domenica 3 novembre 2013

Antonello , parla dell'evidente fallimento della "normalizzazione" libica, atta dai fautori della guerra permanente mondiale.. 

 gli USA sostenuti dalle nazioni notoriamente serve: UK Francia Italia e satelliti vari, continuano nella loro strategia di guerra "imperiale" contro qualsiasi stato indipendente, che a loro arbitrario avviso definiscono un pericolo per il loro status di supremazia. 

 Ecco a cosa serve dichiararsi "democratici" poter attaccare impunemente e senza preavvisi chiunque sia fuori dalla loro visione di sudditanza imperiale al RE. 

 La violenza imposta con la forza delle armi , come nell'antichità , impongono i dictat del potente di turno.


Sa Defenza

la Libia di oggi dopo l'intervento di USA Francia UK e Italia
"LA LIBIA E' UN NON STATO " CI DICE MARIO MAURO . 
L'ITALIA HA QUALCHE RESPONSABILITA ' ? 

A.Boassa

 Nella "somalizzazione" della Libia l'Italia ha avuto un ruolo cruciale. Già prima della guerra euforici i vertici militari . Il generale Camporini " Nessun altro in Europa - a parte la Germania - ... ha le stesse capacità di distruzione delle difese antiaeree dei nostri Tornado " mentre " gli Eurofighter sono ideali per attuare una no fly zone grazie all'ottima autonomia " . 

Il generale , ex capo dello stato maggiore della Difesa , cita in particolare , tra gli aereoporti tutti essenziali per la logistica e per il rischieramento , "Trapani , importante come base di Awacs , e Sigonella che ospita l'aereo spia americano Global hawk ". E in guerra infatti l'Italia ha saputo farsi onore rispettando le consegne ricevute dalla "comunità internazionale" e dare un significativo contributo alla disfatta di Gheddafi

Ho usato in modo improprio il termine " guerra " . Naturalmente più preciso il Presidente Napolitano " non siamo entrati in guerra, siamo impegnati in un'azione autorizzata dal Consiglio di sicurezza". Comunque sia , la Libia precedente all'azione civilizzatrice di cui parla Napolitano non esiste più . Cirenaica e Fezzan sono di fatto autonome da Tripoli che "governa" sulla sola Tripolitania che in effetti , come la Cirenaica e il Fezzan , soggiace alle scorribande di milizie armate che rapiscono , torturano, uccidono. Del resto il governo di Tripoli alleato dell'Occidente non è da meno . 

Le carceri sono zeppe di detenuti che non sanno neanche di che cosa sono accusati ma in compenso conoscono disumani torture

 Questa è la "Libia" creata dall'Occidente con il contributo decisivo del fondamentalismo jihadista , attualmente onnipresente nella regione . Qualcosa è sfuggita dalle mani degli apprendisti stregoni che ora vorrebbero rimediare e l'Italia con il nostro Letta ha già dichiarato che non si sotrarrà ai futuri impegni. 

Oltre a concedere ovviamente l'uso delle basi presenti nel nostro sovrano paese, il governo si impegnerà a "ricostituire" l'esercito "libico" e ad eliminare le milizie "indisciplinate". In perfetta sintonia con il primo ministro , Mario Mauro ministro della difesa , assicura gli alleati che data la la situazione di non stato di cui soffre Tripoli , l'Italia triplicherà la sua presenza nel Mediterraneo per proteggere e salvare i migranti che Tripoli non è in grado di contenere , nell'osservanza di quei principi morali e umanitari che da sempre caratterizzano il nostro paese .



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!