lunedì 8 dicembre 2014

Libertat pro is jovunus palestinesos ghetaus a fortza in su disterru. 
Take Action: Tre giovani leader della comunità palestinesi deportati da Gerusalemme...

samidoun.ca
tradusiu editau
de Sa Defenza

Daoud al-Ghoul, Majd Darwish, e Saleh Dirbas


Daoud al-Ghoul, Majd Darwish, e Saleh Dirbas, tre giovani palestinesi di Gerusalemme, sono stati deportati dalle truppe di occupazione israeliana dalla loro città natale  Gerusalemme per cinque mesi, con inizio il 30 novembre 2014 e si concluderà il 30 aprile 2015. 

Ghoul, 31, Darwish , 24, e Dirbas, 23, sono tutti ex prigionieri politici, durante la deportazione  è vietato loro di visitare la città di nascita e le loro famiglie. Non vi è alcun motivo valido  per questo ordine arbitrario e ingiusto.

I tre giovani sono attivisti sociali di primo piano e operatori di comunità. 

Al-Ghoul, è coordinatore dei programmi per i giovani per i comitati di lavoro medico a Gerusalemme  della Rete Kanaan una delle organizzazioni della società civile palestinese, recentemente ha rappresentato al Parlamento europeo  a Bruxelles il 17 novembre la difficile, e sempre più, repressiva situazione nella Gerusalemme occupata.

Ha anche parlato davanti ad un pubblico a Intal a Bruxelles il 18 novembre sulla crisi in Gerusalemme. Bisogna agire per chiedere all'Unione europea di fare la giusta pressione su Israele per annullare questo ordine e porre fine dell'accordo di associazione UE-Israele.

Addameer Prisoner Support andHuman Right Association [ndt, associazione per i diritti umani] ha osservato che questa azione "è parte della politica di pulizia etnica e territoriale collettiva in corso di attuazione contro i cittadini palestinesi a Gerusalemme ed d'intorni, nella catena di decisioni razziste, leggi e procedure, attuate in particolare nella politica di demolizione delle case su larga scala e la detenzione amministrativa contro gerusalemitani, e l'adozione di provvedimenti di espulsione che violano gli accordi internazionali Quarta Convenzione di Ginevra e molti e dei suoi obblighi derivanti dalla Carta delle Nazioni Unite ".

La Quarta Convenzione di Ginevra proibisce il trasferimento individuale o collettivo di persone sotto occupazione da una zona del territorio occupato ad un altro

Questa espulsione forzata, arriva dopo l'appropriazione illecita delle proprietà e della identità di Gerusalemme , dei membri eletti nel Consiglio legislativo palestinese , sono Mohammad Abu Tir, Ahmad Atoun, Mohammed Totah e Khaled Abu Arafah; così come anche  la spoliazione della residenza a Gerusalemme  di Nadia Abu Jamal, la vedova di Ghassan Abu Jamal. 

Questo avviene  dopo la dichiarazione di occupazione del primo ministro Benjamin Netanyahu che prevede di chiedere i poteri di spoliare dei loro beni i palestinesi che hanno la cittadinanza  palestinese in Israele a Gerusalemme, cui vengono negati i loro diritti di cittadinanza e di residenza, se loro e  parenti partecipano alla resistenza all'occupazione.

E 'chiaramente parte del corso di Nakba diretta contro il popolo palestinese dal 1947 fino ad oggi, e l'espulsione sistematica e l'espropriazione dei palestinesi per mano della potenza occupante. In particolare, i palestinesi di Gerusalemme sono presi di mira per la pulizia etnica, l'espulsione e la rimozione attraverso demolizioni di case, violenza dei coloni e invasioni, spogliandosi dei diritti di residenza, arresti di massa e la reclusione, la confisca e la terra nel tentativo chiaro per cancellare e negare il carattere palestinese la città e il suo posto come la capitale del popolo palestinese.

L'espulsione di Daoud al-Ghoul, Majd Darwish, e Saleh Dirbas deve essere fermato! Agire per difendere i diritti di questi tre giovani leader della comunità, e dei diritti dei palestinesi a Gerusalemme:
 AGIRE
1. Citoyens Solidaires in Belgio ha lanciato una petizione in francese per funzionari dell'Unione europea, chiedendo di agire per pressione su Israele di annullare l'ordine di espulsione.
2. chiedere la fine dell'accordo di associazione UE-Israele. Unisciti a più di 300 organizzazioni della società civile e i sindacati per chiedere "No alla Occupazione!": http://freepalestine.eu/3. Inviate la nostra lettera ai funzionari dell'UE e invitatela ad agire per garantire la revoca dell'ordine di espulsione e di imporre sanzioni a Israele, incluso l'annullamento dell'accordo di associazione UE-Israele.
 Dichiarazione: Da Ferguson a New York in Palestina, in solidarietà con la Resistenza di oppressione razzista


Samidoun Palestinian Prisoner Solidarity Network saluta la resistenza guidata dal movimento nero che ha manifestato in tutte le strade di tutte le principali città degli Stati Uniti in difesa della vita del popolo nero, e che resiste allo stato che sostiene  l'assassino di polizia, il targeting e profiling dei neri e di altre comunità oppresse.


Copyright © 2014 Samidoun, Tutti i diritti riservati.
Hai ricevuto questa email perché hai richiesto di ricevere aggiornamenti da Samidoun. Il nostro indirizzo postale è:


Samidoun
1917 W 4th AveVancouver , BC V6J1J4
Canada



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!