domenica 22 settembre 2013

ISRAEL SHAHAK 

ISRAEL SHAHAK UN GRANDE UOMO DI ISRAELE
IL SIONISMO NON E' SOLO CONTRO I PALESTINESI
E' ANCHE CONTRO GLI EBREI ED ISRAELE

Antonello Boassa


Nel 1943 Israel venne deportato assieme alla madre nel campo di concentramento di Bergen-Belsen . 

Sopravvisse ed emigrò in Palestina allora sotto mandato inglese . 

Critico nei confronti dell'ebraismo classico già in gioventù , il suo impegno contro il sionismo divenne più esplicito dopo la guerra del 1967 . 

Responsabile della Lega israeliana per i diritti umani , promosse campagne e proteste contro le politiche discriminatorie verso le minoranze e si scontrò duramente con israeliani di sinistra che criticavano i provvedimenti oppressivi contro i Palestinesi ma che non rifiutavano il sionismo . Per Israel tali signori erano solo degli ipocriti .

Apprezzato a livello internazionale per i suoi saggi sull'ebraismo classico , su quello ortodosso e sul sionismo ,rimase sempre un ostinato avversario dei governi israeliani , ribadendo a più riprese che il sionismo era il principale ispiratore delle scelte di politica internazionale , delle velleità espansioniste , dell'oppressione nei confronti dei Palestinesi e delle minoranze (vedi a proposito il saggio ( "Sionismo come movimento recidivo") .

Per Israele la "redenzione" della terra si ha con l'allontanamento dei non ebrei " il vecchi proprietario non-ebreo può essere il più virtuoso degli uomini , l'acquirente il peggiore dei criminali : se è ebreo , la transazione opererà la "redenzione" o la "salvezza" della terra . 
Al contrario se il peggiore degli ebrei cede la sua proprietà al migliore dei non-ebrei , la terra fino ad allora "redenta e salvata" ricadrà nella "dannazione"..."La conclusione logica di tali teorie è l'espulsione ... di tutti i non-ebrei dalla terra "redenta".

Per Israel Shahak "tutto è decretato dal Talmud e non dalla Bibbia" . 

I precetti precedenti come quelli che seguiranno appartengono all'insegnamento post biblico che "manipola" la Bibbia ("amerai il prossimo tuo come te stesso è inteso dal giudaismo classico ed ortodosso attuale come l'ordine di amare il prossimo ebreo , e non l'uomo in genere") 
E' bene tener presente che le fondamenta ideologiche dell'apparato politico culturale militare dello stato di Israele poggiano non sull'Antico Testamento ma sulla letteratura talmudica e quindi sul giudaismo ortodosso .

"Secondo la legge giudaica ,l'uccisione di un ebreo è un crimine capitale ...Il caso è del tutto differente se la vittima è un non-ebreo . 

L'ebreo che uccide deliberatamente un non-ebreo è colpevole soltanto di un peccato contro le leggi del cielo , punibile solo da Dio e non dall'uomo" Israel Shahak aspira ad uno stato non fondamentalista , laico che costruisca la pace , la giustizia sociale e preveda libertà di pensiero e di culto . 


il grande Israele obiettivo del sionismo
Il rifiuto del sionismo risulta inesorabile " vi sono sempre state relazioni strette tra i sionisti e gli antisemiti . I sionisti pensavano di avvantaggiarsi dell'aspetto demoniaco dell'antisemitismo e di utilizzare gli antisemiti per i propri scopi ...

L'esempio più scioccante è la gioia con la quale alcuni dirigenti sionisti accolsero l'ascesa di Hitler al potere , poiché avevano in comune la fede nel primato della razza e l'ostilità all'assimilazione degli ebrei". 

Il disaccordo con i nazisti consisteva naturalmente nel fatto che per i sionisti la razza pura era quella ebraica .

Le fondamenta filosofiche ed ideologiche del sionismo sono complesse ma tra gli elementi costitutivi indubbiamente occupa un ruolo decisivo la letteratura talmudica con la quale Israel non è tenero . " 

I civili di cui non si è sicuri che non ci nuocciano... possono e anche debbono essere uccisi...in guerra , quando le nostre truppe sferrano l'attacco finale , è loro permesso ... di uccidere anche i civili buoni ..." Israel ci ricorda che a partire dal 1973 tali precetti venivano diffusi pubblicamente tra i militari israeliani religiosi .

Israel Shahak è parte di quella grande comunità ebraica diffusa a livello planetario che è contraria alla politica razzista ed espansionista dello stato di Israele . Comunità che ha poca voce in capitolo . Che i media di regime poco ne parlino per non disturbare lo stato sionista alleato di fatto ormai dell'Occidente e delle Petrol-monarchie è cosa ovvia . 


Mai dare spazio alle opposizioni vere . Ma ciò che risulta imbarazzante e direi umiliante è che in questo processo di occultamento per non dire di rifiuto concorrono anche molte sinistre nostrane tra cui alcune che si dichiarano di opposizione . 

Così come si accetta il pareggio di bilancio , il fiscal compact , il saccheggio dei beni dello stato ,la presenza imperiale della Nato , si tollera con disinvoltura che lo stato di Israele espropri , torturi , uccida .

Mi appello alle sinistre"autentiche" perché non solo si impegnino nell'opera di informazione dei crimini che vengono compiuti dai sionisti ma siano anche capaci di incontrarsi con le opposizioni israeliane , di collaborare , di solidarizzare perché ne hanno un gran bisogno loro ma anche la Palestina e anche noi .


Perché di loro ha bisogno questa regione martoriata e non certo di falsi democratici alla Oz o alla Grossman che non sono-lo direbbe proprio Israel Shahak- che degli ipocriti .
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!