sabato 30 giugno 2018


L'inizio della fine dell'era Bilderberg / Soros

Alistair Crooke 

Sa Defenza 



L' inizio della fine della visione di Bilderberg / Soros è in vista. Il vecchio ordine si aggrappa, anche alle sue ultime unghie. La visione del Bilderberg è la nozione di cosmopolitismo internazionale multiculturale che supera il nazionalismo dei vecchi tempi; annuncia la fine delle frontiere; e conduce verso un governo economico e politico a guida statunitense, "tecnocratico" .


Le sue radici si trovano con personaggi come James Burnham, un anti-Stalin, l'ex trotzkista, che, scrive già nel 1941, e sosteneva che le leve del potere finanziario ed economico fossero poste nelle mani di una classe dirigente: un'élite - che da sola sarebbe stata in grado di gestire lo stato contemporaneo - grazie al mercato e al potere tecnico di questa élite. Fu, senza mezzi termini, un appello per un'oligarchia esperta e tecnocratica.


Burnham rinunciò alla sua fedeltà a Trotsky e al marxismo, in tutte le sue forme nel 1940, ma adottò le tattiche e le strategie per l'infiltrazione e la sovversione (apprese come membro della cerchia ristretta di Leon Trotsky) con lui e avrebbe elevato la gestione trotskista di la "politica dell'identità" diventa il "congegno" della frammentazione innescato per far esplodere la cultura nazionale su un nuovo stadio, nella sfera occidentale. Il suo libro del 1941, " The Managerial Revolution ", catturò l'attenzione di Frank Wisner, in seguito, un personaggio leggendario della CIA, che vide nelle opere di Burnham e del suo collega trotzkista, Sidney Hook, la prospettiva di creare un'alleanza efficace di ex Trotzkisti contro lo stalinismo.

Ma, in aggiunta, Wisner percepiva i suoi meriti come il modello per un ordine globale guidato dagli Stati Uniti, guidato dalla CIA e pseudo-liberisti. ( 'Pseudo', perché, come Burnham articola chiaramente, in machiavellici, difensori della libertà, la sua versione di libertà non significava nulla, ma la libertà intellettuale o quelle libertà definiti dalla Costituzione degli Stati Uniti. "Quello che realmente voleva dire era conformità e sottomissione").

In breve, (come notarono Paul Fitzgerald ed Elizabeth Gould ), "nel 1947, la trasformazione di James Burnham da comunista radicale, a conservatore americano con fede nel NWO , Nuovo Ordine del Mondo era completa. La sua lotta per il mondo [convertita in promemoria per l' Ufficio dei servizi strategici degli Stati Uniti (OSS, il precursore della CIA)] aveva fatto una " svolta francese " alla rivoluzione comunista permanente di Trotsky, trasformandola in un piano di battaglia permanente per un impero americano globale. Tutto ciò che era necessario per completare la dialettica di Burnham era un nemico permanente, e ciò richiede una sofisticata campagna psicologica per mantenere vivo l'odio verso la Russia, "per generazioni".

Cosa c'entra questo con noi oggi?

Un "Paesaggio di Burnham" di partiti politici europei apparentemente "centristi", apparentemente indipendenti, carri armati, istituzioni e strutture della NATO, fu seminato dalla CIA - nell'era postbellica dell'antisovietismo - in Europa e nel Medio Oriente - come parte del "piano di battaglia" di Burnham per un "ordine" globale guidato dagli Stati Uniti. È proprio questa élite: la tecnocrazia oligarchica di Burnham, che sta affrontando oggi il respingimento politico al punto in cui l'Ordine liberale sente di lottare per la sua stessa sopravvivenza contro " il nemico nella Casa Bianca " , come l'editore di Spiegel Online ha definito il Presidente Trump.

Cosa ha causato questo?

Beh, o come lui o lo odi, il presidente Trump ha giocato un ruolo importante, se non altro dicendo l'indicibile. La razionalità, o non inerente a questi 'incerti' o apofasi in stile Eckhart, è al di là del punto: l'intuitivo 'discorso di dire l'indicibile' di Trump ha tolto la maggior parte dei bulloni dalla vecchia tipica struttura ideologica di Burnham.

Ma in Europa, i due principali difetti del progetto di Burnham hanno contribuito, forse fatalmente , alla crisi della planimetria :

In primo luogo, la politica di popolamento dell'Europa con gli immigranti, come rimedio per i dati demografici negativi dell'Europa (serve a diluire fino al punto di cancellare, le sue culture nazionali): "Lontano dal portare alla fusione", scrive lo storico britannico Niall Ferguson, "La migrazione in Europa sta portando la crisi alla fissione. Il gioco potrebbe essere chiamato The Meltdown Pot ... Sempre più ... la questione della migrazione sarà vista dai futuri storici come il fatale solvente dell'UE. Nei loro conti Brexit apparirà come un semplice sintomo della crisi ".

E in secondo luogo, la doppia insicurezza dell'economia in due economie indipendenti e diseguali, come risultato della cattiva gestione dell'élite dell'economia globale (vale a dire l'ovvia assenza di "prosperità per tutti").
Evidentemente Trump ha ascoltato i due messaggi chiave del suo collegio elettorale: che non accettano di avere la cultura americana (bianca), e il suo modo di vivere, diluito attraverso l'immigrazione; e, nemmeno desiderano - stoicamente - accogliere l'eclissi dell'America a favore  della Cina.
Il problema di come arrestare l'ascesa della Cina è primordiale (per il Team Trump) e, in un certo senso, ha portato a una "retrospettiva" americana : l' America ora può rappresentare solo il 14% della produzione globale (su base Parità del potere d'acquisto di PPP) , o il 22%, su base nominale (al contrario di quasi la metà della produzione globale, di cui gli Stati Uniti erano responsabili, alla fine della seconda guerra mondiale), ma le società americane, grazie all'egemonia globale del dollaro, godono di un tipo di status di monopolio (cioè Microsoft, Google e Facebook, tra gli altri), sia attraverso il privilegio normativo, o dal dominio sul mercato. Trump vuole fermare questo asset dal decadere ulteriormente e sfruttarlo nuovamente come un potente chip di contrattazione nelle attuali guerre tariffarie. Questo è chiaramente un "vincitore" politico in termini di base nazionale degli Stati Uniti, la politica e le imminenti elezioni di metà mandato di novembre.
Il secondo filone sembra essere una sorta di "retrospettiva" mediorientale: ripristinare il Medio Oriente all'epoca dello Shah, quando la "Persia" controllava il Medio Oriente; quando Israele era un "potere" regionale che implementava l'interesse americano; e quando le principali fonti di energia erano sotto il controllo degli Stati Uniti. E, inoltre, quando l'influenza russa veniva attenuata, sfruttando l'islam sunnita radicale contro il socialismo arabo e il nazionalismo.

Ovviamente Trump è abbastanza esperto da sapere che non è possibile tornare completamente al mondo di Kissinger. La regione è cambiata troppo per questo. Ma Kissinger rimane un influente consigliere del presidente (insieme a PM Netanyahu). Ed è facile dimenticare che il dominio degli Stati Uniti in Medio Oriente ha portato l'America non solo al controllo dell'energia, ma al riciclo dei petrodollari a Wall Street e alla catena di basi militari statunitensi nel Golfo che circondano l'Iran e danno a gli Stati Uniti  muscolo militare, raggiungono l'Asia.

Abbiamo quindi abbracciato Trump di MBS, MBZ e Netanyahu, e una narrativa di supporto dell'Iran come "attore maligno" nella regione e facilitatore del terrorismo.

Ma è solo una "narrazione", ed è una sciocchezza, se inserita in una più ampia comprensione del contesto regionale. La storia dell'Islam non è mai stata esente da conflitti violenti (risalenti ai primi tempi: cioè le Guerre della Ridda, o apostasia 632-3 ecc.). Ma - per non dimenticare - l'attuale era della radicalizzazione sunnita (come quella che ha dato origine all'ISIS) risale, almeno, ai secoli XVII e XVIII, con il disastro ottomano alle porte di Vienna (1683); il conseguente inizio della dissoluzione del Califfato; crescente permissività e sensualità ottomana, provocando lo zelotismo radicale di Abd-el Wahhab (su cui fondò l' Arabia Saudita ); e infine l'aggressivo secolarismo occidentalizzante in Turchia e in Persia, che ha innescato quello che viene chiamato "Islam politico" (sia i sunniti che gli sciiti che inizialmente erano uniti, in un unico movimento).

La storia di MBS secondo cui il "fondamentalismo" dell'Arabia Saudita era una reazione alla rivoluzione iraniana è ancora un altro "meme" che potrebbe servire gli interessi di Trump e Netanyahu,  è altrettanto falso. La realtà è che il moderno sistema arabo (sunnita), un residuo dell'era ottomana, è stato in un canale di declino a lungo termine dalla prima guerra mondiale - mentre l'islam sciita sta godendo di una forte rinascita attraverso la fascia settentrionale del Medio Oriente, e oltre. In parole povere: gli iraniani sono in rialzo nella storia - è così semplice.

E quello che Trump sta cercando di fare è la capitolazione iraniana, di fronte all'assedio americano-israeliano-saudita, la chiave per sconfiggere Obama (di nuovo), cercano di riaffermare il predominio degli Stati Uniti in Medio Oriente, il predominio energetico e il risorgere israeliano nel potere regionale . Quindi soggiogare l'Iran è emerso come la massima via di mezzo per ristabilire l'ordine globale unipolare.

È così iconico proprio perché, proprio come Trump vorrebbe vedere l'Iran, l'Iraq e gli alleati iraniani dappertutto, cadere nell'egemonia unipolare, l'Iran è centrale nella visione multipolare di Xi e Putin in quanto è iconico per il presunto Medio oriente di Trump in "rifacimento". E non è solo simbolico: l'Iran è fondamentale per le strategie geopolitiche sia della Russia che della Cina. In una parola, l'Iran ha più influenza per assicurare la sua sopravvivenza di quanto Trump abbia previsto.

L'America sfrutterà il suo dominio sul sistema finanziario fino al limite per strangolare l'Iran, e la Cina e la Russia faranno il necessario, dal punto di vista finanziario, per impedire che l'Iran  imploda economicamente - e rimanga un pilastro dell'alternativa multipolare nell'ordine mondiale.

Ed è qui che entrano in gioco i paradigmi in Europa. Non è, ripeto, non perché ci si può aspettare che l'Europa mostri leadership o "faccia" molto, ma piuttosto perché il discorso apofatico di "dire l'indicibile" si sta diffondendo in Europa. Finora non ha cambiato il paradigma del potere, ma lo potrebbe presto (cioè con la possibile scomparsa politica della Merkel). La Germania potrebbe essere più sdolcinata nella sua politica rispetto all'Italia, ma la voce del nuovo ministro degli Interni italiano, Matteo Salvini (foto a dx),  che dice "no" ai proxy di "Burnham" a Berlino sta facendo eco in tutta Europa, e oltre. Agisce come uno schiaffo in faccia.

Cerchiamo di essere assolutamente chiari: non stiamo suggerendo che l'Europa spenderà il capitale politico nella difesa del JCPOA.

Questo non è probabile.

Stiamo dicendo che l'egemonia del dollaro americano si è rivelata tossica per il resto del mondo in molti modi, e Trump - nel sfruttare l'egemonia in modo così gangsteristico: "Siamo America, Bitch" , come un funzionario ha descritto l'approccio dell'America - sta alimentando l'antagonismo verso l'egemonia del dollaro (se non ancora verso l'America in sé). Sta spingendo tutti i non-americani in una posizione comune di ribellione contro il predominio finanziario unipolare americano.

Questa "rivolta" sta già dando forza a Kim Jong Un, come riporta il Washington Post :

"Con i legami commerciali USA-Cina sconquassati, Kim è ben posizionato per giocare entrambe le potenze, parlando dolcemente con Trump mentre persegue una relazione più stretta con Xi ... Kim capisce la gerarchia. Sa che Xi è il padrino asiatico ", ha detto Yanmei Xie, un analista politico di Gavekal Dragonomics, una società di ricerca economica di Pechino. "Sta facendo un calcolo pragmatico che la Cina possa fornire assistenza economica per integrare diplomaticamente ed economicamente la Corea del Nord nell'Asia nord-orientale ... "
"C'è uno sforzo regionale, una sorta di coalizione di finzione del nord-est asiatico, per mantenere la finzione che la Corea del Nord sconfiggerà,  finché gli americani continueranno a parlarne", ha detto Xie. 
La Cina è meno concentrata nell'ottenere da Kim di eliminare le sue armi piuttosto che farlo rimettere in riga. Potrebbe eventualmente usare il commercio e gli investimenti per portarlo a bordo, dicono gli esperti. 
"Con la Corea del Nord ancora alle prese con le sanzioni ONU," il sostegno politico ed economico della Cina è ancora molto importante ", ha detto Zhao Tong, esperto della Corea del Nord presso il Centro Carnegie-Tsinghua per la politica globale di Pechino. Zhao ha detto che la domanda ora è: "Come può la Cina aiutare la Corea del Nord a sviluppare la sua economia?
"La Cina può anche aiutare Kim a normalizzare lo status diplomatico della Corea del Nord. Ciò inizia trattandolo meno come un dittatore canaglia e più come uno statista in visita ".

Lo stesso vale per l'Iran - in poche parole. La Cina e la Russia sanno come giocare a questo gioco del "pollo".

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/linizio-della-fine-dellera-bilderberg.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
SIRIA AGGIORNAMENTO SU DARA'A : I Terroristi Si Arrendono Alle SAA

Paul Antonopoulos
Fort-Russ
Sa  Defenza 




L'esercito siriano, guidato dall'elite delle forze armate tigre, ha continuato la sua impressionante campagna nel flagellare le forze dei terroristi, nella Siria meridionale, che operano nella regione.

Sono stati giorni impegnativi per l'esercito siriano SAA, ma i risultati sono stati fruttuosi con molte città liberate e altre città che chiedono la riconciliazione con il governo siriano, il che significa che stanno cedendo correttamente senza combattere.

Le città che chiedevano la riconciliazione includono Ibtaa, Tafas, Da'el, Sayda, Umm Mayadin, Nasib e Tayyibah.




Nel frattempo, i civili sono usciti per strada  e hanno protestato in molte altre città della provincia di Daraa, chiedendo la riconciliazione tra i terroristi occupanti e il governo siriano.

Oltre alle trattative di riconciliazione che sono state formate, le città di Al-Hirak, Sowra, Alma, Rakhm, Maliha Sharqi e Gharbi sono state liberate dopo una forte offensiva da parte delle forze tigre. La maggior parte delle offensive dell'esercito siriano finora è stata concentrata nella campagna orientale della provincia di Dara'a. Questo perché è considerato il più debole di tutte le aree della provincia di Dara'a, con la maggior parte dei terroristi affiliati ad Al-Qaeda e ISIS concentrati nelle campagne occidentali.

La Russia sta inoltre guidando gli sforzi di pace nella Siria meridionale offrendo l'evacuazione dei terroristi nella provincia nord-occidentale di Idlib, o, in un primo momento, permettendo ad alcuni di rimanere nel sud-ovest della Siria ma di prestare servizio come ufficiali di polizia. Tuttavia, questo si applica solo ai jihadisti siriani e non stranieri. Inoltre, i siriani che si sono uniti alle forze terroristiche e sono ricercati dalle autorità per la leva saranno in grado di risolvere i loro casi in modo semplice.

Nonostante la Russia abbia guidato questi sforzi di pace, non si è tirata indietro mentre i negoziati hanno avuto luogo e ha continuato la sua campagna aerea colpendo posizioni terroriste con missili ad alta precisione. Questo è uno sforzo che riuscito a indebolire le difese terroriste, così l'esercito siriano può avanzare con relativa facilità.


 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

venerdì 29 giugno 2018

ANNAPOLIS: Uomo armato uccide 5 persone in attacco contro il quotidiano del Maryland





ANNAPOLIS, Md. (AP) - Un uomo armato di granate fumogene e un fucile ha attaccato un giornale nella capitale del Maryland giovedì, uccidendo quattro giornalisti e un membro dello staff prima che la polizia assaltasse l'edificio e lo arrestasse, hanno riferito la polizia e i testimoni.

Le riprese sono avvenute dopo mesi di attacchi verbali e online contro i "falsi notiziari" di politici e altri del presidente Donald Trump. Ha spinto la polizia di New York a stringere immediatamente la sicurezza attorno alle sedi deii giornali della capitale mediatica della nazione.

La polizia di Annapolis ha detto che un uomo bianco di circa 30 anni era sotto custodia dopo la furia a The Capital Gazette. Un funzionario delle forze dell'ordine ha detto che il sospetto è stato identificato con Jarrod W. Ramos. Il funzionario non è stato autorizzato a parlare delle indagini in corso e quanto detto a condizione di mantenere l'anonimato.

Il capo della polizia sostitutiva William Krampf della contea di Anne Arundel l'ha definito un attacco mirato in cui il bandito "cercava di fare vittime".

"Questa persona è stata preparata per fare l'attentato, questa persona era pronta a sparare alle persone", ha detto Krampf.

Tra i morti c'erano Rob Hiaasen, 59 anni, assistente all'editor e fratello del romanziere Carl Hiaasen. Carl Hiaasen ha detto di essere " devastato nel cuore" nel perdere suo fratello, "una delle persone più gentili e divertenti che abbia mai conosciuto". Sono stati uccisi anche Gerald Fischman, editor di pagine editoriali; la giornalista  caratteristica Wendi Winters; il giornalista John McNamara e l'assistente alle vendite Rebecca Smith. La polizia ha detto che altri due hanno riportato ferite lievi, e in seguito il giornale ha riportato che entrambi i dipendenti sono stati successivamente rilasciati da un ospedale con lesioni non mortali.

Krampf ha detto che il sicario era un residente del Maryland, ma non lo ha nominato.

Phil Davis, un reporter che si interessa di giustizia di crimini per il giornale, ha twittato che l'uomo ha sparato alla porta di vetro verso l'ufficio e ha sparato nella redazione, la gente che si nascondeva sotto i banchi.

"Non c'è nulla di più terrificante di sentire sparare a più persone mentre sei sotto la tua scrivania e poi sentire il riarmo", ha scritto.

Alla portavoce della Casa Bianca, la portavoce Lindsay Walters ha dichiarato: "Non c'è spazio per la violenza, e  a ciò ci atteniamo: la violenza non è mai tollerata in nessuna forma, non importa chi si ha davanti".

Nel frattempo, gli investigatori hanno detto che avrebbero cercato di imparare di più sui motivi del pistolero.

"Il tiratore  è  improvvisato, quindi non abbiamo ancora nessuna informazione sul movente", ha detto l'executive della Contea di Anne Arundel, Steve Schuh.

Nel 2012, Ramos ha presentato una denuncia per diffamazione contro un documento pubblicato, sostenendo che gli è stato calunniato da un articolo sulla sua condanna in un caso di molestie di un anno prima. La causa fu respinta da un giudice che scrisse che Ramos non aveva fatto "nulla di ciò che è stato pubblicato su di lui è in realtà era falso". Una corte d'appello in seguito ha confermato il licenziamento.

In un'intervista che appare sul sito online di The Capital Gazette, Davis ha detto che "era come una zona di guerra" all'interno degli uffici del giornale.

"Sono un reporter di casi polizieschi, scrivo di queste cose - non necessariamente in questa misura, sparatorie e casi di morte - tutto il tempo", ha detto. "Ma per quanto intendo tentare di provare a immaginare quanto traumatizzante sia nascondersi sotto la scrivania, non lo puoi capire finché non ci sei in quella situazione e ti senti impotente."

La reporter Selene San Felice ha detto alla CNN di essere scapata di corsa dopo aver sentito degli spari, ma ha trovato una porta sul retro chiusa a chiave, poi ha visto sparare a un collega.
"Ho sentito dei passi avanzare un paio di volte ... respiravo davvero affannosamente e mi sforzavo di trattenermi dal respirare, ma non potevo perché non ero  tranquilla", ha aggiunto.

La giornalista ha ricordato un assalto di massa del giugno 2016 nella discoteca gay di Orlando Pulse e di come le persone terrorizzate che si accovacciavano dentro avessero mandato messaggi  ai loro cari, mentre decine di persone venivano uccise. Ha aggiunto: "E io ero seduta sotto una scrivania, mandando messaggi ai miei genitori e dicendo loro che li amavo" come ultime parole.

Il portavoce della polizia, il tenente Ryan Frashure, ha detto che gli agenti sono arrivati ​​circa in 60 secondi e hanno preso in custodia l'uomo armato senza uno scambio di arma da fuoco. Sono state evacuate circa 170 persone, molte delle quali con le mani alzate mentre arrivavano la polizia e altri veicoli di emergenza.

Il sindaco di Annapolis, Gavin Buckley, ha detto che la comunità è in lutto per l'attacco al loro giornale.

"Questi sono i ragazzi che vengono alle riunioni del consiglio comunale, ascoltano i noiosi politici e seduti in aula", ha detto Buckley. "Non fanno molti soldi, è semplicemente immorale che le loro vite siano in pericolo".

Il giornale fa parte di Capital Gazette Communications, che pubblica anche la Maryland Gazette e CapitalGazette.com. È di proprietà di The Baltimore Sun.


Gli editori dei media della Associated Press hanno promesso di aiutare i giornalisti di Capital Gazette a recuperare. Una dichiarazione APME ha invitato i giornali a livello nazionale ad aiutare i suoi giornalisti affinché possano continuare a infomare la loro comunità e lottare per la libertà di stampa.

L'aggressore si è mutilato le dita in un apparente tentativo di rendere più difficile la sua identificazione, secondo un funzionario delle forze dell'ordine che non era autorizzato a parlare delle indagini e ha parlato a condizione di anonimato. Un altro funzionario che parlava in condizioni di anonimato ha affermato di essere stato identificato con l'aiuto della tecnologia di riconoscimento facciale. Dei due account, Krampf ha dichiarato: "Non abbiamo alcuna verifica di nessuno dei due".

___

I giornalisti della Associated Press Eric Tucker a Washington e Michael Balsamo a Los Angeles hanno contribuito a questa report.


La polizia dice che il sospettato di aver sparato in un edificio che ospita un giornale del Maryland è stato arrestato e interrogato. La polizia ha annunciato che cinque persone sono state uccise e altre tre sono state ferite. (28 giugno) ___

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/annapolis-uomo-armato-uccide-5-persone.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

giovedì 28 giugno 2018

L’ITALIA UMILIATA E IMPOVERITA DAL PARTITO DELLE ELITE RIALZA LA TESTA E RITROVA LA SPERANZA E L’ORGOGLIO. 


PER CAPIRE SALVINI RILEGGETE QUESTA PAGINA DI GIOVANNI PAOLO II…




Salvini di qua, Salvini di là. Ieri (s)parlavano di lui l’editoriale del “Corriere della sera” e il titolo d’apertura della prima pagina. Ma pure l’editoriale di “Repubblica”, il suo titolo d’apertura e il titolo di taglio della prima (con un altro richiamo sulla stessa prima). Anche gli altri quotidiani stavano così sull’argomento. Più lo attaccano e più Salvini accresce la sua popolarità tra la gente.
L’Italia dell’establishment e delle chiacchiere mediatiche sta impazzendo a rincorrere i fronti aperti dal vicepremier. Invece l’Italia vera, quella della gente, respira e si entusiasma: ha tifato Salvini sulla vicenda dell’Aquarius come avrebbe tifato per la Nazionale di calcio ai Mondiali.
Le persone comuni – che sono gli interlocutori privilegiati di Salvini – sentono che ora qualcuno si occupa di loro, dei loro problemi e delle loro sofferenze (“prima gli italiani”). Mentre col PD era tutto un inginocchiarsi “ai mercati” e “all’Europa”.
L’Italia, questa Italia profonda e dimenticata, umiliata e impoverita dai precedenti governi, sta rialzando la testa, sta ritrovando un orgoglio perduto da tempo.
Del resto l’Italia secondo Matteo viene finalmente rispettata sul piano internazionale e si è meritata le pubbliche dichiarazioni di stima di Trump e Putin.
Tutta un’altra aria rispetto a prima. Scenario rovesciato. Solo pochi mesi fa il conte Gentiloni, come premier in visita di stato a Berlino, veniva lasciato fuori dalla porta e invitato dalla Merkel a tornare un’altra volta.
L’altroieri invece la stessa Merkel – per compiacere l’Italia – si è affrettata a cestinare il piano sull’emigrazione che aveva concordato con Macron perché il nostro governo aveva detto “no”. E’ un ribaltamento totale (“mai più servi”, gridava anche ieri Salvini in un comizio).
L’unico che “nun ce sta” è Macron che reagisce istericamente. Di fatto Salvini sui migranti ha imposto la sua l’agenda all’establishment e alla UE.
E fa impazzire il Palazzo e la corte mediatica. Tutti a rincorrerlo sui temi che ogni giorno apre squarciando i veli dell’ipocrisia e demolendo i dogmi del pensiero unico.
Contro di lui fiumi di odio (e pure minacce), ma non sembra che se ne scandalizzino quelli che fino a ieri pontificavano contro l’“hate speech”.
In ogni caso tutti parlano del vicepremier. Anche gli stranieri. “The Guardian” definisce Salvini “il leader europeo che più somiglia a Donald Trump”.
L’editorialista si interroga su di lui, chiedendosi “fino a che punto si spingerà e fino a che punto crescerà la sua popolarità. Perché la risposta a queste due domande” dice il Guardian “potrebbe modellare il futuro dell’Europa, nonché il ruolo dell’Italia nell’Eurozona”.
L’analogia di Salvini con Trump è ovvia per due aspetti. Primo: mette al centro i bisogni degli italiani dimenticati e umiliati (come Trump fa con gli americani) anziché gli interessi dell’establishment e degli stranieri.
Secondo: scavalca i media che fanno da cassa di risonanza al “pensiero unico” e che ritiene legati all’establishment. Parla direttamente agli italiani attraverso i social (twitter e facebook) e – con un linguaggio immediato – dice tutte quelle verità che la gente sente e vive e che il “politically correct” dei media ha messo al bando.
Salvini aggiunge un continuo immergersi fra le persone comuni, dappertutto. Un contatto diretto che riempie tutte le piazze, anche quelle delle città una volta rosse.
Ma – si chiedono – la sua strategia? E’ fuori strada chi lo crede intento a tessere strategie machiavelliche che punterebbero a elezioni a breve per incassare il successo.
Poteva già farlo a maggio: per evitare al Paese un governo Cottarelli che – pur sfiduciato dalle Camere – avrebbe fatto disastri irreparabili ha firmato il patto con il M5S.
Sa che siamo ancora un paese a sovranità limitata e ha dovuto fare un governo dove i ministeri fondamentali (Economia ed Esteri) sono allineati alla UE e al Quirinale, che cerca di teleguidare pure il premier Conte.
Sa bene che non è questo il governo che potrà sciogliere i nodi dell’euro e della Ue, ma sa pure che la sua Lega è l’unica in Italia ad avere un “piano B” in caso di implosione dell’Eurozona (cosa oggi possibile).
Intanto fa la sua battaglia con i ministeri che ha. Una battaglia politica (per esempio sull’emigrazione) che mette finalmente a tema il recupero della nostra sovranità.
Ma Salvini – a mio avviso – sta facendo anche una battaglia culturale. Consapevole che la piena sovranità politica ed economica si potrà riconquistare solo se il popolo italiano ritrova pienamente la sua “sovranità culturale”, la sua identità.
Bisognerebbe rileggere il memorabile discorso di Giovanni Paolo II all’Unesco del 1980. Fu tutta un’apologia di quelle nazioni che “lottano per conservare la propria identità e i loro propri valori contro le influenze e le pressioni dei modelli proposti dall’esterno”.
Il papa rivendicò “il primato” dell’identità dei popoli e invitò a “vigilare con tutti i mezzi su questa sovranità fondamentale che possiede ogni nazione in virtù della sua propria cultura… Proteggetela! Non permettete che questa sovranità fondamentale diventi la preda di qualche interesse politico o economico. Non permettete che diventi vittima dei totalitarismi, degli imperialismi o delle egemonie, per i quali l’uomo non conta che come oggetto di dominazione”.
In questo quadro “i mezzi di comunicazione non possono essere mezzi di dominazione sugli altri da parte di agenti del potere politico come di quello delle potenze finanziarie che impongono il loro programma e il loro modello”.
E’ la strada per riconquistare la libertà e la prosperità.

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/litalia-umiliata-e-impoverita-dal.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
ASSASSINATO  SCIENZIATO FARMACEUTICO "TRISTAN BEAUDETTE"  IMPEGNATO NELLA RICERCA SUI VACCINI.

SA DEFENZA 



La recente scomparsa di Tristan Beaudette, lo scienziato farmaceutico assassinato  durante un campeggio a Malibu, ha suscitato molte domande. Tristan era un ricercatore sui vaccini. Ecco un elenco di documenti di ricerca pubblicati sui vaccini su cui Tristan ha lavorato. È una buona idea che il pubblico inizi a studiare come questi vaccini vengano progettati per rendere disabile la popolazione. Tutto ciò che serve è una proteina in un vaccino per colpire e disabilitare qualcuno.

- Particelle di poliuretano degradabile con acido per la valutazione biologica dei vaccini a base di proteine ​​e analisi in vitro dei prodotti di degradazione delle particelle
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2650432/ 

- Analisi in vitro di microparticelle di destrano acetalate come potente piattaforma di somministrazione per coadiuvanti del vaccino
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2882515/ 

- Attivazione delle cellule T da particelle di idrogel sensibili al pH caricate con l'antigene in vivo: l'effetto della dimensione delle particelle
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2640420/ 

- Studi in vivo sull'effetto del co-incapsulamento del DNA CpG e dell'antigene in vaccini anti-degradazione acido-microparticellare
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2731711/ 

- Dextran derivato da acetale: un materiale biodegradabile acido-reattivo per applicazioni terapeutiche
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2673804/ 

- Il destrano acetato è un materiale sintonizzabile chimicamente e biologicamente per l'immunoterapia particellare
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2666992/ 

- Legatura chemoselettiva nella funzionalizzazione di particelle a base di polisaccaridi
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2759380/ 

- Microparticelle di destrano modificate con acetale con degradazione cinetica controllata e funzionalità superficiale per la consegna del gene nelle cellule fagocitiche e non fagocitiche
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3379559/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/…

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/assassinato-lo-scienziato-farmaceutico.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

L'Eurozona "Sempre in pericolo e le riforme non sono andate abbastanza lontano" - Professore

CC BY-SA 2.0 / Immagini Denaro / Euro
Eurozona: "Sempre in pericolo, le riforme non hanno raggiunto ancora il buon fine"




Il ministro delle Finanze francese ha dichiarato al Financial Times che il piano franco-tedesco per un bilancio della zona euro non è negoziabile e non dovrebbe essere utilizzato come moneta di scambio nella controversia sui migranti in Europa. Il funzionario ha sottolineato la necessità politica e finanziaria delle riforme della zona euro, affermando che lo status quo non è più un'opzione.


Radio Sputnik ha discusso queste dichiarazioni con Gerald Schneider, professore di politica internazionale presso l'Università di Costanza ed editore esecutivo di European Union Politics.
Sputnik: Quanto è giustificato il timore di Mr. Le Maire che la questione della migrazione potrebbe essere utilizzata come moneta di scambio nella controversia?

Gerald Schneider: Le posizioni politiche di tutti gli stati sono piuttosto agguerrite, ma è probabile, a mio avviso, che si possa raggiungere una sorta di compromesso perché alcuni degli stati dell'Europa orientale hanno interesse a promuovere la cooperazione economica con l'Occidente.

Questo vale anche per il governo italiano. Ovviamente, le posizioni si sono indurite a tal punto che c'è il rischio che le trattative possano fallire, ma credo che alla fine possa essere raggiunta una specie di patto, anche per salvare la faccia di Miss Merkel.

Sputnik: È interessante che Mr. Le Maire abbia affermato che l'Eurozona è il futuro dell'Europa, voglio dire che l'Eurozona è sempre stata il futuro dell'Europa. Forse sta ribadendo il punto, nonostante quello che sta succedendo con la Brexit e il malessere che al momento sta accadendo in Europa. Qual è la sua opinione e valutazione?

Gerald Schneider: Penso che l'Eurozona sia sempre in pericolo perché le misure di riforma non sono andate molto lontano; ci sono proposte sul tavolo ma è abbastanza probabile che l'Eurozona sarà rafforzata dai membri chiave. Quale potrebbe essere la posizione dell'Italia, questo è ancora in sospeso , ma data la dura posizione dell'Italia sulla migrazione, è abbastanza probabile che l'Italia riceverà alcune concessioni dai membri del nord, inclusa la Francia.

Sputnik: Nel frattempo il Primo Ministro austriaco chiede che le richieste dei richiedenti asilo vengano eseguite al di fuori dell'Europa, non sarà molto pratico? Quanto è realizzabile questo dal suo punto di vista?

Gerald Schneider: simili accordi esistono già ora. C'è la Turchia, è abbastanza probabile che ci saranno investimenti nei confini comuni, quindi questo è un progetto di integrazione che potrebbe avere successo; quindi le richieste per una fortezza europea potrebbero ricevere sostegno anche da paesi come la Germania. Non è completamente chiaro quale potrebbe essere la soluzione. È la distribuzione dei richiedenti asilo, dei rifugiati attraverso gli stati europei, ma questo potrebbe essere collegato ad altre questioni di cooperazione economica.

Sputnik: Qual è stata la possibilità di questa particolare idea che è stata attenuata dall'Austria in termini di politica migratoria che in realtà ha una certa forza? Pensa che riceverà supporto da altri stati dell'UE? Intendo dire che l'intera questione della migrazione è fondamentalmente molto controversa all'interno dell'Unione europea, qual è il consenso generale degli Stati dell'UE su questa particolare idea dell'Austria?


© AP PHOTO / OLIVIER MATTHYS

Gerald Schneider: È chiaro che da una parte ci sono forze politiche che chiedono ulteriori deterrenti che a un certo punto non arriveranno più in Europa con un grande flusso di rifugiati. D'altra parte, ovviamente ci sono i Verdi e i Liberali, che chiedono di sostenere la tradizione liberale anche in questo campo e credo che vedremo misure su entrambi i fronti per soddisfare entrambe le parti.

Il problema pratico è ovviamente come portare a bordo membri riluttanti come l'Ungheria, ma il potere di questi paesi di mettere a repentaglio il progetto di integrazione europea non è così forte, poiché questi governi dipendono fortemente dai sussidi del centro dell'Europa e ci sono anche minacce che arrivano  dal centro nella direzione di questi stati membri. Quindi Orban e il gruppo di Visegrad sono molto più divisi di ciò  che si pensa , le dichiarazioni sono protese per il pubblico.

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

mercoledì 27 giugno 2018

Via la Troika, la Grecia non esiste più: le hanno rubato tutto, anche la voglia di vivere...

libreidee


Tsipras e Junker ridono, dopo aver illuso il popolo greco di opporsi alla UE con un referendum contrario alla svendita delle istanze della Grecia,  il mefitico pusillanime Tsipras ha lasciato sventrare  la sua nazione come un animale sacrificale sull'altare di Moloch-UE , ed ora dopo averla ridotta in completa rovina continua senza alcuna nonchalance sulla via della perdizione UE , senza più alcuna via d'uscita per un popolo umiliato e reso inerme.


E finalmente la Troika lascia la Grecia. Spremuta fino all’osso e dissanguata. Una guerra avrebbe fatto meno danni. Era arrivata perché la Grecia non aveva fatto i compiti e aveva un debito troppo elevato. La Grecia è entrata nel 2010 nel “programma di aiuti” Ue col rapporto debito/Pil al 146%. Tutti a dire “Grecia sprecona”. Oggi è al 180%: gli imperscrutabili successi della Troika. La Grecia è un paese devastato. Neppure una guerra avrebbe prodotto tanti danni. Il potere d’acquisto dei greci è crollato del 28,3% dal 2008 mentre la bolletta fiscale è salita da 49 a 50 milioni. Le famiglie che vivono in estrema povertà sono il 21% (dati Eurostat), il doppio del 2010. L’importo delle pensioni – tagliate 13 volte – è calato in media del 14% e a inizio 2019 è prevista un’altra sforbiciata. Il settore pubblico ha perso 200.000 posti di lavoro in otto anni. Nel 2017 ben 133.000 persone (+333%) hanno rinunciato all’eredità perché non avevano i soldi per pagare le tasse. La Grecia è una entità astratta. Solo geografica. Come un corpo abbandonato in un vicolo dal vampiro che lo ha prosciugato dell’ultima goccia di sangue. Tale e quale.


La Grecia impiegherà decenni per riprendersi, perché non ha più beni. Né pubblici né privati. Tutto venduto. Svenduto. Francia e soprattutto Germania hanno acquisito a prezzi da Eurospin. La Grecia ha “goduto” di tre tranche di “aiuti” per un totale di circa 240 miliardi di euro usciti dai bilanci di 19 paesi. Sono serviti esclusivamente a mettere in sicurezza le banche tedesche e francesi dall’esposizione in titoli di Stato greci. Intanto emerge che la Germania è stata un grande beneficiario del “programma di salvataggio” della Grecia e ha guadagnato dal 2010 al 2017 in totale 2,9 miliardi dagli interessi, come è emerso dalla risposta del governo tedesco ad un’interrogazione del partito dei verdi. Evviva! Ma non finisce qui. La Troika lascia la Grecia con l’ultimo monito. Oltre a un ulteriore taglio delle pensioni a partire dal 2019 e a ulteriori privatizzazioni (non si sa cosa ci sia ancora da privatizzare) la Grecia deve mantenersi in avanzo primario. Fino al 2060 (per altri 42 anni!!) deve mantenere un avanzo primario del 2%.


(Stefano Alì, “La troika lascia la Grecia: evviva, ma la Grecia non esiste più”, dal blog “Il Cappello Pensatore” del 24 giugno 2018. Mentre i media mainstream salutano la “fine della crisi” per Atene, con la cessazione del commissariamento formale – che la Troika Ue ora affida in esclusiva al governo Tsipras, la Grecia ha perso completamente il controllo su tutte le infrastrutture statali, ha falcidiato salari e pensioni, ha ridotto la popolazione la fame, ha lasciato i bambini senza i necessari medicinali, neppure negli ospedali. Porti e aeroporti non sono più in mani greche, ma straniere. E tutte le reti di servizi, ieri statali, oggi sono private. Tecnicamente, la Grecia “fuori pericolo” non esiste più, come Stato. «Se la Germania avesse dovuto passare ciò che ha passato la Grecia – scrive Efthymis Angeloudis in un post ripreso da “Gli Stati Generali” – una pensione di 1200 euro sarebbe ora ridotta a 750 euro, ad esempio; ci sarebbero 14 milioni di disoccupati, e negli ospedali i pazienti sarebbero costretti a portarsi le bende da casa»).

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/via-la-troika-la-grecia-non-esiste-piu.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Foto NASA di Testing Space di Equipaggiamenti fuori mondo
Sa Defenza 











L'hardware dello spazio è senza ombra di dubbio parlando di alcuni dei pezzi di hardware tra i più interessanti che si trovino in giro.

Per i fanatici di tecnologia e gli appassionati di spazio non c'è niente di meglio che essere in grado di guardare gli scienziati e gli astronauti mentre testano attrezzature che verranno utilizzate fuori dal mondo.

Abbiamo raccolto insieme fotografie della NASA che testano le apparecchiature sulla Terra progettate per essere utilizzate fuori dal nostro mondo.


Il mock-up Suit Moon testato nel deserto del Mojave


Allyn Hazard ha testato il costume per la luna in un cratere di lava nel mezzo del deserto del Mojave. La tuta permette agli astronauti di trasportare cibo e ossigeno con loro e questa fotografia potrebbe essere stata scattata sulla Luna, il paesaggio è così desolato. La fotografia risale agli anni '60 e fu attribuita a Fritz Goro. Hazard proveniva dalla Grumman Aircraft Engineering Corporation.
Test del simulatore di camminata a gravità ridotta




Il simulatore di camminata a gravità ridotta all'interno di un hangar del centro di ricerca di Langley e questa fotografia scattata nel dicembre 1963 mostra un soggetto di prova che si appresta a essere studiato.

Il Lunar Landing Research Vehicle



Il veicolo Lunar Landing Research ha preso il volo di prova nel 1964 presso la base sud Edwards Air Force. La fotografia mostra l' imbarcazione simile a un ragno che viene pilotata dal suo pilota a pochi metri da terra, con l'aspetto di un film di James Bond.

I modelli Lunar Roving Vehicle del 1966




I modelli di veicoli Lunar Roving sono stati progettati da Northrop nel 1966 e la fotografia mostra un modello in scala 1/6 completo di un sistema TV installato. Il sistema consentiva il controllo remoto del veicolo.

Di seguito è riportata una simulazione del veicolo Lunar Roving MOLAB.









Un test di Spacesuit durante la metà degli anni '60




Numerosi test di tuta spaziale sono stati effettuati a metà degli anni '60 e questa foto mostra la tuta in prova.

Buzz Aldrin Test Counter Balancing




La fotografia qui sotto è stata scattata durante i test di Buzz Aldrin sul controbilanciamento per la simulazione dell'assetto neutro. Qui Aldrin viene fotografato indossando scarpe olandesi sull'adattatore per capsule Gemini. I test sono stati effettuati prima del volo Gemini XII nel 1966.



Test della disposizione cardanica extraveicolare one-man




Un astronauta che sperimenta l'OMEGA, altrimenti noto come l'arrangiamento cardivale extraveicolare di un uomo. Il sistema è stato progettato per offrire una libertà di movimento illimitata, progettata attorno a due coppie di cuscinetti di 32 pollici di diametro con alcune delle sfere estratte per fermare l'attrito.

Test del veicolo Pogo




Il veicolo Pogo assume l'aspetto di qualcosa che potrebbe essere visto in una fiera. La foto mostra un astronauta che si adatta a viaggiare sul veicolo di prova presso il gantry Lunar Landing Facility.

Una prova di missione Apollo nel 1968



Apollo 16 Astronauti in posa durante l'allenamento per la missione di sbarco lunare del 1972



Prove dello Space Shuttle Ejection Escape Suit nel 1981



Ames AX-5 Tuta spaziale rigida dal 1990 al 1988 in Test






Test delle attrezzature della FIDO nel deserto del Mojave



La prova di Mars Space Suit



Suits of the Future Testing a Washington nel 2008



Arizona Desert Small Pressurized Rover Testing nel 2009 in Arizona



Prova delle foto della tuta spaziale Artsy degli anni '60













http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/foto-nasa-di-testing-space-di.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Sanzioni Per Gli S-400?  La Turchia Non È Realmente Nella NATO

Joaquin Flores 
Fort-Russ


La vittoria ha mille padri, ma abbiamo un bastardo da sconfiggereQuando divenne chiaro che il governo siriano del governo baathista e Assad non andava via, la coalizione di "sostenitori ribelli" cominciò a ritirarsi. La Turchia ha fatto del suo meglio per trasformare il caos che ha creato in opportunità . La crescente litigio della Turchia con gli Stati Uniti sulla  intenzione di acquistare il tanto ricercato sistema di armi S-400 dalla Russia, non mostra alcun segno di mediazione.
Ma perché gli Stati Uniti avrebbero un problema con l'alleato e membro della NATO, acquisendo armi russe? Non sarebbe utile per essere in grado di vedere come funzionano in condizioni di test ? Per includerli nei giochi di guerra ? Non sarebbe intelligente provare a decodificarli?   Perché  non vogliono che accada?
Perché la Turchia non ha intenzione di lasciare che gli Stati Uniti guardino all'interno dei loro nuovi giocattoli russi , ecco perché. In effetti, a parità di condizioni, sembrerebbe quasi che la Turchia si aspetta che gli Stati Uniti e la NATO abbiano informato i sistemi militari coinvolti nel conflitto. In altre parole, la Turchia vede negli Stati Uniti uno dei suoi principali problemi di sicurezza. Ma questa non è paranoia della Turchia. Una volta che leggi di seguito come esattamente gli Stati Uniti intendono usare il "bastone" per mantenere la Turchia in ordine, ti renderai conto che è assolutamente giustificato. Così in egual maniera per l'alleanza.
Tutti , devono rendersi conto che la Turchia non è più un membro della NATO , almeno non lo è  appieno. Forse gli Stati Uniti credono o sperano che ci sia un futuro con dei lacchè degli Stati Uniti che potrebbe governare al suo posto in Turchia, e riportarla all'ovile. Mentre una rosa è ancora una rosa e avrebbe un profumo dolce sotto qualsiasi nome, l'appartenenza alla NATO per alcuni non corrisponde alla stessa di altri.
Poiché la stessa NATO sembra perdere significato come organizzazione che rappresenta i paesi con un intero elenco di problemi di sicurezza , uno dei più grandi punti di riferimento in questo processo è stato il graduale ritiro della Turchia dalla mappa della NATO. Anche questo, in termini correlati, porta la Grecia in una situazione simile. È molto probabile che il problema regionale sarà la Turchia. Dato che entrambi i paesi sono membri della NATO, annulla l'intera dottrina della sicurezza che la NATO ha venduto a paesi come la Grecia , quando fu istituita.
Ma la Turchia è un egemone regionale, ed è l'ex impero ottomano, uno dei successori dell'impero romano, e ha una storia - come l'Iran - che molto è più che un semplice potere locale. E questo lo pone nella situazione di avere anche alcuni obiettivi irrendetisti e alcune risorse demografiche, tecniche, umane e militari sono molto reali per raggiungere questo obiettivo.

 Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu

Quindi, all'inizio di questo mese, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha criticato Washington per "la creazione di crisi artificiali è lo stile dell'Occidente " (si riferiva alla mossa del Senato per bloccare le forniture F-35 sull'intenzione di Ankara di acquistare i sistemi di difesa aerea S-400 della Russia ), questo non è stato una sorpresa. I legami tra Stati Uniti e Turchia non si sono ancora ripresi dal tentativo di golpe fallito degli Stati Uniti, contro Erdogan. Ciò mantiene le relazioni tese, e non abbiamo visto molto in termini di un riavvicinamento.
Il peggio lo ha detto martedì, l'Assistente del Segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici Wess Mitchell , che sarebbe difficile ripristinare i rapporti tra Stati Uniti e Turchia se quest'ultimo  acquistasse i sistemi di difesa aerea S-400  russi. Nel tono atteso con piena arroganza imperiale, Mitchel ha comunicato, al Comitato per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti, quanto segue:
"Abbiamo chiarito che se la Turchia compra gli S-400 ... ci saranno conseguenze. Introdurremo delle sanzioni all'interno della Controversia dell'American Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA) , "
In altre parole, le sanzioni anti-Russia degli Stati Uniti saranno applicate alla Turchia, nel tentativo di "contrastare gli avversari dell'America ".
Mitchell ha anche ricordato al suo "alleato" che gli Stati Uniti mantengono la possibilità di trattenere il trasferimento di aerei da combattimento F-35 in Turchia per problemi di sicurezza nazionale se Ankara decidesse di acquistare gli S-400.
"Riteniamo che  le autorità legali esistenti ci consentirebbero di sospendere i trasferimenti [di apparati e tecnologie] in determinate circostanze, comprese nelle preoccupazioni per la sicurezza nazionale", ha dichiarato Mitchell al Comitato per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti.
Ma l'F-35 è infatti un caccia multiruolo , con una lista infinita di problemi noti. Uno qualsiasi di questi problemi noti sarebbe, per la maggior parte degli eserciti che prendono la decisione di averlo nella forza armata di uno stato veramente sovrano, sarebbe di congelare qualsiasi trasferimento o vendita potenziale. Il possesso di questi F-35 molto costosi è di per sé una grande responsabilità.
Ma i termini della risposta degli Stati Uniti in questa precisa congiuntura, secondo le parole di Mitchell, le prospettive di cooperazione militare-industriale turca con gli Stati Uniti sarebbero ulteriormente compromesse se si acquistassero i sistemi di difesa aerea S-400.
L'accordo tuttavia è già stato finalizzato e persino lo scorso aprile l'esportatore di armi dello stato russo noto come Rosoboronexport ha affermato che la Russia aveva già iniziato a costruire i sistemi S-400 per la Turchia.
L'accordo Russia-Turchia ha ovviamente provocato divergenze tra Ankara e Washington, con quest'ultimo che minacciava di imporre sanzioni contro il primo, poiché gli Stati Uniti ritengono che l'arma sia incompatibile con le difese della NATO.
Giusto per essere sicuri di comprendere questo diritto: gli Stati Uniti valutano il loro rapporto con la Turchia e non vogliono perdere la Turchia come partner regionale. Quindi, in risposta alla diversificazione della tecnologia militare da parte della Turchia, gli Stati Uniti minacciano di allontanarlo ulteriormente . Ancora una volta, la Turchia non potrebbe acquistare un'arma di difesa aerea molto utile e all'avanguardia, di controcanto  gli Stati Uniti non venderanno alla Turchia un'arma d'attacco aereo piuttosto inutile e costosa.
È quasi come se gli Stati Uniti stessero facendo del loro meglio per spingere la Turchia il più lontano possibile. Ecco alcuni titoli dell'ultimo anno o giù di lì, che si concentrano su questo argomento:
In conclusione, visto che l'arrivo dell'S-400 in Turchia sta frustrando l'establishment militare statunitense e questo in risposta, e che la "cosa" pubblica e ovvia che gli Stati Uniti hanno sul tavolo con cui negoziare è l'F-35 come unica 'carota', mentre tutto il resto è un "bastone" CAATSA, considerato il tutto , sembra che gli Stati Uniti abbiano una posizione contrattuale molto debole. 
 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!