domenica 14 febbraio 2010



Domanda ai candidati alle regionali: «Farete una centrale, sì o no?»

«Una centrale nucleare nella mia regione sì o no?». E' la domanda - da intendere non come provocatoria, ma del tutto opportuna - che Legambiente rivolge a tutti i candidati alle prossime elezioni regionali. Finora hanno risposto con un secco «no» ben 23 candidati di tutti gli schieramenti politici, dalla Lega al Pd, passando per l'Udc e per il Pdl. Sono nove, invece, i candidati che ancora non si sono espressi e solo 6 quelli che dicono apertamente sì al nucleare (vedi schema accanto, ndr). Tra questi viene giustamente conteggiata anche la posizione «furbetta» di Roberto Formigoni, attuale governatore e candidato al «tris», il quale si dice favorevole al nucleare assicurando però che una centrale non verrà mai costruita in Lombardia. «Quello che è certo finora è che il no al nucleare sembra mettere d'accordo tutti i candidati alle regionali - spiega Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente - il governo deve smetterla di ingannare gli italiani sulle possibilità del nucleare, che rimane una scelta folle da un punto di vista economico ed energetico. Nessuna nuova centrale deve essere realizzata senza il consenso degli italiani».

Mario Agostinelli e Alfiero Grandi

ilmanifesto.it
Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti: questo governo vuole ad ogni costo tornare al nucleare e sottovalutarne l'iniziativa sarebbe un grave errore.
In altri campi quando il governo ha capito che rischiava di restare isolato ha cambiato strada, questa volta no. Eppure la maggioranza delle Regioni (13) ha fatto ricorso alla Corte costituzionale contro la legge 99/2009 che reintroduce il nucleare in Italia. Perfino Zaia afferma che il nucleare si può fare ma non nella Regione in cui si candida Presidente, fingendo di dimenticare di avere contribuito a questa folle scelta come Ministro di questo governo. È uno dei segnali che il gradimento del nucleare nell'opinione pubblica è molto basso e che solo la pressione della lobby affaristica, guidata in Italia dall'Enel e da un corposo settore di Confindustria, per ora mantiene l'argomento all'ordine del giorno.
Il governo punta a consolidare un blocco di interessi molto in sintonia con la sua politica economica, ma si preoccupa anche di cercare consenso nell'opinione pubblica e di non avere intralci alla propria determinazione. Tanto è vero che dopo la richiesta dell'Amministratore delegato dell'Enel di togliere i poteri alle Regioni in materia di energia e nucleare il ministro Scaiola non ha trovato di meglio che affermare la stessa cosa e di denunciare le leggi di «denuclearizzazione» di Puglia, Basilicata e Campania. Intanto emergono episodi inquietanti, come la distribuzione dell'opuscolo «Energia per il futuro» come inserto di alcune pubblicazioni diocesane. Un libretto patinato prodotto da «Sviluppo nucleare Italia» con «accattivanti» citazioni papali e cardinalizie che dovrebbero testimoniare come il magistero della Chiesa sia favorevole al nucleare civile.
Il Governo intanto mente sui conti e sui costi. Come tutti sappiamo, le centrali costano enormemente di più di quanto si dice. Se venissero calcolati anche smantellamento e scorie, come si dovrebbe fare, l'energia elettrica da nucleare risulterebbe anche finanziariamente insostenibile. Il risparmio il governo lo individua nell'unico aspetto che dovrebbe avere risorse adeguate: l'Agenzia per la sicurezza, dove assicura che spenderà poco. In realtà una creatura rachitica perché non deve essere in grado di disturbare le decisioni della lobby nuclearista. Se poi la sicurezza dei cittadini e dell'ambiente ne risentirà pazienza, come prova l'incredibile ruolo assegnato ai privati nella costruzione e nella gestione degli impianti, tutto orientato a trasferire gli aspetti dell'incolumità e della salute dentro la logica del mercato. Del resto fa il paio con una legislazione che taglia fuori le Regioni, gli enti locali e i cittadini, tanto è vero che non solo il governo vuole decidere da solo, ma pretende di imporre la militarizzazione dei siti nucleari prescelti.
Per di più Scaiola non vuole ammettere che il nucleare, per i lunghissimi tempi di approntamento, non permetterà di rispettare gli obiettivi di Kyoto entro il 2012, per cui i cittadini - come avvisa il Kyoto Club - pagheranno un debito accumulato dal 2008 di oltre 3 milioni di euro al giorno, con sicuri riflessi anche sulla loro bolletta della luce. Mentre puntare sulle energie da fonti rinnovabili e all'obiettivo europeo «20/20/20» permetterebbe di iniziare subito a rientrare nei parametri, creerebbe - secondo Cgil e Legambiente - almeno 100.000 posti di lavoro qualificati e non farebbe correre rischi alla salute dei cittadini e dei lavoratori.
Per questo siamo d'accordo con Cogliati Dezza (il manifesto del 4 Febbraio) sulla costituzione da subito di un coordinamento di tutte le forze che sono contro il nucleare. Aggiungiamo che in questa fase preelettorale la scelta contro il nucleare deve caratterizzare le coalizioni che si candidano a governare le Regioni. Nessun voto deve andare a chi è a favore del ritorno del nucleare, o lo appoggia dissimulandone le conseguenze come fanno Formigoni e la Lega in Lombardia.
È importante che anche questa occasione faccia crescere l'informazione e la conseguente opposizione alle centrali e ai depositi, garantendo l'elezione di governi regionali schierati contro l'atomo, ma anche sollecitati allo sviluppo dell'alternativa del sole. È il modo migliore per sostenere i ricorsi che molti consigli regionali hanno fatto alla Corte Costituzionale contro la legge 99/2009.

Resta il problema del referendum abrogativo della legge 99/2009. Certo il referendum non è strumento da prendere alla leggera. Tuttavia non si può ignorare che la decisione di promuoverlo è già in campo. Se l'iniziativa referendaria contro il nucleare si collegasse a quella ormai decisa per l'acqua - il cui esito corre rischi analoghi - in nome di una forte presa dei temi della vita, della sopravvivenza, della giustizia climatica e sociale, è fondamentale chiedere con forza che diventi veramente un'iniziativa larga, tale che possa essere condivisa da tutte le componenti dello schieramento contro il nucleare auspicato da Cogliati Dezza.
Potremmo così accompagnare al «no» sul nucleare un «sì» ad una proposta di legge di iniziativa popolare fondata sulle energie rinnovabili e cercare di unificare il fronte dei beni comuni - acqua, energia, alimentazione - in una narrazione coerente e desiderabile.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!