco di Fukushima al Giappone,  Zagami ha inviato e-mail vantandosi dell'attacco e rivendicandone la responsabilità. Ha pure detto che il suo gruppo si celava dietro il marxismo e le rivoluzioni comuniste viste in tutto il mondo (? ndt. ci pare che Leo Zagami abbia affermato semmai il contrario, essendo un noto anticomunista).

Con questo in mente, prendi nota che molte persone, incluso Q-anon, hanno notato l'uso di un logo satanico da parte del Partito DemoNcratico statunitense, come mostrato di seguito.


Persone vicine a Zagami hanno affermato di controllare i cristiani come loro schiavi. A giudicare dal comportamento, tutto questo è probabile che sia vero per alcuni gruppi cristiani. Qui, per esempio, vi è un gruppo di 2.700 predicatori cristiani sionisti (satanisti) sottoposti a lavaggio del cervello che spingono le persone a fare il "vaccino". 

https://www.christianpost.com/news/2700-evangelicals-warn-against-politicizing-coronavirus-urge-christians-to-take-vaccine.html

Gli scontri di starda negli Stati Uniti continueranno per le prossime settimane. Ma Antifa e BLM ecc. e i bolscevichi hanno a loro disposizione solo soldi ma pochi sicari assoldati. Questo è il motivo per cui perderanno contro i patrioti che ora rimuovono sistematicamente questa sporcizia dal corpo politico degli Stati Uniti. Consiglio vivamente di fare un serio interrogatorio a Zagami, (che mi ha detto che mangiava feti umani).

La battaglia chiave per la liberazione del pianeta Terra è ovviamente incentrata su Israele, dove coraggiosi ebrei combattono quotidianamente per rimuovere la loro leadership satanica sotto Benjamin Netanyahu.

Ecco cosa dicono le fonti del Pentagono sulla battaglia per liberare gli ebrei in Israele:

"Kissinger ha notoriamente detto che Israele potrebbe non esistere dopo il 2020 e qui ci sono altri 3 progetti:


  1. [Il segretario di Stato americano Mike] Pompeo non è riuscito a convincere Bahrain, Sudan, Oman, Arabia Saudita, Kuwait, Marocco o qualsiasi altro stato arabo a normalizzare i legami con Israele perché tutti sanno che Israele ha bombardato Beirut. Questi stati insistono sulla Arab Peace Initiative (API)
  2. Con l'annessione rifiutata, potrebbe essere stato preparato il terreno [al presidente degli Stati Uniti Donald] Trump per costringere Israele a restituire tutte le terre arabe, evacuare gli insediamenti ebraici illegali e ritirarsi ai confini del 1967 come da API. In questo modo gli farà vincere il premio Nobel.
  3. Con la Francia espulsa dalle acque libiche, la frattura con la NATO e l'Italia che ha paura delle vittime, e la marina americana conduce esercitazioni con la Turchia. La Turchia, con droni e armi avanzate russe, potrebbe sconfiggere Grecia e Cipro che sono partner di Israele nel progetto del gasdotto del Mediterraneo orientale ".
Possiamo aggiungere che altre fonti del Pentagono affermano che gli Emirati Arabi Uniti hanno accettato un accordo di pace con Israele solo perché è stato minacciato con un attacco nucleare simile a quello che ha colpito Beirut. Notiamo anche che Macron si è auto-incriminato in questo attacco usandolo come pretesto per ristabilire il dominio coloniale francese sul paese.

Complessivamente, secondo fonti MI6:
" Lo stato generale in tutto il mondo è davvero molto caotico e rimarremo in attesa solo per così tanto tempo prima che i migliori militari nel mondo ci riportino a sufficienza. La cosa inquietante è che i governi civili e i loro leader hanno fallito e sono troppo deboli. È davvero una guerra civile globale, gli spasmi invisibili della matrice di controllo sono presenti nella geopolitica da molto tempo ".
Mi sono recato personalmente presso il complesso di Bill Gates a Karuizawa, in Giappone, per indagare in loco su notizie di strane attività, ma dopo aver intervistato dei vicini e delle aziende locali con appaltatrici che lavorano al fianco dell'ingresso del complesso, non mi è possibile confermare alcuna attività sospetta.





Un membro del WDS che è stato arrestato in Indonesia con accuse inventate e ha trascorso quattro mesi in prigione  evitando per un pelo un attentato pianificato al momento del rilascio. Se tal membro venisse ucciso, della stessa sorte seguirà il presidente Jokowi e i discendenti dell'ex presidente Suharto.

In Asia, molti osservatori da lungo tempo ivi impegnati dicono che quello che sta succedendo è la caduta di Babilonia. Se Babilonia cade, gli ebrei saranno liberi per la prima volta in 5.780 anni. Avendo ricevuto personalmente un'educazione atea, non avrei mai pensato di dover fare una affermazione del genere, stiamo attraversando veramente tempi da eventi biblici.



*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/benjamin-fulford-il-primo-ministro.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali



Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza 
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza



Dopo che centinaia di migliaia di persone hanno manifestato contro le misure pandemiche, Berlino vieta le proteste contro le misure Covid

Isaac Davis,
Sa Defenza 



In precedenza abbiamo riferito di una grande protesta a Berlino contro i mandati del Covid-19, che molti ritengono violino i diritti civili fondamentali. I rapporti dei media mainstream davano il numero di partecipanti fissato a circa 20.000, mentre fonti indipendenti hanno affermato che il numero reale era facilmente superiore a un milione, potenzialmente fino a 1,3 milioni.

Inoltre, la copertura mediatica dell'evento ha fatto di tutto per demonizzare e classificare tutti i partecipanti come estremisti di "estrema destra" e simili. Le foto e i resoconti di prima mano dell'evento mostrano persone di ogni ceto sociale, che si uniscono per porre fine al blocco, ai mandati draconiani sanitari e tornare al lavoro.

Sono state pianificate molte altre proteste; tuttavia, Berlino ha deciso di vietare le proteste e gli eventi che si pronunciano contro le misure CV-19.

In ulteriori sviluppi, gli organizzatori hanno annullato i piani per un grande concerto con Bryan Adams a Duesseldorf  per il 4 settembre, mentre a Berlino le autorità hanno vietato diverse proteste programmate per il fine settimana contro le misure pandemiche di coronavirus.

I funzionari hanno affermato che coloro che protestavano avrebbero probabilmente violato le regole sul distanziamento sociale  progettate per fermare la diffusione del virus. La Germania ha assistito a un aumento di nuovi casi confermati nelle ultime settimane e il governo sta valutando se imporre nuovamente nuove restrizioni.

Le autorità della capitale hanno citato una manifestazione contro le restrizioni COVID-19 il 1° agosto durante la quale i partecipanti hanno ignorato le regole di indossare la mascherina e il distanziamento sociale e altre condizioni imposte alla protesta.



https://apnews.com/e560dc916fa9cad96d98df0ba8bcc29d 

Andreas Geisel, il ministro degli interni di Berlino ha commentato il divieto di tali proteste,  citato da Reuters:
Circa 20.000 persone, tra cui libertari, lealisti costituzionali, sostenitori di estrema destra e attivisti anti-vaccinazione, hanno marciato su Berlino il 1°agosto.

Geisel ha detto che gli organizzatori di quella protesta avevano deliberatamente infranto le regole che avevano precedentemente concordato con la polizia, incluso indossare maschere e mantenere le distanze sociali.
Tale comportamento non è accettabile. Allo stato non può essere data l'autorizzazione a manifestare", ha detto, aggiungendo che "non voleva che Berlino fosse un palcoscenico per i teorici della cospirazione e gli estremisti di destra".  


https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-germany-protest/berlin-bans-protest-against-coronavirus-curbs-idUSKBN25M1GF
Ancora una volta, un politico di spicco suggerisce che essere contrario ai blocchi e alle severe misure Covid non è una questione politica, ma è una questione sostenuta solo dagli "estremisti". Tale retorica è incredibilmente pericolosa in un mondo che sta scivolando più velocemente che mai verso la tirannia globale.

E INTANTO IN SARDINYA LA TIRANNIA GLOBALE DEL COVID INSISTE A DIRE MENZOGNE E DIFFONDE LE FAKE NEWS DEI MEDIA MAINSTREAM SUL CAMPING ISULEDDA IN COSTA SMERALDA, IL SENATORE PILLON CHE ERA PRESENTE IN QUELLE ORE CI SPIEGA LA BUFALA DEI GIORNALONI, GUARDATE E ASCOLTATE NEL VIDEO SOTTO:


*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/dopo-che-centinaia-di-migliaia-di.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza 
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza



sabato 29 agosto 2020

Il Presidente dei Generali USA Rifiuta La Fantasia Dei Democratici Di Espellere Manu Militare il Presidente Donald Trump Dalla Casa Bianca 

Sa Defenza 
Siamo alle solite, i politicanti del malaffare, negli USA come in Italia presi dalla fretta di mantenere o prendere il potere vanno per le spicce , mentre qui non si fanno le elezioni per dare conferma della contraria volontà popolare a questo governo delle poltrone; negli USA i Democratici chiedo esplicitamente ai militari, non pienamente convinti di poter vincere le  elezioni di novembre , di attuare un golpe militare contro il legittimo Presidente Trump , a differenza dell'Italia dove abbiamo un Presidente dondolo e inetto che firma ogni porcheria proposta dai criminali e antidemocratici al governo italico , negli USA al contrario abbiamo i militari che invece si attengono scrupolosamente alla Costituzione repubblicana e denunciano la proposta golpista del concorrente alle presidenziali il Dem. Joe Biden. ... #SaDefenza


L'esercito americano non ha alcun ruolo nella risoluzione delle controversie elettorali, ha detto il presidente del Joint Chiefs of Staff  General Mark Milley ai Democratici del Congresso, gettando acqua sulla speranza che il Pentagono li aiuti a conquistare la Casa Bianca.

"Credo profondamente nel principio di un militare statunitense apolitico", ha annunciato Milley in una lettera ai rappresentanti Elissa Slotkin (D-Michigan) e Mikie Sherrill (D-New Jersey), ha riferito RT.

I due membri del Congresso non hanno diffuso la lettera, ma ne hanno citato alcuni estratti in una dichiarazione di venerdì.

"In caso di controversia su alcuni aspetti delle elezioni, per legge, i tribunali statunitensi e il Congresso degli Stati Uniti sono tenuti a risolvere eventuali controversie, non le forze armate statunitensi", avrebbe aggiunto Milley, dicendo: "Non volteremo le spalle alla Costituzione degli Stati Uniti ".
A prima vista, questo sembra infrangere la speranza espressa da molti eminenti democratici nelle ultime settimane, che siano i militari a rimuovere il presidente Donald Trump dalla Casa Bianca.

L'ex vicepresidente Al Gore è stato l'ultimo a dar seguito allo scenario, in un'intervista a Reuters questa settimana. Due tenenti colonnelli dell'esercito in pensione, John Nagl e Paul Yingling, hanno attirato l'attenzione dei media all'inizio del mese, quando hanno inviato a Milley una lettera aperta tramite 
Defense One, dove si chiedeva apertamente che i militari cacciassero Trump con la forza (ndt un golpe).
"Se Donald Trump rifiuta di lasciare l'incarico alla scadenza del suo mandato costituzionale, l'esercito degli Stati Uniti deve rimuoverlo con la forza, voi dovete dare quell'ordine", hanno scritto Nagl e Yingling.
Lo scenario è stato esposto per la prima volta dal candidato alla presidenza dei Democratici Joe Biden, che ne ha parlato durante un'intervista all'inizio di giugno. Era “assolutamente convinto che lo scorteranno alla Casa Bianca con grande disprezzo”, ha detto al conduttore del Daily Show, Trevor Noah, riferendosi ai militari.

I commenti Biden li ha fatti dopo che un certo numero di ex funzionari militari si sono palesati contrari a Trump, tra questi vi sono anche l'ex segretario alla Difesa Jim Mattis e l'ex presidente della JCS Mike Mullen. Poco prima dell'intervista di Biden, lo stesso Milley si era scusato della sua presenza al fianco di Trump dopo l'incidente a Lafayette Park, appena a nord della Casa Bianca. La copertura mediatica con le dichiarazioni degli attuali e degli ex funzionari militari da l'impressione siano inclini a sostenere i democratici.

Il Pentagono ha già respinto le richieste di Nagl e Yingling, tuttavia, il portavoce principale Jonathan Hoffman ha definito il loro argomento come qualcosa ch'è "nato da un pensiero poco serio che riflette una fondamentale mancanza di apprezzamento per la storia della nostra democrazia e il rapporto civile militare stabilito dalla nostra Costituzione" ha detto a una conferenza stampa all'inizio del mese.

I commenti di Milley possono sembrare l'ultimo chiodo nella bara sulla questione. Tuttavia, Slotkin e Sherrill sono stati attenti a notare nella loro dichiarazione che il Congresso ha l'autorità di certificare l'elezione e che i militari sono tenuti a "obbedire agli ordini del presidente certificato dal Congresso".

Tutto questo indica che i democratici potrebbero considerare la possibilità di rifiutarsi di certificare le elezioni nel caso in cui Trump vinca. Il mese scorso, quando Trump ha lanciato l'idea di ritardare le elezioni a causa della pandemia COVID-19, alcuni democratici hanno sostenuto che avrebbe automaticamente reso la presidente della Camera Nancy Pelosi  presidente legittimo una volta scaduto il suo mandato.



*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/il-presidente-dei-generali-usa-rifiuta.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza 
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza



mercoledì 26 agosto 2020

Giuristi per la legalità 

Sa Defenza


La Sardinya, terra di conquista e di travaglio, oggi sta subendo un attacco politico economico molto grave che mette in dubbio la sua onestà e capacità di adempiere alle sue responsabilità di nazione con un popolo sardo dal cuore immenso.



In questi giorni la stampa e i media mainstream sparano bordate incredibili contro la nostra  terra , siamo in mezzo  ad un fuoco incrociato a tutti i livelli che vuole trovare il capro espiatorio della mala politica, malasanità che usa la propaganda terrorista di un governo che si è svelato incapace di fare la volontà del popolo. 


Infatti questi criminali al governo  indicano , tramite i loro media servi, la Sardinya  come untore con la nuova "peste" , il cosiddetto covid,   pandemia inventata dalle élite globaliste sostenuta dai servi dei partiti italioti e dal governo per mettere mettere in piedi un governo mondiale fantoccio  disumano, che usando questi mediocri politici italioti  oltre ad essere dei servi fedeli di personaggi criminali extraterritoriali fuori dai nostri confini come la UE Bill Gates , Soros , Rockfeller e Rothschild oltre a tutti i vari compagni di merenda, mettono in seria difficolta, in primis il loro popolo e poi la nostra nazione sarda e il nostro popolo già martoriato economicamente  dalla disoccupazione , dalla mancata attuazione della legge sulla zona franca , dal lockdown e da tutte le tasse improprie a noi addebitate a una isola ultraperiferica senza possibilità di continuità territoriale questa che si vede è un'Italia apatica ai problemi delle persone  ma ben attenta e prona a non infastidire gli interessi delle multinazionali farmaceutiche , proponendo ogni sorta di tamponi e vaccini che non fanno che solo il male del nostro popolo, siete dei CRIMINALI, che trattate la nostra terra alla stessa stregua di una miserabile colonia senza importanza alcuna , ne per il sociale, l'umanità, la spiritualità e l'economia di un intero popolo sofferente fisicamente e psicologicamente, maledetti siate in eterno!; 

Ecco perché abbiamo bisogno dell'impegno di tutti i sardi e di tutti gli avvocati disponibili e che diano mano a difendere il nostro diritto umano ad esistere.

Liberi di esistere di vivere sereni in una terra, benedetta da  Yaku il nostro creatore con la benedizione del sole che con la sua energia permette alla nostra terra di essere un luogo, dove  scorre  latte e miele!

tutto questo è inaccettabile e va respinto al mittente, è ora di prenderci la nostra sovranità e governarci con nobiltà , con al primo posto il bene della comunità sarda  e cacciare questi infami invasori che disonorano sia la nostra  ospitalità che il nostro orgoglio di popolo che ha una storia  millenaria, ecco perché oggi  diciamo basta e invitiamo questi insulsi e falsi personaggi a uscire dalla nostra terra, A FORAS SOS ISTRANZOS DE DOMU NOSTA
importano, neri, arabi, malati eppoi affermanono
che è la Sardinya ad essere l'untrice degli italioti (con il covid),
è ora di finirla con queste menzogne.
 Indipendentzia
!


Est ora de si ischidare e dde tirai aforas s'orgolliu sardu e circai sa nosta libertade cun sa nosta soberania, su istadu sardu indipendenti!


I Giuristi per la legalità in ordine di apparizione sono gli avvocati: Avv. Lucia Deiana, Avv. Sebastiano Cheri, Avv. Linda Corrias, Avv. Alberto Appeddu, Avv. Marcello Colamatteo , Avv. Francesco Scifo.

#sadefenza #giuristisardiperlalegalità #aforasisistranzos #sardinyalibera

*****

https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/giuristi-per-la-legalita.html

Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza 
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza



martedì 25 agosto 2020


Pierluigi Battista a La Verità: «Se saltano le elezioni è guerra civile»

Pierluigi Battista
Sa Defenza 



L'intellettuale liberale: «Il premier Conte si regge sulla paura, ormai ha messo la democrazia in quarantena. Si sta affermando l'idea che il governo sia slegato dalla sovranità popolare. Ma se il 20 settembre non si vota...».

«È un governo che si regge sulla paura. Se davvero rinviano le elezioni, prepariamoci alla guerra civile». Pierluigi Battista, firma storica del Corriere della Sera, punta il dito contro «l'emergenza sine die», che vede negli esperti del Comitato tecnico scientifico l'avanguardia armata.

Li ha chiamati «professionisti dell'antivirus», abbracciando un'espressione coniata da Massimo Donelli. Di chi parliamo?

«Di questo mandarinato di burocrati che da mesi fornisce indicazioni contradditorie e pericolose. Hanno detto che la mascherina non serviva. Hanno inveito contro il Veneto perché faceva i tamponi agli asintomatici. Oggi dovrebbero mantenere un minimo di garbato silenzio».
Se questo «professionismo dell'antivirus» ricalca il «professionismo dell'antimafia» di Leonardo Sciascia, allora abbiamo a che fare con uno strumento di potere.
«Sì, sono i sommi sacerdoti della religione della chiusura. Sanno ripetere solo una frase: “Chiudiamo tutto". Quando iniziarono le prime aperture, compresero che il loro ruolo stava venendo meno, e cominciarono a sfornare previsioni apocalittiche. Dissero che entro il 10 giugno avremmo avuto 150.000 ricoverati in terapia intensiva».
Non è successo.
«Sono degli imbroglioni. Ingannano sui numeri. Dovrebbero spiegarci perché a inizio aprile c'erano 800 morti al giorno e oggi poche unità. Con le dovute cautele, dovremmo farci un applauso. Invece abbiamo a che fare con persone lugubri che insistono con la politica della paura, a dispetto dei dati»
Chiariamo: lei non è un negazionista.
«Ma no. Il lockdown è stato assolutamente necessario, ed è giusto continuare a prestare attenzione. Riaprire le discoteche, per esempio, è stata una scemenza. Ma la mia domanda è un'altra: perché nessuno si è davvero occupato della fase due? Perché oltre a spargere terrore, non spargono proposte? È ridicolo che in sei mesi non abbiano trovato una soluzione minima sulla scuola, o sui medici territoriali, o sui mezzi pubblici».
Risultato?
«Sanno soltanto colpevolizzare: se la prendono con il runner e con il popolo della movida».
Prendersi la briga di fare delle scelte è compito della politica.
«Sì. Il problema è che questi esperti sono entrati in perfetta sintonia con un governo frutto di una combinazione di palazzo. Lo stesso governo Conte si regge sulla paura, vi trova legittimazione. Altrimenti non resterebbe in piedi un minuto di più».
Intende dire che il governo si appoggia consapevolmente sulla paura, alimentata di concerto con gli esperti del Comitato tecnico scientifico?
«Ma certo. Se Zangrillo viene attaccato non è certo per via d'una disputa scientifica. Se venisse meno il messaggio quotidiano che alimenta l'ansia, gli impresari della paura non saprebbero più chi sono».
Il filosofo Giorgio Agamben sottolinea un paradosso: la cessazione di ogni rapporto sociale viene presentata come massima forma di partecipazione civica.
«Su questo ha ragione. Tutto ciò che c'è di buono nella socialità, e che peraltro rende la vita migliore, viene considerato delittuoso. Questa tendenza riguarda anche la politica. Non a caso si comincia a parlare della possibilità di non svolgere le elezioni regionali».43
La frase di Walter Ricciardi sull'ipotesi di un rinvio è stata un'uscita maldestra?
«No, è il sintomo di una tentazione, e da liberale la vedo molto male. A furia di separare l'idea del governo dall'idea del voto, si sta creando un vuoto di fiducia nei confronti della democrazia».
Non siamo forse in emergenza?
«Sì, ma l'emergenza non può essere la regola. Ci stiamo abituando all'idea che non ci sia nesso tra sovranità popolare e governo: è una divaricazione preoccupante, che è diventata programmatica. Se davvero saltassero le prossime elezioni, prepariamoci alla guerra civile. La situazione sarebbe insostenibile».
Fino a che punto?
«Non sto pensando alla dittatura. E non sto dicendo che in Italia non c'è più libertà. Dico però che le forme democratiche non contano più. È una deriva anche culturale. E attenzione: nel panorama occidentale, sta accadendo solo in Italia. Insomma, siamo un'eccezione».
A proposito di anomalie: l'alleanza nelle regioni tra Pd e 5 stelle è durata cinque minuti. Anzi, non è mai iniziata.
«Sono due partiti che si odiano: si accusavano di essere fuorilegge e di rubare bambini. Per la prima volta nella storia repubblicana due forze che si odiano sono salite al governo insieme, per evitare che Salvini vincesse le elezioni. L'alleanza doveva proseguire, ma è chiaro che non hanno nulla in comune».
Tra i due litiganti, chi ne esce peggio?
«Non so se i 5 stelle abbiano tradito sé stessi: comunque sia, il governo va dove vogliono loro. Il Pd, in un anno, ha dovuto ingoiare il reddito di cittadinanza, il taglio dei parlamentari, la prescrizione, il blocco del Mes. E cos'ha ottenuto in cambio? Vi risparmio la fatica di pensarci: zero».
Un'alleanza sbilanciata?
«Il Pd non ha la forza di imporre nulla, anche perché non c'è una sola battaglia che consideri imprescindibile. Ogni tanto si alza uno e grida: “Ius culturae! Cuneo fiscale!". Ma lo trattano come un comico, e finisce lì. Questo è il vero dramma, al di là delle schermaglie quotidiane: il Pd non ha più una bandiera che ne caratterizzi identità e cultura».
Insomma, il potere per il potere?
«I partiti della prima repubblica avevano un radicamento storico, quelli della seconda, bene o male, vantavano un certo rapporto con l'elettorato. Ma dal 2011 in poi, si è deciso che il popolo non conta più. Nascono governi che con il voto elettorale non hanno alcun legame. E in questo periodo il Pd è stato quasi sempre al governo, ma con il minimo dei voti».
Come se lo spiega?
«È diventato il partito del sistema, dell'establishment. E non lo dico con disprezzo: è semplicemente il perno del potere. L'importante per loro è stare al governo: con Monti, con Conte, con Renzi. È la loro insegna politica».
Come finirà la manfrina tra le due forze di maggioranza?
«No, quale manfrina: c'è una profonda incompatibilità. Quando il Pd dovrà ingoiare la candidatura della Raggi, sarà doloroso. Vedo una forte pulsione suicida, che peraltro a Roma rischia di contagiare il centrodestra».
Il centrodestra?
«Mi sarei aspettato che da quel versante proponessero per il Campidoglio una persona capace realmente di guidare la città. E quella persona è Guido Bertolaso».
Invece?
«Rischiano di sbagliare un rigore a porta vuota, puntando magari su un oscuro funzionario di partito. Così facendo perderanno, e si dimostreranno dei peracottari tali e quali agli avversari».
Che succede al governo se il centrodestra conquista anche Puglia e Marche?
«Nessuna conseguenza. Si tirerà a campare. Se si va alle elezioni politiche, qui spariscono tutti. E Conte, che è il nulla che si muove, farebbe la fine di Lamberto Dini».
L'obiettivo è trascinarsi fino al voto per il Quirinale?
«Ovvio che se resta questa maggioranza, il prossimo inquilino sarà espressione della sinistra, perpetuando un'anomalia che dura da anni. E qui il centrodestra, se vuole essere della partita, deve imparare a trasmettere messaggi rassicuranti, far filtrare nomi. Occorre coltivare un rapporto con una parte di società che vada oltre i propri seguaci».
Chi si prenderebbe il disturbo, nella compagine di centrodestra?
«Giorgia Meloni, oltre a curare il suo 15%, dovrebbe fare un gesto di rottura. Immaginiamo che un giorno, con un discorso alto, dica sì al Mes, che peraltro a me sembra una cosa ragionevole».
Francamente difficile da immaginare.
«La politica è fatta anche di gesti coraggiosi, che rompono gli equilibri. Ariel Sharon cacciò con l'esercito i coloni israeliani a Gaza, scatenando un putiferio interno. Un leader politico non può limitarsi ad accarezzare il pelo del popolo urlante».
Ma se Meloni facesse un gesto del genere, cosa ci guadagnerebbe?
«Si smarcherebbe da Salvini, diventando una vera alternativa per il centrodestra. Una coalizione che già oggi, per come la vedo, dovrebbe scrivere e pubblicare un contro-programma di governo».
Contro-programma?
«Un elenco dettagliato di quello che hanno intenzione di fare. Infrastrutture, sanità, scuola, cultura, lavoro. Non dev'essere un carteggio vago, ma una cosa da ragionieri, fatta di numeri. Del resto, gli economisti da quelle parti non mancano».
Insomma, un libro bianco. E se il premier non intendesse leggerlo?
«Pazienza. Il centrodestra mostrerebbe comunque al Paese di saper governare. Meglio di quelli che sono oggi al timone».
*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza 
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza



Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!