sabato 27 ottobre 2018

Norvegia nel mezzo dei Wargames artici NATO

Jonathan Sigrist
Sa Defenza 





Mentre parliamo, la NATO è nel mezzo del dispiegamento di 50.000 soldati, 250 aerei, 65 navi e 10.000 veicoli in tutto il territorio della Norvegia, così come in alcune aree in Svezia, Finlandia, Islanda e altri paesi baltici. Più di 30 membri della NATO partecipano a queste esercitazioni chiamate Trident Juncture 18 , il più grande mai esistito nel suo genere, superando tutte le precedenti esercitazioni NATO in Norvegia come Cold Response (11 nazioni), Dynamic Mongoose (8 nazioni) e Arctic Challenge  (9) nazioni). Sebbene gli stati della NATO che Trident Juncture 18 vuole dimostrare che "è capace di scoraggiare qualsiasi avversario, nessuno in particolare, nessun avversario particolare", dovrebbe essere ovvio che la crescente tensione tra Occidente e Russia è la ragione principale che può giustificare il dilemma della pressione nello schieramento di questi anni.

Nell'ultimo decennio, ma soprattutto negli ultimi 4 anni, i rapporti tra Russia e Occidente sono peggiorati di giorno in giorno - un clima geopolitico attuale che riecheggia fino all'Artico - storicamente un importante teatro militare nel pieno della Guerra Fredda . Quindi siamo in mezzo a una nuova e rinata Guerra Fredda, o quale dovrebbe essere la crescente militarizzazione dell'Artico che ci sta dicendo? Proprio nel mezzo tra NATO e Russia, la Norvegia si pone come punto di riferimento di un conflitto in sospeso.

Politica estera della Norvegia post guerra fredda: cooperazione artica

Come accennato in precedenza, l'Artico era un'area pesantemente militarizzata durante la maggior parte della Guerra Fredda, ma conobbe un'esplosione nella cooperazione transnazionale una volta terminata la guerra. Ciò può essere visto nella formazione del Consiglio artico nel 1996 e nella regione euro-artica di Barents nel 1993, insieme a molte altre organizzazioni simili, che operano per mettere in sicurezza e smilitarizzare l'Artico attraverso la cooperazione su questioni comuni come i cambiamenti climatici, i problemi ambientali , diritti indigeni, trasporti, gestione delle risorse e altro ancora. Negli ultimi tre decenni, queste organizzazioni hanno contribuito a migliorare le relazioni russo-occidentali attraverso la collaborazione, qualcosa che per lungo tempo era stata una priorità assoluta degli obiettivi di politica estera norvegese.

La Norvegia decise di unirsi alla NATO alla sua fondazione nel 1949, solo 4 anni dopo che i sovietici liberarono la Norvegia dall'occupazione nazista durante la seconda guerra mondiale, fino all'ovvia disapprovazione dell'URSS. Data la sua posizione geografica strategicamente importante e vulnerabile, la Norvegia ha deciso di limitare il suo ruolo nella NATO durante la Guerra Fredda come fornitore di informazioni e intelligence solo per evitare di provocare troppo i sovietici - un ruolo che la Norvegia continua a svolgere anche dopo che la Guerra Fredda è finita. Ciò è stato visto ad esempio nel 1999, quando il  radar Globus II Raytheon (img a dx) è stato spostato dalla California a Vardø, una piccola città norvegese a soli 28 km dal confine russo. Il radar è attualmente amministrato dai servizi di intelligence norvegesi, e sebbene la NATO affermi che il radar viene utilizzato solo per la sorveglianza spaziale e la ricerca, la sua posizione così vicina alla vecchia città militare sovietica di Murmansk dovrebbe essere sufficiente per capirlo.

Gli abitanti di Vardø hanno espresso preoccupazioni per la stazione di Globus II, con il tenente colonnello Tormod Heier, consigliere della facoltà presso il Norwegian Defence University College di Oslo che ha dichiarato: "La Russia considera Vardø un obiettivo di alto valore. In una crisi sarà uno dei primi posti da far saltare in aria ". A partire dal 2017, il governo norvegese sta lavorando a una stazione radar Globus III a Vardø, che dovrebbe sostituire il vecchio radar Globus I e che dovrebbe essere operativo entro i prossimi 2 anni. In un crescente conflitto tra le due vecchie nemesi, la Russia e l'America, la politica norvegese di abbassamento dell'Artico si sta rivelando sempre più difficile da raggiungere. Usando Trident Juncture 18 come modo per avvicinare la Finlandia e la Svezia alla sua cerchia di alleati la NATO sta dimostrando di avere obiettivi espansionistici molto specifici nella regione artica e nella regione del Mar Baltico, non diversamente dal resto del mondo.

La Russia raddoppia

Fin dalla fine della Guerra Fredda, la Russia è stata ripetutamente rigettata ogni volta che ha tentato di avvicinarsi all'Occidente. Quando fu negoziato l'accordo per la riunificazione tedesca, fu promesso alla Russia che la NATO non si estendeva di un centimetro verso est verso le nazioni ex-sovietiche se in cambio la Russia accettava di riunificare la Germania orientale con il resto del paese, una promessa che ovviamente non fu mai mantenuta. Nel 2001, Putin espresse il desiderio che la Russia aderisse alla NATO , un ramo d'olivo che l'Occidente respinse con arroganza. Invece la NATO continua la sua espansione verso est, con 21 nazioni dell'UE che ora fanno parte anche della NATO, circondando la Russia su quasi tutti i fronti.

Minacce per la Russia: Reckless US-NATO War Games in Polonia



Fonte della mappa

Nel 2002, gli Stati Uniti annunciarono che avrebbe lasciato il Trattato sui missili antibalistici    (ABMT) firmato nel 1972, e di nuovo annunciato nel 2018 che stava abbandonando il Trattato sulle Forze Nucleari Intermedio (Trattato INF) firmato nel 1982. Entrambi i trattati furono firmati durante la Guerra Fredda come parte dei piani strategici di distensione, ma rimasero estremamente rilevanti anche nel mondo post-Guerra Fredda. Gli Stati Uniti hanno poi aiutato a rovesciare il presidente dell'Ucraina Viktor Yanukovych nel 2014 mentre dirigeva uno dei più antichi alleati della Russia, l'Ucraina, allontanandola da essa verso la NATO e l'Occidente. La NATO fu fondata come un'alleanza della Guerra Fredda che avrebbe dovuto terminare tecnicamente quando la guerra si sarebbe conclusa,  invece è diventata sempre più grande e più forte, capitalizzando sulla Russia estremamente indebolita e di recente capitalizzazione degli anni '90 - un paese che era incapace di affermarsi come potenza mondiale dominante nel mondo post-sovietico.

La popolarità di Putin tra i russi è aumentata come diretta conseguenza di un decennio di vergogna nazionale che ha inflitto Eltsin  ai russi durante gli anni '90 . Con uno stile di democrazia autoritaria molto patriarcale, i russi cercano tradizionalmente nel loro leader qualcuno che possa resistere alle potenze occidentali piuttosto che piegarsi a ogni loro volontà - quindi non sorprende che Putin stia doppiando i giochi di guerra della NATO nel Artico.

La Russia ha massicciamente riarmato la sua marina nella penisola di Kola, con circa 50 nuovi bunker rinforzati di grandi dimensioni per missili nucleari e missili da crociera ad alta precisione convenzionali a lungo raggio attualmente in costruzione a Severomorsk, a soli 100 km dal confine norvegese. In vista della missione Trident Juncture 18, la Russia ha deciso di estendere la propria avventura orientale, l' esercitazione militare Vostok-2018 , fino all'Artico. Vostok-2018 è il più grande esercizio militare condotto sul suolo russo dal 1981, che coinvolge uno straordinario numero di 300.000 soldati, 1.000 aerei, 36.000 carri armati e una cooperazione inaspettata e sorprendente con Cina e Mongolia. Mostrando i muscoli prima della missione Trident Juncture 18, la Russia aveva già inviato in agosto 8 navi  nel Mare di Barents . A settembre hanno mostrato il loro nuovo sistema mobile di difesa costiera sparando missili dalla base di Kotelny, e questo ottobre hanno inviato sottomarini nucleari e bombardieri strategici  in una missione di addestramento al combattimento nel mare di Barents. La Russia sta cercando di inviare un messaggio di resistenza e rifiuta di stare a guardare mentre la NATO opera alle sue porte - un messaggio che la NATO vede solo come un'opportunità per aumentare ulteriormente la propria militarizzazione e percepiscono ciò come un'aggressione russa in aumento.

La lobby anti-russa al centro di tutto

Ci si può chiedere come siamo arrivati ​​a questo punto della storia, che ci sembra di essere in mezzo a una seconda Guerra Fredda ancora più seria - almeno  secondo Stephen Cohen, professore emerito di Russian Studies and Politics alla NYU e Princeton. Le relazioni tra l'Occidente e la Russia iniziarono a scemare nel clima politico post 11 settembre, a Sud, perfettamente sincronizzato con Putin che saliva al potere e si rifiutava di sostenere la guerra in Iraq. Insieme alle sue divergenti opinioni sul conflitto nel Caucaso, Putin ha mostrato la volontà di opporsi nuovamente alla NATO e alle potenze occidentali - qualcosa che Eltsin non aveva fatto per un intero decennio. Questa tendenza alla rinascita russa continuò fino a quando la Russia non decise di intervenire in Siria e quando riannesse la Crimea. Ciò che il mondo ha visto in queste azioni è stato il fatto che la sovranità russa è rinata e pronta ad avere voce in capitolo negli affari globali. Inutile dire che a molti  potenti non piaceva nemmeno un po'.

Nella sua ricerca dell'egemonia, la NATO difficilmente accetta qualsiasi forma di bipolarizzazione o multipolarità. Con il sorgere della Russia e della Cina come potenze militari sempre più forti, la NATO sente la necessità di dimostrare che si erge ancora come l'unica potenza globale sopra ogni altra. C'è negli Stati Uniti una lobby antirussa abbastanza prominente che sta spingendo dalla fine della Guerra Fredda per mantenere la tensione con la Russia ad un livello elevato (Tsygankov, 2009). Così facendo, gli Stati Uniti hanno un "uomo nero" che possono usare per giustificare le massicce vendite di armi, l'espansione della NATO e gli interventi militari, tutto in nome e per differire l'influenza russa all'estero - proprio come durante la Guerra Fredda quando fingeva di combattere il comunismo ovunque dal Sud America, dall'Asia e dal Medio Oriente.

Ora negli ultimi 2 anni, ogni singolo importante sbocco mediatico liberale ha spinto la cospirazione Trump-Russia - conosciuta anche come Russiagate - su una base quotidiana incessante che ha portato molti americani a credere di essere attualmente impegnati in un'informazione e guerra informatica contro la Russia. Pochi nell'opinione pubblica stanno mettendo in discussione gli effetti che le sanzioni imposte e l'espansione della UE e della NATO hanno avuto sui rapporti Russia-Occidente, osservando le azioni in corso del presidente russo come autoritarie e stessero cadendo nel vuoto, privo di qualsiasi  influenza esterna di sorta. 'Putin è un pazzo' sembra essere l'unica retorica accettata pubblicamente per spiegare il peggioramento delle relazioni, l'Occidente che si sta liberando di ogni e qualsiasi colpa o coinvolgimento in ciò che sta accadendo. Obama ha ironicamente detto a Romney durante uno dei loro dibattiti presidenziali del 2008, quando Romney ha sottolineato il pericolo che la Russia ha posto all'America, che "gli anni '80 vogliono richiedere indietro la loro politica estera, perché la Guerra Fredda è finita da 20 anni". Quindi, esattamente quello che è successo, per quello che era solo 10 anni fa un segno di ingenuità e follia politica, fino ad oggi è diventato una preoccupazione completamente legittima negli Stati Uniti e nell'Unione europea? La giornalista e blogger Caitlin Johnstone fornisce una possibile risposta nel suo tweet dal luglio 2018:


If you don't remember thinking much about Russia prior to the 2016, and now you think about it a lot more, that's your first clue that you've been propagandized. It's the same country it was in 2015. The threat it poses hasn't changed, only the narrative has.


La nostra generale mancanza di introspezione, retrospezione storica e critica dei media ci sta portando verso un conflitto totale non necessario e con conseguenze potenzialmente gravi su scala globale.

Il futuro della geopolitica artica

Il futuro dell'Artico dipende interamente dal tipo di narrativa che noi occidentali abbiamo deciso di adottare nei confronti della Russia. Dato che l'influenza russa diventa un punto di discussione sempre più cruciale , specialmente intorno alle prossime elezioni di medio termine, potrebbe avere conseguenze disastrose se i politici iniziassero a discutere su chi può essere "più duro con la Russia" per ottenere più punti percentuali politici (Basulto, 2015). La cooperazione artica, la resilienza e la prosperità difficilmente possono essere raggiunte se dividiamo ancora una volta il nostro pianeta a metà a causa di una lotta fittizia e arbitraria completa tra "bene contro male" o "democrazia occidentale contro autoritarismo russo". Sfortunatamente, nel clima politico odierno, il semplice tentativo di abbassare la tensione a un livello di ragionevole sanità mentale ti indicherà immediatamente come mendicante russo o apologista di Putin.

Come ha detto Stephen Cohen al giornalista neocon Max Boot durante un dibattito sulla CNN , dopo essere stato accusato di "scusarsi per la Russia", Cohen ha risposto:

"Quando persone come te chiamano persone come me, e non solo me, ma persone più eminenti di me, apologeti per la Russia perché non siamo d'accordo con la tua analisi, stai criminalizzando la diplomazia e la distensione e sei una minaccia per la sicurezza nazionale americana ”.

Atti come la criminalizzazione della diplomazia, espellere in massa i diplomatici russi, incolpare la Russia di intromettersi nelle elezioni e avvelenare gli ex agenti sul suolo straniero senza fornire prove, è il tipo di comportamento che peggiorerà solo le relazioni complessive - mentre lentamente si trasformerà l'Artico per tornare al suo precedente ruolo di teatro militare, invece della regione pacifica che è stata per quasi 30 anni.

Nel bel mezzo di tutto ciò, la Norvegia può solo prepararsi per quello che verrà. Sebbene esercitazioni come Trident Juncture 18 funzioneranno per proteggere la Norvegia e aiutarla a reagire a qualsiasi imminente minaccia russa, ci si potrebbe chiedere perché, in primo luogo, abbiamo raggiunto un punto in cui tali misure sono ritenute necessarie. Mentre  mantenere rapporti con la Russia sul lato positivo è una delle principali preoccupazioni della politica estera della Norvegia, che ha tentato di fare attraverso la cooperazione artica, forse la strada più saggia sarebbe quella di mantenere l'Artico il più libero possibile dal punto di vista militare. Questo sarebbe qualcosa di cui anche il mondo intero trarrebbe probabilmente beneficio. Nessuno ha nulla da guadagnare da una nuova Guerra Fredda nell'Artico.

*

Jonathan Sigrist  studente dell'Università di Tromsø nel nord della Norvegia, attualmente studia le relazioni geopolitiche, ambientali, culturali ed economiche tra le nazioni artiche (Stati Uniti, Canada, Russia, Norvegia, Finlandia, Svezia, Danimarca / Groenlandia e Islanda), così come il futuro del ruolo dell'Artico nella politica globale. Ha vissuto in Danimarca, Svezia, Finlandia, Norvegia e Francia ed è un fervente osservatore e critico della politica estera USA e NATO.

FONTI

Basulto, D. (2015) “Russophobia: How Western Media Turns Russia Into the Enemy”, Dominic Basulto

Tsygankov, A (2009) “Russophobia: Anti-Russian Lobby and American Foreign Policy”, Palgrave Macmillan USLa fonte originale di questo articolo è Global Research
Copyright © Jonathan Sigrist , Global Research, 2018





Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM


0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!