giovedì 4 dicembre 2014

CECENIA: Attacco di militanti islamici in centro città, a Grozny uccise 19 persone 


lifenews
Tradusiu editau
de Sa Defenza

Almeno 19 persone sono morte dopo una sparatoria tra truppe russe e militanti islamici a Grozny, capitale della provincia russa della Cecenia.












Un edificio dei media brucia dopo l'attacco nel centro di Grozny stamane 4 dicembre. Elena Fitkulina, AFP / Getty Image

Aspri combattimenti tra le forze governative russe e i combattenti islamici è scoppiata nella provincia russa della Cecenia durante la notte.

I militanti, che si trovavano in diverse auto, sono fuggiti all'interno di una casa editrice in città, dove si sono barricati scambiando un pesante scontro a fuoco con la polizia, LIFEnews, lo ha ha riferito una rete di notizie con link dei servizi segreti russi.

Le forze russe hanno assediato la casa editrice con artiglieria pesante, anche se i media di stato hanno sostenuto che c'erano solo "cinque o sei" combattenti rintanati dentro.


Diversi altri militanti che si sono barricati all'interno di una scuola vuota sono stati "liquidati", hanno sostenuto funzionari russi. In tutto, nove militanti e dieci agenti di polizia sono stati uccisi nei combattimenti, riferisce la tass, e aggiunge che è possibile che il numero delle vittime dei militanti islamici potrebbero aumentare. Anche altri 28 poliziotti sono rimasti feriti, ci dicono dal centro di anti-terrorismo nazionale  Russo.


Il numero esatto di militanti nella città non era chiara. Un giornalista locale ha detto alla radio Ekho Moskvy che c'erano tra i 100  200 militanti islamici sparsi in tutta la città, ma i funzionari affermano che i numeri erano molto più ridotti e che sono stati tutti uccisi.

Utenti dei socialmedia hanno postato delle foto di quella che sembrava essere una macchina della polizia in fiamme.
Горящая машина сотрудников в Грозном.

La guerriglia potrebbe essere rimasta attiva fino a Giovedì mattina, sotto il video mostra il momento in cui il palazzo della casa editrice è stato in gran parte distrutto.



Dopo l'attacco di Giovedì, il governo ha imposto  a Grozny un "allarme rosso di sicurezza  antiterrorismo" in centro alla città.

L'annuncio consente che siano attuate  misure di sicurezza senza pari, in genere indica l'imminente utilizzo della forza pesante per reprimere disordini, secondo l'AP.

Un utente Twitter ha postato una foto di quello che sembravano essere mezzi corazzati da trasporto truppe  attraverso la città.
Ramzan Kadyrov, il forte leader della Cecenia, ha postato una foto di un cadavere su Instagram di quello che ha descritto come militante. "No ai banditi, saranno fatti fuori!", Ha scritto.




Kadyrov ha scritto in un altro post Instagram che sospetta che i militanti armati siano di un'altra regione.instagram.com

In un video pubblicato da Kavkaz Center, un popolare sito web per gli islamisti nel Caucaso, un uomo ha detto che i combattenti erano membri della Emirato del Caucaso, il più grande gruppo di ribelli nella regione.


L'uomo ha detto che i combattenti erano ceceni  vendicatori e donne che erano state "oppresse" nelle numerose "operazioni antiterrorismo" dalle forze russe nella regione dei militanti uccisi. "Abbiamo distrutto molti veicoli e  colonne armate e presi molti trofei", ha detto l'uomo.
Al mattino, però, i funzionari russi hanno tenuto a sottolineare che tutto era tornato alla normalità.

Al mattino, però, i funzionari russi hanno tenuto a sottolineare che tutto era tornato alla normalità.
Stringer / Reuters

Il presidente russo Vladimir Putin ha fatto solo un accenno di passaggio alla violenza nel suo  discorso sullo stato dell'unione , e ha espresso fiducia che "i ragazzi locali, delle forze dell'ordine avrebbero saputo  affrontarla a dovere." Kadyrov è anche riuscito dopo tre ore di volo da Grozny a Mosca a giungere in tempo per il discorso di Putin.
La TV russa ha ignorato i combattimenti a favore della copertura  del discorso di Putin, nel canale statale Rossiya 24.

Facendo  eco al presidente Putin che afferma che le potenze occidentali sono state coinvolte in una cospirazione guidata dagli Stati Uniti per distruggere la Russia, il parlamento ceceno ha accusato i paesi della NATO di organizzare l'attacco. "I sogni di Obama, [la cancelliere tedesca Angela] Merkel, e loro corresponsabili non riusciranno ad arrivare mai alla frutta finché il presidente Vladimir Putin e il suo più stretto alleato, capo della Cecenia e Eroe della Russia Ramzan Kadyrov  difenderanno gli interessi della Russia ", ha detto Duduvakha Abdurakhmanov in una dichiarazione della TASS.
Stringer / Reuters

L'attacco a Grozny è stato l'ultimo dopo un periodo di relativa pace.

Grozny ha sofferto due guerre civili brutali, con i separatisti che cercano di staccarsi dalla Russia. Dopo Mosca restaurato controllo federale su l'ex repubblica, pesante ricostruzione ha avuto luogo negli ultimi anni. E forti misure di sicurezza erano state accreditate con il mantenimento per rendere al minimo attacchi a Grozny, anche se quest'anno, la violenza è comunque aumentata.

Nel mese di ottobre, un uomo che veniva ricercato dalla polizia ha lanciato un attacco suicida, uccidendo se stesso e cinque ufficiali. Dodici altre persone sono rimaste ferite nell'attacco, avvenuto al di fuori di un concerto per celebrare il giorno della Città di Grozny.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!