giovedì 24 maggio 2018

IL CONFLITTO IN UCRAINA ORIENTALE PUÒ TRASFORMARSI IN GUERRA APERTA

South Front
Sa Defenza 



Questa settimana la situazione militare nell'Ucraina orientale si è nuovamente intensificata mentre le forze fedeli al governo di Kiev sono avanzate verso posizioni controllate dalle forze di difesa della Repubblica popolare di Donetsk (DPR) vicino alla città di Gorlovka.

Gorlovka è la città controllata dal DPR, situata a nord della capitale  Donetsk. La popolazione nel prebellico era di circa 256.000 persone.
Il 21 maggio, le truppe pro-Kiev, sostenute dall'artiglieria e mitragliagliere, hanno preso d'assalto le posizioni delle forze di difesa del DPR nell'insediamento di Golmovskiy, a nord di Gorlovka. Non sono riusciti a superare la difesa delle forze DPR, ma hanno ucciso almeno 1 combattente e ne hanno catturati altri 3. Almeno 10 soldati di Kiev sono stati uccisi e altri 4 sono rimasti feriti, secondo fonti DPR.

Il 22 maggio un gruppo di truppe di Kiev, sostenuto da carri armati e veicoli blindati BMP, è avanzata verso l'insediamento di Chigary, a nord-ovest di Gorlkova. Scontri a fuoco sono scoppiati anche nell'insediamento di Zaitsevo e nell'area della miniera meridionale. Secondo i rapporti, almeno 2 combattenti pro-Kiev sono stati uccisi e altri 4 sono rimasti feriti durante gli scontri.

Il 23 maggio sono proseguiti sporadici scontri a Zaitsevo.

Dall'inizio della settimana, le unità di artiglieria delle Forze armate ucraine hanno aumentato gli attacchi su Gorlovka e gli insediamenti vicini. I bombardamenti hanno provocato vittime tra la popolazione civile e la distruzione di edifici nelle aree residenziali.

Secondo dichiarazioni di funzionari ucraini e personalità pubbliche, le forze pro-Kiev perseguono i seguenti obiettivi:

  • Stabilire il controllo dei punti chiave vicino a Gorlovka;
  • Usare il controllo sui punti chiave, isolare la città e forzare le truppe DPR a ritirarsi da essa;
  • Utilizzare l'area catturata come punto d'appoggio per ulteriori operazioni contro il DPR nelle aree di Enakievo e Debaltsevo.

La città di Debaltsevo è un importante snodo logistico tra il DPR e la Repubblica popolare di Lugansk (LPR). Nel 2015, le forze pro-Kiev hanno subito una devastante sconfitta durante la battaglia di Debaltseve. Centinaia di truppe furono uccise, ferite e catturate dalle forze DPR e LPR. Il piano di Kiev per separare le repubbliche in anticipo con il blocco stradale, fallito.

Tuttavia, la leadership ucraina non ha abbandonato i tentativi di interrompere il traffico tra LPR e DPR. Attualmente utilizza i gruppi di sabotatori per questo scopo. Il 21 maggio un ponte nella zona di Ivanovka è stato fatto saltare in aria da sabotatori ucraini per interrompere una linea di rifornimento diretta tra Lugansk e Krasniy Luch.

Krasniy Luch è noto per ospitare alcuni depositi di armi delle forze LPR.

Fonti locali riportano anche che Kiev ha concentrato un numero considerevole di truppe e equipaggiamento militare, compresi i carri armati, nella zona di Stanytsia Luganskaya.

L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha commentato la recente escalation invitando le parti a smettere di combattere e adempiere ai loro precedenti impegni. 
Le azioni offensive delle forze a favore di Kiev non sono state condannate.

In precedenza si è previsto una possibile escalation in Ucraina orientale in un periodo tra maggio e giugno. Attualmente, si osserva una prima fase della nuova spirale di tensione. 
Se gli osservatori internazionali e i partner ucraini non costringeranno il governo ucraino a fermare le sue azioni aggressive, un nuovo aperto conflitto armato  avrà luogo nell'Ucraina orientale nell'estate del 2018.





http://sadefenza.blogspot.it/2018/05/il-conflitto-in-ucraina-orientale-puo.html

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!