lunedì 23 aprile 2018

Trump ha chiesto a Netanyahu se fosse sinceramente preoccupato per la pace

Jonathan Swan



Il PM israeliano Benjamin Netanyahu e il Presidente Trump alla Casa Bianca. Foto: Mandel Ngan / AFP / Getty Images


In una telefonata dello scorso anno con Bibi Netanyahu, il presidente Trump ha detto qualcosa che ha scioccato alcune delle persone che  contribuiscono nel preparare il materiale informativo delle conversazioni. Secondo tre fonti che hanno familiarità con la conversazione, Trump ha chiesto a Bibi senza mezzi termini se effettivamente si preoccupasse o meno della pace.

I dettagli: Trump fa pressing su Bibi sull'importanza di trovare un "accordo" per la pace nel Medio Oriente. Aveva letto i report su Bibi che progettava di costruire ulteriori insediamenti per soddisfare la sua base conservatrice in Israele. Trump pensa che Bibi stia irritando inutilmente i palestinesi. Così, nel corso di una conversazione più lunga del solito  per lo più libera e amichevole, ha chiesto senza mezzi termini a Bibi se voleva davvero o meno la pace.

  • Quando Axios ha condiviso i dettagli di questa conversazione della Casa Bianca prima della pubblicazione, un alto funzionario ha detto: "Il Presidente ha un rapporto estremamente stretto e sincero con il Primo Ministro di Israele e apprezza i suoi sforzi nel rafforzare la causa della pace nonostante le numerose sfide. "
  • E il segretario della stampa Sarah Sanders ha aggiunto: "Il presidente ha estese relazioni con un certo numero di leader stranieri, ma questo non significa che non possa essere aggressivo quando si tratta di negoziare ciò che è meglio per l'America".


Tra le righe: Secondo una serie di fonti che hanno familiarità con il pensiero del presidente, Trump considera la politica estera come fossero delle relazioni personali. Il modo in cui dispone della politica estera americana dipende quasi interamente dal suo rapporto personale con i leader mondiali.

  • Un esempio emblematico: il Regno Unito. Anche se Trump ha un grande affetto per la Gran Bretagna (ama i  campi da golf locali, apprezza il rapporto speciale e si riferisce a se stecco come "Mr. Brexit"), lui e Theresa May hanno una rapporto difficile. Perde le staffe quando legge che lei lo ha criticato. Quindi deve ancora visitare l'alleato più vicino dell'America, anche dopo gli attentati terroristici dello scorso anno a Manchester, anche se una fonte privata mi dice che è " molto probabile" che Trump visiterà il ​​Regno Unito prima dell'estate.
  • Un altro esempio: Trump ritiene che le pratiche e i regolamenti commerciali del Giappone siano molto fastidiosi. Ma ha una buona intesa personale con il primo ministro giapponese Shinzo Abe, e difficilmente andrebbe  visitare il suo paese se il loro rapporto fosse teso.


Perché questo è importante: le interazioni di Trump con il leader straniero  - spesso sono improvvisate, spesso calde e fredde, spesso ignora le convenzioni diplomatiche e il materiale informativo di base - ha confuso la gran parte del personale di sicurezza nazionale dell'amministrazione.

  • Freelance di Trump; raramente si riferisce a delle note, e disdegna lunghi incontri. Invece, si diverte con i leader stranieri come fa con i suoi amici immobiliaristi di Manhattan.
  • Il suo stile pubblicitario a volte funziona a suo vantaggio - e ha instaurato rapporti veramente buoni con leader come il presidente francese Emmanuel Macron e il Re saudita Salman  - ma a volte vengono anche gettati fuori bilancio alleati convinti come il Regno Unito e la Germania. E fa sì che l'establishment della sicurezza nazionale - molti dei quali hanno una visione longitudinale di queste relazioni - e sono impressionati.


La conferenza di Trump è completamente diversa da quella dei suoi predecessori. Non vuole libri informativi o lunghi discorsi politici. Oltre alle notizie del giorno, fa quasi sempre domande prima della maggior parte delle riunioni con  leader stranieri:

  • Qual è il deficit commerciale con il paese straniero? Quanto spendono per l'esercito e la difesa, e quanto è rilevante la spesa con l'America? In alcuni casi, a quanto ammontano gli aiuti che gli Stati Uniti inviano nel paese? In parole povere: cosa stiamo facendo per loro e quanto contribuiscono in cambio?


Una dura lezione che il personale di Trump ha imparato: scoprire sempre se il leader con cui si sta incontrando ha detto cose negative su di lui.

  • Trump era furioso con il suo team di sicurezza nazionale per non avergli detto prima del suo incontro, lo scorso anno,  con il primo ministro greco Alexis Tsipras quanto affermato dal PM greco, durante la campagna presidenziale di Trump, dicendo che era espressione di un'ideologia "negativa".
  • Alla conferenza stampa congiunta di Trump con il leader greco, John Roberts della Fox ha citato le brutali cose che Tsipras aveva detto su Trump. Il presidente si è infuriato con il suo team per non averlo informato in anticipo delle affermazioni di Tsipras.

Reazioni:
Categories:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!