martedì 9 maggio 2017

Stati Uniti e Canada ai ferri corti , è guerra commerciale, come non mai.


Anti-Media
Sa Defenza 









ZHE ) La guerra commerciale tra le due maggiori economie del Nord America è appena iniziata, tra gli Stati Uniti e il Canada,  cominciano le rappresaglie e le ritorsioni commerciali.

Dieci giorni dopo che Trump ha imposto in modo imprevisto le tasse sulle esportazioni di legno di quercia canadese le compagnie di legname domestico esercitano forti proteste , il governo canadese ha minacciato di reagire con molteplici azioni commerciali contro gli Stati Uniti, chiedendo un accordo a lungo termine senza il quale potrebbero ben presto essere coinvolte diverse industrie americane.


Il primo ministro del Canada Justin Trudeau ha detto che avrebbe lanciato la prima salva con una lettera a B.C. Il premier Christy Clark, lo informa che sta prendendo seriamente in considerazione la sua richiesta di un divieto delle esportazioni di carbone che sia analizzato dai funzionari federali del commercio. La seconda minaccia: un'escalation diretta di rappresaglia, possibili imposizioni contro le industrie dell'Oregon. Questo è dovuto allo stato di un senatore democratico, Ron Wyden, che si è allineato alla disputa di legname.
Il governo del Canada sta prendendo in considerazione questa richiesta con attenzione e serietà. Ho chiesto ai funzionari federali del commercio  di esaminare ulteriori richieste di informative sui prossimi passi del nostro governo “, ha detto Trudeau, citato da Reuters .

Inoltre, il governo canadese ha anche trovato diversi programmi di business di assistenza all'Oregon che si dice possano essere sovvenzioni illegali e sta valutando un processo che potrebbe mettere dei dazi di ritorsione sulle importazioni di prodotti da tale Stato, come il compensato, pavimenti, trucioli di legno, materiale di imballaggio e vino.

L'azione intrapresa dal Canada è chiaramente una rappresaglia per le recenti tariffe imposte da Trump, due fonti governative citate dal Canadian Press insistono nel dire che la minaccia non ha nulla a che fare con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump; per dire che è un una tantum, un'azione specifica relativa a una controversia, con un senatore democratico di uno Stato. Hanno aggiunto che un accordo a lungo termine sul legname di conifere sarebbe il modo migliore per evitare l'escalation della controversia . “Speriamo di non dover agire”, ha detto una fonte, parlando sotto anonimato, al fine di discutere le questioni non ancora rese pubbliche. “Ci auguriamo che questa controversia possa essere risolta.”


Tuttavia,  l'escalation di Trudeau suggerisce che non è niente di più che una ritorsione verso Trump, CP rileva che la linea d'azione in fase di revisione da parte del governo canadese “è simile al processo utilizzato dagli Stati Uniti che ha colpito con un dazio al 20 per cento il legname del nord . Si tratta di una richiesta al Canada Border Services Agency di studiare i contributi illegali in Oregon, un processo che prenderebbero diversi mesi.

Il governo dice che si è concentrato su nove programmi dell'Oregon che assistono le imprese, soprattutto quelle del legname.

“Essi includono: Oregon Underproductive Forestland Tax Credit, the Oregon Forest Resource Trust, the Oregon Tree Farm Program, the Pacific Forest Trust, esenzioni fiscali sulla proprietà del legno, un piccolo programma di esenzioni fiscali alla industria vinicola e altri crediti d'imposta .

“'E' una cosa reale. I nostri funzionari sono già analizzato questo aspetto ', ha detto un funzionario del governo a conoscenza del piano. 'Wyden è stato il sostenitore principale per anni di rivendicazioni infondate contro l'industria canadese del legname da conifere.'

“Un altro funzionario ha detto che non c'è alcuna intenzione di cambiare la postura cooperativa della scenetta, che Trudeau ha preso verso la Casa Bianca: 'Non si tratta del presidente. Questo riguarda lo stato ... La strategia (con Trump) è ancora positiva ... (Ma) dobbiamo rispondere ai problemi che si presentano. '”

In precedenza, il governo liberale di Trudeau aveva affermato che avrebbe difeso l'industria del legname canadese contro quella che definisce una decisione infondata e ingiusta degli Stati Uniti, la imposizione dei dazi del mese scorso , e l'azione di oggi è solo il primo passo di Ottawa nello svolgimento della sua ritorsione. Resta da vedere se Trump vorrà negoziare dopo la minaccia di oggi o sarà darà un colpo più forte con ulteriori sanzioni al Canada. Una cosa è certa: la guerra commerciale crescente minaccia di fare presa sul giro di colloqui della rinegoziazione  NAFTA da reimpostare all'inizio quest'anno.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/stati-uniti-e-canada-ai-ferri-corti-e.html


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!