domenica 23 febbraio 2014

Mobbing prassi ed uso su Facebook: come si comportano in questo canale: AGORA' la piazza virtuale di Democrazia Popolare attraverso Internet
assalto di plebaglia o mobbing
Vàturu Erriu Onnis Sayli 

A volte sentiamo parlare di mobbing, sappiamo che significa assalto della plebaglia, ma a volte non comprendiamo fino in fondo di come si attua e come avviene

In  questo post si vede la tecnica  del mobbing che usano e attuano i vari soggettiVàturu pubblica un post che attacca il governo per il soggetto scelto all'economia, "Padoan" personaggio che non si può definire uno stinco di santo visto i trascorsi poco felici attuati verso delle nazioni come l'Argentina e la  Grecia. 

Discussione tutta politica, invece guardate la tecnica della plebaglia organizzata che agisce in questa pagina di Facebook; sono organizzati ed attaccano la loro vittima non con argomenti consoni all'articolo , ma gettando discredito su quanto afferma, che come potete vedere da quanto si evince dall'articolo, non è che la verità.

Poi il soggetto attaccato, Vàturu, prova a difendersi inutilmente cercando di portare prove a quanto sta affermando , l'articolo , ma la plebaglia , il branco assettato di sangue morde e cerca di strappare le vesti e l'onorabilità del soggetto, continuano con le solite note accusatorie ed infamanti del soggetto attaccato.

Poi alla fine interviene il responsabile della pagina e che fà? Dice Vàturu è stanco di stare in questa pagina, invece di moderare i cani rabbiosi li sostiene banna Vàturu.

Ora se ragioniamo sul nome della pagna Facebook:AGORA' la piazza virtuale di Democrazia Popolare attraverso Internet, è tutto dire ul loro modo di concepire un agorà e la democrazia.

Sempre su Wiky troviamo il significato di Agorà: Agorà (in greco antico ἀγορά, da ἀγείρω = raccogliere, radunare) è il termine con il quale nell'antica Grecia si indicava la piazza principale della polis.Qualche precedente storico si può far risalire alle piazze minoiche, a Creta, luogo nel quale sono stati rintracciati i primi agorai.
Cos'è la democrazia? sentiamo il pensiero di Norberto Bobbio in questo video.




Il termine mobbing, nell'accezione più comune del termine, identifica un insieme di comportamenti violenti, sia di natura fisica e verbale, verso una persona e/o un gruppo di persone (il cosiddetto cannibalismo sociale). Esempi tipici potrebbero essere angherie, vessazioni, demansionamento lavorativo, emarginazione, umiliazioni, insulti, maldicenze, aggressioni fisiche e verbali, ostracizzazionePiù in generale, il termine indica i comportamenti violenti che un gruppo (sociale, familiare, animale) rivolge ad un suo membro. Il termine viene spesso utilizzato nel mondo del lavoro. da Wiky
Guardate come si comportano in questo canale: AGORA' la piazza virtuale di Democrazia Popolare attraverso Internet

Ho postato questo articolo su Padoan , ove si mettono in evidenza tutte le sue azioni contro i popoli.

Vedete che atteggiamento hanno i PDioti nel mettere la verità davanti a tutti.

Sa Defenza 

Vàturu Erriu Onnis Sayli ha condiviso il foto di Sa Defenza.
https://www.facebook.com/233694076653209/photos/a.253633374659279.59975.233694076653209/702317243124221/?type=1&theater
pensate che Holli Rhenn ha detto che lui (ilPadoan) sa cosa fare per l'italia... è il peggio del peggio dopo Monti... grazie pezzodimerda Renzi!

INCHIESTA / PADOAN PER CONTO DELL'FMI SPINSE L'ARGENTINA AL DEFUALT E LA GRECIA NELL'ABISSO. E' UN KILLER DI NAZIONI
domenica 23 febbraio 2014
«La riforma Fornero è stato un passo importante per la risoluzione dei problemi dell’Italia», dichiarò un anno fa il neo ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Ex dirigente del Fondo monetario internazionale, ex consulente della Bce ed ex vice segretario dell’Ocse, Padoan è di casa tra i potenti del mondo.

Scelto personalmente dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e osannato dai grandi media italiani, il neo ministro non è stimato da tutti gli economisti, soprattutto da quelli non liberisti. Sentite cosa scrisse di lui sul “New York Times” il premio Nobel per l’economia Paul Krugman: «Certe volte gli economisti che ricoprono incarichi ufficiali danno cattivi consigli; altre volte danno consigli ancor peggiori; altre volte ancora lavorano all’Ocse».

Padoan era responsabile dell’Argentina per conto del Fondo monetario internazionale nell’anno in cui il Paese sudamericano fece default.

A cosa si riferiva Krugman? Padoan è stato l’uomo che ha gestito per conto del Fondo monetario internazionale la crisi argentina. Nel 2001, Buenos Aires fu costretta a dichiarare fallimento dopo che le politiche liberiste e monetariste imposte dal Fmi (quindi, suggerite da Padoan) distrussero il tessuto sociale del Paese. In quegli anni il neo ministro si occupò anche di Grecia e Portogallo. Krugman scrisse in un altro articolo che furono proprio le ricette economiche «suggerite da Padoan a favorire la successiva crisi economica nei due Paesi».

Ecco cosa dichiarò Padoan a proposito della crisi greca: «La Grecia si deve aiutare da sola, a noi spetta controllare che lo faccia e concederle il tempo necessario. La Grecia deve riformarsi, nell’amministrazione pubblica e nel lavoro». In altre parole, Atene avrebbe dovuto rendere il lavoro molto più flessibile, alleggerendo (licenziando) la macchina della pubblica amministrazione. Nel marzo del 2013, quando la Grecia era sull’orlo del collasso, l’allora numero due dell’Ocse suggerì più esplicitamente: «C’è necessità che il governo greco adotti una disciplina di bilancio rigorosa e di un continuo sforzo di risanamento dei conti pubblici, condizioni preventive per il varo di misure a sostegno dello sviluppo».

Padoan è stato per quattro anni responsabile per conto del Fmi della Grecia. Successivamente, ha influenzato le politiche economiche di Atene in qualità di vice presidente dell’Osce.

Fonte notizia: net1news.org - che ringraziamo.
INCHIESTA / PADOAN PER CONTO DELL'FMI SPINSE L'ARGENTINA AL DEFUALT E LA GRECIA NELL'ABISSO. E' UN KILLER DI NAZIONI
domenica 23 febbraio 2014
«La riforma Fornero è stato un passo importante per la risoluzione dei problemi dell’Italia», dichiarò un anno fa il neo ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Ex dirigente del Fondo monetario internazionale, ex consulente della Bce ed ex vice segretario dell’Ocse, Padoan è di casa tra i potenti del mondo.

Scelto personalmente dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e osannato dai grandi media italiani, il neo ministro non è stimato da tutti gli economisti, soprattutto da quelli non liberisti. Sentite cosa scrisse di lui sul “New York Times” il premio Nobel per l’economia Paul Krugman: «Certe volte gli economisti che ricoprono incarichi ufficiali danno cattivi consigli; altre volte danno consigli ancor peggiori; altre volte ancora lavorano all’Ocse».

Padoan era responsabile dell’Argentina per conto del Fondo monetario internazionale nell’anno in cui il Paese sudamericano fece default.

A cosa si riferiva Krugman? Padoan è stato l’uomo che ha gestito per conto del Fondo monetario internazionale la crisi argentina. Nel 2001, Buenos Aires fu costretta a dichiarare fallimento dopo che le politiche liberiste e monetariste imposte dal Fmi (quindi, suggerite da Padoan) distrussero il tessuto sociale del Paese. In quegli anni il neo ministro si occupò anche di Grecia e Portogallo. Krugman scrisse in un altro articolo che furono proprio le ricette economiche «suggerite da Padoan a favorire la successiva crisi economica nei due Paesi».

Ecco cosa dichiarò Padoan a proposito della crisi greca: «La Grecia si deve aiutare da sola, a noi spetta controllare che lo faccia e concederle il tempo necessario. La Grecia deve riformarsi, nell’amministrazione pubblica e nel lavoro». In altre parole, Atene avrebbe dovuto rendere il lavoro molto più flessibile, alleggerendo (licenziando) la macchina della pubblica amministrazione. Nel marzo del 2013, quando la Grecia era sull’orlo del collasso, l’allora numero due dell’Ocse suggerì più esplicitamente: «C’è necessità che il governo greco adotti una disciplina di bilancio rigorosa e di un continuo sforzo di risanamento dei conti pubblici, condizioni preventive per il varo di misure a sostegno dello sviluppo».

Padoan è stato per quattro anni responsabile per conto del Fmi della Grecia. Successivamente, ha influenzato le politiche economiche di Atene in qualità di vice presidente dell’Osce.

Fonte notizia: net1news.org - che ringraziamo.
Reazioni:

1 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!