giovedì 28 giugno 2018

L'Eurozona "Sempre in pericolo e le riforme non sono andate abbastanza lontano" - Professore

CC BY-SA 2.0 / Immagini Denaro / Euro
Eurozona: "Sempre in pericolo, le riforme non hanno raggiunto ancora il buon fine"




Il ministro delle Finanze francese ha dichiarato al Financial Times che il piano franco-tedesco per un bilancio della zona euro non è negoziabile e non dovrebbe essere utilizzato come moneta di scambio nella controversia sui migranti in Europa. Il funzionario ha sottolineato la necessità politica e finanziaria delle riforme della zona euro, affermando che lo status quo non è più un'opzione.


Radio Sputnik ha discusso queste dichiarazioni con Gerald Schneider, professore di politica internazionale presso l'Università di Costanza ed editore esecutivo di European Union Politics.
Sputnik: Quanto è giustificato il timore di Mr. Le Maire che la questione della migrazione potrebbe essere utilizzata come moneta di scambio nella controversia?

Gerald Schneider: Le posizioni politiche di tutti gli stati sono piuttosto agguerrite, ma è probabile, a mio avviso, che si possa raggiungere una sorta di compromesso perché alcuni degli stati dell'Europa orientale hanno interesse a promuovere la cooperazione economica con l'Occidente.

Questo vale anche per il governo italiano. Ovviamente, le posizioni si sono indurite a tal punto che c'è il rischio che le trattative possano fallire, ma credo che alla fine possa essere raggiunta una specie di patto, anche per salvare la faccia di Miss Merkel.

Sputnik: È interessante che Mr. Le Maire abbia affermato che l'Eurozona è il futuro dell'Europa, voglio dire che l'Eurozona è sempre stata il futuro dell'Europa. Forse sta ribadendo il punto, nonostante quello che sta succedendo con la Brexit e il malessere che al momento sta accadendo in Europa. Qual è la sua opinione e valutazione?

Gerald Schneider: Penso che l'Eurozona sia sempre in pericolo perché le misure di riforma non sono andate molto lontano; ci sono proposte sul tavolo ma è abbastanza probabile che l'Eurozona sarà rafforzata dai membri chiave. Quale potrebbe essere la posizione dell'Italia, questo è ancora in sospeso , ma data la dura posizione dell'Italia sulla migrazione, è abbastanza probabile che l'Italia riceverà alcune concessioni dai membri del nord, inclusa la Francia.

Sputnik: Nel frattempo il Primo Ministro austriaco chiede che le richieste dei richiedenti asilo vengano eseguite al di fuori dell'Europa, non sarà molto pratico? Quanto è realizzabile questo dal suo punto di vista?

Gerald Schneider: simili accordi esistono già ora. C'è la Turchia, è abbastanza probabile che ci saranno investimenti nei confini comuni, quindi questo è un progetto di integrazione che potrebbe avere successo; quindi le richieste per una fortezza europea potrebbero ricevere sostegno anche da paesi come la Germania. Non è completamente chiaro quale potrebbe essere la soluzione. È la distribuzione dei richiedenti asilo, dei rifugiati attraverso gli stati europei, ma questo potrebbe essere collegato ad altre questioni di cooperazione economica.

Sputnik: Qual è stata la possibilità di questa particolare idea che è stata attenuata dall'Austria in termini di politica migratoria che in realtà ha una certa forza? Pensa che riceverà supporto da altri stati dell'UE? Intendo dire che l'intera questione della migrazione è fondamentalmente molto controversa all'interno dell'Unione europea, qual è il consenso generale degli Stati dell'UE su questa particolare idea dell'Austria?


© AP PHOTO / OLIVIER MATTHYS

Gerald Schneider: È chiaro che da una parte ci sono forze politiche che chiedono ulteriori deterrenti che a un certo punto non arriveranno più in Europa con un grande flusso di rifugiati. D'altra parte, ovviamente ci sono i Verdi e i Liberali, che chiedono di sostenere la tradizione liberale anche in questo campo e credo che vedremo misure su entrambi i fronti per soddisfare entrambe le parti.

Il problema pratico è ovviamente come portare a bordo membri riluttanti come l'Ungheria, ma il potere di questi paesi di mettere a repentaglio il progetto di integrazione europea non è così forte, poiché questi governi dipendono fortemente dai sussidi del centro dell'Europa e ci sono anche minacce che arrivano  dal centro nella direzione di questi stati membri. Quindi Orban e il gruppo di Visegrad sono molto più divisi di ciò  che si pensa , le dichiarazioni sono protese per il pubblico.

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!