domenica 20 maggio 2018

Big Pharma "possiede" e controlla la maggior parte dei finanziamenti per la ricerca medica universitaria... 

Natural News.
SA DEFENZA 
Quanto sia importante avere indipendenza nella ricerca e disporre di adeguate risorse nel campo della ricerca universitaria, è di fondamentale importanza per essere liberi da pressioni monetarie esterne alla ricerca, dunque uno Stato sovrano che si rispetti finanzia da se stesso la ricerca in questi settori di vitale importanza per la salute dei cittadini;  perciò poiché l'adulterazione delle idee avviene tramite marketing attuato da Big Pharma, nel settore della ricerca con finanziamenti ad acta, è altamente insidioso e non etico permettere che questo avvenga tanto più che può generare una corruzione  basilare  nelle scelte farmacologiche, per la cura dei pazienti futuri, dei medici ricercatori.
Sa Defenza

L'industria farmaceutica è stata attentamente esaminata in passato per aver cercato di acquistare e influenzare il favore dei professionisti e dei medici. Ma ora che la corruzione a tutto campo è diventata più difficile da attuare, perciò l'industria ha trovato mezzi più insidiosi per tenere le mani sul piatto: finanzia la ricerca medica a livello universitario. Perché dedicare tutto il tempo e gli sforzi a persuadere un fornitore di servizi sanitari già affermati, quando possono conquistare il favore dei giovani professionisti? L'influenza di Big Pharma sulla ricerca medica universitaria non può essere ignorata, soprattutto quando sono loro a finanziarne la maggior parte.

Come rivelato recentemente da The Daily Sheeple , il finanziamento della ricerca universitaria di Big Pharma è in aumento da 30 anni. Sin dagli anni '80, l'industria farmaceutica ha fornito più fondi per la ricerca di quanto il National Institutes of Health (NIH) abbia concesso in sovvenzioni. Nel 2011, Big Pharma distolse il NIH dal finanziamento della ricerca medica per otto miliardi di dollari .

Big Pharma assicura il suo futuro influenzando i giovani

Il finanziamento degli sforzi di ricerca nelle scuole di medicina offre al settore farmaceutico molteplici opportunità non solo di influenzare l'esito di tale ricerca, ma anche di influenzare l'atteggiamento degli studenti. Uno studio del 2011 ha dimostrato che quanto più gli studenti di interagiscono con Big Pharma, tanto più favorevoli sono le loro opinioni sul settore. Come hanno scritto i ricercatori di Harvard nella loro conclusione:

La formazione medica universitaria fornisce un contatto sostanziale con il marketing farmaceutico e la portata di tale contatto è associata ad atteggiamenti positivi sul marketing e sullo scetticismo riguardo alle implicazioni negative di queste interazioni.

In altre parole, più gli studenti di medicina hanno contatto con Big Pharma, più è probabile che vedano l'industria con una luce positiva. E forse ancora più importante, è meno probabile che credano che l'industria li stia corrompendo. Questa nozione è corroborata dai dati del sondaggio, che hanno mostrato alcuni risultati inquietanti.

Gli studenti hanno ammesso di ritenere in maniera preponderante che la ricerca e i materiali forniti da Big Pharma erano probabilmente di parte. Tuttavia, questa convinzione non ha impedito loro di dire che le informazioni fornite dai rappresentanti farmaceutici facevano "parte della loro preziosa educazione".

Regali, finanziamenti e altro supporto per conquistare gli studenti

Ironia della sorte, molti studenti ritengono inoltre che sia appropriato per loro accettare regali da rappresentanti del settore - ma molti dicono anche che non saranno influenzati dalla presenza del rappresentante farmaceutico, anche se i loro coetanei potrebbero esserlo. La dissonanza cognitiva è forte.

La ricerca ha dimostrato che i medici che ricevono doni - anche solo un pasto - dai rappresentanti farmaceutici tendono ad avere pratiche di prescrizione diverse da quelli che non lo fanno. Pensate che la stessa reazione si applicherebbe agli studenti? Il team ha scoperto che vedono il settore in modo più favorevole quando hanno più contatti con rappresentanti delle aziende farmaceutiche.

Il team di Harvard ha anche scoperto che nel corso degli anni il contatto degli studenti di medicina con l'industria farmaceutica è molto aumentato. Due studi recenti hanno rilevato che il 100% degli studenti di medicina ha avuto contatti con un rappresentante farmaceutico in almeno un'occasione.

Nel 2008 , AMSA (American Medical Student Association), ha collaborato con The Pew Charitable Trusts per elaborare una "tabella sul conflitto di interessi". Meno del 15% delle scuole ha ottenuto una A o B - il che significa il restante ~ 85% delle scuole ha avuto un rilevabile livello di conflitto, grazie a Big Pharma.

Oltre a mantenere un elevato livello di interazione con gli studenti, Big Pharma è una delle principali fonti di finanziamento per la ricerca medica - come può non essere un problema per la salute pubblica? Big Pharma crea i farmaci per un proprio guadagno , e poco altro. La scienza indipendente è veramente parte integrante della protezione effettiva della salute delle persone, tuttavia questo tipo di corruzione discreta sta accadendo nelle università di tutto il paese.

Scopri di più su cosa è reale e cosa è fraudolento su FakeScience.news .

Le fonti :

TheDailySheeple.com

NCBI.NLM.NIH.gov

HealthNutNews.com

ProPublica.org

*****
http://sadefenza.blogspot.it/2018/05/palestina-protezione-internazionale-e.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!