domenica 27 ottobre 2013

AVAAZ. ASTUZIA ED INGANNI. COME 

TI SEDUCO  IL MILITANTE ONESTO. 

SOLIDARIETA'. UMANITARISMO. GUERRA.

ANCHE QUESTO E' IMPERO.




NON FIRMATE 


PIU'

A. Boassa




Molti militanti mi hanno chiesto di firmare delle petizioni con Avaaz. Petizioni giuste preciso. Berlusconi , debito pubblico ...
Non ho firmato . 


La strategia di Avaaz è semplice e allo stesso tempo ben elaborata . Lanciare campagne progressiste che naturalmente non siano contrarie agli interessi dell'impero ed infilare (Totò avrebbe detto tomo tomo cacchio cacchio) , con modalità "solidali" e "umanitarie" , i criminali obiettivi delle banche, delle multinazionali , della CIA ...

Alcuni esempi . Siria . Ecuador .
Siria . "Il presidente Obama può anche lanciare delle incursioni ma non ha il necessario supporto popolare per una vera guerra ..." Come a dire che "una vera e propria guerra" sarebbe giusta perché umanitaria ma purtroppo per Avaaz non si può fare perché manca l'istigazione alla guerra da parte del popolo . Curioso . Il popolo al quale Avaaz si affida questa volta non è stato all'altezza .


L'organizzazione "pacifista" si lamenta che "negli ultimi due anni la comunità internazionale ha lasciato vergognosamente la situazione in stallo , abbandonando a se stessi i cittadini siriani" . Nessun accenno ai tagliagole Jihadisti armati dalle petromonarchie e dall'Occidente . Sulle armi chimiche Avaaz non ha dubbi proprio come Obama e kerry. Si disinteressa di Carla Del Ponte , delle prove satellitari presentate dai Russi all'Onu , delle intercettazioni telefoniche e sopratutto non sente la necessità di attendere gli esiti degli ispettori dell'ONU dato che risulta " evidente a tutti come l'attacco sia stato lanciato dalle forze del regime ".


Ecuador . Petizione . Si chiede a Correa , Presidente dell'Ecuador di ritirare l'autorizzazione per la ricerca del petrolio nel nord-est del paese per non arrecare danni alle foreste pluviali e agli stessi indigeni . Una "giusta" campagna a favore dell'ambiente e dei diritti umani . E dunque come non firmare ? Veniamo a sapere che per venti anni le aziende americane avevano fatto scempio di vaste aree dell'Ecuador ma Avaaz nulla aveva proposto

Veniamo a sapere che Correa aveva buttato fuori dall'Ecuador le aziende USA in modo che le ricchezze petrolifere venissero gestite da una compagnia statale nazionale , la Petroamazonas , i cui profitti invece di volare verso gli States finanziano i servizi sociali in loco . Veniamo a sapere ,tra l'altro, che l'azienda statale può prospettare ma non estrare il petrolio senza la convalida di un referendum . E non dobbiamo dimenticare quanto sia "odioso" Rafael Correa un personaggio che ha chiuso la base militare USA ,che non ha pagato una parte del debito perché giudicato "una truffa dei banchieri", che ha ospitato e protetto nella sua ambasciata il "terrorista" Julian Assange .
L'Ecuador non è più il cortile di casa degli Usa . Ciò è intollerabile per l'impero . Urge destabilizzazione . 

Avaaz può fare la sua parte.
Del resto perché agire diversamente ? 

Creata da Soros , spietato speculatore ,finanziatore della campagna alla presidenza di Obama, con illustri dirigenti come Tom Perriello che ,come deputato,ha votato per il proseguimento della guerra in Afghanistan , o come Richen Patel dirigente della Rockefeller Foundation e della Bill Gates Foundation, Avaaz potrebbe realmente agire per la pace e per la giustizia sociale ?

Ringrazio Patrick Boylan di Peacelink delle molte informazioni acquisite e chiedo a chi ha letto queste note e non le ha ritenute una stupidata di condividere e di far girare 



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!