mercoledì 21 ottobre 2009

Il governo non ripescherà il relitto della Cunsky
Giulia Torbidoni
ilmanifesto.it
ROMA
I fusti non si toccano. Questa è la decisione del ministero dell'ambiente sulla questione della "nave dei veleni" che si trova a largo di Cetraro, in provincia di Cosenza. Ieri pomeriggio circa 40 sindaci dei comuni calabresi hanno protestato sotto Palazzo Chigi contro «il silenzio del governo sull'intera vicenda». Chiedevano un incontro con qualche esponente della presidenza del consiglio per chiedere lo stato di emergenza e invece sono stati ricevuti dal sottosegretario al ministero dell'ambiente Roberto Menia.
La richiesta dei primi cittadini era quella di bonificare l'area rimuovendo il prima possibile tutti i fusti dello scafo. Menia ha invece esposto le decisioni del ministero, ben diverse da quanto auspicato dai primi cittadini. Il ministero manderà fin da oggi una nave oceanografica che andrà a filmare lo scafo per cercare di capire se si tratta dello stesso di cui ha parlato il pentito ex boss della 'ndrangheta Francesco Fonti. Si tratterebbe della Cunsky. Poi si provvederà ad analizzare il fondale marino per capire se vi sono presenze di scorie tossiche e, con dei sensori, si misurerà il livello di radioattività delle acque a diverse altezze. I fusti restano, perciò, lì dove sono e il malcontento tra i sindaci durante l'incontro era più che palpabile. «Che senso ha analizzare il fondale? Se i fusti sono ancora chiusi il materiale tossico non è uscito. Bisogna rimuoverli e basta» ha chiesto l'assessore regionale all'ambiente Silvio Greco. «Non mi prenda per il culo - ha risposto Menia - e mi faccia il piacere: io sono qui per incontrare i sindaci». Detto fatto: Greco si alza e se ne va e con lui molti sindaci. «Un incontro che non ci soddisfa, ci lascia delusi anche lo scarso impegno dei deputati calabresi» hanno detto alcuni sindaci. «Noi volevamo lo stato di emergenza - ha spiegato il sindaco di Cetraro Giuseppe Aieta - perché i danni li abbiamo già avuti nel turismo e nella pesca». Infatti. I sindaci hanno denunciato un netto calo nel consumo di pesce e una flessione di presenze turistiche già in questo ultimo scorcio di estate. Ma la nota più dolente è lo scarso interesse dei deputati calabresi e il governo centrale sulla vicenda: «Il mare è di competenza del governo centrale - ha detto l'assessore Greco - sono loro che devono fare qualcosa».
È già passato più di un mese, infatti, da quando è stata filmata la presenza della nave. Eppure i sindaci sono stati «costretti a manifestare per avere l'attenzione del governo». Già a maggio, come ci ha detto l'assessore Greco, uno studio evidenziava un aumento di patologie e tumori nella zona di Aiello Calabro. Nonostante le lettere che Greco sostiene di avere scritto al sottosegretario alla presidenza del consiglio Letta, al capo della protezione civile Bertolaso e ad altri esponenti politici, la regione Calabria si è trovata sola ad affrontare la vicenda. «Con l'Arpac si è affittata una nave e siamo andati a vedere se c'era lo scafo che Fonti aveva denunciato già parecchi mesi prima. C'era e lo abbiamo filmato», ha spiegato ancora Greco. Il filmato dura 44 minuti, ma è «insufficiente», secondo Menia, perché «mostra la nave solo da un lato».
Anche ieri pomeriggio i sindaci hanno riscosso poco successo. Con i tricolori a tracolla sono stati sotto Palazzo Chigi per alcune ore. Ogni tanto qualche deputato faceva capolino. Come Ermete Realacci del Pd e Fabio Granata del Pdl che hanno chiesto che «la mozione sulle navi dei veleni sia subito calendarizzata nei lavori d'Aula. Torniamo a ripetere - hanno detto - che si tratta di una vicenda di straordinaria gravità per cui è necessaria la mobilitazione dello Stato ai massimi livelli». O come la deputata del Pdl Iole Santelli che ha cercato di tranquillizzare i sindaci perché «la presenza del governo è garantita e al più presto sarà costituita una task force ad hoc».
Intanto, però, i sindaci dovranno spiegare ai loro cittadini perché il governo non ritiene prioritario rimuovere i fusti. «Anche se c'è il dubbio bisogna portarli via - ha detto il sindaco Aieta - il problema l'abbiamo noi. Se fosse capitato a Portofino a quest'ora la nave sarebbe fuori dal mare da un bel pezzo». E in proposito aleggia anche il dubbio che «non si voglia aprire quei fusti».
I sindaci hanno, però, annunciato la volontà di non arrendersi e di voler andare a fondo della questione, e sperano che la manifestazione ad Amantea sabato prossimo raccolga il malcontento e la preoccupazione di tutti i cittadini perché «non è solo una vicenda nostra. Il mare è di tutti e il giro di rifiuti è internazionale quindi il governo e l'Europa devono fare chiarezza», ha detto Aieta. Alla manifestazione, promossa dal comitato intitolato a Natale de Grazia, l'investigatore morto misteriosamente nel '95, hanno aderito associazioni ambientaliste, sindacati, enti come il Parco del Pollino e comuni calabresi.






Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!