mercoledì 14 novembre 2018

L'aria venefica in India

SHASHI THAROOR
project-syndicate
Sa Defenza 

L'autocompiacimento ha trasformato un problema di inquinamento in una crisi ad alto costo della sanità pubblica. Il pubblico indiano, così facilmente distratto da questioni di politica dell'identità come la costruzione di templi e la storia della riscrittura, dovrebbe chiedere qualcosa di molto più fondamentale: la capacità di respirare.


NUOVA DELHI - Un amico, un diplomatico che tornava a casa dopo meno di tre anni di servizio in India, alla sua visita medica di uscita gli è stato chiesto quanti pacchetti di sigarette fumasse al giorno . Quando ha protestato che era un non fumatore convinto,  il dottore ha commentato che i raggi X dei suoi polmoni mostravano il contrario. Il mio amico non si era mai acceso una sigaretta. Tutto ciò che aveva fatto era respirare l'aria di Delhi, tre inverni malsani di fila.

È veramente una situazione malmessa. Quando arriva novembre, in India - e in particolare nella sua capitale - si soffoca per la spessa coltre di smog colpisce i polmoni, corrode la gola e compromette la visibilità.

Non sono solo i famigerati fumi diesel di Delhi dagli scarichi di auto e camion. Ci sono anche fabbriche industriali che emettono fumo, bracieri a carbone sui marciapiedi che scaldano gli abitanti con le pavimentazioni, stufe a carbone usate dai chaiwallah (venditori di tè) lungo la strada , e persino le stoppie agricole bruciate dagli agricoltori nei vicini stati del Punjab e Haryana. Tutti questi agenti inquinanti si riversano nella capitale, con emissioni veicolari che si aggiungono alla polvere che Madre Natura ha già donato a Delhi in abbondanza.

Delhi ha avuto solo tre "giorni puliti" in tutto il 2017. Ma la peggiore qualità dell'aria è in inverno, quando l'aria inquinata incontra la nebbia invernale e ne è intrappolata, dando a Delhi un'opacità grigiastra che riduce la visibilità, ritarda i voli, riduce la città con il traffico verso un  maggiore inquinamento.

Le conseguenze sono allarmanti. Il numero di morti premature a causa dell'inquinamento atmosferico è in aumento. La scarsa qualità dell'aria sta costando all'India almeno l'1% del PIL ogni anno nelle malattie respiratorie, la ridotta produttività e l'aumento dell'ospedalizzazione, e potrebbe ridurre la durata di vita degli indiani di tre anni .

Secondo il report di " State of Global Air " pubblicato dall'Istituto per gli effetti sulla salute, il numero assoluto di decessi dovuti all'ozono in India è aumentato di uno sconcertante 150% dal 1990 al 2015. Anche le implicazioni economiche del deterioramento della qualità dell'aria sono altrettanto inquietanti . Uno studio  della Banca Mondiale del 2013 ha stimato che i costi per il benessere e la perdita di reddito da lavoro dovuti all'inquinamento atmosferico ammontavano a circa l'8,5% del PIL indiano. Le perdite di manodopera (in termini di numero di giorni uomo, per esempio) a causa dell'inquinamento atmosferico ammontavano a oltre $ 55 miliardi nel 2013 e si stima che i morti prematuri siano costati al paese circa $ 505 miliardi, pari a circa il 7,6% del PIL.

Inoltre, uno studio recente ha rivelato che l'aria tossica dell'India sta anche dissuadendo i dirigenti dall'accettare incarichi a Delhi: le persone stanno rifiutando lavori lucrativi per salvare i loro polmoni.

Nel 2015, l' ex corrispondente del Sud Asia del New York Times , Gardiner Harris, ha spiegato che stava lasciando il suo posto prematuramente perché il solo vivere a Delhi stava danneggiando la salute dei suoi figli. Descrivendo i travagli asmatici di suo figlio di otto anni, Harris ha scritto che Delhi sta "soffrendo di una terribile crisi respiratoria pediatrica", in cui "quasi la metà dei 4,4 milioni di scolari della città ha danni polmonari irreversibili dall'aria velenosa". E per altri espatriati  che "perseguono la loro carriera a spese dei loro figli"  conclude dicendo che  " non è etico per coloro che hanno la possibilità, di andarsene , di far crescere qui i bambini ". Così prese i suoi figli e ha lasciato l'India.

La maggior parte degli indiani non ha questa scelta. Devono convivere con ciò che i media chiamano la "polvere assassina" di Delhi - il particolato sospeso respirato che si deposita nei polmoni e danneggia la nostra respirazione. Uno studio sugli scolari di Delhi tra i quattro e i 17 anni, condotto dal Chittaranjan National Cancer Institute, con base a Kolkata, ha rilevato che gli indicatori chiave della salute respiratoria e della funzione polmonare erano 2-4 volte peggiori rispetto agli scolari di altre parti. E il danno era irreversibile.

L'India deve fare del miglioramento della qualità dell'aria una priorità nazionale. Ha bisogno di creare piani di azione statali e nazionali per l'aria pulita; fissare nuovi e severi obiettivi per le emissioni di centrali termiche, i camini delle fabbriche e gli scarichi delle automobili; e stabilire un adeguato sistema di monitoraggio dell'inquinamento atmosferico.

E ha bisogno di agire velocemente. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, 13 delle 20 città e città più inquinate del mondo si trovano in India. Più di un milione di indiani muoiono ogni anno a causa dell'aria cattiva.

Di fronte a questa catastrofe nazionale, l'autocompiacimento del governo è spaventoso, ma non sorprendente. Il dibattito pubblico sul deterioramento della qualità dell'aria in India e sui suoi effetti sulla salute umana - e quindi sulla consapevolezza del problema - è sorprendentemente limitata. I politici indiani devono elaborare un piano d'azione che generi un'ondata di pressione pubblica sul governo per affrontare la questione a testa alta. Il pubblico indiano, così facilmente distratto da questioni di politica dell'identità come la costruzione di templi e la storia della riscrittura, dovrebbe chiedere qualcosa di molto più fondamentale: la possibilità di respirare aria buona.

Il cantautore satirico Tom Lehrer ha avvertito gli ascoltatori che se visitano una città americana: "Solo due cose di cui bisogna stare attenti / Non bere l'acqua e non respirare l'aria." Aggiornato per l'India, è una canzone perfetta per una crisi che è diventata una minaccia esistenziale.
*****
https://sadefenza.blogspot.com/2018/11/laria-venefica-in-india.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!