venerdì 30 novembre 2018

Riguardo Alla Tensione Tra Russia e Ucraina, L'ammiraglio Britannico Consiglia Missione Con Cacciatorpediniere ...

Sa Defenza 



LONDRA, Regno Unito - Emergono  commenti dell'ammiraglio britannico sul contesto delle crescenti tensioni tra Russia e Ucraina dopo che tre navi hanno attraversato illegalmente il confine russo.

Parlando con il Daily Star Online, l'Ammiraglio Lord Alan West ha detto che l'invio di una nave di sorveglianza della Royal Navy britannica in Ucraina come contrappeso alla Russia non sarebbe un'idea intelligente, suggerendo l'invio di un cacciatorpediniere Tipo 45.

"Se stiamo inviando una nave in un'area che potrebbe divenire un conflitto, sarebbe sensato inviare una nave che possa badare a se stessa e che possa combattere", ha detto l'Ammiraglio.

Ha anche avvertito che le azioni della NATO potrebbero alimentare le tensioni nella regione in seguito all'incidente nello stretto di Kerch.

"Bisogna meditare molto attentamente a schierare forze militari vicino alla Russia. Se inviamo un'enorme forza NATO in prossimità dei confini russi sarà vista come una misura aggressiva - ma potremmo avere un numero limitato di navi che si occupano di gestire la libertà di navigazione ", ha detto l'ammiraglio, senza rendersi conto dell'ironia che anche questo sarebbe visto allo stesso modo , aggressivo.

La realtà è che alla NATO manca la coesione e la volontà di unirsi attorno a questa missione, coinvolgendo allo stesso tempo elementi della flotta dei suoi Stati membri nel Mediterraneo orientale che circondano il conflitto siriano. La NATO non è ufficialmente coinvolta nel conflitto siriano, mentre diversi Stati membri come Inghilterra e Francia gli Stati Uniti e Israele stanno assistendo  .

La scorsa settimana, il segretario alla Difesa britannico Gavin Williamson ha annunciato che Londra avrebbe inviato più truppe e una nave della Royal Navy in Ucraina per difendere la "libertà di navigazione".

"Finché l'Ucraina affronterà le ostilità russe, troverà un partner risoluto nel Regno Unito", ha riferito alla sua controparte ucraina.

In risposta all'incidente, l'ufficio del primo ministro britannico Theresa May ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna l'atto di aggressione della Russia.

"Condanniamo l'aggressione della Russia nel sequestro di tre navi ucraine e del loro equipaggio. Questo incidente fornisce ulteriori prove del comportamento destabilizzante della Russia nella regione e della sua continua violazione dell'integrità territoriale ucraina ", si legge nella nota.

Il presidente russo Vladimir Putin ha definito l'incidente nello stretto di provocazione di Kerch, osservando che tra i membri degli equipaggi delle navi ucraine che hanno violato il confine russo c'erano due agenti dei servizi segreti ucraini che di fatto hanno guidato questa operazione speciale.

Domenica, tre navi della Marina ucraina, in violazione degli articoli 19 e 21 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, hanno attraversato il confine marittimo russo.

Le navi entrarono nella zona d'acqua che è stata  temporaneamente chiusa e hanno portato a termine manovre pericolose per diverse ore senza rispondere alle richieste delle navi russe che accompagnavano le navi ucraine.

Di conseguenza alla mancata risposta e continua provocazione, è stata presa la decisione di utilizzare le armi e arrestare le navi ucraine. Durante l'incidente, tre ufficiali militari ucraini sono stati leggermente feriti ma non corrono pericolo di vita. La Russia ha aperto una istruttoria penale contro i  militari ucraini per aver violato il confine.




https://sadefenza.blogspot.com/2018/11/riguardo-alla-tensione-tra-russia-e.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

giovedì 29 novembre 2018

Dove Cercare Asilo Nell'eventualità Di Una Terza Guerra Mondiale? Ecco Una Lista Dei Paesi Più Sicuri

 Sa Defenza 


Di recente un'organizzazione internazionale ha preparato un elenco di paesi, in cui le persone godrebbero di maggiore sicurezza e protezione. Ed è in questi luoghi che sarebbe meglio essere nel caso di un conflitto militare mondiale.

Esperti di International SOS e Control Risks -  leader mondiali nei servizi di sicurezza medica e internazionali - hanno pubblicato una mappa sui rischi di viaggio per l'anno 2019, che copre l'intero globo, e mostra anche i paesi più sicuri al mondo.




La mappa del mondo, che stabilisce vari livelli di rischio contrassegnati dal colore, ha diversi fattori, come la qualità delle cure mediche, il livello di criminalità, il grado di minaccia terroristica e gli standard di sicurezza del traffico.

Secondo il portale britannico Express, uno dei migliori paesi per chiedere asilo in caso di terza guerra mondiale è il piccolo stato del Liechtenstein, principalmente a causa della sua posizione tra l'Austria e la Svizzera, che sono anche considerati paesi sicuri.

In termini di sicurezza, il Liechtenstein è il paese con bassi livelli di criminalità e un alto numero di agenti di polizia, ha detto il portale.

Un'altra destinazione sicura è la Groenlandia, una delle isole più grandi del mondo, politicamente costituita come regione autonoma appartenente al Regno di Danimarca (anch'essa molto apprezzata come stato sicuro). Nel caso della Groenlandia, l'alto livello di sicurezza in questa regione risiede nella sua lontananza dai luoghi a rischio di conflitto.

Inoltre, l'elenco include l'Islanda, spesso considerata un paese neutrale, in cui il livello di criminalità è uno dei più bassi del mondo. Tuttavia, questo paese è tra i più costosi insieme al Lussemburgo.

Altri paesi menzionati in cui il rischio per la sicurezza è molto piccolo sono il Lussemburgo, la Norvegia e la Finlandia.

Nel frattempo, il Medio Oriente (in particolare la Siria, l'Iraq, lo Yemen e l'Afghanistan) e alcuni paesi africani (come Libia, Mali, Somalia, Sudan) sono considerati regioni molto pericolose.



Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

ELON MUSK: "E' MOLTO PROBABILE CHE L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE DISTRUGGA L'UMANITA'..."


Ivan
ancient-code
SA DEFENZA 

Nonostante il fatto che in molti accolgano l'intelligenza artificiale (IA) come il prossimo passo per la nostra civiltà, ci sono molti esperti in materia che hanno emesso un forte allarme sulla IA.

Elon Musk, fondatore delle due aziende  Tesla e SpaceX sostiene che l'Intelligenza Artificiale è molto probabile che sia una minaccia per le persone.

L'uomo che dirige le aziende SpaceX e Tesla volevano che una manciata di grandi aziende finissero per controllare i sistemi di IA con un livello di potenza "estremo".

Questo, secondo Musk, non è una buona idea e può risultare estremamente pericoloso per la nostra civiltà.

"Forse c'è una probabilità del 5-10% di successo [di rendere l'intelligenza artificiale sicura]", ha detto al personale di Neuralink dopo aver mostrato loro un documentario sull'intelligenza artificiale, riferisce la rivista Rolling Stone .

Mr. Musk avverte che dobbiamo procedere con attenzione quando si tratta di AI, e abbiamo chiesto alle compagnie che sviluppano sistemi di IA di rallentare al fine di garantire che non creino involontariamente qualcosa di estremamente pericoloso per gli umani.

"Tra Facebook, Google e Amazon - e probabilmente Apple- , sembrano preoccuparsi della privacy , ma hanno più informazioni su di te di quanto tu stesso possa ricordare", ha detto a Rolling Stone.
"C'è  rischio molto alto nella concentrazione del potere. Quindi, se l'AGI [intelligenza artificiale in generale] rappresenta un livello estremo di potere, non dovrebbe essere controllato da poche persone su Google senza essere sorvegliata, non vi pare? "

E probabilmente Musk ha ragione, sai, non possiamo lasciare una tecnologia potenzialmente pericolosa per la civiltà nelle mani di poche aziende, giusto? Questo è il motivo per cui Mr. Musk crede che dovremmo regolare proattivamente lo sviluppo dell'IA.

 L'ultima volta che Mr. Musk ha parlato delle minacce che rappresenta l'intelligenza Artificiale ha detto:   "Ho un'esposizione all'IA più all'avanguardia e penso che le persone dovrebbero essere veramente preoccupate. Continuo a suonare il campanello d'allarme ma fino a quando la gente non vedrà i robot andare in strada a uccidere la gente, non sapranno come reagire perché ora sembra etereo ".

Il presidente della Russia, Vladimir Putin condivide, in parte, la sua opinione, ma allo stesso tempo la vede come una "opportunità colossale".

In una dichiarazione agli studenti, il leader russo ha affermato che qualsiasi paese che conduce la ricerca sull'intelligenza artificiale dominerà il pianeta.

L'IA è un grande potenziale sia nel bene che nel male

Putin non può renderlo più chiaro e assicura che "l'intelligenza artificiale è il futuro, non solo per la Russia ma per tutta l'umanità".

Voleva anche avvertire dei possibili pericoli che, come sappiamo, sono difficili da prevedere:

L'intelligenza artificiale offre opportunità colossali, ma anche minacce difficili da prevedere.

Questa tecnologia aiuterà a progredire nella ricerca medica e in tutti i tipi di industria, ma il vero timore è che possa essere anche la chiave, in termini, di una possibile futura guerra, ha avvertito Putin.

Subito dopo le dichiarazioni di Putin, Elon Musk ha usato il suo account Twitter per chiarire che è molto preoccupato, assicura che la forte competizione per la superiorità di IA porterà verso la terza guerra mondiale.



China, Russia, soon all countries w strong computer science. Competition for AI superiority at national level most likely cause of WW3 imo.

22.2K people are talking about this


May be initiated not by the country leaders, but one of the AI's, if it decides that a prepemptive strike is most probable path to victory

2,275 people are talking about this

https://sadefenza.blogspot.com/2018/11/elon-musk-e-molto-probabile-che.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

mercoledì 28 novembre 2018

PUTIN ACCUSA  DIRETTAMENTE  POROSHENKO DI AVER ORGANIZZATO LA PROVOCAZIONE NEL CANALE DELLO STRETTO DI KERCH 

Joaquin Flores





MOSCA, Federazione Russa - Con un'audace mossa diplomatica, che senza dubbio porterà conseguenze, il presidente russo Vladimir Putin accusa il leader ucraino Petro Poroshenko di aver organizzato una provocazione nello Stretto di Kerch.
"Ci sono chiari segni di una provocazione preparata in anticipo, progettata per usare questo come pretesto per imporre la legge marziale nel paese. Non ha nulla a che fare con i tentativi di regolare le relazioni tra Russia e Ucraina. Questo è un gioco dell'esasperazione ", ha detto il presidente, parlando al forum VTB Capital" La Russia chiama! ”.

Ha ricordato che le navi ucraine sono entrate nelle acque territoriali russe, che erano tali anche prima dell'annessione della Crimea.

"Senza rispondere alle richieste delle nostre guardie di frontiera, sono andati  direttamente verso il ponte. Non hanno reagito alle richieste di aspettare nell'area di attesa, gli è stato ordinato di tornare nell'area di attesa - anche dopo aver violato il nostro confine di stato, ma, sono rimasti in silenzio, e non hanno risposto ", ha aggiunto il presidente.

Le guardie di frontiera russe, come ha osservato dal capo dello stato, stavano facendo il loro dovere. "E come dovrebbero agire le guardie di frontiera? Quando navi militari invadono le acque territoriali della Federazione Russa e non rispondono, non è chiaro che cosa vogliono fare. Come dovrebbero agire? Se avessero agito in modo diverso, [le guardie di frontiera] sarebbero stati consegnati tutti alla giustizia ", ha detto Putin.

Gli esperti concordano ampiamente sul fatto che la provocazione di Poroshenko avesse lo scopo di provocare proprio la reazione russa che gli avrebbe dato il capitale politico per chiedere lo stato di legge marziale. È stato in grado di ottenere questo risultato dopo un combattimento con la Rada, arrivando a una condizione di compromesso la legge marziale per 30 giorni, e limitata a determinate regioni.

l'immagine riguarda la provocazione messa in atto dalla Marina Militare ucraina nello stretto di Kerch vicino al nuovo ponte che collega la Russia alla penisola della Crimea


Medvedev: "È Ovvio" - Poroshenko Non Ha alcuna Possibilità Di vincere le Elezioni

fort-russ 

MOSCA, Russia - Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha detto oggi che il presidente ucraino Petro Poroshenko non ha alcuna possibilità di vincere le elezioni in Ucraina il prossimo anno. E accade che quando il presidente ucraino ha imposto alla Rada la condizione di legge marziale "limitata" di 30 giorni, che sia gli analisti che i critici sono d'accordo nel dire che serva per migliorare le probabilità di restare al potere, tramite qualsiasi  meccanismo utile da giocare.

"È ovvio che l'attuale presidente Poroshenko non ha possibilità di vincere le elezioni da come stanno le cose al momento, e potrebbe non avere la possibilità di passare al secondo turno", ha detto Medvedev ai giornalisti.

Medvedev ritiene che le provocazioni dell'incidente nello stretto di Kerch siano state motivate per avere quei vantaggi politici che servono a Poroshenko per vincere.

Il primo ministro russo ha anche detto che l'incidente potrebbe portare a problemi economici per l'Ucraina.

"Ovviamente, questo incidente è un'ulteriore complicazione dei procedimenti in corso in Ucraina", ha affermato. "Ciò creerà seri problemi per l'economia ucraina", aggiunge, ed è ovvio che sia dannoso per le relazioni tra Russia e Ucraina.

Domenica, tre navi ucraine - Berdyansk, Nikopol e Yany Kapu - sono entrate illegalmente nel confine marittimo della Russia e sono state arrestate dalla marina russa.

In seguito, il servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha dichiarato che le navi, che hanno tentato di utilizzare lo stretto di Kerch come ingresso al Mar d'Azov, dove le navi sono state messe in stato di detenzione dalla Russia, perché non hanno risposto ai requisiti legali di Stop.

Per il ministero degli Esteri russo, le azioni delle navi ucraine erano una provocazione e una violazione del diritto internazionale.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato durante un'intervista che potrebbe annullare il suo incontro con il presidente russo Vladimir Putin, programmato per la riunione del G20 in Argentina a causa dell'incidente navale che ha coinvolto Russia e Ucraina nello stretto di Kerch.

Trump ha anche detto di aver richiesto un rapporto completo dalla sua squadra di sicurezza nazionale che dettagli le azioni di domenica della Russia nel Mar Nero.

Il martedì precedente, la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha detto in una conferenza stampa che Trump prevede di tenere diversi incontri bilaterali durante il vertice del G20. Nel suo discorso ha citato, tra gli altri, l'incontro con il presidente Putin.

*****







Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
L’ENORME RAZZIA DI OPERE D’ARTE FATTA IN ITALIA DA FRANCIA NAPOLEONICA E GERMANIA NAZISTA. PRIMA DI DAR LEZIONI DI EUROPEISMO RESTITUISCANO QUELLE MERAVIGLIE CHE RACCHIUDONO LA NOSTRA IDENTITA’

Antonio Socci  

“E credo che per ristabilire l’amicizia europea, sarebbe bene che – prima di tutto – i ladri restituissero la refurtiva”

Così tuonò Piero Calamandrei, nel suo storico discorso del 1951, a Londra, parlando delle “Opere d’arte in Italia e la guerra”.


Chi sono stati coloro che hanno “spogliato” l’Italia trafugando i suoi tesori? 


Anzitutto Germania e Francia, proprio quei paesi che oggi pretendono di insegnare l’europeismo e di condannare gli italiani come “nazionalisti” perché cercano di difendere i loro interessi.


Due volte hanno provato con le armi e il sangue a “unire l’Europa” sotto il loro dominio: prima con Napoleone e poi con Hitler. In entrambi i casi sono venuti in Italia a massacrare e derubare i nostri immensi tesori d’arte (che poi sono la nostra anima e la nostra identità).


Chi oggi vuole davvero “fare l’Europa” dovrebbe cominciare a chiedere – con Calamandrei – la restituzione della “refurtiva”. Ma non facciamoci illusioni. In questa Europa all’Italia si riservano solo attacchi. A noi nessuno restituisce alcunché.


Il British Museum di Londra ha appena deciso di far tornare in Nigeria (non definitivamente peraltro) i Bronzi del Benin, un’enorme quantità di oggetti artistici che gli inglesi si presero nel 1897.


Analoghe rivendicazioni arrivano da altre parti del mondo. Per esempio la Grecia chiede la restituzione dei marmi del Partenone portati via dall’Acropoli, verso Londra, nell’Ottocento. E l’Egitto vuole la restituzione della preziosa Stele di Rosetta che fu “presa” dall’esercito napoleonico e poi ceduta alla Gran Bretagna


Proprio la Francia napoleonica è, storicamente, fra i peggiori trafugatori di tesori artistici altrui. Ora a Parigi, una commissione insediata da Macron, ha raccomandato la restituzione delle opere portate in Francia nel periodo coloniale. Ma si tratta, appunto, delle razzie fatte in Africa (circa 46 mila pezzi).


Ciò che muove queste “restituzioni” è l’ideologia “politically correct” che alimenta i sensi di colpa delle potenze occidentali per il loro passato colonialista in Africa.

Ma all’Italia nessuno pensa di restituire nulla. L’Italia, che è lo scrigno più prezioso del mondo, dove la Francia napoleonica e la Germania nazista sono venute a fare razzia, non è nemmeno presa in considerazione.

Ogni tanto c’è da parte nostra qualche isolato sussulto. 


Proprio nei giorni scorsi il tribunale di Bologna ha disposto la confisca di otto opere di Tiziano, Tintoretto, Carpaccio e Veneziano – oggi esposte al museo nazionale di Belgrado – perché durante l’occupazione tedesca furono sottratte a una famiglia fiorentina dal gerarca nazista Hermann Göring e finirono, dopo la guerra, in Serbia. Ma quante speranze ci sono di riaverle?


D’altronde questa è solo la punta dell’iceberg. Salvatore Giannella, nel libro “Operazione salvataggio” (Chiarelettere), c’informa che “restando solo ai beni trafugati in Italia durante il fascismo e la Seconda guerra mondiale, l’elenco è lunghissimo. Non sono mai tornati almeno 1653 pezzi: 800 dipinti, decine di sculture, arazzi, tappeti, mobili, strumenti musicali, tra cui violini Stradivari, e centinaia di manoscritti”.


E stiamo parlando di “capolavori di Michelangelo, del Perugino, di Marco Ricci, oltre a sculture greche e romane e a tavole di primitivi di ottima fattura”.

Molte opere furono recuperate dopo la guerra e si tratta di autori come Leonardo, Michelangelo, Masaccio, Botticelli, Tiziano, Raffaello e Pollaiolo.

Ma oggi sembra che nessuno si occupi più di quei “prigionieri di guerra”. Anzi, probabilmente è proprio per un malinteso “spirito europeista” che negli anni scorsi si è voluto evitare di riaprire il problema (non sia mai che l’Italia difenda i suoi diritti), così restano da recuperare – come si è detto – quasi duemila pezzi di cui, talora, si sono completamente perse le tracce.


C’è poi il capitolo francese. Dopo le immani distruzioni di chiese monasteri e opere d’arte perpetrate dalla Rivoluzione francese, Napoleone – con il suo progetto di conquista dell’Europa – varò anche uno dei più colossali piani di rapina di oggetti artistici che si ricordi. L’Italia fu, ovviamente, la vittima principale della razzia.


Paul Wescher nel suo prezioso libro I furti d’arte. Napoleone e la nascita del Louvre” (Einaudi) descrive questo colossale ladrocinio che produsse “il più grande spostamento di opere d’arte della storia”, e che provocò anche immensi danni: “è difficile stabilire con esattezza quante opere d’arte di valore unico andarono distrutte o disperse in quei giorni”, scrive Wescher.


Impressionanti le pagine in cui racconta “il sistematico saccheggio di Roma”, oltre a quello di Torino, Napoli, Venezia e Firenze.


Dopo la sconfitta di Napoleone anche gli stati italiani cercarono di tornare in possesso delle opere “sequestrate”. Ma, a quanto pare, “su 506 dipinti di provenienza italiana, ben 248, ossia circa la metà, rimasero in Francia, e buona parte di questi provenivano dagli Stati della Chiesa”.


Fanno bella mostra di sé al Louvre e non solo. L’Italia da anni tace e acconsente. Questo è l’europeismo che piace a francesi e tedeschi.

.
Antonio Socci

Da “Libero”, 25 novembre 2018


https://sadefenza.blogspot.com/2018/11/lenorme-razzia-di-opere-darte-fatta-in.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

lunedì 26 novembre 2018

BENJAMIN FULFORD. Inizia la nuova era; dopo 250 anni termina la regola dei Rothschild 

Sa Defenza.


L'annuncio del 24 ottobre 2018 da parte dei Rothschild & Co firmano un accordo per la vendita delle  attività fiduciarie (ad esempio, la gestione del denaro altrui) è un importante punto di svolta storico che è quasi passato inosservato. 


https://www.rothschildandco.com/en/newsroom/press-releases/2018/10/24/rothschild-and-co-signs-agreement-sale-of-trust-business/


Fu nel 1769 che Mayer Rothschild, il fondatore della dinastia, iniziò a gestire i soldi delle famiglie reali. Ora, sette generazioni dopo, il suo discendente Alexandre de Rothschild è stato costretto ad abbandonare l'attività da molteplici indagini penali internazionali che si stanno concentrando su questa famiglia di criminali, sostengono fonti del Pentagono. Significa che per la prima volta in 249 anni, il sistema finanziario occidentale si sta liberando dal controllo finanziario dei Rothschild.


In particolare, l'arresto dei banchieri Goldman Sachs nello scandalo 1Malaysian Development significa che il coinvolgimento dei Rothschild sta per essere svelato, dicono gli investigatori francesi e altre fonti. 


https://en.wikipedia.org/wiki/1Malaysia_Development_Berhad_scandal

Questo complicato scandalo coinvolge Hillary Clinton, Barack Obama, la famiglia dei reali sauditi e molti altri, ma alla fine la pista conduce sempre ai Rothschild, dicono gli investigatori. Condurrà inevitabilmente al massacro del volo Malaysian 370/17 e al ricatto nucleare G20, secondo fonti della CIA. Questo è il motivo per cui i Rothschild sono costretti a lasciare il business della attività fiduciarie, secondo gli investigatori.

Tuttavia, una fonte CIA con connessioni Rothschild minimizza questo sviluppo, e dice "La mano sinistra va incontro alla mano destra" e indica questa parte del comunicato stampa:

"Questa acquisizione è guidata da Richard Martin, senior executive di Rothschild & Co, con il sostegno finanziario di un investitore esperto".

In altre parole, il ramo francese della famiglia, sottoposto a un severo attacco, ha ceduto l'azienda al ramo svizzero o britannico della stessa famiglia, dice.

Ciononostante, l'ex ufficiale delle operazioni della CIA, Robert David Steele, afferma che i Rothschild sono stati costretti ad abbandonare del tutto fondamentali attività del settore bancario, anche se hanno chiesto di poter mantenere un gettone del 5%. 


https://beforeitsnews.com/v3/prophecy/2018/2501233.html

In effetti, un segno molto visibile della caduta della grazia dei Rothschild francesi è arrivato con l'arresto della scorsa settimana del presidente della Nissan Carlos Ghosn. Ghosn è stato arrestato ufficialmente per motivi fiscali, ma  il suo arresto è stato per motivi militari, secondo fonti del Pentagono e della società segreta asiatica. Fonti del Pentagono dicono che l'arresto di Ghosn è "una mossa per fermare la fusione Renault-Nissan, indebolire [il presidente francese Emmanuel] Macron per ridurre l'influenza dei Rothschild in Giappone".

Fonti della società segreta asiatica, da parte loro, sostengono più specificamente che i francesi stavano cercando di assumere il controllo completo dell'Alleanza Renault / Nissan / Mitsubishi per rubare i segreti militari giapponesi e statunitensi. Mitsubishi Motors, è parte dell'alleanza automobilistica Nissan / Renault, faceva parte in passato della Mitsubishi Heavy Industries (MHI)


https://www.mhi.com/products/defense/

L'MHI è il principale produttore militare del Giappone, e i comandanti della settima flotta statunitense hanno organizzato l'arresto di Ghosn e la successiva caduta al fine di impedire ai francesi di accedere alla sua tecnologia tramite Mitsubishi Motors, affermano le fonti asiatiche.

Ricordatevi che l'ex banchiere dei Rothschild, il presidente schiavo francese Emmanuel Macron, ha recentemente chiesto un esercito europeo per difendere l'Europa da "Russia, Stati Uniti e Cina". Ricordatevi anche che all'inizio dell'anno il presidente degli Stati Uniti Donald Trump definiva "l'UE il principale nemico degli Stati Uniti.


Https://www.cbsnews.com/news/donald-trump-interview-cbs-news-european-union-is-a-foe-ahead-of-putin-meeting-in-helsinki-jeff-glor/

Questa lotta pubblica tra l'UE e il governo degli Stati Uniti è un segno visibile della battaglia in corso per il controllo mondiale, mettendo in ginocchio le 13 stirpi reali e il loro stato totalitario dell'UE contro gli Gnostici Illuminati  anti-lignaggio che controllano il complesso militare-industriale statunitense, dicono fonte degli Illuminati.

Un altro segno visibile di questo conflitto è l'enorme e violenta rivolta anti-Macron in Francia
Poiché i tre quarti della popolazione francese sostengono le attività anti-Macron, puoi essere sicuro che la pressione contro questo presidente eletto fraudolentemente aumenterà, specialmente ora che i suoi capi Rothschild stanno perdendo potere.

In ogni caso, il tentativo da parte dei francesi di rubare i segreti militari giapponesi ha anche trasformato il Mitsubishi Group,  principale sostenitore del primo ministro giapponese Shinzo Abe, nei confronti del ministro delle finanze Taro Aso, secondo i membri del clan Iwasaki proprietario di Mitsubishi.

La figlia di Aso è sposata con Alexandre de Rothschild e Aso ha venduto i diritti sull'acqua giapponesi a Veolia, una società legata al genero Rothschild, dicono i giapponesi di destra. Ora, sia Mitsubishi che ci nazionalisti sono schierati contro lui, Aso è un uomo condannato, dicono le fonti.

I Rothschild francesi erano anche intimamente coinvolti nell'incidente dell'omicidio di massa e dello tsunami di Fukushima dell'11 marzo 2011, secondo fonti della famiglia Rothschild britannica e fonti di destra giapponesi.

Un altro uomo condannato è il CEO di Softbank, Masayoshi Son, dicono fonti asiatiche della società segreta. Non è ancora chiaro quale scusa verrà usata per abbatterlo, ma il suo coinvolgimento con le elezioni giapponesi e il micidiale Principe ereditario saudita (o, più esattamente, i suoi maestri burattinai) significa che il suo tempo si è esaurito.

Le fonti  della società segreta asiatica, da parte loro,  dicono che i grandi cambiamenti in Giappone avverranno dopo maggio del prossimo anno, quando il nuovo Imperatore ascenderà formalmente il trono. Le fonti spiegano che è necessario il sigillo speciale o il taglio dell'Imperatore per mettere in pratica queste modifiche. Mentre le fonti erano vaghe su che cosa esattamente sarebbe successo, hanno messo in chiaro che l'Asia non si lascerebbe più dividere artificialmente dagli intrighi occidentali. Quindi è una buona ipotesi che, dopo l'unificazione coreana, sia in corso anche il rientro pacifico e amichevole alla Cina di Taiwan. Fiorirà sicuramente l'amicizia tra giapponesi e cinesi, dicono le fonti.

Anche le fonti della società segreta asiatica sostengono  pienamente l'idea che la civiltà occidentale è come una bella donna infetta dalla sifilide. Per sifilide si intende, ovviamente,  la mafia Khazariana. Questo è il motivo per cui sostengono la campagna in corso per rimuovere questa infezione dalla politica del corpo occidentale.

Il rapporto di 28 pagine al link qui sotto, che espone il Consigliere speciale Robert Mueller e altri, sono un esempio dettagliato dei crimini orribili che la mafia del Khazariana ha fatto con altri. 


https://www.docdroid.net/eVAAjIq/doj-ig-memo-mueller-bribery-extortion.pdf

Quest'ultima esposizione è solo una piccola parte della battaglia che ancora infuria negli Stati Uniti e in tutto il mondo occidentale. La battaglia rimane la più feroce negli Stati Uniti con l'epurazione in corso dell'FBI, il Dipartimento di Giustizia (DOJ), la CIA, il complesso militare-industriale, il sistema politico, ecc.

A proposito, l' "accarezzzare" l'ex generale della CIA e della NSA, Mike Hayden, potrebbe servire a mettere a tacere gli anti-Trump nella comunità dei servizi segreti militari e "indurre gli altri a rassegnare le dimissioni o a ribaltare ", affermano fonti del Pentagono. Hayden era uno degli agenti operativi dietro l'omicidio di massa di Fukushima, dicono fonti di intelligence militari giapponesi.

La rimozione di satanisti come Hayden renderà più facile la pulizia del sistema giudiziario americano mentre si preparano a gestire gli arresti di massa in corso, dicono fonti della CIA. Se non credi che gli arresti siano già iniziati, non stai collegando i punti. Dai un'occhiata a questo link, ad esempio, per vedere come viene ripulito lo stato della famiglia criminale di Clinton in Arkansas. 

https://www.coreysdigs.com/clinton-foundation/arkansas-swamp-bleeds-as-clintons-circle-the-drain/

Mentre il sistema politico e giudiziario viene ripulito, i bravi ragazzi si preparano a una massiccia guerra contro l'industria "farmaceutica", dicono fonti del Pentagono. Su questo fronte, "Big Pharma ha richiamato nella prima fatale battaglia mortale, il consigliere per i prezzi dei farmaci del Department of Health and Human Service, Daniel Best, seguito da Pfizer che annuncia in modo provocatorio un aumento dei prezzi nel gennaio 2019", dicono le fonti. "Quindi", continuano, "si aspettano che Trump e il Congresso inizino un approccio del tutto pubblico nel reprimere il cartello delle aziende farmaceutiche." Raccomandiamo che inizino con i raid nell'American Medical Association prima che distruggano  più prove di quante già ne abbiano.

Inoltre, al di fuori degli Stati Uniti, l'Interpol sarà ancora usato per abbattere i Khazariani in tutto il mondo, nonostante il fatto che il maggiore generale russo Alexander Prokopchuk non sia stato eletto, come abbiamo erroneamente segnalato la scorsa settimana,  come nuovo capo dell'Interpol, dicono le fonti del Pentagono . "Le elezioni dell'Interpol potrebbero essere state truccate per favorire un coreano che abbassasse il profilo della Russia e tenesse a bada la cabala", spiegano. Ma aggiungono: "Il neo-eletto capo Kim Jong-yang prenderà ordini dall'intelligence americana e collaborerà con il vicepresidente Prokopchuk".

I russi stanno finalmente facendo le mosse, sebbene, in ritardo contro il fallito stato nazista in Ucraina catturando tre navi da guerra ucraine durante il fine settimana. Ciò ha spinto il presidente ucraino Petro "Porky" Poroshenko a dichiarare la legge marziale. Questo è ciò che una fonte della CIA ha detto di Porky: "Ha finito il suo tempo, proprio come Bibi [il primo ministro Benjamin] Netanyahu di Israele ha finito il suo tempo; entrambi sono criminali di guerra che saranno assicurati alla giustizia, in un modo o nell'altro ".

Mentre la rimozione, della mafia Khazariana, dal potere mondiale continua, possiamo aspettarci un domino con Netanyahu, Macron, Porky e Aso per rovesciare e finalmente consegnare i loro burattinai  Rothschild alla giustizia. Vendere le proprie  attività di affari fiduciarie è troppo poco, troppo tardi per questa famiglia criminale.

Alla fine della giornata, il mondo scoprirà il loro intimo coinvolgimento con la Seconda Guerra Mondiale, l'Olocausto e molti altri orribili crimini contro l'umanità.
*****
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!