mercoledì 12 agosto 2020

L’ESTATE DELLE STELLE CADENTI



Ci sarebbero tutti gli ingredienti della solita estate italiana: gli amorazzi da rotocalco, il tragico giallo dell’estate, il caldo e ora le stelle cadenti di S. Lorenzo. Solo che l’estate 2020 è diversa, è vuota di turisti stranieri e piena di problemi e di ansie. 

Le stelle cadenti non sono solo quelle di san Lorenzo. Nel mondo, come in Italia, è una vera pioggia di stelle, preannuncio di un autunno catastrofico. 

Sembrano cadenti perfino le stelle della bandiera americana nella campagna presidenziale più drammatica della storia recente, fra i danni umani ed economici del Covid e la piazza sobillata da chi vuole alimentare l’incendio; con il presidente Trump che si scambia con gli avversari addirittura l’accusa di voler mettere in discussione il sistema democratico. 

Stella cadente è pure quella della bandiera della Cina comunista, isolata dal Covid, dallo scontro commerciale e politico con gli Stati Uniti e per la sua “occupazione” illiberale di Hong Kong. Ma isolata anche dalla cintura di sicurezza marittima che India, Australia e Giappone le stanno stringendo attorno con l’aiuto degli Usa. 

Stelle cadenti poi sono quelle della bandiera Ue che ha perso una stella di primissima grandezza (economica e politica) come il Regno Unito e che ha rattoppato provvisoriamente il crollo economico dovuto al Covid, ma non usando la Bce, bensì con il bilancio dell’Unione per tenere sotto tiro l’Italia e impedirle di andarsene. Cosicché ora è stata innescata la bomba a orologeria dei debiti pubblici e, non avendo tolto di mezzo il “Fiscal compact”, a breve si riproporranno tragici scenari greci: anzitutto per l’Italia. 

La stella per noi più importante, quella che viene rappresentata nel simbolo ufficiale della Repubblica italiana, è anche la più cadente. Già ultima nella graduatoria delle economie europee in questi vent’anni di euro, che ci ha stremato, l’Italia ha pagato e paga anche la crisi del Covid più pesantemente degli altri, sia in vite umane, sia in costi economici. 

Sebbene Giuseppe Conte si sia molto affidato allo “stellone” portafortuna (e, in effetti, come premier appare più fortunato che capace) il suo governo e la sua leadership sono in caduta libera su tutti i fronti

Il presidente del Consiglio è alle prese con la grana dei verbali del Cts, che rimettono in discussione la sua controversa gestione dell’emergenza; è alle prese con la pessima gestione dei migranti che s’intreccia con i rischi del Covid; è alle prese con i mal di pancia del Pd (che vanno dal desiderato rimpasto ministeriale, con ridimensionamento del premier, al problema del referendum sul taglio dei parlamentari); è alle prese con il problema del Mes e con le divisioni dei Cinquestelle, che sono le stelle più cadenti di tutte, unite solo dalla ferrea volontà di tenersi stretto il mandato parlamentare. 

Infine Conte ha sulla testa la spada di Damocle delle elezioni regionali che, con un ennesimo successo del centrodestra, potrebbero decretare la fine del suo esecutivo. In effetti, in tutta questa nebbiosa incertezza, la sola cosa salutare, capace di purificare l’aria dai miasmi e ridare una guida vigorosa al Paese, sarebbe il voto. Ma faranno di tutto per evitarlo perché professano la religione del potere e della poltrona

Allora resta il voto parziale delle regionali che sarà anche un referendum per dare all’Italia un governo davvero rappresentativo del Paese, un governo più efficace e capace di visione. 

Ce n’è un bisogno estremo per risollevarsi dal baratro in cui siamo precipitati prima con l’euro e poi con il Covid. Anche perché proprio il Covid ha avviato la deglobalizzazione che contiene una chance : il ritorno a casa delle imprese prima delocalizzate

Un gruppo di economisti ha valutato che negli ultimi tempi sono già 175 le decisioni di “reshoring” relative all’Italia (sono 163 in Francia, 120 nel Regno Unito, 93 in Germania e 58 in Spagna). 

Ma cosa trovano qua le aziende che tornano? Se resta l’Italia della Sinistra, con la pressione fiscale soffocante, la burocrazia paralizzante, le infrastrutture fatiscenti e l’inefficienza giudiziaria sarà una catastrofe. Andiamo definitivamente dalle stelle alle stalle. 

Non può essere questo governo a preparare il terreno per un nuovo “miracolo economico”. 

Antonio Socci
Da “Libero”, 10 agosto 2020 

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/lestate-delle-stelle-cadenti.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza



martedì 11 agosto 2020

DIAMO VOCE AI BAMBINI (FILM COMPLETO)

Anche se questo è un film di fantasy, il regista ha recentemente lanciato un appello emotivo, incoraggiando la condivisione di massa , poiché gran parte della trama È REALMENTE AVVIATA IN TEMPO REALE!



IMdb: (Supernatural Thriller) Un adolescente senzatetto, risponde al richiamo di un bambino che chiede aiuto ,   viene inviato in un viaggio alla ricerca del bimbo,  dentro una rete di traffico di esseri umani gestita dall'assassino del bambino.  

LINK ALTERNATIVO: https://www.bitchute.com/video/e7uL6U…







...questo è uno degli 8 milioni di bambini che scompaiono ogni anno e finiscono vittime della tratta sessuale, i bambini nascono e si nutrono nella rete della pedofilia non hanno certificati di nascita, i bambini sono abusati sessualmente da pedopredatori, pedofili o pedofile

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali



Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza


lunedì 10 agosto 2020

BENJAMIN FULFORD: Rivelazione UFO mostra Pianificazione delle Elite  a dare seguito alla falsa pandemia con falsa invasione aliena

Benjamin Fulford 
Sa Defenza

La mafia Khazariana sta preparando il pubblico per una qualche forma di rivelazione aliena o scenario di invasione mentre lottano per rimanere al potere, afferma il Pentagono e altre fonti. Lo scenario più probabile per questo autunno è la cancellazione delle elezioni presidenziali statunitensi seguita da una distrazione UFO, dicono le fonti. Lo stesso presidente degli Stati Uniti Donald Trump afferma che le elezioni devono essere annullate anche se continua a promuovere una "forza spaziale".

Le fonti dell'MI6, da parte loro, dicono che tutta l'attività spaziale è stata fondata di recente, quindi questa "forza spaziale" potrebbe essere composta da attori che interpreteranno i "buoni" che ci proteggono dagli "alieni cattivi". Presto apparirà su uno schermo TV vicino a voi.

Un forte indicatore di questa campagna è stato un articolo del New York Times che, tra le altre cose, menziona che le forze armate statunitensi hanno "veicoli fuori dal mondo non fabbricati su questa terra". 




https://www.nytimes.com/2020/07/23/us/politics/pentagon-ufo-harry-reid-navy.html

Molte delle tracce di prove sugli UFO portano alla famiglia Rockefeller. Per citare Mathew Ehret della Strategic Culture Foundation:

Nel 1993, la Disclosure Initiative  è stata creata nientemeno che dal finanziere Laurence Rockefeller (4 ° figlio del fondatore della Standard Oil John D. Rockefeller). Durante il periodo di massimo splendore della Rockefeller UFO Disclosure Initiative, i Clinton rimasero al ranch Laurence Rockefeller nel Wyoming, durante il quale una delle prime reclute per la "missione di divulgazione" fu John Podesta, capo del personale di Clinton. 


Durante gli anni della Casa Bianca di Clinton, Laurence Rockefeller ha reclutato un biologo di bodybuilding di nome Stephen Greer per diventare il controllore del Disclosure Project, che ha fornito il suo buono pasto fino ad oggi. Greer ha rilasciato migliaia di interviste promuovendo la narrativa secondo cui i progetti Apollo Lunar della NASA furono interrotti nel 1972 semplicemente perché gli alieni che sono stati di stanza sulla Luna per eoni non volevano che la verità trapelasse. 


 

L'area 51 durante questo periodo, che in gran parte si alimentò del precedente esperimento di ingegneria sociale della di HG Wells trasmissione di emergenza War of the Worlds letta ad alta voce nel 1938. 


Questa trasmissione radiofonica di un romanzo su un'invasione marziana della Terra scatenò un vero panico tra la popolazione e servì da modello per una finta invasione aliena pianificata volta a cementare il controllo sulla popolazione.

Ricordi questa famosa citazione del portaborse, dei Rockefeller, Henry Kissinger?

“Oggi, l'America sarebbe indignata se le truppe delle Nazioni Unite entrassero a Los Angeles per ristabilire l'ordine [riferendosi alla rivolta di Los Angeles del 1991]. Domani te ne saranno grati! Questo è particolarmente vero se è stato detto loro che c'era una minaccia esterna dall'aldilà [cioè un'invasione "extraterrestre"], reale o promulgata, che minacciava la nostra stessa esistenza. È allora che tutti i popoli del mondo supplicheranno di liberarli da questo male. L'unica cosa che ogni uomo teme è l'ignoto. Quando verrà presentato questo scenario, i diritti individuali saranno ceduti volontariamente per la garanzia del loro benessere concessa loro dal governo mondiale ". - Dr. Henry Kissinger, Bilderberger Conference, Evians, Francia, 1991

Fonte https://www.physicsforums.com/threads/kissingers-very-strange-remarks.8651/

Il sito di informazione e disinformazione della Intelligence della Marina,  Sorcha Faal, è tra le molte fonti che ora spingono in modo aggressivo il tema "alieno". Confermano quello che dicono le fonti della CIA e del Pentagono che le elezioni presidenziali di novembre possono essere cancellate e:
"Questo sarà poi rapidamente seguito da un ancora più scioccante" October Surprise evento ", che vedrà il presidente Trump rivelare al popolo americano la verità su ciò che è accaduto a Roswell-New Mexico nel 1947, una rivelazione che il presidente Trump farà esponendo la verità sulla vita aliena non del nostro mondo, e questo documento del GRU mostra che il presidente Trump e il presidente Putin hanno discusso in conversazioni telefoniche 11 volte da febbraio ( fonti statunitensi dicono almeno 8 volte ), per includere la loro chiamata lo scorso giovedì - telefonate tra Il presidente Trump e il presidente Putin questo documento del GRU mostra che discutono di un solo argomento, noto come " The Kemerovo File. ”

Questo è uno dei file più altamente classificati in possesso del Ministero della Difesa, e riguarda un un misterioso oggetto simile a UFO scoperto nel gennaio 2015 dai minatori di carbone russi nel sottosuolo del distretto di Belovo-Kemerovo - che più sorprendentemente sapere è una versione miniaturizzata quasi esatta dell'UFO che si dice si sia schiantata a Roswell-New Mexico nel 1947
".

http://www.whatdoesitmean.com/index3291.htm

Un piccolo esempio della campagna mediatica sugli UFO e sullo spazio in corso può essere visto qui: 


https://www.adn.com/nation-world/2017/01/31/now-you-can-read-the-cias-once-secret-stash-online/

https://spacenews.com/white-house-nominates-four-u-s-space-force-major-generals-for-promotion/


https://eurasiantimes.com/russia-china-will-develop-a-joint-moon-base-russian-space-agency/


https://www.thehour.com/news/article/NASA-seeks-to-keep-momentum-going-after-successes-15455827.php


https://www.cnbc.com/2020/08/07/spacex-and-ula-win-2022-pentagon-rocket-launch-contracts.html


https://news.yahoo.com/richard-branson-space-bound-early-2021-says-virgin-084900952.html

Il vostro corrispondente è stato bombardato da informazioni del tipo alieno sin da quando ha sottolineato che i Rockefeller e la loro gente si comportavano come dèi auto-nominati grazie alla loro proprietà della cosiddetta "Federal" Reserve Board. Quando sono stato inserito nella lista nera da tutti i media corporate occidentali (per aver scritto di FRB, 911, ecc.)  ho dovuto affrontare anche un divieto di vendita dei miei libri in Giappone, facendo evaporare le mie entrate, improvvisamente ho ricevuto inviti pagati per conferenze da gruppi che trattano argomenti su "alieni" e UFO.

Questo è successo benché fossi un giornalista finanziario che mai nella sua carriera ho mai scritto nulla degli UFO. A questa campagna ne è seguita una sussurrata e sistematica a chiunque abbia mai lavorato come giornalista professionista gli si dice che "Benjamin Fulford si drogava e parlava di cose pazze aliene, quindi è meglio che tu non abbia niente a che fare con lui".

Ad ogni modo, la grande spinta UFO-aliena è chiaramente un segno di disperazione d'élite. La ragione di ciò è un'ondata di indagini penali che si concentrano su loro, dicono fonti della CIA. Ghislaine Maxwell ha cantato come un canarino sulla pedofilia d'élite e le sue prove implicano un enorme elenco di pedofili d'élite. Questo potrebbe essere, ad esempio, il motivo per cui l'ex re di Spagna, Juan Carlos, è improvvisamente scomparso.
 



https://www.bbc.com/news/world-europe-53647170

Il rastrellamento in corso di pedofili d'élite distrae anche da una serie di altre indagini criminali che prendono di mira l'élite. Ad esempio, il genero di Trump il satanista di Chabad, Jared Kushner, e lo stesso Trump sono indagati per discutibili accordi finanziari che coinvolgono Deutschebank.


https://www.zerohedge.com/political/deutsche-bank-launches-investigation-personal-banker-trump-kushner-over-2013-transaction

Stiamo assistendo ad accuse di omicidio colposo, ad aziende farmaceutiche, in un caso di difetti alla nascita.

https://www.france24.com/en/20200803-pharma-giant-sanofi-charged-with-manslaughter-in-birth-defects-case

Se ora vengono accusati penalmente per difetti alla nascita, cosa succederà quando verrà fuori la verità sulle pandemie artificiali?

Questa e-mail di un informatore, se (come è probabile) vera, rende chiaro che la pandemia in corso ha radici nel culto satanico Chabad e nei loro piani per uccidere il 90% dell'umanità:

Come molti di voi hanno sentito, Moderna si trova nella terza e ultima fase dello sviluppo del vaccino. Ecco qualcosa che molti di voi non sanno, indovina chi era il primo CEO di Moderna?

Un laureato alla Cornell di nome Anthony Fauci, che era un compagno di stanza nientemeno che di Bill Gates. Stai prestando attenzione? Fu alla Cornell che Bill Gates progettò l'RFID (identificazione a radiofrequenza) e lo brevettò con US2006257852. Sei ancora sveglio? Ora andiamo davvero nella tana del coniglio. Moderna è un'azienda farmaceutica fondata in Germania con il nome IG Farben.

IG Farben è famosa per la sua produzione in serie di Zyklon-B, il gas primario utilizzato per uccidere milioni di persone durante l'Olocausto. Dopo la caduta della Germania, la IG Farben è stata sciolta e le sue attività vendute da un nazista diventuto nel frattempo  americano con il nome di, avete indovinato, George Soros. Soros ha rinominato l'azienda con il nome Moderna.

E chi è stato il principale azionista di Moderna fino alla sua morte? Jeffrey Epstein. Il suo ruolo dentro Moderna ne ha fatto la sua fortuna e dove ha  stabilito le sue connessioni.

Quando la parte ancora addormentata della popolazione di "pecore" scopre crimini d'élite di questo tipo, potete stare certi che la reazione sarà violenta. Ecco perché l'élite sta spingendo la carta aliena e altri trucchi.

Stiamo sentendo dalla NSA di un attacco nucleare israeliano contro Beirut. Fonti dell'FSB e dell'MI6 affermano che il criminale ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato l'attacco per tentare di far fallire le indagini che lo incriminano.

Abbiamo anche sentito da fonti del Pentagono di White Hat (Cappelli Bianchi) che qualsiasi "sorpresa di ottobre" da parte della mafia Khazariana sarà accolta con una "sorpresa di novembre". La natura di questa sorpresa non è nota, ma è una buona ipotesi che né Trump né Biden saranno presidente nel 2021.

Comunque, lo stallo geopolitico generale che abbiamo sperimentato durante l'estate dovrebbe concludersi in modo drammatico questo autunno. Ciò potrebbe comportare una guerra limitata in Medio Oriente volta a costringere Israele e i sionisti a fermare il loro costante terrorismo e la creazione di problemi.

Qualsiasi altro attacco nucleare israeliano come quello al Libano (confermato come tale sia dal Pentagono che dall'MI6) incontrerà una risposta come la distruzione di Tel Aviv, affermano fonti gnostiche degli Illuminati.

Fonti della DIA mi hanno raccontattato queste cose appena prima che questo rapporto fosse pubblicato:

Israele potrebbe aver accelerato la sua fine e segnato il destino di Bibi come criminale di guerra seriale.

La CPI (Corte Penale Internazionale) potrebbe espandere la sua azione penale per includere Beirut, che non è solo un crimine di guerra ma un crimine contro l'umanità.

Trump è stato costretto dai militari a sganciare la bomba della verità e potrebbe dover pronunciare la parola N e nella stessa frase poiché l'attacco missilistico è stato esposto in video ed è diventato virale.

La sorpresa di ottobre di Trump potrebbe essere stata spostata ad agosto, e nel suo mirino ci sono la declassificazione dell'11 settembre, miliardari sionisti ed ebrei come Adelson, Paul Singer, Haim Saban e coloro che finanziano i democratici.

Sotto copertura degli aiuti per il Libano, i leader mondiali guidati da Nazioni Unite, UE, Francia, Regno Unito, Danimarca, Russia e Inghilterra e il G20 potrebbero imporre la soluzione finale a Israele aiutando Trump a porre fine ai nemici sionisti stranieri e interni

In rappresaglia per aver bombardato il settore cristiano di Beirut e per fermare ulteriori bombardamenti da parte di psicopatici sionisti, la Russia potrebbe usare Israele come terreno di prova per le sue armi come il siluro nucleare Poseidon

Se gli israeliani vogliono rimanere una parte costruttiva dell'umanità, dovranno rimuovere il loro leader nazista Netanyahu, assassino di massa, e i capi sionisti khazariani che si nascondono in luoghi come la Nuova Zelanda, le Isole Vergini britanniche, la Svizzera, ecc. le sparizioni d'élite, come quella dell'ex re spagnolo Carlos, continuano e si espandono.

Infine, questa settimana vorremmo segnalare che il centro di accoglienza locale vicino al mio cottage in Canada afferma di essere stato attaccato per settimane dagli hacker. Quando vi soggiornavo le luci continuavano ad accendersi e spegnersi e tutti i sistemi di pagamento elettronico non funzionavano. Il risultato è stato che solo i contanti hanno funzionato. Abbiamo sentito che questo tipo di problemi sta accadendo in tutto il sistema finanziario e non è limitato al negozio locale. In ogni caso, questo incidente rivela i principali difetti del "denaro digitale": ha bisogno di elettricità per funzionare ed è vulnerabile agli hacker.

*****

https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/benjamin-fulford-rivelazione-ufo-mostra.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali



Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza


GOVERNO E MONDO CLERICALE CANCELLANO DIO (PERFINO NEI DOCUMENTI VATICANI) COL PRETESTO DEL COVID



C’è una vittima illustre del Covid, la più illustre, eppure è passata inosservata: Dio. Non poteva esser “fatto fuori” dal Covid, ma è stato cancellato dagli uomini a motivo (o con il pretesto) del Covid. Non si tratta solo di ciò che è avvenuto nei mesi del lockdown – una sorta di blackout della Chiesa – che è stato clamoroso e non ha precedenti in duemila anni di storia.

La cancellazione di Dio è stata anche più radicale. Fa discutere in questi giorni la Pontificia Accademia per la vita, al cui vertice papa Bergoglioha voluto mons. Vincenzo Paglia, della Comunità di S. Egidio.

L’Accademia ha appena emanato un documento dal titolo altisonante, L’Humana communitas nell’era della pandemia: riflessioni inattuali sulla rinascita della vita. Un testo di 29.128 caratteri dove non si trovano mai (proprio mai) le parole Dio, Gesù Cristo, fede e religione. C’è cinque volte la parola salute, ma non c’è mai la parola salvezza.

Come ha rilevato Stefano Fontana, non dice niente di cattolico, vale a dire di ispirato alla Rivelazione di Nostro Signore. In tutto il documento non si fa mai alcun riferimento né esplicito né implicito a Dio.

Eliminato Dio da questa riflessione clericale sul Covid, è però impossibile eliminarlo dalla vita degli uomini, perché lascia un vuoto infinito. Allora il rischio è che lo si sostituisca con la Natura (scritta rigorosamente con la N maiuscola come si addice alla divinità). E’ un po’ la nuova religione ecologista che ha Greta Thunberg come profetessa.

Lo fa pensare un recente intervento di due cardinali molto importanti in questo pontificato, Walter Kasper e Francesco Coccopalmerio.

I due prelati, nella prefazione al libro “Una nuova innocenza” scrivono che “la pandemia ha voluto essere una sorta di immenso campanello di allarme per ricordarci, in sostanza, che il mondo è gravemente malato e che così non può durare; e che, se non cambiamo atteggiamento e visione, altri e più catastrofici cataclismi si abbatteranno su di noi sotto la regia di una Natura sconvolta in primo luogo dal cambiamento climatico. Perché l’origine prima del contagio universale del Covid-19 sta proprio nell’attacco alla Natura”.

Anche “Avvenire” pubblica il testo ribadendo che la prima origine del contagio universale del Covid-19 sta nell’attacco alla Madre Terra. E’ assurdo. Tutti sanno che le epidemie ci sono sempre state, dall’età della pietra, e anzi erano molto più virulente proprio perché l’uomo era totalmente in balia della natura, la quale non è affatto idilliaca, ma spietata.

E’ proprio grazie all’aumento del potere umano sulla natura, tramite la scienza e la tecnologia, che le pandemie sono state in gran parte sconfitte. Il Covid-19 non c’entra nulla con “l’attacco alla Natura” da parte dell’uomo, tanto meno col cambiamento climatico (fra l’altro il virus sembra essere indebolito proprio dalle alte temperature).

A meno che non si voglia dire che il virus è stato fabbricato dall’uomo, ovvero dai cinesi nel laboratorio di Wuhan, come ipotizza il professor Joseph Tritto nel libro “Cina-Covid19”, ma questa non è certo la posizione del Vaticano che con la Cina va d’amore e d’accordo e mai direbbe una cosa simile.

Se dunque il Covid-19 è “naturale” che colpa ha l’uomo? E perché dovrebbe essere punito?  Il pensiero implicito di questi ecclesiastici “progressisti” è la vecchia idea di un “dio vendicativo” che torna con un nome diverso: la Natura. La quale punisce l’uomo per i suoi presunti peccati contro la Natura stessa.

I due cardinali sostengono di riflettere la visione di papa Bergoglioespressa nel titolo della Stampa del 22 aprile scorso, che ha così riassunto il suo discorso sul dramma del coronavirus: Il Papa: abbiamo peccato contro la terra, la natura non perdona.

Se dunque, nel pensiero ecclesiastico, c’è il rischio di sostituire Dio con la Natura, la concreta cancellazione di Dio dalla vita del popolo, nei mesi del lockdown, è un fatto. Proprio nei giorni in cui si poteva pensare che gli uomini avessero più bisogno di Lui, il governo e gli uomini di Chiesa hanno concordato la cancellazione delle messe e di tutti i riti religiosi per il popolo che è stato privato di tutti i sacramenti (perfino quello dei morenti).

Una cosa mai accaduta nella storia cristiana, perché finora per la Chiesa – come proclama il Codice di diritto canonico – salus animarum suprema lex, cioè: la salvezza delle anime è (sempre stata) la legge suprema.

Adesso sembra che alla salvezza dell’anima si sia sostituita la salute del corpo come valore supremo, cosicché si può rinunciare a Dio e ai sacramenti che non sono beni essenziali, anzi – è stato detto – rischiano di essere addirittura pericolosi perché andare in chiesa, confessarsi o ricevere la comunione, poteva (può) mettere a rischio la salute. Una nuova prospettiva del tutto immanentista.

Si poteva salvaguardare la salute senza veicolare il messaggio per cui, nei momenti più drammatici, è bene fare a meno di Dio e pensare solo alla salute del corpo affidandosi alla scienza e al governo? Certo che si poteva. Come si poteva e si doveva fare un lockdown diverso, nei tempi e nei modi, un lockdown che non annientasse tutte le attività umane, da quelle economiche a quelli spirituali.

Una delle conseguenze, per la Chiesa, è oggi la scarsa affluenza alle messe  che sono riprese – diversamente dall’attività delle discoteche – con forti limitazioni di presenza. I fedeli si chiedono cosa fare di una Chiesa che parla come il ministero della sanità.
E nel mondo clericale fa scandalo Gesù Cristo che, pur essendo il più grande guaritore dei corpi, afferma che il bene supremo è la salvezza dell’anima e la vita eterna: “chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi perderà la sua vita per amor mio e del Vangelo, la salverà… che giova all’uomo conquistare il mondo intero se poi perde la sua anima?” (Mc 8, 35-36). E il Salmo 62 recita: “la Tua grazia vale più della vita”.

Sembra che nel mondo clericale non circoli molta speranza cristiana, ma ci si affidi semmai a Speranza, il ministro della sanità. Auguri.

Antonio Socci

Da “Libero”, 9 agosto 2020


*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/governo-e-mondo-clericale-cancellano.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali


Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza

venerdì 7 agosto 2020

BREAKING: Israele ha bombardato Beirut


Richard Silverstein
SA DEFENZA 




חשיפה: ישראל היא שפוצצה מאגר תחמושת של חיזבאללה בנמל ביירות, אך לא ידעה מראש שמחסן סמוך מכיל כמות אדירה של אמוניום חנקתי. הממשלה, המומה מממדי הקטל וההרס, מיהרה להכחיש מעורבות ישראלית – עוד לפני שמישהו בלבנון האשים את ישראל

Esposizione: Israele ha fatto esplodere un deposito di munizioni Hezbollah nel porto di Beirut, ma non sapeva in anticipo che un deposito vicino conteneva un'enorme quantità di nitrato di ammonio. Il governo, sopraffatto dall'entità delle uccisioni e delle distruzioni, si è affrettato a negare il coinvolgimento israeliano, anche prima che qualcuno in Libano incolpasse Israele

Una fonte israeliana confidenziale altamente informata mi ha detto che oggi Israele ha causato la massiccia esplosione al porto di Beirut che ha ucciso oltre 100 persone e ferito migliaia di persone. I bombardamenti hanno praticamente spazzato via il porto e causato danni ingenti in tutta la città. La fonte ha ricevuto queste informazioni da un funzionario israeliano con speciale conoscenza della questione.

Israele ha preso di mira un deposito di armi di Hezbollah nel porto e ha pianificato di distruggerlo con un dispositivo esplosivo. Tragicamente, l'intelligence israeliana non ha eseguito con diligenza il suo obiettivo. Quindi non sapevano (o se lo sapevano, non gli importava) che c'erano 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio immagazzinate in un magazzino della porta accanto. L'esplosione al deposito di armi ha acceso il fertilizzante, provocando la catastrofe che ne è derivata.

Ovviamente è inconcepibile che gli agenti israeliani non abbiano determinato il loro obiettivo, compreso ciò che era nelle sue immediate vicinanze. La tragedia che Israele ha causato è un crimine di guerra di immensa portata.

La CPI ha già indagato su Israele per crimini di guerra a Gaza dall'Operazione Margine di Protezione del 2014. Ora, immagino che amplierà l'ambito per incorporare il massacro criminalmente negligente di oggi.

Sebbene Israele abbia regolarmente attaccato Hezbollah e depositi e convogli di armi iraniani in Siria, raramente intraprende attacchi sfacciati all'interno del Libano. Questo attacco nella capitale del paese segna un'escalation ancora maggiore. L'assoluta incoscienza di questa operazione è sorprendente.

Non sorprende, però. Un piano di questo tipo può essere contemplato solo in mezzo a disfunzioni politiche interne. Bibi è alle corde e cerca disperatamente di cambiare argomento. Quando i suoi ufficiali dell'intelligence gli hanno presentato il piano, probabilmente si è fregato le mani con gioia e ha detto: "Vai!" L'intelligence israeliana era naturalmente pronta a soddisfare il capo e probabilmente ha smussato gli angoli per far sì che l'attacco accadesse. Quando nessuno è al volante a dire "Stop!" la barca colpisce un iceberg e affonda. Questo è probabilmente quello che è successo qui.

I bombardamenti israeliani ricordano bombardamenti simili orchestrati dai suoi agenti a Beirut nel periodo prima e dopo la sua invasione del 1982. Il libro di Ronen Bergman sugli omicidi del Mossad e Remy Brulin hanno documentato molteplici attentati israeliani durante questo periodo che hanno provocato morte e distruzione su vasta scala sulla popolazione civile della città.


In questo caso, il danno fatto è stato accidentale. Ma questo sarà di conforto per le migliaia di Beirutesi le cui vite sono diventate un inferno vivente a causa di questo crimine israeliano.


Per inciso, l'ex Likud MK Moshe Feiglin ha twittato una citazione della Mishnah "celebrando" il disastro: "Non ci sono mai stati giorni così grandi in Israele come il 15 di Av [il giorno dell'attentato] e Yom Kippur". 


https://twitter.com/DarrenPlymouth/status

Certo, mi fa male ammettere che il Pres. Trump aveva ragione nella sua precedente affermazione che l'esplosione era un "attacco terribile" e che l'informazione gli era stata trasmessa dai "suoi generali". In questo caso, lui e loro avevano ragione:

Il capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows mercoledì ha difeso la descrizione del presidente Trump di una massiccia esplosione il giorno prima nella capitale del Libano come un "attacco" ...

Trump ha detto ai giornalisti martedì che è stato informato dai generali che hanno ritenuto che l'esplosione in un importante porto di Beirut fosse un "attacco" e "una bomba di qualche tipo." 
Posso dirvi che il rapporto iniziale era esattamente ciò che il presidente ha condiviso con tutti di voi. Mi capita di sapere che è stato informato su questo. I rapporti iniziali hanno visto un'esplosione ", ha aggiunto. "Non l'abbiamo ancora completamente escluso."

“Senza condividere nulla di classificato, ho potuto vedere molto cose di ciò che è successo. Continueremo a valutarlo ”,
ha continuato Meadows. "Ovviamente, non c'è gruppo che abbia rivendicato alcuna responsabilità, ma ciò che il presidente ha condiviso con il popolo americano è ciò su cui è stato informato".


 

Si tratta di informazioni altamente riservate, il che significa che Trump ha rivelato ancora una volta segreti e metodi dell'intelligence  statunitense, cosa che nessun presidente dovrebbe fare. Ricorda episodi precedenti in cui ha condiviso informazioni così sensibili con funzionari russi. Ed è il motivo per cui i funzionari dell'intelligence statunitense fanno tutto ciò che è in loro potere per tenerlo lontano da tali informazioni.

Potrebbero (e dovrebbero) esserci ripercussioni politiche interne israeliane per questo disastro. Quando Netanyahu ha approvato l'attacco, è responsabile delle conseguenze. Nel 1982, una commissione d'inchiesta dichiarò Ariel Sharon colpevole dell'invasione del Libano e del massacro di Sabra e Shatilla. Fu mandato in esilio politico per un decennio. Per lo meno, questo dovrebbe escludere Bibi dal guidare il Paese. Questo sarebbe il risultato in qualsiasi nazione democratica in cui il leader fosse ritenuto responsabile dei suoi fallimenti.

Ma ahimè, Israele non è una nazione del genere, e Bibi sembra sempre sfuggire alla responsabilità dei suoi errori. La differenza qui è che il leader israeliano è già sotto pressione a causa della disastrosa risposta del suo governo a Covid19 e dell'incombente processo di corruzione per tre motivi di corruzione. Questo potrebbe essere il punto di svolta.

Normalmente, gli israeliani non batterebbero ciglio per un simile massacro. Sono affascinati dalla sofferenza che infliggono ai loro vicini arabi. Ma dato il crollo della popolarità di Netanyahu, questo potrebbe accelerare la sua fine.

Israele non avrebbe potuto scegliere momento peggiore per infliggere tale sofferenza al Libano. Il paese è in profonda crisi economica. Le imprese stanno fallendo, la gente non ha niente da mangiare, i politici litigano e si incolpano l'un l'altro mentre non fanno nulla. Il Libano è un caso disperato. La sofferenza è ovunque. C'è poca voglia da parte dei fratelli arabi come l'Arabia Saudita di venire in loro aiuto. Se c'era un paese che non aveva bisogno di questa ulteriore tragedia è proprio il Libano.



Ma ecco fatto: Israele non sembra avere alcun senso di vergogna o di moderazione quando si tratta di infliggere dolore ai suoi vicini. E lo ha fatto all'infinito in Libano: dai bombardamenti che hanno preceduto l'invasione del 1982, l'occupazione ventennale del Libano meridionale e due guerre in questo secolo. Tutto ciò ha inflitto danni enormi e continui al paese. Questi interventi hanno esacerbato le divisioni etniche e religiose esistenti nel paese (in effetti questo è il modus operandi di Israele nei confronti dei suoi vicini arabi) e hanno ulteriormente amplificato la sofferenza.

Naturalmente ci saranno i dubbiosi. Quelli che non credono alla mia fonte. Ma a loro, faccio notare due prove circostanziali e dico. Normalmente, se Israele avesse intrapreso un attacco terroristico di successo (come quelli contro l'Iran) o rifiuta di commentare o una figura militare o politica di alto livello dirà qualcosa del tipo: Mentre ci rifiutiamo di commentare, chiunque lo abbia fatto ha fatto un favore al mondo.

In questo caso, Israele ha immediatamente negato la responsabilità. Persino Hezbollah avrebbe detto che Israele non aveva causato il danno (probabilmente proteggendosi dall'inevitabile colpa che ricadrà su di lui per aver immagazzinato le sue armi vicino a un edificio pieno di materiale esplosivo).

Il secondo segno rivelatore è che Israele non offre mai aiuti umanitari ai suoi vicini arabi. Durante la guerra civile siriana, l'unico gruppo al quale Israele ha offerto assistenza umanitaria erano i suoi alleati islamisti anti-Assad. Israele non ha mai offerto tali aiuti al Libano, fino ad oggi. Il Libano è ufficialmente considerato uno stato nemico in Israele. Quindi anche avere la bandiera libanese che sventola sul municipio di Tel Aviv è straordinario. Ma il cinico ch'è in me dice che è un oltraggio per gli israeliani provare improvvisamente pietà per i libanesi dopo che i loro leader hanno causato questa debacle. Israele ha fatto piovere per decenni morte e distruzione sul paese. Perché fingere empatia  è un'enormità da faccia tosta.

Con lingua puntuta e ben ferma dalla pagina di Haaretz, Gideon Levy,  ha espresso shock e indignazione nella prospettiva che Israele possa avere avuto qualcosa a che fare con questa tragedia. Inoltre, in questa colonna si collega a questo blog e nota chiaramente che ho attribuito l'esplosione di Beirut a Israele:

Lo "stato ebraico" non ha mai causato tali disastri e la caduta dei suoi nemici non ha mai gioito nel suo cuore. Così anche IDF, l'esercito degli ebrei non ha mai causato una tale devastazione [come l'esplosione di Beirut], certamente mai in Libano, tanto meno a Beirut! Perché IDF dovrebbe distruggere tale infrastruttura? E perché bombardare il porto di Beirut? Perché l'esercito più morale del mondo bombarderebbe un tale centro abitato? Ecco perché i leader della nazione si sono precipitati a offrire aiuto alla colpita Terra dei Cedri in un tributo ebraico-israeliano che è così tipicamente umano, elevato e pieno di lacrime sincere.

[Ma] non è stato il ministro della Difesa [Benny Gantz] che solo la scorsa settimana ha minacciato quello stesso Libano di distruggere le infrastrutture? Il primo ministro non ha minacciato anche il Libano? E come appare la distruzione delle infrastrutture in Libano? Proprio come quello che si è visto in Libano martedì. Il suono del tuono ha scosso la città, il fumo nero si è gonfiato su di essa, distruzione e devastazione, versato sangue civile, 4.000 feriti alle porte dell'ospedale ...

La metà di Israele e l'intero stato maggiore di IDF sanno come recitare l'acclamata Dottrina Dahiya. Un politico su due ha minacciato di metterlo in pratica ... E qual è questa dottrina sofisticata? È l'uso di una forza sproporzionata e sfrenata contro le infrastrutture, la semina della distruzione e lo spargimento di quanto più sangue possibile. "Appiattimento" - per insegnare al nemico una lezione "una volta per tutte". L'IDF ci ha provato più di una volta in passato, in Libano e a Gaza, ed è stato un successo vertiginoso. Sembra proprio quello che è stato visto a Beirut martedì.

... Accetteresti aiuti umanitari da un paese simile? C'è spettacolo più disgustoso dell'ipocrisia?


Letture consigliate aggiuntive:

Breathtaking: Case Closed, Infrared Video Reveals Details of Israeli Nuclear Missile (6 missile videos/3 of them new)


Fonte: https://www.richardsilverstein.com


*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/breaking-israele-ha-bombardato-beirut.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali



Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza





L’USO POLITICO DELLA PAURA. COSA STA VERAMENTE ACCADENDO (Bernard Henri Lévy, Giorgio Agamben e Jacques Attali)
La pandemia è un’immensa sciagura, per tutti i popoli. Ma c’è stato (e c’è) un uso politico della paura da parte di certe élite di governo? E con quali scopi? Ha ragione chi ritiene che sia in corso un gigantesco e inquietante esperimento politico?
A parlarne sono alcuni pensatori “non allineati” che subito il sistema mediatico delegittima bollandoli come “complottisti”. Ma a notare che qualcosa di strano sta accadendo è anche – per esempio – il pensatore simbolo dell’europeismo mainstream, Bernard Henri Lévy, che ha appena pubblicato un libro: Il virus che rende folli.

Lévy nota, giustamente, che l’epidemia di Covid non è stata affatto una novità apocalittica nei nostri anni. Rammenta l’influenza di Hong Kong, “dopo il maggio ‘68”, che fece un milione di morti “per emorragia polmonare o soffocamento” o, dieci anni prima, l’influenza asiatica, arrivata sempre dalla Cina, che fece due milioni di morti.


Ma allora non si verificò il panico planetario di oggi. Lévy si dice “raggelato”, ma non dalla pandemia: dal “modo molto strano in cui abbiamo reagito questa volta”, dall’“epidemia di paura che ha attanagliato il mondo”.

Infatti “abbiamo visto le città di tutto il mondo diventare città fantasma. Abbiamo visto tutti, da un capo all’altro del pianeta… popoli interi tremare e farsi trascinare nelle proprie abitazioni, a volte a colpi di manganello, come animali selvatici nelle loro tane”.

Lévy si chiede se è la “vittoria dei saggi del mondo che vedono in questo grande confinement – (…) il ‘grande internamento’ teorizzato da Michel Foucault nei testi in cui descriveva i sistemi di potere del futuro – la prova generale di un nuovo tipo di fermo e di arresto domiciliare dei corpi”. Oppure se è “il contrario” ovvero “il segno, rassicurante, che il mondo è cambiato, che finalmente sacralizza la vita e che tra questa e l’economia, sceglie la vita”.

La seconda ipotesi mi sembra radicalmente confutata da molti fatti e dati che mostrano come la vita umana nel mondo abbia totalmente perso la sua sacralità.

Resterebbe la prima, ma purtroppo Lévy non la analizza. Certo, nota che è stata la prima volta che abbiamo visto tutte le menti critiche della galassia di ultrasinistra applaudire a uno stato di emergenza. Ma si ferma alla protesta contro la paura.

Cita però di sfuggita il filosofo italiano Giorgio Agamben che – essendo di sinistra – ha scatenato malumori e polemiche proprio a sinistra perché, riflettendo sulle “conseguenze etiche e politiche” della tempesta Covid ha colto “la trasformazione dei paradigmi politici che i provvedimenti di eccezione andavano disegnando”.
Nel suo libro A che punto siamo? valuta la vicenda Covid “in una prospettiva storica più ampia” e conclude che qualcosa di importante si stava (e si sta) sperimentando.

Scrive: Se i poteri che governano il mondo hanno deciso di cogliere il pretesto di una pandemia per trasformare da cima a fondo i paradigmi del loro governo degli uomini e delle cose, ciò significa che quei modelli erano ai loro occhi in progressivo, inesorabile declino e non erano ormai più adeguati alle nuove esigenze (…) i poteri dominanti hanno deciso di abbandonare senza rimpianti i paradigmi delle democrazie borghesi, coi loro diritti, i loro parlamenti e le loro costituzioni, per sostituirle con nuovi dispositivi di cui possiamo appena intravedere il disegno, probabilmente non ancora del tutto chiaro.

Davvero si può usare politicamente il pretesto di una pandemia o Agamben esagera? In effetti c’è chi, già qualche anno fa, ha invitato a usare proprio una eventuale pandemia per scopi politici (ovviamente, a suo avviso) lodevoli.

Nel 2009 – quando si paventava la diffusione dell’influenza suina – il famoso economista e tecnocrate francese Jacques Attali, da acuto analista, in un articolo su “L’Express, scrisse: “La Storia ci insegna che l’umanità non si evolve in modo significativo se non quando ha davvero paura: essa allora mette in campo anzitutto dei meccanismi di difesa; a volte intollerabili (i capri espiatori e i totalitarismi); a volte inutili (la distrazione); a volte efficaci (strategie terapeutiche, respingendo se necessario tutti i precedenti principi morali). Poi, una volta terminata la crisi, trasforma questi meccanismi per renderli compatibili con la libertà individuale e includerli in una politica sanitaria democratica. Questa iniziale pandemia” scriveva Attali “potrebbe innescare una di queste paure strutturali”.

In particolare Attali, prevedendo la necessità di governare “meccanismi di prevenzione e controllo” per “un’equa distribuzione di farmaci e vaccini”, scriveva: “Verremo quindi, molto più velocemente di quanto avrebbe prodotto la sola ragione economica, a gettare le basi di un vero governo mondiale” e “nel frattempo potremmo almeno sperare nella messa in opera di una vera politica europea in materia”. 

Attali nel 2006 aveva pubblicato Breve storia del futuro e già lì vagheggiava un “governo mondiale” che segnava la fine dell’egemonia americana e vedeva “l’Unione europea avanguardia dell’iperdemocrazia”. Ma quella sua utopia aveva i tratti di una cupa distopia.
Antonio Socci

da “Libero”, 3 agosto 2020

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/08/luso-politico-della-paura-cosa-sta.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali



Seguiteci sul Canale Telegram https://telegram.org/#/im?p=@sadefenza
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/sadefenza


Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!