martedì 4 febbraio 2014

ULTIME PATETICHE DICHIARAZIONI DI OBAMA 

SUL RILANCIO DEL"SOGNO AMERICANO"
A. BOASSA


Barack Obama , pur consapevole delle oramai irrealizzabili fantasie di dominio planetario dei Cheney , dei Rumsfeld , della congrega di neoconservatori che hanno scatenato la "guerra infinita" , sapendo essere "realista" e prudente come si è evidenziato durante la crisi siriana , non ha potuto fare a meno di resuscitare "il sogno americano" . Che Obama se ne facia una ragione . Il XXI° secolo sarà il secolo dell'Impero Celeste . Del resto nella storia non sarebbe una novità . Come osserva Niall Freguson " Per ben diciotto degli ultimi venti secoli la Cina è stata ,in vario grado, la maggiore economia mondiale" .



L'attacco agli Stati Uniti è avvenuto non solo sul piano produttivo e commerciale ma anche e sopratutto sul piano valutario e finanziario mentre sul fronte militare la Cina ha oramai pareggiato il deterrente atomico Usa .

Ansa:"le esportazioni sono cresciute in ottobre del 5,6% su base annua ,superando le previsioni degli economisti , mentre le importazioni sono cresciute ad un ritmo superiore , il 7,6%" . Tali dati , oltre ad attestare il sempre buon andamento della produzione rispetto allo stato agonico degli Usa e sopratutto della UE , suggeriscono che la strategia di crescita è orientata in particolare sul mercato interno e da ciò non solo migliori condizioni di vita ma anche maggiore formazione professionale precondizioni per un successivo balzo in avanti . IlSole24Ore mette in risalto le grandi opportunità di occupazione dei giovani nelle grandi città .


E rispetto agli Usa esistono ancora sostanziali differenze nel volume del PIL calcolato in dollari , differenze colmabili in pochi anni Ma se il calcolo non è conteggiato in dollari ma in potere d'acquisto assistiamo ad una sostanziale parità tra le due economie.


Per quanto riguarda la velocità di crescita , Contropiano riporta una frase tranchant di Danilo Taino " vediamo che il sorpasso che sta avvenendo riguarda una macchina di F1 alle prese con un trattore..."


Secondo un gestore americano di fondi finanziari " La Cina possiede tra 4.000 e 8.000 tonnellate di oro...oltre ad essere la più grande importatrice e il più grande produttore di oro..." ha saputo fare incetta dai forzieri occidentali . Lo stesso personaggio ci dice che "nei forzieri della Federal Reserve Usa non c'è più nulla" .

A Bretton Woods il dollaro venne sanzionato come moneta di riserva dalle potenze vincitrici ma comunque agganciato all'oro . Con Nixon il dollaro si libera da questo impiccio e se nei primi tempi si realizza un uso misurato della stampa di carta moneta , da alcuni anni si assiste ad una produzione disinvolta di carta moneta che assieme ad un debito altissimo ha assicurato agli Usa una notevole capacità di spesa pagata da tutto il pianeta .


Ma si profila la fine del Bengodi americano . Il dollaro non è più l'intermediario "obbligatorio" nelle relazioni commerciali . La Russia è stata la prima a rispondere . Scambi commerciali Yuan/Rubli e prima borsa valori a commerciare in Yuan fuori dalla Cina . Creare zone di libero scambio ove fosse possibile bypassare il dollaro è stato il passo necessario della guerra valutaria . Asean-Cina nel 2010 in risposta al Trans-Pacific Partnership Usa . Perù , Cile , Costarica... in America latina . Svizzera , Islanda in Europa . Accordi valutari ottobre 2013 con la Bce . 



A metà del 2013 iniziata nella borsa australiana la negoziazione diretta in Yuan . Allo stato attuale gli scambi in valuta nazionale riguardono due dozzine di stati . Seconda moneta scambiata nel mondo dopo il dollaro , non sono pochi i governi che reputano che la moneta di riserva debba essere oramai lo Yuan (vedi Australia) . Obiettivo strategico di Pechino che in questa fase "si acconteterebbe" di un paniere in cui sia incluso lo Yuan .

Sul piano finanziario , la RPC ha sbaragliato facilmente la concorrenza con prestiti agevolati , crediti all'esportazione...(le guerre scatenate da Usa e Francia in Mali e in Centrafrica , la destabilizzazione nelle ex colonie francesi sono state motivate perché i governi non rispondessero alle "sirene" cinesi) .
Per esemplificare l'originalità e la complessità delle strategie finanziarie del "Celeste Impero" ricordiamo l'invenzione del "bitcoin"moneta elettronica che assicura scambi finanziari efficaci e rapidi che hanno contribuito secondo molti esperti a dare un'altra mazzata al dollaro , ad"assassinarlo". Il valore del "bitcoin" cresce smisuratamente . La Cina se ne appropria in gran parte poi decide di dimezzarne il valore per potenziarne la credibilità . 




Il gatto che gioca con il topo .
Ringrazio "Frammenti di realtà" per molte delle informazioni acquisite .


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!