giovedì 16 ottobre 2014

Ebola: l'OMS mette in guardia, è inevitabile  che si diffonda in Europa...
NaturalNews
Ethan A. Huff
tradusiu editau
de Sa Defenza

La maggior parte dell'attenzione che circonda Ebola si è concentrata sulla sua diffusione in Africa occidentale, ma, ora anche negli Stati Uniti, e ci sono altri contagiati in Europa, in Spagna per essere precisi, vengono attentamente monitorati dopo che uno di loro, un infermiere, è risultato positivo alla malattia virale.


L' operatore sanitario quarantenne  è la prima , ma probabilmente non l'ultima persona, in Europa a contrarre la malattia durante questa epidemia, in base al report su Boston.com. Il responsabile europeo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)Zsuzsanna Jakab, dice che  la diffusione in tutta Europa è inevitabile.

Il marito della donna che ha contratto il virus,  e altre due persone sono stati ricoverati in un ospedale per essere monitorati, e altri probabilmente si uniranno nei prossimi giorni.

"Altri casi ed  eventi simili,  sono accaduti in Spagna e accadranno anche in futuro, molto probabilmente," ha dichiarato Jakab a Reuters . "E 'abbastanza inevitabile ... che tali incidenti accadranno in futuro, a causa dei lunghi viaggi che si fanno sia dall'Europa verso i paesi colpiti che viceversa."


Operatori sanitari europei a più alto rischio di Ebola

La considerazione di Jakab, sugli operatori sanitari in generale, è che sono più inclini a contrarre Ebola, in quanto entrano in contatto diretto con persone provenienti da tutto il mondo. Il virus ha chiaramente violato i confini regionali dell'Africa occidentale e sta ora lentamente facendosi strada da paese a paese, e da continente a continente. "La cosa più importante nella nostra opinione è che l'Europa sia ancora a basso rischio e che la parte occidentale della regione europea, in particolare è il più preparato al mondo per rispondere alle febbri emorragiche virali, tra cui Ebola ", ha aggiunto, a The Independent .


Si aggiungono, al monitoraggio, 22 persone che sono venute in contatto con l'infermiera...

Secondo i rapporti, l'infermiera ha cominciato a sviluppare i sintomi non molto tempo dopo il trattamento dei due missionari spagnoli che erano stati precedentemente in Africa occidentale. Circa una settimana prima è stato ufficialmente diagnosticato che avevano Ebola , ha riferito, che si è ammalato, e i sintomi  comprendevano una febbre  bassa.

Quando l'infermiera  è stata controllata in un ospedale, e altri operatori sanitari  sono stati testati per Ebola, è arrivata ​ una diagnosi positiva. Almeno un altro operatore sanitario è venuto in contatto, come è stato riferito, e sviluppato sintomi di Ebola - diarrea, ma senza febbre -. Spingendo i funzionari della sanità a includere altri 22 individui nel monitoraggio

"[Queste 22 persone] non sono state messe in isolamento e monitorate misurandogli la temperatura due volte al giorno per verificare eventuali segni di infezione ", spiega The Independent .


I funzionari: non sappiamo come sia stata infettata l'infermiera..

Come, l'infermiera, si sia infettata con  Ebola è ancora sconosciuto. Gli esperti dicono che l'infezione non si è estesa a tutti, dal momento che l'ospedale è dotato di tutti gli strumenti adeguati per la protezione.
Questo particolare ceppo, in altre parole, deve avere la capacità di trasmettersi in altri modi.

"Sarà fondamentale per scoprire cosa è andato storto in questo caso, possono essere adottate le misure necessarie per garantire che non accada di nuovo", ha dichiarato Jonathan Sfera, un professore di virologia molecolare presso l'Università di Nottingham, notando che le misure di contenimento e di controllo avrebbe dovuto avere una tutela efficace.

Altrove in Europa, un medico norvegese è ora in cura per Ebola dopo averla contratta mentre lavorava in Sierra Leone. L'uomo è tornato recentemente  in Norvegia per il trattamento e soggiorna in un reparto di isolamento di Oslo University Hospital.

Altri approfondimenti su http://www.biodefense.com/

Fonti:
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!