lunedì 4 luglio 2016

Vogliamo veramente fare guerra alla Russia?

Eric Margolis
ronpaulinstitute.org




La guerra con la Russia appare sempre più probabile che mai, con i suoi satrapi USA e NATO che continuano  a provocare con le loro esercitazioni militari , Mosca. 

Con il montare dei pericoli, i nostri politici, sciocchi dovrebbero essere costretti a leggere, e poi ri-leggere, il libro magistrale del Prof. Christopher Clark, 'The Sleepwalkers : Come l'Europa entrò in guerra nel 1914. ' Ciò che è passato appare sempre più come prologo.

Il Prof. Clark offre maggiori informazioni con attenzione come piccole cricche di anti-tedeschi , alti funzionari in Francia, Gran Bretagna e Russia progettano la prima guerra mondiale, un conflitto terribile che era inutile, stupido, e illogico. Germania e Austria-Ungheria, naturalmente, condividono alcune colpe, ma in misura molto minore rispetto ai bellicosi francesi, serbi, russi e inglesi.

Germania e Austria-Ungheria, naturalmente hanno una parte di colpa, ma in misura molto minore rispetto ai bellicosi francesi, serbi, russi e inglesi. Stiamo vedendo lo stesso processo in atto oggi.
Il partito della guerra a Washington, sostenuto dal complesso militare-industriale, dai media addomesticati, e dai neocon, stanno ponendo le basi per la guerra. Gli Stati Uniti e le forze di militari della NATO sono state inviate al confine occidentale della Russia in Ucraina, nel Baltico e del Mar Nero

La NATO sta armando, e finanziando ($ 40 miliardi di finora)  l'Ucraina nel suo conflitto con la Russia. Prominenti americani chiedono agli Stati Uniti di attaccare le forze russe in Siria. Navi da guerra degli Stati Uniti sono al largo delle coste della Russia nel Mar Nero, nel Baltico e nel Pacifico. 

Le forze aeree della NATO stanno sorvolando e spiando le frontiere aeree occidentali della Russia. Alcune di queste insubordinazioni sono una dimostrazione muscolare della loro potenza , cercando di intimidire  la Russia ad accettare gli ordini di Washington. 

Molto sembra essere dettato dai duri ragionamenti dei neoconservatori negli Stati Uniti e in Europa, nonostante il desiderio della maggior parte di americani ed europei  di evitare un conflitto armato con la Russia

Da qui la raffica quotidiana di anti-russa, invettive anti-Putin nei media degli Stati Uniti e nei media europei controllati dagli Stati Uniti. I media leccapiedi della Germania si comportano come se l'occupazione postbellica degli Stati Uniti fosse ancora vigente - e forse lo è. 

La Germania non ha avuto una politica estera veramente indipendente dal dopo guerra. Una sorprendente rottura, con il comportamento normalmente ossequioso di Berlino, l'ha avuto il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, che ha chiesto che Washington e la NATO si fermino nella loro "minaccia di guerra" contro la Russia. 

Egli parla, a nome, dei molti tedeschi e altri europei che sono profondamente allarmati dalle provocazioni dell'alleanza atlantica contro la Russia. In realtà, molti europei vogliono vedere la fine delle sanzioni NATO-imposte contro la Russia che sono stati ordinati dagli USA. Nessuno in Europa si preoccupa della rioccupazione Russa della Crimea

Le sanzioni sono state un grande ritorno di fiamma, perché, hanno seriamente danneggiato le esportazioni dell'UE, verso la Russia, in un momento di grande debolezza economica. Né sono, gli europei, pronti a combattere una guerra, o peggio, anche ad entrare in giudizio per una guerra nucleare, e per tali luoghi dover subire gli effetti collaterali oscuri,  a motivo dei confini orientali dell'Ucraina di Luhansk o Mariupol

Offuscati nella mente, i membri repubblicani americani nel Congresso,  non riuscivano nemmeno a trovare la Crimea su una mappa, e se la loro vita dipendesse da questo, può contare sul rollio dei tamburi di guerra per soddisfare i loro grandi sostenitori e donatori religiosi dell'ultra destra. 
L'unico repubblicano disposto ad  invertire questa tendenza è Donald Trump che, nonostante tutte le altre folli posizioni, ha chiaro il senso di non vedere alcun beneficio per gli Stati Uniti di inimicarsi la Russia, o il cercare di far guerra in Europa o in Medio Oriente. 

Quello che Stati Uniti e NATO ha fatto finora è di creare un forte antagonismo con la Russia per affermare le sue profonde e radicate paure che l'Occidente è sempre un implacabile nemico. 
Ma sembra molto improbabile che il duro Vladimir Putin e la sua agguerrita nazione  stia per essere costretta allo scontro, da poche migliaia di truppe USA e NATO, e un paio di fregate e alcuni ponti dei genieri. Sin da quando governò Federico il Grande, i leader europei saggi,  hanno imparato a non combattere contro la Russia. Non è così per il Presidente Obama e strategia della Walkiria, Samantha Power, Susan Rice e, fino a poco tempo fa, Hillary Clinton

Hanno dimostrato essere la leadership militare-strategico più pasticciona dai tempi di  Madame de Pompadour il noto e breve comando degli eserciti di Francia dato da Re Luigi XV, e che si è rivelato un disastro epico. Uno brivido ci passa sulla schiena, nel vedere Hillary Clinton come  aspirante al comando in capo del nostro esercito. 

E' anche inevitabile che le provocazioni di  terra , mare, e aeree contro la Russia alla fine si tradurrà in scontri accidentali e una contro risposta russa. 

Tutto ciò che si ha bisogno è un incidente terroristico come quello di  Sarajevo per innescare una grande guerra tra le potenze nucleari. 

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!