mercoledì 28 settembre 2011

dipinto di Moreno Cotza


di Gian Luigi Deiana

Si apre una nuova pagina nel percorso di Sinistra Critica Sarda. Il coordinamento sardo dell’organizzazione - riunito il 10 settembre a Ghilarza - ha deciso all’unanimità di formalizzare la scelta di una posizione politica indipendentista. Il documento costituisce il frutto e allo stesso tempo la base di un lavoro politico di analisi e di pratica che è stato condotto in questi anni e che sarà approfondito, sviluppato e articolato nei prossimi mesi.

1: PERCHE’ UNA POSIZIONE INDIPENDENTISTA. - L’assunzione di una posizione indipendentista non viene da una valutazione di fase ma si fonda sulla realtà di un processo storico e sul suo esito attuale. In particolare: prima il rapporto tra la Sardegna e il Piemonte, poi il rapporto tra la Sardegna e il regno d’Italia, poi il rapporto tra la Sardegna e la repubblica italiana e infine il rapporto tra la Sardegna e l’assetto italo-europeo del neoliberismo. In termini cronologici si tratta di quattro distinte statuizioni del rapporto coloniale: 1719-1861; 1861-1945; 1945-1991; 1991-2011. Per tutto il corso del processo, che si avvia ormai a toccare i tre secoli, il filo conduttore è stato ed è e nel caso sarà il colonialismo interno, una specie di colonialismo straccione sia per chi lo ha imposto che per chi lo ha subìto. Tuttavia questo tri-secolare cordone ombelicale con l’Italia non si è condotto da solo, si è bensì svolto e nutrito svolgendo e nutrendo insieme il rapporto di classe interno alla Sardegna: prima il privilegio feudale, poi le sotto-borghesie mediatrici del regno, poi i ceti amministrativi e dirigenti locali della repubblica, e infine gli attuali replicanti regionali del neoliberismo.

2: POSSIAMO NON DIRCI ITALIANI? - Dentro questo particolare modello di subalternità la Sardegna oltre ad avere perso ha anche guadagnato, nel senso che per questa via, nel bene e nel male, è entrata nella modernità. Ha sperimentato, anche se a singhiozzo, una stagione di riformismo piemontese che ha contribuito a generare lo spirito della rivoluzione antifeudale (1770-1800); ha maturato una capacità popolare ed intellettuale reattiva rispetto al cedimento di classe rappresentato dalla “fusione perfetta” (1848-1878); non si è lasciata penetrare dal fascismo mentre ha dato un grande contributo alla resistenza e alla costituzione (1920-1950); ha maturato in forme nuove una coscienza critica anticapitalista e anticoloniale nella fase imperialistica del neoliberismo (1970-2011). In sintesi, la società sarda ha reimparato dall’Italia quella modernità del “diritto” e quella necessità della “cultura” che essa aveva perduto con la sconfitta dei Giudicati, e che i ceti parassitari sardi avrebbero volentieri soffocato ad ogni passo. Certo questo è avvenuto in modo contorto e contraddittorio, ma si può allo stato attuale, e solo in quanto sardi, disconoscere per esempio il valore della resistenza italiana e il significato della costituzione italiana, e ripudiare il contributo dei sardi alla loro storica realizzazione? E’ rinunciabile la comune vicenda storica passata nel fuoco delle trincee, nell’emigrazione, nelle università e soprattutto nelle fabbriche e nella lotta di classe? Può non dirsi italiano il Gramsci dei Consigli operai o degli scritti del carcere? E tuttavia l’ingresso della Sardegna nella modernità, di cui siamo involontari debitori nei confronti dell’Italia, è stato certamente un ingresso prigioniero, tenuto costantemente per mano e quindi costantemente sotto bastone: e questo oggi non lo si può subire più.

3: INDIPENDENTISMO DOGMATICO ED AUTONOMISMO AMMINISTRATO. - La storia recente della Sardegna ha riproposto ad ogni generazione il tema dell’indipendenza e della sovranità, e parallelamente ha riproposto l’autonomismo e il regionalismo come sua risoluzione concreta. Il risultato è sempre stato il gemellaggio fra un indipendentismo dogmatico e un autonomismo empirico, velleitario e puro il primo e subalterno e corrotto il secondo. Il punto più tragicomico e più surreale di questa ricorrente gemellatura si produce quando essa esibisce una specie di rapporto incestuoso tra il culto dell’indipendenza pura e la pratica dell’autonomia corrotta, cosa che riguarda quasi tutta la storia del Psdaz, le prediche dell’ultimo Cossiga e praticamente tutte le varie esercitazioni di funambolismo dei presidenti dei Consigli regionali, delle segreterie regionali dei partiti ecc. Bene, per questa via è chiaro che non si va da nessuna parte. Vi è una e una sola possibile alternativa: la costruzione attuale di un indipendentismo empirico.

4: LA COSTRUZIONE DI UN INDIPENDENTISMO EMPIRICO. - Nonostante la lunga vicenda di soffocamento coloniale e di alterazione storica che i sardi hanno subìto nei secoli “italiani” l’indipendenza non è necessariamente una via obbligata: in presenza di una “radicale” lotta anticapitalistica in Italia infatti non avremmo alcuna fretta di essere necessariamente indipendenti. Tuttavia l’indipendenza diventa una via obbligata quando diventa evidente che questo vecchio stato padrone e questa sua economia degli squali non può più tornare indietro dalla sua marcia di distruzione, e cioè quando non può più fare a meno di scaricare sulla colonia storica la sua più sporca fisiologia futura: occupazione militare, produzioni inquinanti con elevatissima componente di capitale e bassissima componente di forza lavoro, colonizzazione turistica a piena devastazione ambientale ecc. La necessità strutturale della colonizzazione è drammaticamente peggiore della volontà ideologica o della opzione politica della colonizzazione: siamo quindi ad un salto di qualità rispetto al quale l’innocuo adattamento gemello di indipendentismo dogmatico e di autonomismo amministrativo cessa di essere un gioco politico e diventa un fattore di distorsione grave. Si tratta quindi di scegliere il traguardo dell’indipendenza ed insieme di segnarne analiticamente le tappe in termini empiricamente praticabili. Debito pubblico, tenuta finanziaria, beni comuni, relazioni internazionali, unione europea, sistema bancario, rating, disarmo, riconversioni, ecc. E’ un compito da giganti che probabilmente non potrà nemmeno prendere avvio al di fuori di una grande trasformazione italiana ed europea: e questo è il motivo per cui la questione dell’indipendenza sarda va comunque tenuta all’interno della lotta anticapitalista internazionale, senza limitarsi con questo ad esserne una semplice appendice.

5: L’INDIPENDENTISMO EMPIRICO E LE ORGANIZZAZIONI ANTICAPITALISTE IN ITALIA. - L’idea di depurare l’indipendentismo sardo dalla condivisione di strutture organizzative anticapitaliste italiane (ovvero il comandamento di rompere organizzativamente con i partiti “italianisti”) è come tale un’idea religiosa; ma anche la liquidazione della questione da parte delle organizzazioni antagoniste italiane come vezzo “nazionalitario” è a sua volta un pregiudizio religioso. Poiché il problema è reale (è reale nella struttura, oppure non lo è affatto) è sbagliato sia vederlo in modo abbagliante (con la conseguenza che poi non si vede il contesto che lo genera) sia vederlo dal rifugio visuale dei congressi politici italiani (con la conseguenza che poi lo riduce a birdwatching). Di conseguenza è necessario costruire un percorso attraverso il quale tutti i compagni sardi a vario titolo impegnati nelle diverse organizzazioni anticapitaliste italiane possano convergere in un’unica organizzazione anticolonialista sarda. Questa, proprio in considerazione della sua ragione “includente”, dovrebbe avere una articolazione orizzontale e quindi non gerarchizzata, una identità collettiva e non leaderistica, una pratica di movimento e non di burocrazia, una forma educativa di inchiesta e non di ideologia ecc.

6: L’INDIPENDENTISMO EMPIRICO E L’INDIPENDENTISMO STORICO. - Poiché è il movimento reale che decide del mutamento dello stato di cose presente, l’ultimo anno di conflitti in Sardegna ha chiarificato che vi sono significative esperienze di organizzazione anti-italianiste, degne anche di grande stima: è il caso soprattutto di A Manca, di Sardigna Natzione e di Irs. La scissione in Irs ha messo temporaneamente a nudo i limiti all’origine dell’orientamento assunto da questo movimento, il cui eclettismo ideologico e il cui interclassismo pratico non si sarebbero potuti affidare, all’atto del successo elettorale, ad altro che sublimazioni, personalistiche o intellettuali a seconda delle propensioni interne. Il successo politico sul referendum antinucleare non solo ha premiato Sardigna Natzione con pieno merito, ma la ha anche avvicinata positivamente al lavoro comune con le organizzazioni antagoniste in genere, e con organizzazioni antagoniste “italianiste” anche più che con organizzazioni indipendentiste “sarde”, e ha evidenziato definitivamente l’insostenibilità di fratellanze a destra in nome della “sovranità”. A Manca prosegue in un percorso radicale col quale ci siamo rapportati costruttivamente in situazioni diverse, ma che pure presenta forti connotati di a-manca-centrismo, antiitalianismo, pregiudiziale indipendentista ecc. che allo stato attuale rendono favorevoli convergenze su problemi specifici ma rendono difficile una convergenza sulla linea politica di fondo. In tutte queste organizzazioni, e ovviamente in quelle indipendentiste e nazionaliste minori, è presente una tentazione settaria che talvolta sembra costituirne persino il vero denominatore comune: la documentazione diretta presente sui blog ne è una testimonianza efficace. D'altronde va considerato il fatto che la percezione di analoghe manchevolezze è presente fondatamente anche nel giudizio che queste organizzazioni indipendentiste hanno maturato nei confronti delle varie formazioni antagoniste di matrice italiana presenti attualmente in Sardegna. La condizione speculare di questo punto pregiudiziale necessita di tutta la chiarezza e di tutta l'apertura di cui oggi si possa essere reciprocamente capaci.

7: CHE FARE ? LA PROSPETTIVA - Il primo passo (v. sopra, punto 6) è quindi quello di costruire il ragionamento partendo dal punto di avvio prodotto all’interno di Sinistra Critica Sarda e valutandolo insieme ad altri compagni per i quali il problema si pone in partenza nel medesimo modo. Non è irrealistico prospettare che da una situazione di discussione così costruita possa nascere a breve una realtà definita dotata di un minimo di massa critica e di riconoscibilità: con carattere antiliberista, anticapitalista e anticolonialista riguardo alla visione politica generale; ma anche antagonista rispetto al bipolarismo italiano e all’opportunismo di sinistra in esso presente; interna all’anticapitalismo italiano ed europeo e convergente con l’indipendentismo sardo nella prospettiva di un fronte ampio popolare e di classe. Questo soggetto politico che di fatto è già in gestazione può poi consentirsi di presentare le proprie credenziali a quelle che comunque ne sono state le organizzazioni politiche madri (Sinistra Critica, Rifondazione ecc.) e ridefinire i rapporti formali con le stesse alla luce dei risultati politici acquisiti nella fondazione e nella prospettiva.

8: LA SITUAZIONE PRESENTE - Sulla situazione politica presente pesa da molti anni la configurazione del bipolarismo italiano, che in realtà è a sua volta una protesi del bipolarismo europeo e che prevedibilmente continuerà a durare, in quanto è lo strumento istituzionale necessario al neoliberismo come macchina reale dell'organizzazione sociale. Il bipolarismo è apparentemente nei singoli stati la condizione “politica” della sovranità popolare, ma in generale e dunque sul piano europeo è la condizione “istituzionale” della sottrazione della sovranità popolare; il bipolarismo significa, costituzionalmente, che la sovranità non appartiene al popolo. La condizione italiana è in molti sensi la peggiore poiché essa presenta insieme il peggior centrodestra ed insieme il peggior centrosinistra della scena bipolare europea; questi schieramenti sono anzi talmente peggiori l'uno dell'altro che oltre a non poter far intravvedere alcun possibile contributo all'uscita dallo sprofondamento, e potendo solo reiterare la stagnazione, l'unico esito del gioco a loro appaltato sarebbe “la rovina comune di tutte le classi in lotta”, nonché l'imbarbarimento fatale delle situazioni coloniali. Per tale ragione, anche ammettendo la debolezza per la quale in situazioni contingenti si accetta di fissare un accordo politico su qualcosa (ad esempio temi referendari, campagne di interesse generale o anche lavoro comune fra i compagni) non deve essere possibile legare strutturalmente ed organicamente una organizzazione anticapitalista sarda al bipolarismo italiano, nemmeno in varianti regionali o locali di centrosinistra; come del resto non deve essere possibile legare strutturalmente e organicamente una organizzazione anticolonialista sarda alle espressioni classiste organizzate della stessa borghesia sarda (partiti, lobby, media ecc.).

domenica 25 settembre 2011



GHILARTZA

Stamane a Ghilarza si è sviluppata una tesi includente di tutti gli indipendentisti , gruppi politici, soggetività sparse, associazioni, il territorio diffuso nell'ambito di un'assemblea di base de l'indipendentismo sardo.

Una novità che chiama i vertici di tutte le situazioni, i movimenti e partiti indipendentisti a darsi una linea di svolta per aggregare tutte le realtà in un unico contenitore: punti condivisi e da sostenere dalle varie organizzazioni. Ma, il punto preponderante e che si sente fortemente condiviso è la orizzontalità dell'organizzazione politica, sia sul territorio che nella sua struttura politica. Una sorta di rifiuto del leaderismo e la richiesta di imboccare nuove strade che nulla hann a che fare con il conosciuto datato e superato verticismo.

Da un'analisi molto pragmatica esposta da Fulviu Seoni, ai vari interventi sostanziosi come la tesi esposta da Paola Alcioni, ai vari altri interventi che sostenevano la virtù principale condivisa da tutti gli astanti: il tema, orizzontalità e lavoro politico delle comunità.

Il tutto è da fare localmente, ma, con l'obiettivo di costruire una rete interconnessa con tutti i nodi delle varie situazioni di azione politica diffusa nel territorio, con un obiettivo politico di tipo federale alfine di porre tutti i soggetti sullo stesso piano, l'assemblea generale nazionale è il luogo decisionale per eccellenza, è lì che le parti convenute prendono le decisioni da portare avanti assieme, con diretzione convergente.

La richiesta emersa: è l'immediata convocazione di una assemblea generale degli indipendentisti nell'ambito della quale mettere a confronto e discutere idee, progetti e strategie per una programmazione politica unitaria che permetta appunto di superare la frammentazione e le divisioni attuali della miriade di movimenti, gruppi, associazione e singole individualità che si riconoscono negli ideali indipendentisti.


Documento di Ghilarza

A sintesi degli interventi che si sono susseguiti nel corso della riunione svoltasi il 25 settembre alla Torre Aragonese di Ghilarza, convocata in precedenza in modo reticolare ed informale all’interno di uno spazio di dibattito libero, orizzontale e inclusivo sviluppatosi nell'ambito indipendentista.

Alla presenza di militanti e di dirigenti di movimenti e partiti, di organizzazioni e di varie
individualità e sensibilità differenti è emersa la volontà di creare un’area di confronto, di azione e di elaborazione politica instaurando una innovativa rete di rapporti e relazioni orizzontali che porti le diverse anime dell'indipendentismo organizzato e non, ad una collaborazione nelle lotte e nei programmi per la realizzazione di un'efficace azione comune.

A questo proposito, sono emersi due livelli che si intersecano fra loro: Quello nazionale e quello locale.

Sul livello nazionale, con riferimento all’attuale dibattito interno all'indipendentismo riguardante la convergenza nazionale, è emersa fortemente l‘esigenza di allargarlo a tutte le componenti dell'area indipendentista.

Il livello locale, relativo l'esigenza di mettere in gioco tutte le nostre energie attraverso una
innovativa rete di rapporti politici, culturali e socio-economici che rendano protagoniste le basi, le associazioni, i comitati e le individualità in un processo di rinnovamento e di ricompattazione del movimento indipendentista.

Emerge inoltre una gran voglia di radicare l'unità della base e delle organizzazioni indipendentiste nella società civile sarda e di collaborare con essa intorno alle criticità e ai programmi in modo costruttivo e partecipato nell’interesse della nostra terra.

Fintzas à s’indipendèntzia!

Area di dibattito e confronto indipendentista.

Ghilàrtzi su 25 de Cabudanni de su 2011

PROPOSTA DI CONVOCAZIONE
DELL’ASSEMBLEA GENERALE DEGLI INDIPENDENTISTI
ALLE ORGANIZZAZIONI, ASSOCIAZIONI, GRUPPI E INDIVIDUALITÀ INDIPENDENTISTE

La situazione attuale della Sardegna, la crisi in cui versa tutto il sistema economico in primis e l’incapacità della classe politica unionista di difendere gli interessi del nostro Popolo, offrono le condizioni per aprire ad una voce alternativa, rappresentata dagli indipendentisti. Tuttavia la frammentazione del movimento in una galassia di organizzazioni sempre più vasta, formata da partiti, movimenti, associazioni, gruppi e tantissime individualità, non permette di influire sulla vita politica dell’Isola in modo tale da poterne condizionare le scelte e determinarne il futuro.

Il dibattito pubblico che ne scaturisce ha bisogno dunque di creare la necessaria sinergia tra tutti gli indipendentisti, siano essi organizzati o no, per pesare nelle vicende politiche sarde e costruire la vera alternativa agli schieramenti unionisti, un’alternativa capace di farsi interprete delle reali necessità delle
nostre comunità e di rispondere in maniera efficace e puntuale a tutte le problematiche che riguardano la nostra terra, avviando così un processo di emancipazione e di liberazione nazionale e sociale in grado di coinvolgere tutta la società sarda e di fornirgli tutti i poteri utili all’esercizio del diritto all’Autodeterminazione Nazionale e quindi alla costituzione di uno Stato Sardo Sovrano.

Pur non entrando nel merito delle proposte recentemente formulate (alle quali è auspicabile se ne aggiungano delle altre) e dei vari richiami all’unità che nel corso dell’ultimo decennio si sono susseguiti senza però mai vedere aperta una vera e propria discussione sui termini e sui contenuti di un percorso di programmazione politica unitaria, è oggi necessario avanzare la richiesta dell’immediata convocazione di una Assemblea Generale degli Indipendentisti (AGI), nell’ambito della quale sia possibile mettere a confronto e in condivisione idee, progetti e strategie da adottare nel medio-breve termine, che se ritenuti utili ed attuabili, possono diventare patrimonio comune di tutti e non solo di questa o quella organizzazione.

L’obiettivo è di imprimere una svolta significativa ad un dibattito entrato ormai nel vivo con la presentazione, ad aprile di quest’anno, della proposta di “convergenza nazionale” di aMpI, impostata sulla scrittura della Carta dei diritti della Nazione Sarda e l’avvio di un percorso minimo di condivisione.

La successiva e approfondita analisi di Frantziscu Sanna di questi giorni, indica poi un possibile percorso di ricompattazione e strutturale innovazione organizzativa del movimento indipendentista disegnando alcuni possibili scenari e suggerendo che il dibattito sia, fin da subito, allargato a tutte le componenti del movimento indipendentista.

L’assenza di uno spazio di discussione dove incontrarci e confrontarci, nell’ambito del quale dare un nuovo vitale impulso all'indipendentismo, non consente di rendere tutti partecipi e protagonisti di un percorso politico che finora è stato riservato alla considerazione che le sole dirigenze di questo o di quel partito hanno voluto riservargli, escludendo quindi la possibilità di dare vita ad una discussione che coinvolga realmente tutti in modo orizzontale, democratico e plurale.

Da alcuni mesi, la voglia di partecipazione, di pari passo alla continua disgregazione in mille rivoli dell’indipendentismo organizzato, ha dato seguito all’apertura di un ampio dibattito con incontri e discussioni susseguitesi non solo a livello virtuale, in grado di convogliare all’interno di uno spazio politico di confronto, indipendentisti che vivono o provengono da esperienze diverse ma accomunati dalla voglia di dar vita ad un processo inglobante, che dia risposte concrete alle reali problematiche sociali, culturali e politiche della Sardegna nei settori ove le organizzazioni indipendentiste si sono dimostrate fortemente in ritardo e talvolta incomprensibilmente non propense ad elaborare strategie comuni, non riuscendo a mettere da parte gli inutili personalismi, la tendenza negativa all’autoreferenzialità, la sterile e futile
contrapposizione e competizione fra loro.

Lo abbiamo visto in occasione della manovra anticrisi italiana, che in un primo momento, con un attacco violento alla nostra identità e alla nostra stessa sopravvivenza, prospettava l’eliminazione dei piccoli comuni sardi al di sotto della soglia dei mille abitanti, e a fronte della quale sono stati diffusi diversi comunicati tendenti tutti alla salvaguardia delle nostre peculiarità comunitarie, ma senza sortire l’effetto della convocazione di una assise indipendentista nella quale studiare un’eventuale strategia di azione comune, capace di andare ben oltre l’elaborazione e la divulgazione di una manciata di comunicati stampa.

L’area di dibattito che sta nascendo attorno e a sostegno dell’idea di convocazione dell’AGI, pertanto chiama indistintamente tutti gli indipendentisti ad aderire a questa iniziativa per dare concretamente avvio ad un percorso partecipato, nell’ambito del quale tutte le componenti abbiano pari dignità e legittimità ad esprimere le proprie idee e avanzare le proprie proposte.

Rispondendo fattivamente al bisogno di ricompattazione che resterebbe altrimenti incompiuto.
Oggi più che mai si ritiene giusto richiamare tutti ad un assunzione di responsabilità mirata all’apertura di una nuova fase politica, caratterizzata da una riorganizzazione programmatica e strutturale dell’indipendentismo, che possa garantire un effettivo ricambio generazionale e la formazione di una nuova classe dirigente Sarda. Condizioni senza le quali riteniamo impossibile perseguire una concreta politica di trasformazione della nostra società per avanzare progressivamente in direzione di una sovranità nazionale compiuta e conseguentemente verso la nostra totale Indipendenza Nazionale.
***
Quali scenari potrebbero aprirsi attraverso la convocazione dell’AGI:
Si da avvio ad una seria ed effettiva fase di convergenza politica capace di coinvolgere tutti gli attori indipendentisti sia livello locale che nazionale.
- Le organizzazioni politiche (movimenti e partiti) cominciano a porre in condivisione le lotte
formulando strategie e programmi unitari. Ciò contribuisce alla costituzione di un nuovo soggetto politico confederale o comunque di una nuova organizzazione che riunisca le attuali formazioni indipendentiste in un unico blocco.
- Un confronto ampio e inclusivo, capace di coinvolgere tutti gli indipendentisti (organizzazioni e
non), favorisce la nascita a livello locale di nuove associazioni, gruppi, circoli, comitati e così via, che intessono tra loro una fitta rete di relazioni attuando una metodologia operativa basata sulla
capacità di coinvolgimento delle basi indipendentiste nelle lotte politiche sia di rilevanza nazionale che locale. Questo favorisce un sempre più ampio radicamento degli indipendentisti sul territorio attraverso l’attuazione di una politica capace di rispondere alle aspettative e alle problematiche reali vissute dalle nostre comunità.
- Nell’ambito di un confronto politico che mira a far crescere il pluralismo e ad avvicinare nuove
persone all’indipendentismo, e nel quale sono coinvolte persone non iscritte ad alcun partito o
movimento, nascono nuove organizzazioni capaci di sviluppare una maggiore propensione al
dialogo e alla collaborazione e in grado quindi di arginare i contrasti e le sterili contrapposizioni che hanno contraddistinto la politica indipendentista nel corso dell’ultimo decennio.
- Il dibattito assembleare consente la possibilità al movimento indipendentista, nel suo insieme, di riorganizzarsi e attuare una programmazione politica efficace in base all’evolversi delle realtà socio-economiche dell’isola, elaborando quindi proposte politiche nuove e credibili agli occhi del nostro Popolo e garantendo all'indipendentismo un effettivo ricambio generazionale con l’applicazione di modalità d’azione, decisionali ed organizzative moderne, democratiche e inclusive.
***
Sottoscrivono:

Giovanni Fara
Giovanni Pili
Davide Corda
Gion Loi
Valter Erriu
Tonino Piras
Fabrizio Sarais
Daniela Piras
Edoardo Cossu
Giuseppe Asdrubale Puggioni
Silvia Priulla
Francesco Zolo
Mario Flore
Stefania Aversano
Gianfranco Cau
Matteo Memoli
Vanja Gregu Farnè
Caterina Madeddu
Francesco Zancudi
Marina Tozzo
Gemma Mattana
Marialuisa Pinna
Raimondo Manca
Marta Pillìu
Elisabetta Pili
Andrea Pili
Martino Orrù
Antonella Corda
Costantino Sanna
Giuseppe Irde
Alessio Niccolai
Alessandro Beccu
Gianmarco Serra
Matheu Cruccu
Valeria Pintus
Federico Giglio Coni
Giacomo Nurchis
Giogio Ladu
Fùlviu Michèli Seòne

Associazione Zirichiltaggia
Assotziu a sa Nuraxia
A FORAS IS BASIS MILITARIS DE SA SARDINYA
A FORAS SA MORTI CITIA DE SA TERRA NOSHTA!


sabato 24 settembre 2011

http://dai.ly/ma5Dx0

Fonte: http://www.debtocracy.gr


Katerina Kitidi Κατερίνα Κιτίδη - Aris Hatzistefanou Άρης Χατζηστεφάνου
Editato da TLAXCALA ΤΛΑΞΚΑΛΑ ТЛАКСКАЛА تلاكسكالا 特拉科斯卡拉

I cosiddetti "salvataggi" dei paesi non sono destinati, come ci si potrebbe aspettare, per soddisfare le esigenze di una popolazione in difficoltà, ma perché il Paese "salvato" affronti il pagamento d’interessi su un debito contratto con istituzioni finanziarie senza scrupoli. Questi "aiuti" sono condizionati da misure di adeguamento che soffocano ancora di più la popolazione, e anche, nel caso della Grecia, a compromessi, come l'acquisizione di armi, che non fanno altro che aumentare il deficit. Il denaro dei nuovi prestiti finisce così nelle mani di chi ha causato la crisi e dei fabbricanti di armi. Non sono salvataggi, sono truffe in piena regola.

Pubblichiamo qui questo eccellente documentario, realizzato con pochissime risorse, e che sta avendo una larga diffusione in Grecia.


Debtocracy International Version di BitsnBytes

Regia/Sceneggiatura

Katerina Kitidi

Aris Chatzistefanou

Ricerca scientifica Leonidas Vatikiotis
Animazione

Magda Plevraki

Sokratis Galiatsakos

Musica
Giannis Agelakas
Ermis Georgiadis
Aris RSN
Montaggio Aris Triantafillou
Telecamera

Aris Papastefanou

Julia Reinecke

Colori Thanos Tsantas
Pubbliche Relazioni Michalis Alimanis
Collaboratori

Aggeliki Gaidatzi

Fani Gaidatzi

Ioulia Kileri

Margarita Tsomou

Produzione

Costas Efimeros

2011 - BitsnBytes.gr

Un’intervista con Aris Hatzistefanou, ideatore di Debtocracy – Il documentario rivoluzionario e sovversivo sulla crisi finanziaria che ha sconvolto l’opinione pubblica della Grecia.

di Stanislas Jourdan, owni.eu, 6 maggio 2011

Tradotto da Curzio Bettio, Tlaxcala



“Il nostro governo ci ha chiamato barboni, mangiapane a ufo, e coloro che ci hanno concesso prestiti ci hanno definito “PIIGS” *, proprio come tutti i paesi periferici dell’Unione europea. I nostri ministri hanno cercato di convincerci che ognuno di noi ha avuto una parte in questo”.

*La connotazione spregiativa è evidente dal fatto che pigs in inglese significa maiali, a suggerire il cattivo stato delle economie di tali paesi PIIGS (Portogallo-Italia-Irlanda-Grecia-Spagna).


Aris Hatzistefanou, 34 anni, ha l’abitudine di pubblicare documenti scomodi e fastidiosi. Giornalista fin dall’adolescenza, la sua trasmissione “infowar” in onda da lungo tempo su Sky Radio è stata sospesa subito dopo la pubblicazione del suo documentario Debtocracy, il cui contenuto e messaggio va decisamente contro-corrente rispetto al pensiero dominante.
Nato ad Atene, Hatzistefanou ha iniziato la sua carriera a Radio Sky, considerata la stazione radio più popolare in Grecia. Il suo ultimo progetto è stato visto da un milione di persone e ha suscitato una campagna che ha riscosso molti consensi a livello nazionale per lanciare un audit, una revisione contabile del debito pubblico del paese.
OWNI ha incontrato il creatore del documentario sovversivo che ha sconvolto l’opinione pubblica.

Qual è la storia che sta dietro a Debtocracy?
L’idea è nata durante una trasmissione di Radio Sky, su come il presidente dell’Ecuador aveva affrontato il massiccio debito del paese. Aveva dato luogo ad una semplice verifica finanziaria del debito sovrano, ed era giunto alla conclusione che altri paesi avevano usato l’Ecuador come “schiavo”, come prima l’Argentina e molti altri paesi. L’amministrazione imponeva ai suoi creditori un taglio del 70%.
Nel frattempo, in Grecia, alcune persone erano alla ricerca di un sostegno per una simile iniziativa, e il mio programma su Radio Sky ha avuto un’eccezionale influenza. Molte persone sembravano chiedersi se avremmo potuto fare la stessa cosa nel nostro paese.

Katerina Kitidi – capo redattore di TV XS – e il sottoscritto abbiamo deciso di produrre il documentario. Abbiamo dovuto far fronte ad un serio problema di finanziamenti ma, per ovvie ragioni, non abbiamo chiesto nulla a partiti politici, ad imprese o, cosa peggiore, a banche; così abbiamo fatto ricorso alla ricerca di finanziamenti presso la gente. La nostra raccolta di fondi ha avuto un buon esito, abbiamo raccolto 8.000 euro in soli 10 giorni, una cifra senza precedenti per un paese come la Grecia, di fronte ad una grave crisi economica.
All’inizio questo progetto doveva concretizzarsi in un semplice video YouTube. Ma, poiché tanti professionisti hanno offerto il loro aiuto (musicisti, editori video), e tante persone hanno donato i loro soldi, il lavoro è diventato un documentario vero e proprio. Il denaro avanzato è stato investito nella promozione del film. Abbiamo cominciato con due persone, ma alla fine almeno 40 persone hanno lavorato al progetto.

Aris Hatzistefanou & Katerina Kitidi




Com’è stato accolto finora Debtocracy?
Abbiamo avuto più di mezzo milione di visualizzazioni in meno di una settimana, e stiamo ora raggiungendo le 700.000 presenze. Nonostante il suo successo, i media greci non hanno riportato una sola parola su di esso. Quando hanno visto che abbiamo avuto mezzo milione di visitatori, non hanno potuto più far finta che il documentario non esistesse - alcuni giornali hanno cominciato ad attaccare e screditare il documentario. Finora non un canale TV ha fatto menzione di Debtocracy, nemmeno in negativo. Il giorno in cui i principali canali televisivi parleranno di noi, questo costituirà il gradino ultimo verso la vittoria.

In poche parole, di cosa tratta Debtocracy?
Noi sosteniamo che la situazione attuale fa parte di un problema economico mondiale, oltre a costituire un problema dell’euro-zona. Poiché la zona euro è suddivisa in centro e periferia, siamo condannati a soffrire per le perdite di competitività nell’economia globale, e non possiamo svalutare la nostra moneta.
Quello che è successo non può essere tutto addossato ai “PIIGS” - come ci chiamano - anche se noi abbiamo la nostra parte di responsabilità. Il problema è che la Grecia ha creato uno stato sociale senza tassare di più le imprese. Quindi, il disavanzo è cresciuto. Inoltre, abbiamo seri problemi di corruzione, ma questi sono solo dettagli. Anche se tutti i politici fossero messi in prigione, la crisi rimarrebbe irrisolta.
In più, noi sosteniamo che la Germania non è un modello da seguire – loro hanno congelato gli stipendi per un intero decennio! Questo non è un modello sostenibile per tutta l’Europa.

Alcuni sostengono che il vostro documentario non è equilibrato. Come rispondete a queste affermazioni?
Non abbiamo mai pensato di essere equilibrati, al contrario, dal momento che le nostre controparti hanno avuto abbastanza tempo e spazio nei media per esprimere le loro opinioni. E nemmeno loro sono tanto equilibrati! I critici sostengono anche che l’Ecuador non è un esempio opportuno, perché è un paese in via di sviluppo e ha petrolio. Ma il petrolio rappresenta solo il 25% del loro PIL. D’altra parte, anche noi abbiamo il nostro petrolio: il turismo. Si potrebbe considerare un qualsiasi paese diverso dall’Ecuador, e ci verrebbe detto ancora che si tratta di due paesi diversi, anche se ci trovassimo di fronte a una situazione simile, con un debito in crescita e “soluzioni” identiche proposte dal Fondo Monetario Internazionale. Alla fine, stanno solo cercando di deviare la discussione per evitare di parlare del tema principale del film: la necessità di una commissione di revisione del debito.

Secondo la vostra opinione, cosa dovrebbe fare ora la Grecia?
È chiaro che la Grecia non può rimborsare il debito – sia secondo le norme giuridiche o meno, indipendentemente dal tasso d’interesse. 350 miliardi di dollari non crescono di sicuro sugli alberi (ed ironia della sorte, il mercato è stato il primo a raggiungere questa conclusione). Il governo continua a dire che troverà i soldi, ma il mercato non è stupido. Il piano di salvataggio progettato dall’Unione Europea e il FMI non comporta il salvataggio della Grecia - si tratta di salvare solo le banche tedesche e francesi, che subirebbero un collasso se la Grecia dichiarasse bancarotta.
Così, il nostro punto di vista è che non dobbiamo aspettarci nulla da loro. Sarà troppo tardi se noi ci attendessimo da loro l’adozione delle misure necessarie. Siamo noi che dobbiamo trovare le soluzioni per noi stessi e creare iniziative.

Consideriamo questo: prima di tutto dobbiamo effettuare la verifica del debito al fine di distinguere ciò che è legale o illegale. Ci sono indicazioni come un’enorme quantità del nostro debito pubblico sia dannosa o illegale. Ma solo una commissione di controllo dovrebbe determinare e dimostrare questo. È per questo che appoggiamo completamente questa proposta. Tuttavia, questa commissione dovrebbe essere condotta in modo democratico e trasparente, e non da parlamentari.
Siamo più radicali di altri nell’avanzare questa proposta, in quanto riteniamo che dovremmo smettere di pagare il debito, uscire dalla zona euro, e nazionalizzare il nostro sistema bancario. Non è una cosa facile ottenere il sostegno su questi provvedimenti, in quanto possono dare l’impressione di essere troppo radicali - ma anche alcuni politici ed economisti di punta stanno cominciando a considerarli. Nazionalizzare le banche potrebbe suonare come un’idea comunista, ma il problema è tanto serio e dobbiamo proteggere il paese. Se usciamo dalla zona euro, il sistema bancario molto probabilmente crollerà, e quindi dobbiamo proteggerlo da una fuga di capitali fuori dal paese.

Siete collegati ad altre iniziative di questo tipo in Europa?
Siamo stati contattati da un certo numero di gruppi e ci è stato chiesto di mettere i sottotitoli sul nostro film. Al momento, stiamo lavorando per diffonderlo in diverse lingue. In sé, non stiamo collaborando con qualcuno, ma abbiamo diffuso il documentario sotto una licenza Creative Commons (in modo che chiunque può utilizzare il nostro prodotto). [N.d.tr.: Le Creative Commons Public Licenses (CCPL) sono delle licenze di diritto d’autore che si basano sul principio di “alcuni diritti riservati”. Le CCPL, infatti, rendono semplice, per il titolare dei diritti d’autore, segnalare in maniera chiara che la riproduzione, diffusione e circolazione della propria opera è esplicitamente permessa.]


Come immaginate il futuro della Grecia?
L’anno scorso esisteva tanto fermento contro il piano di salvataggio del paese ma ora i cittadini greci sono troppo sfiduciati. Negli ultimi dieci anni, l’opposizione non ha messo a punto una proposta decente che potesse raccogliere il sostegno popolare. Alcune persone credono che le agitazioni si siano placate quando l’Unione Europea ha introdotto tassi di interesse nel pacchetto di salvataggio. Ma sento che il fermento sta ancora crescendo sotto i nostri piedi. E può ravvivarsi in qualsiasi momento.
Vale la pena notare che nessun partito politico ha il controllo dei movimenti di protesta, e nessuno è in grado di indirizzare in un alveo opportuno questi sentimenti. Quindi ho paura che probabilmente il malcontento esploderà improvvisamente e in modo violento, anche se non possiamo prevedere quando e perché.

Quali sono le prospettive per Debtocracy?
Visto che tante persone hanno donato denaro, e dato che abbiamo raccolto fondi sufficienti per il film, abbiamo deciso di creare un conto speciale per depositare le donazioni, che saranno restituite se non usciremo con un progetto dettagliato e trasparente nei prossimi sei mesi. Non ci aspettavamo un tale successo con mezzi così modesti. Non è stato facile, ma abbiamo dimostrato a noi stessi che cose importanti possono essere realizzate con pochi mezzi - soprattutto quando si ha il supporto di persone di talento.
Internet ci ha aiutato molto, ma ora possiamo scorgere i suoi limiti. Anche se il nostro documentario è stato visto da quasi un milione di persone, dobbiamo raggiungere anche un pubblico che non ha una connessione Internet, soprattutto al di fuori di Atene. Abbiamo intenzione di distribuire DVD e di organizzare proiezioni di Debtocracy nei luoghi di spettacolo e nei cinema. Con Internet da solo, il nostro approccio finirebbe con l’essere elitario.
In definitiva, noi sicuramente vogliamo andare oltre, e affrontare i tabù che i più importanti mezzi di comunicazione della Grecia non osano denunciare. Se le persone non prendono parte alla produzione e alla diffusione delle informazioni, non troveranno mai qualcuno all’interno delle grandi corporazioni dei media disposto a parlare in loro nome.

Con il contributo di Federica Cocco & Stefanie Chernow
Credito foto: Debtocracy

venerdì 23 settembre 2011

SARDINYA LIBERA E INDIPENDENTI!!
A FORAS SU STADU ITALIOTA DE PATRIA NOSHTA!

mercoledì 21 settembre 2011

di Francesco Casula
sardegnaquotidiano


eliseo spiga
Eliseo Spiga scomparso recentemente, autore dieci anni fa del "Manifesto delle Comunità di Sardegna - per una economia felice e ricca di futuro"

Quotidianamente, su tutti i media, politici di destra sinistra e centro, economisti di ogni risma zenia e colore, ossessivamente ci ripetono la giaculatoria della “crescita”. Senza la quale non sarebbe possibile nessuna uscita dalla crisi che attanaglia l’Italia e non solo. Pena il fallimento. A tentare di liquidare tale mania, ci ha pensato nei giorni scorsi a Cagliari, al “Festival Marina Cafe noir”, il filosofo e sociologo francese Serge Latouche.

Ma quale crescita –ha sostenuto- quello che occorre, per uscire dalla crisi, è la “Decrescita felice”. Di cui non a caso è il principale teorico. Non crescerà il PIL ma aumenterà il FIL (Felicità interna lorda). Semplici provocazioni di un intellettuale eretico? Può darsi. Certo che è difficile non prendere atto del fallimento delle magnifiche e progressive sorti dello “sviluppo” e della produttività: nella duplice versione del socialismo reale e del capitalismo.


“Una parola tossica” - ha definito Latouche lo sviluppo. Alla base delle guerre, della fame, dello sconvolgimento planetario del clima (con l’iper produzione di CO2), della devastazione della natura, delle disuguaglianze economiche e sociali vieppiù accentuate negli ultimi decenni. Anche la Sardegna è stata vittima dello sviluppismo, con un intero ciclo fatto di promesse e di illusioni programmatorie, industrialiste e petrolchimiche, che ci ha consegnato un cimitero di ruderi industriali ma soprattutto disoccupazione e malessere.

Uno sviluppo che ha devastato e depauperato il territorio: la risorsa più pregiata che l’Isola detenga. Che ha degradato e inquinato l’ambiente e il mare: pensiamo solo a Sarrok e a Porto Torres, con danni incalcolabili per la pesca. Che ha sconvolto gli equilibri e le vocazioni naturali. Che ha distrutto il tessuto economico tradizionale e quel minimo di industria e di imprenditorialità locale. Che ha attentato alla cultura e all’identità nazionale dei Sardi, tentando di eliminare le diversità linguistiche, culturali, storiche, magari con il pretesto di combattere il banditismo: è il caso, soprattutto, di Ottana.

La narrazione del filosofo francese ci riguarda dunque da vicino. Per questo occorre cambiare radicalmente rotta. Magari iniziando a praticare scampoli del programma latouchiano: l’autoproduzione e lo scambio comunitario, conviviale e quindi non mercantile, per esempio.


eliseo spiga copertina libro


Eliseo Spiga ha partecipato a tutto il lavoro editoriale di preparazione della seconda edizione ma, per una beffa del destino, è scomparso a 80 anni per un malore
improvviso

domenica 11 settembre 2011

http://www.prolocouta.it/1-media/img/foto-pagine/gruppo-folk/strumenti/launeddas.jpg
Nel territorio dei Sette Comuni non esistono castelli di nobili, non esistono ville di Signori, né cattedrali di Vescovi, per il semplice fatto che la terra è del popolo o della natzione diffusa e i suoi frutti sono di tutti come da uso antico ....





La Federazione dei Sette Comuni nota anche col nome di Spettabile Reggenza dei Sette Comuni (lingua cimbra Hòoga Vüüronghe dar Siban Komàüne), sorta nel 1310, ma già concretamente nata nel 1259 (vale a dire dalla caduta degli Ezzelini) sotto il nome di Lega delle Sette Terre Sorelle, è stata una piccola nazione indipendente comprendente il territorio oggi conosciuto come Altopiano dei Sette Comuni e alcune altre località contigue oggi appartenenti ad altri ambiti amministrativi, nelle attuali Province di Vicenza e di Trento.

Scomparve il 29 giugno 1807 per volere di Napoleone I Imperatore di Francia e Re d'Italia che dichiarò abolito il Governo federale, ossia la Reggenza. Cessò così di vivere, dopo cinque secoli di vita, la più piccola delle Federazioni politiche d'Europa e nello stesso tempo la più antica assieme alla confederazione elvetica[1].

Dopo una parentesi sotto il dominio dell'Impero austriaco, il 21 ottobre 1866, 53 anni prima del Südtirol, assieme al Veneto, alla provincia di Mantova e al Friuli (eccetto l'area di Gorizia) fu annessa al Regno d'Italia a causa della vittoria italiana nella terza guerra di indipendenza


frase tratta dal programma anarchico
Errico Malatesta

1. Che cosa vogliamo

Noi crediamo che la più gran parte dei mali che affliggono gli uomini dipende dalla cattiva organizzazione sociale, e che gli uomini volendo e sapendo, possono distruggerli.

La società attuale è il risultato delle lotte secolari che gli uomini han combattuto tra di loro. Non comprendendo i vantaggi che potevano venire a tutti dalla cooperazione e dalla solidarietà, vedendo in ogni altro uomo (salvo al massimo i più vicini per vincoli di sangue) un concorrente ed un nemico, han cercato di accaparrare, ciascun per sé, la più grande quantità di godimenti possibili, senza curarsi degli interessi degli altri. Data la lotta, naturalmente i più forti, o i più fortunati, dovevano vincere ed in vario modo sottoporre ed opprimere i vinti.

Fino a che l'uomo non fu capace di produrre di più di quello che bastava strettamente al suo mantenimento, i vincitori non potevano che fugare e massacrare i vinti ed impossessarsi degli alimenti da essi raccolti.

Poi, quando con la scoperta della pastorizia e dell'agricoltura un uomo potè produrre più di ciò che gli occorreva per vivere, i vincitori trovarono più conveniente ridurre i vinti in schiavitù e farli lavorare per loro.

Più tardi, i vincitori si accorsero che era più comodo, più produttivo e più sicuro sfruttare il lavoro altrui con un altro sistema: ritenere per sé la proprietà esclusiva della terra e di tutti ì mezzi di lavoro, e lasciar nominalmente liberi gli spogliati, i quali poi non avendo mezzi di vivere, erano costretti a ricorrere ai proprietari ed a lavorare per conto loro, ai patti che essi volevano.

Così, man mano, attraverso tutta una rete complicatissima di lotte di ogni specie, invasioni, guerre, ribellioni, repressioni, concessioni strappate, associazioni di vinti unitisi per la difesa, e di vincitori unitisi per l'offesa, si è giunti allo stato attuale della società in cui alcuni detengono ereditariamente la terra e tutta la ricchezza sociale, mentre la gran massa degli uomini, diseredata di tutto, è sfruttata ed oppressa dai pochi proprietari.

Da questo dipendono lo stato di miseria in cui si trovano generalmente i lavoratori, e tutti i mali che dalla miseria derivano: ignoranza, delitti, prostituzione. Da questo, la costituzione di una classe speciale (governo), la quale, fornita di mezzi materiali di repressione, ha missione di legalizzare e difendere i proprietari contro le rivendicazioni dei proletari; e poi si serve della forza che ha, per creare a sé stessa dei privilegi e sottomettere, se può, alla sua supremazia anche la stessa classe proprietaria. Da questo, la costituzione di un'altra classe speciale (il clero), la quale con una serie di favole sulla volontà di Dio, sulla vita futura, ecc., cerca d'indurre gli oppressi a sopportare docilmente l'oppressione, ed al pari del Governo oltre di fare gli interessi dei proprietari, fa anche i suoi propri. Da questo, la formazione di una scienza ufficiale che è, in tutto ciò che può servire agl'interessi dei dominatori, la negazione della scienza vera. Da questo, lo spirito patriottico, gli odi di razza, le guerre, e le paci armate talvolta più disastrose delle guerre stesse. Da questo, l'amore trasformato in tormento o in turpe mercato. Da ciò l'odio più o meno larvato, la rivalità, il sospetto fra tutti gli uomini, l'incertezza e la paura per tutti.

Tale stato di cose noi vogliamo radicalmente cambiare. E poiché tutti questi mali derivano dalla lotta fra gli uomini, dalla ricerca del benessere fatta da ciascuno per conto suo e contro tutti, noi vogliamo rimediarvi sostituendo all'odio l'amore, alla concorrenza la solidarietà, alla ricerca esclusiva del proprio benessere la cooperazione fraterna per il benessere di tutti, alla oppressione ed all'imposizione la libertà, alla menzogna religiosa e pseudoscientifica la verità. Dunque:

1. Abolizione della proprietà privata della terra, delle materie prime e degli strumenti di lavoro, perché nessuno abbia il mezzo di vivere sfruttando il lavoro altrui, e tutti, avendo garantiti i mezzi per produrre e vivere, siano veramente indipendenti e possano associarsi agli altri liberamente; per l'interesse comune e conformemente alle proprie simpatie.

2. Abolizione dei Governo e di ogni potere che faccia la legge e la imponga agli altri: quindi abolizione di monarchie, repubbliche, parlamenti, eserciti, polizie, magistratura, ed ogni qualsiasi istituzione dotata di mezzi coercitivi.

3. Organizzazione della vita sociale per opera di libere associazioni e federazioni di produttori e consumatori, fatte e modificate secondo la volontà dei componenti, guidati dalla scienza e dall'esperienza e liberi da ogni imposizione che non derivi dalle necessità naturali, a cui ognuno, vinto dal sentimento stesso della necessità ineluttabile, volontariamente si sottomette.

4. Garantiti i mezzi di vita, di sviluppo, di benessere ai fanciulli ed a tutti coloro che sono impotenti a provvedere a loro stessi.

5. Guerra alle religioni ed a tutte le menzogne, anche se si nascondono sotto il manto della scienza. Istruzione scientifica per tutti e fino ai suoi gradi più elevati.

6. Guerra alle rivalità ed ai pregiudizi patriottici. Abolizione delle frontiere: fratellanza fra tutti i popoli.

7. Ricostruzione della famiglia in quel modo che risulterà dalla pratica dell'amore, libero da ogni vincolo legale, da ogni oppressione economica o fisica, da ogni pregiudizio religioso

2. Vie e mezzi

Abbiamo esposto a sommi capi qual'è lo scopo che vogliamo raggiungere quale l'ideale pel quale lottiamo.

Ma non basta desiderare una cosa: se si vuole ottenerla davvero bisogna impiegare i mezzi adatti al suo conseguimento. E questi mezzi non sono arbitrari, ma derivano, necessariamente, dal fine cui si mira e dalle circostanze nelle quali si lotta; giacché ingannandosi sulla scelta dei mezzi, non si raggiungerebbe il fine propostosi, ma un altro, magari opposto che sarebbe conseguenza naturale, necessaria, dei mezzi adoperati. Chi si mette in cammino e sbaglia strada, non va dove vuole, ma dove lo porta la strada percorsa.

Occorre dunque, dire quali sono i mezzi che, secondo noi, conducono allo scopo prefissoci, e che noi intendiamo adoperare.

Il nostro ideale non è di quelli il cui conseguimento dipende dall'individuo considerato isolatamente. Si tratta di cambiare il modo di vivere in società, di stabilire tra gli uomini rapporti di amore e solidarietà, di conseguire la pienezza dello sviluppo materiale, morale e intellettuale, non per un dato partito, ma per tutti quanti gli esseri umani - e questo non è cosa che si possa imporre colla forza, ma deve sorgere dalla coscienza illuminata di ciascuno ed attuarsi mediante il libero consentimento di tutti.

Nostro primo compito quindi deve essere quello di persuadere la gente. Bisogna che noi richiamiamo l'attenzione degli uomini sui mali che soffrono e sulla possibilità di distruggerli. Bisogna che suscitiamo in ciascuno la simpatia pei mali altrui ed il desiderio vivo del bene di tutti.

A chi ha fame e freddo noi mostreremo come sarebbe possibile, e facile, assicurare a tutti la soddisfazione dei bisogni materiali. A chi è oppresso e vilipeso, noi diremo come si può vivere felicemente in una società di liberi e uguali; a chi è tormentato dall'odio e dal rancore, noi additeremo la via per raggiungere, amando i propri simili, la pace e la gioia del cuore.

E quando saremo riusciti a far nascere nell'animo degli uomini il sentimento di ribellione contro i mali ingiusti ed inevitabili di cui si soffre nella società presente, ed a far comprendere quali sono le cause di questi mali e come dipenda dalla volontà umana l'eliminarli; quando avremo ispirato il desiderio vivo, prepotente, di trasformare la società per il bene di tutti, di coloro che li han preceduti nella convinzione, si uniranno e vorranno, e potranno, attuare i comuni ideali.

Sarebbe - lo abbiam già detto - assurdo ed in contraddizione col nostro scopo di voler imporre la libertà, l'amore fra gli uomini, lo sviluppo integrale di tutte le facoltà umane, per mezzo della forza. Bisogna dunque contare sulla libera volontà degli altri, e la sola cosa che possiamo fare è quella di provocare il formarsi ed il manifestarsi di detta volontà. Ma sarebbe però egualmente assurdo e contrario al nostro scopo l'ammettere che coloro i quali non la pensano come noi c'impediscano di attuare la nostra volontà, sempre che essa non leda il loro diritto ad una libertà uguale alla nostra.

Libertà dunque per tutti di propagare ed esperimentare le proprie idee, senza altro limite che quello che risulta naturalmente dall'eguale libertà di tutti.

Ma a questo si oppongono - e si oppongono colla forza brutale - coloro che sono i beneficiari degli attuali privilegi e dominano e regolano tutta la vita sociale presente.

Essi hanno in mano tutti i mezzi di produzione; e quindi sopprimono non solo la possibilità di esperimentare nuovi modi dì convivenza sociale, non solo il diritto dei lavoratori di vivere liberamente col proprio lavoro, ma anche lo stesso diritto all'esi-stenza; ed obbligano chi non è proprietario a lasciarsi sfruttare ed opprimere se non vuole morire di fame.

Essi hanno polizie, magistrature, eserciti creati appositamente per difendere i loro privilegi; e perseguitano, incarcerano, massacrano coloro che vogliono abolire quei privilegi e reclamano i mezzi di vita e la libertà per tutti.

Gelosi dei loro interessi presenti ed immediati, corrosi dallo spirito di dominazione paurosi dell'avvenire. essi, i privilegiati, sono, generalmente parlando, incapaci di uno slancio generoso, sono incapaci benanco di una più larga concezione dei loro interessi. E sarebbe follia sperare ch'essi rinunzino volontariamente alla proprietà ed al potere, e si adattino ad essere gli eguali dì coloro che oggi tengono sottoposti.

Lasciando da parte l'esperienza storica (la quale dimostra che mai una classe privilegiata si è spogliata, in tutto o in parte dei suoi privilegi, e mai un governo ha abbandonato il potere se non vi è stato obbligato dalla forza o dalla paura della forza), bastano i fatti contemporanei per convincere chiunque che la borghesia ed i governi intendono impiegare la forza materiale per difendersi, non solo contro l'espropriazione totale, ma anche contro le più piccole pretese popolari, e son pronti sempre alle più atroci persecuzioni, ai più sanguinosi massacri. Al popolo che vuole emanciparsi non resta altra via che quella di opporre la forza alla forza.

Risulta da quanto abbiamo detto che noi dobbiamo lavorare, per risvegliare negli oppressi il desiderio vivo di una radicale trasformazione sociale, e persuaderli che unendosi, essi hanno la forza di vincere; dobbiamo propagare il nostro ideale e preparare le forze morali e materiali necessari a vincere le forze nemiche, e ad organizzare la nuova società. E quando avremo la forza sufficiente dobbiamo, profittando delle circostanze favorevoli che si producono o creandole noi stessi, fare la rivoluzione sociale, abbattendo, colla forza, il governo, espropriando, colla forza, i proprietari; mettendo in comune i mezzi di vita e di produzione, ed impedendo che nuovi governi vengano ad imporre la loro volontà e ad ostacolare la riorganizzazione sociale fatta direttamente dagli interessati.

Tutto questo però è meno semplice di quello che potrebbe a prima giunta parere. Noi abbiamo da fare cogli uomini quali sono nell'attuale società, in condizioni morali e materiali disgraziatissime; e c'inganneremo pensando che basta la propaganda per elevarli a quel grado di sviluppo intellettuale e morale che è necessario all'attua-zione dei nostri ideali.

Tra l'uomo e l'ambiente sociale vi è un'azione reciproca. Gli uomini fanno la società come essa è e la società fa gli uomini come essi sono, e da ciò risulta una specie di circolo vizioso. Per trasformare la società bisogna trasformare gli uomini e per trasformare gli uomini bisogna trasformare la società.

La miseria abbruttisce l'uomo e per distruggere la miseria bisogna che gli uomini abbiano coscienza e volontà. La schiavitù educa gli uomini ad essere schiavi e per liberarsi dalla schiavitù v'è bisogno di uomini aspiranti alla libertà. L'ignoranza fa sì che gli uomini non conoscano le cause dei loro mali e non sappiano rimediarvi, e per distruggere l'ignoranza bisogna che gli uomini abbiano il tempo ed il modo d'istruirsi.

Il governo abitua la gente a subire la legge ed a credere che la legge sia necessaria alla società; e per abolire il governo bisogna che gli uomini siano persuasi della sua inutilità e del suo danno.

Come uscire da questo circolo vizioso?

Fortunatamente la società attuale non è stata formata dalla volontà illuminata di una classe dominante, che abbia potuto ridurre tutti i dominati a strumenti passivi ed incoscienti dei suoi interessi. Essa è il risultato di mille lotte intestine, di mille fattori naturali ed umani agenti casualmente senza criteri direttivi; e quindi non vi sono divisioni nette né tra gli individui né tra le classi.

Infinite sono le varietà dì condizioni materiali; infiniti i gradi di sviluppo morale ed intellettuale; e non sempre - diremmo quasi molto raramente - il posto che uno occupa in società corrisponde alle sue facoltà ed alle sue aspirazioni. Spessissimo alcuni individui cadono in condizioni inferiori a quelle a cui sono abituati, ed altri, per circostanze eccezionalmente favorevoli, riescono ad elevarsi a condizioni superiori a quelle in cui sono nati. Una parte notevole del proletariato è già arrivata ad uscire dallo stato di miseria assoluta, abbrutente, o non ha mai potuto esservi ridotta; nessun lavoratore, o quasi nessuno si trova nello stato di incoscienza completa, di completa acquiescenza alle condizioni che gli fanno i padroni. E le stesse istituzioni, quali sono state prodotte dalla storia, contengono delle contraddizioni organiche che sono come dei germi di morte, i quali sviluppandosi producono la dissoluzione dell'istituzione e la necessità della trasformazione.

Da ciò la possibilità dei progresso; ma non la possibilità di portare, per mezzo della propaganda, tutti gli uomini al livello necessario perché vogliano e facciano l'anarchia, senza un'anteriore graduale trasformazione dell'ambiente.

Il progresso deve camminare contemporaneamente, parallelamente negli individui e nell'ambiente; dobbiamo profittare di tutti i mezzi di tutte le possibilità, dì tutte le occasioni che ci lascia l'ambiente attuale, per agire sugli uomini e sviluppare la loro coscienza ed i loro desideri; dobbiamo utilizzare tutti i progressi avvenuti nella coscienza degli uomini per indurli a reclamare ed imporre quelle maggiori trasformazioni sociali che sono possibili e che meglio servono ad aprire la via a progressi ulteriori.

Noi non dobbiamo aspettare dì poter fare l'anarchia ed intanto limitarci alla semplice propaganda. Se facessimo così, presto avremmo esaurito il campo; avremmo convertiti cioè, tutti quelli che nell'ambiente sono suscettibili di comprendere ed accettare le nostre idee e la nostra ulteriore propaganda resterebbe sterile; o se delle trasformazioni d'ambiente elevassero nuovi strati popolari alla possibilità di ricevere idee nuove, ciò avverrebbe senza l'opera nostra, forse contro l'opera nostra e quindi con pregiudizio delle nostre idee.

Noi dobbiamo cercare che il popolo, nella sua totalità o nelle sue frazioni, pretenda, imponga, prenda da sé tutti i miglioramenti, tutte le libertà che desidera, man mano che giunge a desiderarle ed ha la forza di imporle; e propagandando sempre tutto intero il nostro programma e lottando sempre per la sua attuazione integrale, dobbiamo spingere il popolo a pretendere ed imporre sempre di più fino a che non ha raggiunto l'eman-cipazione completa.

3. La lotta economica

L'oppressione che, oggi, più direttamente preme sui lavoratori, e che è la causa principale dì tutte le soggezioni morali e materiali cui i lavoratori sottostanno, è l'oppres-sione economica, vale a dire lo sfruttamento che i padroni e i commercianti esercitano su di loro, grazie all'accaparramento di tutti i grandi mezzi di produzione e di scambi.

Per sopprimere radicalmente e senza pericolo di ritorno questa oppressione, occorre che il popolo tutto sia convinto del diritto che esso ha all'uso dei mezzi di produzione, e che attui questo suo diritto primordiale espropriando i detentori dei suolo e di tutte le ricchezze sociali e mettendo quello e queste a disposizione di tutti.

Ma si può ora stesso metter mano a questa espropriazione? Si può oggi passare direttamente, senza gradi intermedi, dall'inferno in cui si trova ora il proletariato, al paradiso della proprietà comune?

I fatti dimostreranno di che cosa i lavoratori sono oggi capaci. Compito nostro è quello di preparare il popolo, moralmente e materialmente, a questa necessaria espropriazione; e di tentarla e ritentarla, ogni volta che una scossa rivoluzionaria ce ne presenta l'occasione fino al trionfo definitivo Ma in che modo possiamo preparare il popolo? In che modo preparare le condizioni che rendano possibile, non solo il fatto materiale dell'espropriazione, ma l'utilizzazione, a vantaggio di tutti, della ricchezza comune?

Abbiamo detto antecedentemente che la sola propaganda, parlata o scritta, è impotente a conquistare alle nostre idee tutta quanta la grande massa popolare. Occorre una educazione pratica, la quale sia a volta a volta causa ed effetto di una graduale trasformazione dell'ambiente Occorre che a mano a mano che si sviluppati nei lavoratori il senso di ribellione contro le ingiuste e inutili sofferenze di cui son vittime, ed il desiderio di migliorare le loro condizioni, essi, uniti e solidali tra loro, lottino per il conseguimento di quel che desiderano. E noi, e come anarchici e come lavoratori, dobbiamo provocarli ed incoraggiarli alla lotta e lottare con loro.

Ma sono possibili, in regime capitalistico, questi miglioramenti? Sono essi utili, dal punto di vista della futura emancipazione integrale dei lavoratori?

Qualunque siano i risultati pratici della lotta per i miglioramenti immediati, l'utilità principale sta nella lotta stessa. Con essa gli operai imparano ad occuparsi dei loro interessi di classe, imparano che il padrone ha interessi opposti al loro e che essi non possono migliorare le loro condizioni ed anche meno emanciparsi, se non unendosi e diventando più forti dei padroni. Se riescono ad ottenere quello che vogliono, staranno meglio: guadagneranno di più, lavoreranno meno, avranno più tempo e più forza per riflettere alle cose che loro interessano, e sentiranno subito desideri maggiori, bisogni maggiori. Se non riescono, saran condotti a studiare le cause dell'insuccesso ed a riconoscere la necessità di maggiore unione, di maggiore energia; e comprenderanno infine che a vincere sicuramente e definitiva niente occorre distruggere il capitalismo. La causa della rivoluzione, la causa dell'elevamento morale del lavoratore e della sua emancipazione non possono che guadagnare dal fatto che i lavoratori si uniscono e lottano per ì loro interessi.

Ma, ancora una volta, è possibile che i lavoratori riescano, nell'attuale stato di cose, a migliorare realmente le loro condizioni?

Ciò dipende dal concorso di una infinità di circostanze. Malgrado ciò che dicono alcuni, non esiste una legge naturale (legge dei salari), la quale determina la parte che va al lavoratore sul prodotto del suo lavoro: o, se legge si vuol formulare, essa non potrebbe essere che questa: il salario non può scendere normalmente ai disotto di quel tanto che è necessario alla vita, né può normalmente salire tanto da non lasciare nessun profitto al padrone.

È chiaro che nel primo caso gli operai morrebbero e quindi non riscuoterebbero più salario, e nel secondo i padroni cesserebbero di far lavorare e quindi non pagherebbero più salari. Ma tra questi i due estremi impossibili vi sono una infinità di gradi, che vanno dalle condizioni miserabili di molti lavoratori agricoli fino a quelle quasi decenti degli operai dei buoni mestieri nelle grandi città.

Il salario, la lunghezza della giornata e tutte le altre condizioni del lavoro sono il risultato della lotta tra padroni e lavoranti. Quelli cercano di dare ai lavoranti il meno che possono e di farli lavorare fino a esaurimento completo; questi cercano, o dovrebbero cercare, di lavorare il meno e guadagnare il più che possono. Dove i lavoratori si contentano di tutto, o, anche essendo scontenti. non sanno opporre valida resistenza ai padroni, sorto presto ridotti a condizioni animalesche di vita: dove invece essi hanno un concetto alquanto elevato del modo come dovrebbero vivere degli esseri umani, e sanno unirsi e, mediante il rifiuto di lavoro e la minaccia latente o esplicita di rivolta, imporsi rispetto ai padroni, essi sono trattati in modo relativamente sopportabile. In modo che può dirsi che il salario dentro certi limiti, è quello che l'operaio (non come individuo, s'intende, ma come classe) pretende.

Lottando dunque, resistendo contro i padroni, i lavoratori possono impedire, fino ad un certo punto. che le loro condizioni peggiorino ed anche ottenere dei miglioramenti reali. E la storia del movimento operaio ha già dimostrato questa verità.

Bisogna però non esagerare la portata di questa lotta combattuta tra operai e padroni sul terreno esclusivamente economico. I padroni possono cedere, e spesso cedono, innanzi alle esigenze operaie energicamente espresse, fino a quando non si tratti di pretese troppo grosse, ma quando gli operai incominciassero (ed è urgente elle incomincino) a pretendere un tale trattamento che assorbirebbe tutto il profitto dei padroni e riuscirebbe così ad una espropriazione indiretta, è certo che i padroni farebbero appello si governo e cercherebbero di costringere gli operai a restare nella loro posizione di schiavi salariati.

Ed anche prima, ben prima che gli operai possano pretendere di ricevere in compenso del loro lavoro l'equivalente di tutto ciò che han prodotto, la lotta economica diventa impotente a continuare a produrre il miglioramento delle condizioni dei lavoratori.

Gli operai producono tutto e senza di loro non si può, vivere: quindi sembrerebbe che rifiutando il lavoro essi potessero imporre tutto ciò che vogliono. Ma l'unione di tutti i lavoratori anche di un sol mestiere, anche di un sol paese, è difficile ad ottenere, ed all'unione degli operai si oppone l'unione dei padroni. Gli operai vivono alla giornata e, se non lavorano, presto mancano di pane; mentre i padroni dispongono, mediante il denaro, di tutti i prodotti già accumulati, e quindi possono tranquillamente aspettare che la fame abbia ridotti a discrezione i loro salariati. L'invenzione o l'introduzione di nuove macchine rende inutile l'opera di un gran numero di operai ed accresce il grande esercito dei disoccupati, che la fame costringe a vendersi a qualunque condizione. L'immigrazio-ne apporta subito nei paesi dove gli operai riescono a star meglio, delle folle di lavoratori famelici che, volendo o no, offrono ai padroni il modo di ribassare i salari. E tutti questi fatti, derivanti necessariamente dal sistema capitalistico, riescono a controbilanciare il progresso della coscienza e della solidarietà operaia: spesso camminano più rapidamente di questo progresso e lo arrestano e lo distruggono. Ed in tutti i casi resta sempre il fatto primordiale che la produzione, in sistema capitalistico, è organizzata da ciascun capitalista per il suo profitto individuale e non già per soddisfare come sarebbe naturale, nel miglior modo possibile, i bisogni dei lavoratori. Quindi il disordine, lo sciupio di forze umane, la scarsezza voluta dei prodotti, i lavori inutili e dannosi, la disoccupazione, le terre incolte, il poco uso delle macchine ecc. - tutti mali che non si possono evitare se non levando ai capitalisti il possesso dei mezzi di lavoro e quindi la direzione della produzione.

Presto dunque si presenta per gli operai, che intendono emanciparsi o anche solo di migliorare seriamente le loro condizioni, la necessità di attaccare il governo, il quale, legittimando il diritto di proprietà e sostenendola colla forza brutale, costituisce una barriera innanzi al progresso, che bisogna abbattere colla forza se non si vuole restare indefinitamente nello stato attuale e peggio.

Dalla lotta economica bisogna passare alla lotta politica, cioè alla lotta contro il governo; ed invece di opporre ai milioni dei capitalisti gli scarsi centesimi a stento accumulati dagli operai, bisogna opporre ai fucili ed ai cannoni che difendono la proprietà, quei mezzi migliori che il popolo potrà trovare per vincere la forza con la forza.

4. La lotta politica

Per la lotta politica intendiamo la lotta contro il governo. Governo è l'insieme di quegl'individui che detengono il potere, comunque acquistato, di far la legge ed imporla ai governanti, cioè al pubblico.

Conseguenza dello spirito di dominio e della violenza con cui alcuni uomini si sono imposti agli altri, esso è, nello stesso tempo, creatore e creatura del privilegio e suo difensore naturale.

Erroneamente si dice che il governo compie oggi la funzione di difensore del capitalismo, ma che abolito il capitalismo esso diventerebbe rappresentante e gerente degli interessi generali. Prima di tutto il capitalismo non si potrà distruggere se non quando i lavoratori, cacciato il governo, prendano possesso della ricchezza sociale ed organizzino la produzione ed il consumo nell'interesse di tutti, da loro stessi, senza aspettare l'opera di un governo il quale, anche a volerlo, non sarebbe capace di farlo.

Ma v'è di più: se il capitalismo fosse distrutto e si lasciasse sussistere un governo, questo, mediante la concessione di ogni sorta di privilegi lo creerebbe di nuovo poiché non potendo accontentar tutti avrebbe bisogno di una classe economicamente potente che lo appoggi in cambio della protezione legale e materiale che ne riceve.

Per conseguenza, non si può abolire il privilegio e stabilire solidamente e definitivamente la libertà e l'uguaglianza sociale se non abolendo il governo, non questo o quel governo, ma l'istituzione stessa del governo.

Però, in questo, come in tutti i fatti d'interesse generale, più che in qualunque altro occorre il consenso della generalità: e perciò dobbiamo sforzarci di persuadere la gente che il governo è inutile e dannoso, e che si può vivere meglio senza governo.

Ma, come abbiamo già ripetuto, la sola propaganda è impotente a convincere tutti - e se noi volessimo limitarci a predicare contro il governo, aspettando altrimenti inerti, il giorno in cui il pubblico sarà convinto della possibilità ed utilità di abolire completamente ogni specie di governo, quel giorno non verrebbe mai.

Sempre predicando contro ogni specie di governo, sempre reclamando la libertà integrale, noi dobbiamo favorire tutte le lotte per le libertà parziali, convinti che nella lotta s'impara a lottare e che incominciando a gustare un po' di libertà si finisce col volerla tutta. Noi dobbiamo sempre essere col popolo, e quando non riusciamo a fargli pretender molto, cercare che almeno cominci a pretender qualche cosa: e dobbiamo sforzarci perché apprenda, poco o molto che voglia, a volerlo conquistare da sé, e tenga in odio ed in disprezzo chiunque sta o vuole andare al governo.

Poiché il governo tiene oggi il potere di regolare, mediante le leggi, la vita sociale ed allargare o restringere la libertà dei cittadini, noi non potendo ancora strappargli questo potere, dobbiamo cercare di diminuirglielo e dì obbligarlo a farne l'uso meno dannoso possibile Ma questo lo dobbiamo fare stando sempre fuori e contro il governo, premendo su di lui mediante l'agitazione della piazza minacciando di prendere per forza quello che si reclama. Mai dobbiamo accettare una qualsiasi funzione legislativa, sia essa generale o locale, poiché facendo così diminuiremmo l'efficacia della nostra azione e tradiremmo l'avvenire della nostra causa.

La lotta contro il governo si risolve, in ultima analisi, in lotta fisica, materiale.

Il governo fa la legge. Esso dunque deve avere una forza materiale (esercito e polizia) per imporre la legge, poiché altrimenti non vi ubbidirebbe che chi vuole ed essa non sarebbe più legge, ma una semplice proposta che ciascuno è libero di accettare e di respingere. Ed i governi questa forza l'hanno, e se ne servono per potere con leggi fortificare il loro dominio e fare gl'interessi delle classi privilegiate, opprimendo e sfruttando i lavoratori.

Limite all'oppressione del governo è la forza che il popolo si mostra capace di opporgli. Vi può essere conflitto aperto o latente, ma conflitto v'è sempre; poiché il governo non si arresta innanzi il malcontento ed alla resistenza popolare se non quando sente il pericolo dell'insurrezione.

Quando il popolo sottostà docilmente alla legge, o la protesta è debole e platonica, il governo fa i comodi suoi senza curarsi dei bisogni popolari; quando la protesta diventa viva, insistente, minacciosa, il governo, secondo che è più o meno illuminato, cede o reprime. Ma sempre si arriva all'insurrezione, perché se il governo non cede, il popolo acquista fiducia in sé e pretende sempre di più, fino a che l'incompatibilità tra la libertà e l'autorità diventa evidente e scoppia il conflitto violento.

È necessario dunque prepararsi moralmente e materialmente perché allo scoppio della lotta violenta la vittoria resti al popolo.

L'insurrezione vittoriosa è il fatto più efficace per l'emancipazione popolare, poiché il popolo, scosso il giogo, diventi libero di darsi a quelle istituzioni che egli crede migliori, e la distanza che passa tra la legge, sempre in ritardo, ed il grado di civiltà a cui è arrivata la massa della popolazione, è varcata d'un salto. L'insurrezione determina la rivoluzione, cioè il rapido attuarsi delle forze latenti accumulate durante la precedente evoluzione.

Tutto sta in ciò che il popolo è capace di volere. Nelle insurrezioni passate il popolo, inconscio delle ragioni vere dei suoi mali, ha voluto sempre molto poco, e molto poco ha conseguito.

Che cosa vorrà nella prossima insurrezione? Ciò dipende in parte dalla nostra propaganda e dall'energia che sapremo spiegare.

Noi dovremmo spingere il popolo ad espropriare i proprietari e mettere in comune la roba, ed organizzare la vita sociale da sé stesso, mediante associazioni liberamente costituite, senza aspettare gli ordini di nessuno e rifiutando di nominare o riconoscere qualsiasi governo, qualsiasi corpo costituito, che sotto un nome qualunque (costituente, dittatura, ecc.) si attribuisca, sia pure a titolo provvisorio, il diritto di far la legge ed imporre agli altri con la forza la propria volontà.

E se la massa dei popolo non risponderà all'appello nostro, noi dovremo - in nome del diritto che abbiamo di esser liberi anche se gli altri vogliono restare schiavi e per l'efficacia dell'esempio - attuare da noi quanto più potremo delle nostre idee, e non riconoscere il nuovo governo, e mantenere viva la resistenza, e far si che le località dove le nostre idee saranno simpaticamente accolte si costituiscano in comunanze anarchiche, respingano ogni ingerenza governativa, stabiliscano libere relazioni con le altre località e pretendano di vivere a modo loro.

Noi dovremo, soprattutto, opporci con tutti i mezzi alla ricostituzione della polizia e dell'esercito, e profittare dell'occasione propizia per eccitare i lavoratori delle località non anarchiche a profittare della mancanza di forza repressiva per imporre quelle maggiori pretese che a noi riesca indurli ad avere.

E comunque vadano le cose continuare sempre a lottare, senza un istante di interruzione, contro i proprietari e contro i governanti avendo sempre in vista la emancipazione completa, economica, politica e morale di tutta quanta l'umanità.

5. Conclusione

Noi vogliamo dunque abolire radicalmente la dominazione e lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo, noi vogliamo che gli uomini affratellati da una solidarietà cosciente e voluta cooperino tutti volontariamente al benessere di tutti; noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il massimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza.

E per raggiungere questo scopo supremo noi crediamo necessario che i mezzi di produzione siano a disposizione di tutti, e che nessun uomo, o gruppo di uomini possa obbligare gli altri a sottostare alla sua volontà né esercitare la sua influenza altrimenti che con la forza della ragione e dell'esempio.

Dunque, espropriazione dei detentori dei suolo e del capitale a vantaggio di tutti, abolizione del governo. Ed aspettando che questo si possa fare: propaganda dell'ideale; organizzazione delle forze popolari; lotta continua, pacifica o violenta secondo le circostanze, contro il governo e contro i proprietari per conquistare quanto più si può di libertà e di benessere per tutti.



domenica 4 settembre 2011

Bengt-Aake Lundvall*

ilmanifesto

Aprendo il dibattito su “La rotta d’Europa” aperta da il manifesto, Sbilanciamoci.info e openDemocracy.net, Rossana Rossanda ha chiesto agli economisti e ad altri una valutazione della crisi dell’euro e dell’Unione economica e monetaria (Uem). Mario Pianta e Donatella della Porta hanno dato le loro risposte e io sono d’accordo con le loro tesi di fondo. Pianta ha ragione nel sottolineare che la crescente diseguaglianza economica e il dogma neoliberale hanno contribuito alla crisi presente. E Donatella della Porta ha ragione a indicare nella mancanza di legittimazione democratica uno dei problemi più grossi della situazione attuale, in cui l’integrazione europea è spinta dalla necessità di evitare una crisi economica mondiale. Vorrei mostrare come la forma e profondità di tale crisi rivelino la debolezza di fondo dei percorsi intrapresi dall’integrazione europea. La Strategia di Lisbona lanciata nel 2000 è stata dirottata a metà strada verso una via

neoliberale, e ora la Strategia Europa 2020 continua sul binario sbagliato. Tali iniziative non hanno costruito le fondamenta necessarie per l’Uem. E l’Unione monetaria, pensata per proteggere i paesi membri dall’instabilità economica, è diventata essa stessa una fonte d’instabilità per tutto il mondo. Se la Uem è stata una costruzione sbagliata fin dall’inizio, ora è estremamente pericoloso lasciarla disintegrare. Nonostante la retorica che addossa tutte le colpe ai governi degli stati, i leader nazionali potrebbero essere costretti a portare l’Europa verso una federazione, non perché questo faccia parte della loro visione, ma perché devono evitare una depressione globale. Si tratta di scelte difficili che che si scontreranno con il populismo nazionalista di un’Europa senza una visione democratica radicata e comune che vada al di là del mercato unico.

Da Lisbona a Europa 2020

I contesti internazionali del 2000 e del 2010 erano profondamente diversi. Negli anni ‘90, quando fu lanciata la Strategia di Lisbona, l’occupazione e i tassi di crescita negli Usa erano più alti che in Europa, e l’ipotesi più diffusa era che questo fosse il risultato della ‘nuova economia’ americana, fondata su mercati meno regolati, più attività imprenditoriali e maggiori investimenti nel capitale della conoscenza. Si pensava che in Europa la crescita fosse ostacolata dalla ‘rigidità’ soprattutto del mercato del lavoro, e dallo scarso investimento in ricerca. La strategia Europa 2020 viene introdotta in un contesto tutto diverso, in cui gli Usa come l’Europa soffrono le conseguenze della crisi finanziaria, la crisi ecologica è diventata una priorità e la concorrenza più temibile viene dalla Cina e dall’India più che dagli Usa.

Queste differenze di modalità e contesto si riflettono nel contenuto della nuova strategia. Nella Strategia di Lisbona la Ue si proponeva un nuovo obiettivo strategico:diventare l’economia più competitiva e dinamica basata sulla conoscenza, capace di una crescita economica sostenibile con maggiore e migliore occupazione e una più grande coesione sociale’. Quel traguardo richiedeva di ‘preparare la transizione verso un’economia e una società basate sulla conoscenza, attraverso politiche migliori per la società dell’informazione e la ricerca e sviluppo (R&S), accelerando riforme strutturali per la competitività e l’innovazione, completando il mercato unico, modernizzando il modello sociale europeo, investendo sulle persone e combattendo l’esclusione sociale; sostenendo buone prospettive economiche e crescita, applicando un insieme appropriato di politiche macroeconomiche’.

Ora la nuova strategia Europa 2020 sottolinea tre priorità: “crescita intelligente”: sviluppo di un’economia basata su conoscenza e innovazione; “crescita sostenibile: promozione di un’economia più efficiente rispetto alle risorse, più verde e più competitiva”; “crescita inclusiva’: sostenere un’economia ad alta occupazione che produca coesione sociale e territoriale”. C’è una differenza di fondo che va sottolineata: le ambizioni si sono decisamente ridimensionate. Nella strategia Europa 2020 non si promette che l’Europa diventerà la regione più competitiva del mondo e si riconosce che la crisi economica ha avuto un forte impatto negativo su occupazione e reddito.

Quando l’Europa è andata a destra

Nell’orientamento generale delle due strategie esiste una continuità, ma si è verificato un cambiamento delle priorità a qualche anno dalla strategia di Lisbona, con un indebolimento della dimensione sociale e una maggiore attenzione a crescita e occupazione. E’ avvenuto con la valutazione di medio termine 2004-05, in cui si sosteneva che la strategia era ‘troppo complessa’, con troppi obiettivi. Motivo per cui sarebbe stato necessario concentrare tutti gli sforzi su occupazione e crescita economica. Un cambiamento che rifletteva quello del panorama politico europeo, con i governi socialdemocratici che erano stati sostituiti da governi molto più a destra.

Tale cambiamento ha ridimensionato l’obiettivo, passando da ‘maggiore e migliore occupazione’ a ‘maggiore occupazione’ e basta, ponendo l’accento sulla ‘flessisicurezza’ ma con un’attenzione esclusiva per l’elemento flessibilità. Con le nuove priorità, il concetto di coesione sociale viene inteso in modo restrittivo e tradotto in obiettivi rivolti alla riduzione della povertà. Va notato come la ‘maggiore e migliore occupazione’ sia diventata, nell’introduzione alla strategia Europa 2020, un più vago maggiore occupazione e vite migliori’.

Se la prospettiva generale della strategia di Lisbona, e in particolare l’attenzione alla coesione sociale e alla società basata sulla conoscenza, andavano nella direzione giusta, i politici che dovevano realizzarla hanno visto la ‘coesione sociale’ come un peso per l’Europa piuttosto che come il fondamento necessario per un’economia basata sulla conoscenza. Di conseguenza l’attuazione si è fatta sempre più squilibrata, dominata dall’interpretazione neoliberale delle ‘riforme strutturali’ e dalla flessibilizzazione.

La strategia di Lisbona come sostegno alla Uem

Fin dal principio (1996), la Strategia europea per l’occupazione venne presentata come un complemento necessario per l’Unione monetaria europea. La stessa cosa si può dire della strategia successiva, quella di Lisbona. Quando fu istituita la Uem, molte voci avvertirono che un’unione monetaria senza politica fiscale comune sarebbe stata vulnerabile da attacchi esterni. Il bilancio totale della Ue è solo una piccola percentuale del Pil e non può avere lo stesso ruolo di stabilizzatore automatico che ha il bilancio federale Usa. Questo era particolarmente problematico per un’unione valutaria che metteva insieme paesi a livelli molto diversi di sviluppo economico. La Strategia di Lisbona si può vedere come un tentativo di compensare questa fondamentale debolezza dell’Unione monetaria.

Sono state date due interpretazioni contrapposte del perché la Strategia di Lisbona potesse funzionare come sostegno all’Uem. L’interpretazione neoliberale era che il coordinamento delle politiche avrebbe dovuto rendere più flessibili i mercati del lavoro dell’Europa meridionale, in modo che gli eventuali choc esterni venissero assorbiti attraverso un’immediata riduzione dei salari reali. L’interpretazione neo-riformista era che le regioni meridionali meno sviluppate sarebbero state aiutate ad allinearsi al Nord grazie agli ambiziosi investimenti nella loro base di conoscenze.

Se la strategia di Lisbona fosse riuscita a ridurre le disuguaglianze regionali all’interno della Uem migliorando conoscenze e struttura industriale del Sud dell’Europa – puntando a un’occupazione di qualità, meno esposta alla concorrenza mondiale - l’attuale crisi della Uem forse non sarebbe stata così drammatica. Non è un caso che i paesi oggi esposti alla speculazione finanziaria siano quelli che hanno la struttura industriale più debole e la maggior quota di posti di lavoro direttamente esposti alla concorrenza delle economie emergenti.

Questo avrebbe richiesto maggiore, non minore, attenzione alla coesione regionale e sociale, e riforme dei mercati del lavoro e dei sistemi scolastici volte a migliorare le competenze e l’organizzazione del lavoro, così come gandi investimenti nelle infrastrutture cuturali. Ma l’agenda di Lisbona si è andata orientando sempre più verso la strada neoliberale. La situazione attuale mostra che questo spostamento a destra non solo è stato inadeguato, ma ha finito per creare una struttura istituzionale distorta, che ora minaccia di far crollare non solo le economie europee, ma anche quella mondiale.

L’ombra della crisi mondiale

La crisi dell’euro va vista nel più ampio contesto della globalizzazione dei mercati finanziari, che ha reso più esporte le economie più piccole e ha ridotto le possibilità di una politica economica autonoma da parte dei governi. Nella prospettiva globale tutti i paesi europei sono “piccoli”; quelli grandi – Usa, Giappone e Cina - sono meno vulnerabili dalla speculazione finanziaria, ma diventano anche loro sempre più “piccoli” nel senso che si vanno riducendo i margini di quello che possono fare come politica economica autonoma.

L’Unione economica e monetaria può essere vista come il tentativo di trasformare l’Europa in un paese “grande”, proteggendo i piccoli paesi europei e rendendoli più capaci di superare crisi e speculazioni esterne. Ma si tratta di un tentativo fallito che ha dato ragione a quanti sostenevano che era poco saggio creare un’unione valutaria in assenza di unione fiscale. La Grecia, il Portogallo, la Spagna, l’Italia e più di recente anche la Francia hanno visto la speculazione finanziaria aumentare i costi del debito pubblico. C’è ora il rischio reale di uno scenario che vede uno o più di questi paesi che fanno bancarotta, un conseguente crollo delle grandi banche e una crisi finanziaria generale, che porta a una depressione mondiale.

Il timore che l’economia nazionale finisca sotto il tiro della speculazione finanziaria costringe i governi nazionali a tagliare i bilanci e stimolare gli investimenti privati abbassando le tasse sui ricchi e sulle imprese. Questo è anche il tipo di risposta auspicato con forza dalla cancelliera tedesca Angela Merkel. Ma gli sforzi per rafforzare la ‘competitività internazionale’ dei singoli paesi hanno un impatto negativo sulla domanda a livello globale. Se possono essere ritenuti utili per limitare l’esposizione delle singole economie, accentuano però la possibilità di uno tsunami finanziario.

Sembra impossibile che i leader europei vogliano riformare una delle fonti principali dell’instabilità: il modo in cui operano i mercati finanziari nel breve termine. Quali sono allora le alternative? Per i governi è essenziale evitare che la crisi dell’euro produca l’insolvenza di uno dei paesi membri. Una delle proposte è quella di istituire obbligazioni europee (gli eurobond) il cui valore sia garantito insieme da un gruppo di paesi. Sarebbe un primo passo verso la trasformazione dell’Europa in senso federale. Ma se il bisogno di ‘più Europa’ è acuto quando si tratta di costruire barriere contro uno spaventoso tsunami finanziario, la sensazione della crisi ridà fiato ai sentimenti nazionalistici e rafforza gli schieramenti politici che si oppongono a politiche di solidarietà internazionale.

Le strade possibili

La maggior parte delle priorità definite dalla strategia Europa 2020 sono risposte rilevanti alle sfide che l’Europa si trova oggi ad affrontare, ma non rappresentano nel breve termine una protezione di fronte a uno tsunami finanziario. La Strategia di Lisbona può essere vista come il tentativo di creare una convergenza istituzionale e politica in Europa con lo scopo di costruire un’unione forte e coesa, fondata sul principio di solidarietà. Ma l’approccio realizzato, con l’accento sulle ‘buone pratiche’, e la valutazione dei risultati delle politiche nelle diverse aree (benchmarking) è stato del tutto tecnocratico, incapace di suscitare un’adesione popolare al progetto europeo. Perché i cittadini europei si mobilitino per il progetto-Europa ci vuole una visione capace di andare oltre il mercato unico.

In un testo importante, scritto in occasione del convegno “L’identità europea in un’economia globale” in preparazione del Summit di Lisbona sotto la presidenza portoghese, Manuel Castells avveva sostenuto la necessità di una “comune identità europea in base alla quale i cittadini in tutta Europa possano condividere i problemi e cercarne insieme la soluzione”. Dopo aver scartato cultura e religione, Castells aveva individuato “i sentimenti condivisi sulla necessità di una protezione sociale universale delle condizioni di vita, la solidarietà sociale, un lavoro stabile, i diritti dei lavoratori, i diritti umani universali, la preoccupazione per i poveri del mondo, l’estensione della democrazia a tutti i livelli” Se le istituzioni europee dovessero promuovere quei valori, diceva, forse “il progetto identità” potrebbe crescere.

Per mobilitare il sostegno popolare e ricostruire l’Uem è necessario ridefinirla in modo che

riconosca la ‘dimensione sociale’, trasformandola in una Unione economica e sociale (Ues). Questo dovrebbe andare di pari passo con riforme dei processi decisionali capaci di unire in modi nuovi partecipazione democratica ed efficienza. C’è bisogno di una svolta nel paradigma delle politiche, che trasformi il timore dell’intervento statale e la fede nei mercati in una prospettiva in cui i governi possano assumersi i compiti necessari a promuovere una solida crescita economica. Questo richiede una regolamentazione internazionale molto più severa dei mercati finanziari. Ma soprattutto richiede di ridisegnare le istituzioni e le politiche di settore, con la consapevolezza della fase nuova che stiamo attraversando in cui la conoscenza è la maggiore risorsa e l’apprendimento è il processo più importante.

Ma il tempo stringe, ed è probabile che assisteremo a piccoli e riluttanti passi dei leader europei verso una politica fiscale comune, passi che verranno fatti senza sostegno popolare e con scarso coinvolgimento delle istituzioni. L’argomentazione dei leader europei - in cui presentano ciascuna riforma come fatta in nome della Grecia, del Portogallo, della Spagna etc., e non per salvare la loro economia dalla depressione – non è di alcun aiuto. Se nella loro marcia esitante dovessero inciampare, è possibile che cadremo nella prima depressione economica dopo gli anni Trenta.





*Bengt-Åke Lundvall ha scritto il primo manuale di economia marxista in Svezia negli anni ’70 ed è stato vice-direttore dell’Ocse nel 1992-95. Ha partecipato alla preparazione della Stategia di Lisbone della Ue. E’ professore alla Aalborg University in Danimarca e a Sciences Po a Parigi. E’ noto per i suoi lavori sull’economia dell’apprendimento e sui sistemi innovativi.

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!