domenica 10 giugno 2012


Giuseppe Meloni 
www.unionesarda.it



«Indipendenza, non finisce qui; Il popolo sardo si pronuncerà» 


Spunta l'idea di consultazioni autogestite come in Catalogna 


Sarà un referendum alla catalana (ma senza cipolla, a differenza dell'aragosta). 
Nonostante la bocciatura del quesito proposto da Doddore Meloni, gli indipendentisti non rinunciano a chiedere ai sardi di pronunciarsi sull'ipotesi di una repubblica autonoma nell'Isola.
 E contano di prendere ispirazione da quel che hanno fatto a Barcellona e dintorni: dei referendum autogestiti, non ufficiali, organizzati da forze politiche e attivisti per portare la popolazione a pronunciarsi in favore dell'indipendenza o contro. 


L'IDEA 
È l'intenzione annunciata dallo stesso Doddore Meloni subito dopo che l'Ufficio regionale per i referendum ha respinto la sua richiesta di una consultazione sull'argomento. Ed è anche l'idea, seppur ancora embrionale, di altri movimenti indipendentisti. «Il referendum, in un modo o nell'altro, si farà», prevede Omar Onnis, presidente di Progres-Progetu Republica. Ovviamente, un'iniziativa autogestita - avendo un valore puramente politico - avrebbe successo solo con una grande affluenza popolare. In Catalogna hanno fatto così, hanno messo su banchetti e urne artigianali e chiamato a raccolta i cittadini. I voti in favore dell'indipendenza hanno superato il 90%, ma a dare grande forza alle consultazioni è stata la partecipazione straordinaria. Anche nell'Isola, una mobilitazione limitata a pochi manipoli di attivisti resterebbe velleitaria. Altro impatto avrebbe una folla in fila ai seggi. 


SENTIMENTI DIFFUSI 
Da questo punto di vista, Onnis è ottimista: «C'è forte interesse per questo tema. Lo dimostrano il recente sondaggio dell'Università di Cagliari, le 30mila firme raccolte dal Fiocco verde su una proposta di sovranità fiscale, e la stessa iniziativa di Doddore». Progres aveva espresso dubbi sull'opportunità della scelta di Maluentu, «ma la bocciatura di quel referendum - riflette il presidente - è opinabile anche sotto il profilo giuridico. Lo stesso Ufficio regionale non aveva obiettato alcunché ai dieci quesiti per cui si è votato un mese fa, eppure alcuni aprivano forti dubbi di legittimità: come quello contro le Province storiche previste dalla Costituzione e dallo Statuto speciale». L'ipotesi di referendum autogestiti sarà presto valutata dalle varie forze indipendentiste: «Ancora nulla di definito», precisa Onnis. «Comunque se i sardi vorranno l'indipendenza, prima o poi ci arriveranno, a meno che non siano bloccati con la repressione. La comunità internazionale riconosce il diritto ad autodeterminarsi». 


«SERVE UN PROGETTO» 
Qualche dubbio in più da parte di Salvatore Melis, segretario dei Rossomori: «Non crediamo all'indipendenza fatta coi colpi di mano. Non abbiamo firmato il referendum di Doddore perché riteniamo che, prima, vada costruito un progetto politico-istituzionale». A partire da atti di governo concreti: «Molti strumenti già sanciti dallo Statuto speciale», riprende, «come le zone franche e non solo, non sono stati mai attuati e non per colpa dello Stato, ma per nostre incapacità. Iniziamo ad appropriarci delle competenze su scuola ed energia, o di quelle dell'Anas, che assurdamente gestisce soldi regionali». 


«LIBERTÀ VIGILATA» 
Invece Claudia Zuncheddu (Sardegna libera) è d'accordo con chi guarda alla Catalogna o alla Scozia: «Il processo di condivisione sui temi dell'autogoverno e dell'indipendenza è democratico e popolare, comporta un ampio coinvolgimento di coscienze, persone e organizzazioni che promuovano una trasformazione culturale e politica». Ma la bocciatura del referendum di Maluentu «rappresenta un gravissimo attacco al diritto di espressione dei cittadini sardi. È una situazione di libertà limitata e vigilata». Anche dalla Zuncheddu arriva un richiamo al «diritto internazionale all'autodeterminazione. Di fronte alla crisi economica che vede la Sardegna sempre più piegata, impoverita e vilipesa, la classe politica italiana dimostra di aver paura che noi sardi possiamo fare a meno dell'Italia e autogestire le nostre risorse, creando benessere e prosperità per famiglie e imprese».
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!