venerdì 5 luglio 2013

Come reagiranno i Paesi Occidentali all’aumento indefinito del loro debito: Mega-QE, Decrescita, Inflazione Globale o Default?


La stampa ed i media spesso si focalizzano su scenari di corto respiro. Proviamo insieme a dare un’occhio a cio’ che accade a livello globale e non con l’ottica delle settimane, ma degli anni, con qualche ragionamento
SU SCALA GLOBALE, NEI PAESI AVANZATI STA AUMENTANDO PROGRESSIVAMENTE IL LIVELLO DI DEBITO PUBBLICO
La crescita del Debito Pubblico nei paesi avanzati e’ irrefrenabile e procede da 40 anni, con un’accelerazione dal 2008.
gpg1 (245) - Copy - Copy - Copy - Copy

SU SCALA GLOBALE, NEI PAESI AVANZATI STA AUMENTANDO PROGRESSIVAMENTE IL LIVELLO DI DEBITO PRIVATO
La crescita del Debito di famiglie ed imprese nei paesi avanzati e’ altrettanto irrefrenabile e procede anch’essa da oltre 3 decenni.
gpg1 (246) - Copy - Copy - Copy - Copy
LA CRESCITA ECONOMICA NELLE NAZIONI AVANZATE E’ IN PROGRESSIVO RALLENTAMENTO
pil21

LE SPESE PUBBLICHE SONO IN CRESCITA, PARTICOLARMENTE A CAUSA DELL’INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE (BOOM DELLE SPESE SANITARIE E PENSIONISTICHE, CONNESSE AI CAMBIAMENTI DEMOGRAFICI)
Qui l’esempio delle spese sanitarie
gpg1 (247) - Copy - Copy - Copy - Copy

TIRANDO LE SOMME:
A) NELLE NAZIONI AVANZATE E’ IN ATTO UN PROGRESSIVO AUMENTO DELLA MASSA DEBITORIA PUBBLICA E PRIVATA, PROCESSO CHE TENDE AD AUTOALIMENTARSI IN QUANTO IL LIVELLO DI RICCHEZZA (PIL) HA CRESCITE CONTENUTE ED AL TEMPO STESSO IN QUANTO TENDONO A CRESCERE ALCUNE SPESE PUBBLICHE E PRIVATE (SANITARIE IN PRIMIS) A CAUSA DELL’INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE.
B) NEGLI ULTIMI ANNI I GOVERNI E LE ISTITUZIONI FINANZIARIE HANNO REAGITO CON ENORMI INIEZIONI DI DENARO (QUANTITATIVE EASING) AL FINE DI STIMOLARE L’ECONOMIA E TENERE BASSI I TASSI (COSA CHE CONSENTE ANCHE DI AVERE MINORI ESBORSI PER INTERESSI), MA LE TENDENZE DI FONDO COMPLESSIVE NON SONO MUTATE

COSA DOBBIAMO ASPETTARCI IN FUTURO?
Le nazioni occidentali si trovano di fronte a scenari futuri che prevedibilmente prevedono:
- Crescite economiche basse
- Aumento ulteriore di debiti (pubblici e privati)

NEL MEDIO E BREVE PERIODO, LA REAZIONE SARA’ IN LINEA CON QUELLA VISTA NEGLI ULTIMI ANNI:
- Continueranno le politiche di sostegno all’economia
- I Tassi di interesse resteranno molto bassi, in quanto le nazioni occidentali non possono permettersi allargamenti ulteriori dei deficit e quindi incrementi tendenziali dei debiti ancor piu’ spinti
- Continuera’ la compressione della ricchezza delle classi medie produttive
- Difficilmente i livelli di Spesa Pubblica verranno intaccati: l’andamento demografico controbilancera’ azioni di riduzione della spesa pubblica di settori diversi da sanita’ e pensioni

NEL LUNGO PERIODO, PERO’, I TREND SARANNO INSOSTENIBILI. LE NAZIONI OCCIDENTALI DOVRANNO DECIDERE CHI PAGHERA’ IL CONTO, E SI TROVERANNO DI FRONTE A DELLE SCELTE; qui riportiamo 2 delle possibili scelte :
A) NON PAGARE PARTE DEI DEBITI ACCUMULATI (in sintesi fare una sorta di Default)
B) ALIMENTARE L’INFLAZIONE A LIVELLO GLOBALE (in modo che questa spinga in alto il PIL nominale, ed in basso i valori di Debito in rapporto al PIL)
Personalmente sono incline a pensare che alla fine si optera’ per la soluzione B, che consente tra l’altro un’abbattimento di alcune spese correnti (esempio: pensioni).
Badate bene che quanto sopra non si verifichera’ Domani, ne’ Dopodomani. Prima o poi, e’ comunque inevitabile che Qualcuno sia chiamato a Pagare.

L’ITALIA
In un quadro mondiale complessivo non troppo simpatico, l’Italia ha tutti i problemi del mondo avanzato, amplificati (alto debito, alta spesa pubblica, dinamiche demografiche, etc). Ha inoltre un’altro problema enorme, connessa alla produttivita’ e competitivita’, che semplicemente non sta affrontando. Per cui, certamente il Bel Paese continuera’ nel Trend Depressivo e tendente all’impoverimento.
gpg1 (244) - Copy - Copy - Copy - Copy

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!