giovedì 13 gennaio 2011


Christophe Ayad e Vittorio de Filippis,
Libération

La disoccupazione e il carovita hanno scatenato le proteste in Tunisia e Algeria.
Ma alla base c’è la rabbia verso governi corrotti e incompetenti

La rivolta e il suicidio sono diventati il modo più diffu­so per esprimere il disagio nel Maghreb. Da quasi un mese in Tunisia è in corso una forte agitazione comin­ciata con il gesto di rabbia e di disperazione di un giovane laureato disoccupato, che si è dato fuoco a Sidi Bouzid. Le proteste si estendono ormai all’intero paese. Sono coinvolti diversi settori della società tunisi­na, compresi gli avvocati e gli studenti licea­li, che il 7 gennaio hanno manifestato vio­lentemente a Tala e a Regueb.

In Algeria è stato il brusco aumento dei prezzi di diversi generi alimentari (23 per cento i dolci, 13 per cento i semi oleosi, 58 per cento le sardine) a spingere dall’inizio dell’anno molti ragaz­zi a scendere in piazza. Dopo una pausa la mattina del 7 gennaio, i disordini sono ricominciati nel pomeriggio ad Algeri, a Orano e ad Annaba, obbligando il governo a riu­nirsi per decidere nuove misure contro l’in­flazione. Le élite magrebine erano state destabilizzate già negli anni ottanta (nel 1983 in Tunisia e nel 1988 in Algeria) con le rivolte del pane. In Tunisia le proteste portarono nel 1987 al colpo di stato di Zine el Abidine Ben Ali contro Habib Bourguiba.

In Algeria il risultato fu una democratizzazio­ne messa in crisi dal successo degli islamisti del Fronte islamico di salvezza (Fis) e dalla successiva guerra civile. Questi due paesi hanno aspetti geograici, storici ed economici diversi, ma anche due punti in comune importanti: un sistema politico autoritario e sclerotizzato e una gioventù numerosa e senza speranze. È il caso anche del Marocco e dell’Egitto, dove analoghi scontri sociali non sono improbabili. L’Europa e la Francia
sono rimaste in silenzio dall’inizio della crisi. Solo gli Stati Uniti hanno convocato l’ambasciatore tunisino per comunicargli la loro “preoccupazione” e chiedergli che venga rispettata la “libertà di riunione”.

Le ragioni della collera In Tunisia le proteste sono scoppiate il 17 dicembre, quando Mohamed Bouazizi, un laureato di 26 anni con la famiglia sofocata dai debiti, si è dato fuoco davanti alla prefettura di Sidi Bouzid, perché le autorità gli avevano coniscato le merci che vendeva come ambulante. Bouazizi è morto il 4 gennaio. Disoccupazione, mancanza di prospettive, disprezzo delle autorità: il caso di Bouazizi ha commosso gli abitanti di Sidi Bouzid e il resto del paese. E la violenza della repressione non ha fatto che accrescere la rabbia dei giovani. Il 24 dicembre la polizia ha ucciso due persone a Menzel Bouzaiane. Una manifestazione di solidarietà degli avvocati è stata repressa duramente il 28 dicembre, spingendo la categoria a convocare uno sciopero generale per il 30 dicembre. Da giorni, inoltre, partecipano alla protesta anche gli studenti liceali.
Heurts entre manifestants et forces de l'ordre, le 10 janvier 2011 à Regueb, près de Sidi Bouzid,

Heurts entre manifestants et forces de l'ordre, le 10 janvier 2011 à Regueb, près de Sidi Bouzid, en Tunisie (© AFP photo AFP)


Chi protesta Nel Maghreb i contestatori sono soprattutto i cosiddetti “laureati disoccupati”. In Tunisia il tasso di disoccupazione dei giovani laureati è uicialmente del 23,4 per cento, ma in realtà si aggira intorno al 35 per cento. In Algeria è senza lavoro almeno il 20 per cento dei giovani laureati, un tasso molto superiore al 10 per cento indicato dalle autorità. In Marocco, dove il movimento dei laureati è istituzionalizzato da più di un decennio, sei giovani hanno cercato di darsi fuoco davanti al ministero del lavoro a Rabat. L’effetto emulazione è ampliicato da Al Jazeera, la rete televisiva araba che ormai nel Maghreb ha sostituito le tv francesi.

Dai liceali tunisini diventati il motore della mobilitazione ai ragazzi poveri di Algeri che assaltano una gioielleria nel quartiere chic di El Biar, è in fermento la gioventù nel suo insieme. Questo fatto non deve stupire, visto che nei paesi magrebini i ragazzi sotto i vent’anni rappresentano quasi il 50 per cento della popolazione, ma sono ancora governati da persone (a eccezione del Marocco) nate tra le due guerre mondiali. Una particolarità della rivolta tunisina è il coinvolgimento di altri strati della popolazione, come gli avvocati, in nome della difesa dei diritti civili. Del resto la Tunisia è il paese dell’area dove la libertà d’espressione viene repressa con più durezza, generando un sentimento di oppressione nell’intera società.

Regimi autoritari e corrotti Negli ultimi dieci anni il pil algerino è triplicato, tanto che nel 2005 l’Algeria ha raggiunto la Tunisia in termini di pil pro capite e ha superato addirittura il Marocco. Ma il successo economico deriva da un solo elemento: gli idrocarburi. E spesso quando un paese vende petrolio e gas, non sempre è interessato a sviluppare il tessuto industriale. “È proprio quello che è successo in Algeria”, spiega un professore universitario algerino che preferisce restare anonimo. “I disordini si possono spiegare con l’aumento dei prezzi degli alimenti, ma il disagio della nostra società ha radici più profonde”.

Per sradicarel’islamismo, tra il 1992 e il 1999 il governo algerino ha condotto una “sporca guerra” in cui sono morte tra le 100 e le 200mila persone. Ma la ine del conlitto non è stata seguita da un’apertura politica. Al contrario, le elezioni continuano a essere truccate, la popolazione ha poca voce in capitolo e gli islamisti, che boicottano la vita politica, sono ancora molto presenti nella società. Nel frattempo il potere e la ricchezza restano nelle mani di un ristretto clan politico-militare, come ha rivelato lo scandalo di corruzione della Sonatrach, l’azienda energetica di stato, che ha costretto alle dimissioni il ministro del petrolio.

In Tunisia l’avidità della famiglia della moglie di Ben Ali è descritta nei dispacci statunitensi difusi da Wikileaks. Ma queste rivelazioni non divertono molto i tunisini, che tutti i giorni devono fare i conti con i limiti di quel “miracolo” tanto decantato dai mezzi d’informazione ufficiali. In Tunisia la stampa indipendente non esiste più, e i partiti d’opposizione sono stati ridotti a circoli privati che passano il tempo cercando di riunirsi. Ormai l’unico spazio di libertà è internet. La protesta dei liceali è partita da Facebook, ed è sempre sulla rete che una ciberguerriglia condotta da un gruppo chia- mato Anonymous ha attaccato i siti governativi. Molti blogger, tra cui Slim Amamou ed El Aziz Amami, sono stati arrestati. Anche in Marocco, il paese del Maghreb dove c’è più libertà, la democrazia traballa e la politica è gestita da un’élite che controlla gran parte del settore privato.

Poteri senza progetti In Algeria l’economia è ancora legata ai petrodollari. Temendo un’inluenza eccessiva degli investitori stranieri, l’anno scorso Algeri ha approvato una legge che vieta agli stranieri di possedere più del 49 per cento di un’impresa locale. La Tunisia, invece, sofre di un eccesso di manodopera qualiicata, che chiede solo un lavoro in linea con la sua formazione.
Senza dubbio il paese è riuscito a sviluppare alcuni settori, come il turismo o il tessile, ma oggi questa strategia avviata negli anni settanta è in un vicolo cieco e rivela fino a che punto la Tunisia non sia stata in grado di fare il salto di qualità, rompendo la dipendenza dall’Europa.

Tunisia: la polizia fa strage, forse 20 i morti

foto: www.nena-news.com



*In Tunisia le proteste scoppiate il 17
dicembre 2010 si sono estese dall’interno
del paese ino alla capitale, Tunisi, dove il 12
gennaio il governo ha schierato l’esercito.
Finora gli scontri hanno provocato 21 morti
secondo le autorità, cinquanta secondo una
fonte sindacale. Il 10 gennaio il presidente
Zine el Abidine Ben Ali, nel tentativo di
calmare le proteste, ha annunciato un
progetto per la creazione di 300mila posti di
lavoro in due anni. Il 12 gennaio Ben Ali ha
chiesto il rilascio degli esponenti
dell’opposizione arrestati in questi giorni.
Lo stesso giorno si è dimesso il ministro
dell’interno Raik Belhaj Kacem.
u In Algeria gli scontri hanno provocato
cinque morti e 800 feriti. La polizia, inoltre,
ha arrestato più di mille persone. Afp

Tunisia, il presidente lascia il Paese
L'aereo di Ben Ali atterra a Cagliari

Dopo le nuove le manifestazioni e gli scontri, il presidente tunisino è stato costretto a lasciare il Paese. L’aereo, secondo, alcune fonti ben informate, era diretto verso la Francia e avrebbe fatto scalo a Cagliari. Le autorità italiane avrebbero imposto di programmare un nuovo piano di volo e lasciare immediatamente lo scalo di Elmas. Ben Alì, secondo altre fonti, avrebbe chiesto di scendere a Cagliari. L’aereo è circondato dalla polizia.

Tunisia, il presidente lascia il Paese L'aereo di Ben Ali atterra a Cagliari L'aeroporto di Elmas

Dopo settimane di proteste contro il carovita e decine di morti, il presidente tunisino Zine el Abidine Ben Ali ha lasciato il Paese. Il primo ministro Mohammed Ghannouchi ha assunto la presidenza ad interim e il potere è stato affidato a un direttorio composto da sei persone. Dopo notizie discordanti, che lo volevano già a Parigi o in volo verso Malta o verso un Paese del Golfo, Ben Ali è atterrato all'aeroporto di Cagliari.

GIALLO SULL'ATTERRAGGIO DI BEN ALI A CAGLIARI - Intorno alle 22 un Falcon ha chiesto l'autorizzazione per uno scalo tecnico, per fare rifornimento di carburante. Il piano di volo era per Parigi, ma il no di Parigi, che ha negato l'accoglienza a Ben Ali., avrebbe costretto il Falcon ad atterrare all'aeroporto di Elmas. Due le possibilità: che cambi il piano di volo, per un altro Paese, oppure - che resti in Italia. Al momento l'aereo dove si troverebbe Ben Alì è circondato dalla polizia.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!