lunedì 27 marzo 2017

Pericolo di estinzione di massa delle specie, compresi gli esseri umani, entro un decennio

arctic-news




[ Clicca sulle immagini per ingrandirle ]
Il 10 febbraio 2017, 18:00 UTC si prevedono 0.1° C o 32,1° F al Polo Nord, cioè al di sopra della temperatura a cui l'acqua congela. La temperatura al Polo Nord si prevede un aumento di 30° C o 54° C più caldo dal 1979-2000, il Feb 10, 2017, 18:00 UTC, come mostrato nell'immagine Clima Reanalyzer sopra a destra.

Questa temperatura elevata è prevista per causa dei forti venti che soffiano aria calda dal Nord Atlantico nella regione artica.

La previsione di seguito, eseguita il 4 febbraio 2017, mostra che si snoda veloce con i suoi 157 chilometri all'ora o 98 mph sono stati hanno colpito il Nord Atlantico il 6 febbraio 2017, 06:00 UTC, producendo onde alte di 16.34 mt. 53.6 ft.



Nella previsione di seguito sono riportate le onde alte come 17.18 mt. 54,6 ft, come illustrato nell'immagine sottostante.




Mentre l'altezza d'onda attuale e la velocità del vento non possono rivelarsi così estreme come in tali previsioni, le immagini non illustrano il contenuto orribile di energia in queste tempeste.

Tempeste più forti vanno di pari passo negli oceani più caldi. L'immagine sotto mostra che il 4 febbraio 2017, in un punto al largo delle coste del Giappone segnata da cerchio verde, l'oceano aveva la temperatura di 19.1° C o 34,4° F più caldo dal 1981-2011.



Come discusso in un precedente post , la differenza della diminuzione di temperatura tra l'equatore e il polo nord provoca modifiche del getto di corrente,che a sua volta causa aria più calda e acqua calda  in circolo verso il settentrione Artico.

L'immagine sotto mostra che il 9 febbraio 2017, l'acqua in un punto vicino Svalbard (contrassegnato dal cerchio verde) era di 13° C o 55,3° F, cioè 12,1° C o 21,7 ° F più calda del 1981-2011.



[ Clicca sulle immagini per ingrandirle ]
Acqua più calda scorre nel Mar Glaciale Artico, a sua volta aumenta la resistenza di retroazione che accelerano il riscaldamento dell'Artico. Una di queste risposte è il metano che viene rilasciato dal fondo marino del Mar Glaciale Artico. Aggiornamento: L'immagine sotto mostra che i livelli di metano, il 13 febbraio, 2017, pm, erano alti  2727 ppb, 1½ volte la media globale al momento.



[Clicca sull'immagine per ingrandirla, immagine aggiunto di riferimento per mostrare la posizione dei continenti]

Che cosa ha causato un livello così alto di metano? Alti livelli di metano (colore magenta) oltre la Baia di Baffin sono l'indicazione di un eccesso di metano rilasciato a nord della Groenlandia e, successivamente,  spinto lungo dalla corrente di uscita attraverso lo Stretto di Nares (vedi mappa sotto). Questa analisi è supportata dalle immagini qui sotto, che mostrano gli alti livelli di metano a nord della Groenlandia, la mattina del 14 febbraio (a sinistra) e il 15 (a destra).






L'immagine sotto mostra gli alti  livelli di metano 2569 ppb il 17 febbraio 2017. Questo indica il calore dell'oceano e la ulteriore destabilizzazione del permafrost nel fondo marino del mar Laptev, con concentrazioni elevate di metano sono in aumento i pennacchi sul mare Laptev (a 87 mb, pannello di sinistra) e si estende su una superficie maggiore (a concentrazioni leggermente inferiore) di quota (74 mb, pannello di destra).



Questa immagine illustra come il maggiore afflusso di acqua calda dal Nord Atlantico nel Mar Glaciale Artico può causare l'eruzione di metano dal fondo marino del Mar Glaciale Artico. Le fuoriuscita di Metano dal fondo marino del Mar Glaciale Artico hanno il potenziale di accelerare rapidamente e fortemente il riscaldamento dell'Artico e accelerare ulteriori retroazioni, aumentando la temperatura globale con conseguenze catastrofiche nel giro di pochi anni. Complessivamente, queste risposte e ulteriori elementi di riscaldamento potrebbe innescare un aumento enorme brusco della temperatura globale facendo che l'estinzione di molte specie, compreso l'uomo, potrebbe essere meno di un decennio di distanza.


Youtube video di RT in America

Senza l'azione immediata, ci troviamo di fronte all'estinzione di scala senza precedenti. Per molti aspetti, siamo già nella sesta estinzione di massa della storia della Terra. Fino al 96% di tutte le specie marine e il 70% delle specie di vertebrati terrestri si estinsero quando le temperature sono aumentate di 8° C (14 ° F) durante l'estinzione del Permiano-Triassico , noto anche in inglese come Great Dying, di 252 milioni di anni fa.

Durante il Paleocene-Eocene Thermal Maximum (PETM), avvenuto 55 milioni di anni fa, le temperature globali sono aumentate più rapidamente di 5° C in ~ 13 anni , secondo uno studio condotto da Wright e altri. Un recente studio condotto da ricercatori guidati da Zebee conclude che l'attuale tasso di rilascio di carbonio di origine antropica non ha precedenti negli ultimi 66 milioni di anni. Indietro nella storia, i più alti tassi di rilascio di carbonio degli ultimi 66 milioni di anni si sono verificati durante il PETM. Eppure, la massima velocità di rilascio sostenuto nel PETM di carbonio è inferiore a 1,1 Pg C per anno, scoperto dallo studio di Zebee e altri. Al contrario, un recente tasso annuale di rilascio di carbonio da fonti antropiche era ~ 10 Pg C (2014). Lo studio di Zebee conclude pertanto che le future interruzioni nell'ecosistema rischiano di superare - al confronto - le estinzioni relativamente limitate osservate alla PETM.

Un precedente studio condotto da ricercatori guidati da De Vos aveva già concluso che i tassi di estinzione attuali sono 1.000 volte superiore a quello di tassi del fondo naturale a tassi di estinzione e futuri sono suscettibili di essere 10.000 volte più alti.



Dal post 2016 ben al di sopra di 1,5 ° C

Come mostra l'immagine sopra, una serie di elementi sul riscaldamento aggiungono un potenziale riscaldamento di 10° C (18° F) dal pre-industriale all'anno 2026, cioè entro circa nove anni da ora, approfondito più dettagliatamente nella pagina  estinzione .



L'immagine sopra mostra come l'aumento di temperatura di 10° C (18° F) dalla era preindustriale potrebbe essere completata entro un decennio.



https://sites.google.com/sito / samcarana / climateplan

La situazione è terribile e richiede un'azione completa ed efficace, come discusso nel Piano per il clima .


altri riferimenti

• Piano Clima
http://arctic-news.blogspot.com/p/climateplan.html

• Oceano Artico Valutazioni
http://arctic-news.blogspot.com/2017/01/arctic-ocean-feedbacks.html

• Estinzione
http://arctic-news.blogspot.com/p/extinction.html

• Quanto il riscaldamento hanno causato gli esseri umani?
http://arctic-news.blogspot.com/2016/05/how-much-warming-have-humans-caused.html

• Stima del tasso di sfondo normale di estinzione delle specie, De Vos et al. (2015)
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25159086

• Tasso antropogenico di rilascio di carbonio senza precedenti negli ultimi 66 milioni di anni, da Zebee et al. (2016)
http://www.nature.com/ngeo/journal/v9/n4/full/ngeo2681.html

• Prove per un rapido rilascio di carbonio al massimo termico Paleocene-Eocene, Wright et al. (2013)
http://www.pnas.org/content/110/40/15908.full?sid=58b79a3f-8a05-485b-8051-481809c87076

• Video RT dell'America Youtube
https://www.youtube.com/watch ? v = OSnrDRU6_2g

• RT dell'America Facebook il video
https://www.facebook.com/RTAmerica/videos/10154168391051366




Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!