martedì 19 giugno 2018

LA MARINA  YEMENITA CATTURA PESCHERECCI FRANCESI PIENI DI  MERCENARI STRANIERI


Ahmed Abdulkareem 

Nonostante gli avvertimenti sulle potenziali conseguenze umanitarie  devastanti, la coalizione guidata dai sauditi sta cercando di conquistare la città portuale in quella che si preannuncia come la più grande battaglia della guerra in atto  ormai di tre anni, causando una grave carenza di risorse vitali e mettendo a rischio milioni di yemeniti.



La Marina  Yemenita, fedele al governo Houthi, ha catturato una nave militare francese, il M / Y Jehol ll , al largo della costa di Hodeidah, sabato, secondo le dichiarazioni rilasciate da alti ufficiali militari a MintPress News . La nave, trasportava combattenti mercenari stranieri, era impegnata in un'operazione militare vicino al porto, secondo i funzionari di Houthi, che non hanno fornito ulteriori dettagli.

Mohammed al-Houthi, leader del movimento Houthi, ha scritto su Twitter: "Grazie alla Guardia costiera yemenita di Hodeida, è stata sequestrata una imbarcazione francese o americana". Ha confermato in un successivo tweet che una nave francese di nome M / Y Jehol ll è stata catturata dalla guardia costiera dello Yemen vicino a Hodeidah.


شكرا رجال خفر السواحل اليمنية بالحديدة
تم القبض على زورق فرنسي او أمريكي المهم اجنبي
بفضل الله


العملية التي قام بها خفر السواحل اليمنية بالحديدة
وتم القبض فيها على الزورق الاجنبي
بفضل الله
كان يحمل اسم (M/Y_jehol_ll)



Il portavoce di Houthi, Mohammed Abdulsalam, ha accusato Francia e Gran Bretagna di essere coinvolti nel recente attacco a Hodeidah. Abdulsalam ha detto sabato ad una stazione televisiva locale che "navi da guerra britanniche e francesi sono in attesa sulla costa occidentale dello Yemen per lanciare attacchi missilistici e aerei".

Il quotidiano francese Le Figaro ha confermato che le forze speciali francesi sono presenti sul posto nello Yemen a sostegno della campagna militare in corso a guida saudita su Hodeidah. Una fonte militare francese ha successivamente confermato a Reuters che le forze speciali francesi stanno operando nello Yemen.

Venerdì, il Ministero della Difesa francese ha detto che la Francia sta studiando la possibilità di effettuare un'operazione di spazzamento di mine per fornire l'accesso a Hodeidah, una volta che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti concludono le loro operazioni militari

Una fonte militare di Houthi ha detto in una dichiarazione a MintPress che le forze yemenite avrebbero bersagliato i francesi, o qualsiasi altra nave militare straniera che partecipi all'attacco su Hodeidah, aggiungendo che "Le forze yemenite possono gestire qualsiasi sfida posta dalle forze invasori".

Nel frattempo, l'inviato speciale delle Nazioni Unite in Yemen, Martin Griffiths, sta visitando Sana'a per tentare di negoziare un trasferimento Houthi del porto di Hodeidah alla Coalizione dell'Arabia Saudita, ha detto un alto funzionario del governo a MintPress.

Il portavoce di Houthi, Mohammed Abdulsalam, ha osservato che "le misure dell'inviato dell'ONU sono intese a coprire la continuazione della guerra guidata dai Sauditi contro lo Yemen". Abdulsalam, che ha ricoperto il ruolo di negoziatore principale in Kuwait e Ginevra negli ultimi due anni, ha sottolineato che se Griffiths segue la guida del suo predecessore, non riuscirebbe a trovare una soluzione al conflitto. Gli inviati dell'ONU in Yemen sono stati criticati per avere un pregiudizio fortemente filo-saudita. Nel 2017, l'allora inviato delle Nazioni Unite in Yemen, Ismail Ould Cheikh Ahmed, ha cercato di convincere gli Houthi a cedere il controllo di Hodeidah, la loro unica fonte di beni importati - cibo compreso - in cambio del pagamento dei salari.

Nonostante gli avvertimenti sulle conseguenze umanitarie potenzialmente devastanti, la coalizione guidata dai sauditi sta cercando di conquistare la città portuale in quella che si preannuncia come la più grande battaglia della guerra ormai in atto da tre anni, causando una grave carenza di risorse vitali e mettendo a rischio milioni di yemeniti.

Sabato, il direttore del World Food Program (WFP) per lo Yemen, Stephen Anderson, ha chiesto un flusso di merci gratuite attraverso la città portuale, adducendo che servivano per "i bisogni fondamentali dei civili di Hodeidah non ancora soddisfatti".

Circa 500 famiglie sono state sfollate dalle loro case a Hodeidah dal 1 ° giugno, secondo le Nazioni Unite, e almeno 36 famiglie sfollate hanno perso i loro mezzi di sostentamento, dato che le loro aziende agricole sono state danneggiate da attacchi aerei guidati dalla coalizione guidata dai sauditi all'inizio di questo mese.

****

Ahmed AbdulKareem è un giornalista yemenita. Copre la guerra in Yemen per MintPress News e anche per i media yemeniti locali.

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/la-marina-yemenita-cattura-pescherecci.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!