martedì 16 marzo 2010

Sayli Vaturu
Sa defenza sotziali

Domenica 14 marzo a Gonnesa, paese dell'iglesiente legato alla cultura mineraria del secolo scorso, oggi lavora per un futuro diverso dall'apparente deserto lavorativo ed economico, quale luogo migliore per presentare una nuova idea di finanza ed economia per il lavoro.

La giornata è molto fredda ma radiosa per la luce irradiata dal nostro amabile sole, le persone si avvicendano nella piazza davanti alla vecchia villa ristrutturata chiamata S'Ulivariu, in realtà è la vecchia casa di un sindaco dell'ottocento, ma, essendo lasciata allo stato di abbandono, il comune ha pensato bene di ristrutturarlo, e lo ha messo a disposizione della comunità Gonnesina e sarda tutta.

La piazza virtuale Facebook ha chiamato a raduno tante persone , interessate allo sviluppo Culturale Economico-sociale e lavorativo della Sardegna e tutte le zone di crisi nella nostra natzione.

Carlo Lai dell'associazione Andara ha aperto i lavori con una analisi profonda ed arguta su l'unità del popolo sardo affinche si possano aprire nuovi orizzonti per la natzione sarda , il suo è stato un discorsso preparatorio per quanto poi le ralazioni hanno dato vita al simposio sulla cultura l'economia e il lavoro in sardegna.

Paolo Biancu relatore principale dell'evento ha posto in campo la sua esperienza di professore di Economia proponendo un'economia locale basata su capitali sociali condivisi da una molteplicità di soggetti .. il popolo sardo . L'intento la costituzione di una banca rurale diffusa per la realizzazione di progetti che diano l'input alla realizzazione di un nuovo soggetto sociale operativo su tutto il territorio natzionale sardo.
Paolo ci rammenta quanto affermato da Gramsci nostro compatriota "Senza radici non esiste Sardità. I ricordi delle radici sono i ricordi della propria terra, dell´umanitá, della natura e della cultura del luogo e ci riportano alla memoria singolare di ognuno di noi...."


Marco Cannas ha trattato l'aspetto ambientale in cui si è trovata la sardegna post industriale , a dover affrontare iuna situacione dffusa nelle zone indiìustriali di inquinamento disastroso, con la condizione pesante dovuta alla non partcipazione alla bonifica deìi teritoi dalle aziende in fuga come dei ladri di futuro mancato.

Marco Cannas narat:" In S'olivariu, nci fiat po fintzas'e unu mulinu, istadhas po bestiaminis, ortus, e medas matas de mendulas e olias, de sa famillia de su caballeri Toro, podestargiu de Gonnesa a is tempus de sa furriada de su 1906. Issu fiat nasciu in Suedhi. Is netus e is netas oj bivint in Castedhu, ant bendiu bona parti de su poderi e cust'atra parti dh'ant lassat a su comuna. Sa domu de is de Toro, parit chi siat stetiu unu cunventu de mongias, poita est agoa de sa cresia, mi depu informai beni po custa noa. Poita ca sa cresia titulada a Sant'Andria, inantis de su 1100-1200 d.c., fiat tzerriat a santa Maria de Flumentebidu. Seus cichendi paperis po fai "monumentus abertus", intzandus seus in circa de s'istoria de custu logu. Depu tenni una foto de su 1906 aundi si bit su mulinu."

Paola Alcioni "sa Cantadora" la poetessa sarda , ha delineato una nuova strada culturale sarda , tutta riscossa e niente pianto per un passato disastroso, ha iniziato ponendo un detto in auge da secoli condiviso ma combattuto dai rivoluzionari sardi: "pocos locos e malunidos" per metterlo in discussione e trasformare le traversie in opportunità, in modo radicale e potentemente attivo e costruttivo, piena delle sue idee fortza che porta nel grembo di Donna sarda indipendentista, deteminata nel dar voce all'inconosciuto mondo dell'utopia pregna di sovranità.

Mario Puddu, ha incentrato la sua relazione su: "Cultura e lingua sarda", espone la sua idea di cultura dicendo che la cultura deve prendere in se in senso largo la conoscenza e scrivere , specialmente in un tempo in cui il mondo si è fatto paese, e questo è un'un'idea che è nella testa di tutti. "La cultura di un popolo è cio che si coltiva, perciò bisogna chiedersi , dice Mario, cosa stiamo coltivando.." Mette i punti fondamentali sulla scolarità e perciò su quale scuola sarda è possibile.
Critica aspramente la mancata realizzazione dell'intento natzionale di sovranità che il partito sardo d'azione o partidu sardu non ha portato in essere , e questo a motivo della perdita di rotta dei suoi dirigenti natzionali.
Un'analisi pungente e pragmatica com'è d'uso fare il professor Puddu.

Noi pensiamo in un continum analitico de sa cantadora e del professor Puddu che il popolo sardo non meriti tanto disastro nella rappresentanza politica, è di fatto un polo della disinfomatzia italiota e della società del consumo in cui ci troviamo, un popolo abbandonato e portato alla sbando di un infausto destino dettato da politici sardi bramosi solo della propria tasche , inetti e servi italioti, proni al dictat romano asserviti sia nella finanza spicciola che culturalmente schiavi di una logica padrona e coloniale che è il disastro per la nostra natzione e società.

Nella loro espressione dei partiti emissari e filo italianisti insipienti ed egoisticamente arrivisti, si dimostrano personaggi blandi e confusi impegnati a dare forza alla loro finanza sempre attiva delle loro tasche alla ricerca di popolarità e soddisfazione personale, invece che servire il popolo quale mandato da loro ricevuto affinchè lottino per dare pane e lavoro al nostro popolo sofferente e affamato, auspichiamo per questi energumeni quanto detto in un motto popolare tutto tondo: "bifolchi" che meritano altro che la gogna.

Interventi molti, Aurora Pigliapochi ha intrecciato la cultura sarda con l'economia sociale, Bustianu Cumpostu coordinatore natzionale di Sardigna Natzione Indipendentzia, ha posto l'accento sul fatto che bisogna che si produca per le esigenze o bisogni di un popolo invece che per il suo consumo fine a se stesso, infatti la società sarda passata aveva dei codici comportamentali sociali che portavano ad una socialità del lavoro e di tutta la sua condizione strutturale economica.

E' la storia di un popolo, il sardo, che non ha ancora uno stato, ma è una nazione millenaria, che la storia ricorda nei Nuragici gli Shardana, per arrivare fino ai giudicati, ed il regno di Sardegna e Corsica per trasformarsi in regno di Sardegna eppoi assieme ai cattivi compagni del ducato di savoia il principato di piemonte e la contea di nizza è divenuto uno strmpalato regno di italia, rubando prima la corona al regno di Sardegna.. bravi savoiardi.. ladri ieri ed assassini oggi .. vedi Hammer alla'isola di cavallo in Corsica... eppoi han rubato la nostra storia cancellandola umiliando la nostra dignità..



















Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!