domenica 21 maggio 2017

LA BATTAGLIA PER RAQQAH: PREMESSE, FORZE OPPOSTE, PREVISIONI

southfront.org
Sa Defenza 






La città di Raqqah è considerata una delle più importanti città siriane. La città si trova sulla riva nord-est del fiume Eufrate, ai margini del “Sharqiya la Siria”, un termine usato per descrivere la Siria orientale. La diga più grande della Siria, la diga di Tabqah si trova a 40 chilometri a ovest di Raqqah.

La diga è una delle più importanti fonti di energia elettrica e di acqua in Siria.
E' stata costruita per generare corrente idroelettrica, così come per irrigare le terre su entrambi i lati del fiume Eufrate. La città di Tabqah vicino l'aeroporto Militare Tabqah si trovano direttamente a sud della diga.

Raqqah è collegata con la capitale industriale siriana di Aleppo, la provincia ricca di petrolio di Deir Ezzor, e la zona fertile Hasakah attraverso l'Autostrada M4. Gli abitanti della città sono 220.000, secondo il censimento del 2004. La campagna di Raqqah ne ospita circa 100.000 persone.

L'importanza strategica della città, così come la vicina diga di Tabqah ha trasformato Raqqah in un bersaglio per ogni fazione coinvolta nella guerra e tutti loro hanno tentato di prenderne il controllo.

All'inizio della crisi siriana, Raqqah era una delle province più tranquille, in quanto non è testimone di proteste significative o violenza. Sporadiche proteste da parte di gruppi di opposizione non hanno superato un centinaio di manifestanti al loro massimo.

Così, Raqqah e la sua capitale è diventata una delle province più sicure accetta decine di rifugiati lealisti sfollati dalla Aleppo, Hasakah, e Deir Ezzor, dove feroci scontri, tra le forze filo-governative e militanti, hanno avuto luogo nel 2012.

Alla fine del 2012, Ahrar Al-Sham con il supporto di Jabhat al-Nusra (il ramo siriano di al-Qaeda, ora è conosciuto come Hayat Tahrir al-Sham) ha dichiarato la sua intenzione di catturare la capitale della provincia di Raqqah e ha lanciato una operazione militare. Ahrar al-Sham e Jabhat al-Nusra hanno catturato l'Jirah Airbase e l'importante città di Maskanah nella provincia di Aleppo, entrando nella provincia di Raqqah. I militanti hanno preso Tabqah e all'aeroporto militare di Tabqah e catturato la città di Raqqah dopo 3 giorni di scontri il 6 marzo 2013.

L'esercito siriano non ha organizzato alcune difese reali per la città. Ciò ha portato a molta discussione sulla lealtà della dirigenza provinciale, che apparentemente ha svolto un ruolo fondamentale nella perdita di questa provincia strategica.

Inizialmente, le attività di ISIS all'interno della città sono state finalizzate a sostenere Ahrar al-Sham e Jabhat al-Nusra nelle azioni contro le installazioni militari dell'esercito siriano assediati nelle sue vicinanze. Tuttavia, più tardi ISIS ha iniziato ad attivarsi in proprio al fine di riconquistare Raqqah da Ahrar al-Sham e Jabhat al-Nusra. ISIS ha dichiarato il controllo su Raqqah nel gennaio 2014. La maggioranza dei Ahrar al-Sham e militanti Jabhat al-Nusra sono fuggiti, abbandonando l'intera città a ISIS. Coloro che sono rimasti di entrambi i gruppi hanno disertato a favore di ISIS o sono stati catturati.

Negli ultimi tre anni, ISIS stava rafforzando in modo sistematico la sua presenza e la sua influenza a Raqqah per quanto non corresse alcun pericolo reale da altre forze coinvolte nella guerra.

Nel 2016, dopo la prima liberazione di Palmyra, l'esercito siriano, sostenuto da Forze aerospaziali russe, ha lanciato un attacco in anticipo con l'obiettivo di riconquistare l'aeroporto militare di Tabqah  e anche la città di Raqqah da ISIS. Tuttavia, le forze governative non hanno raggiunto nemmeno il loro primo obiettivo e si sono ritirati dopo una serie di attacchi contro ISIS.


L'inizio dell'operazione militare russa in Siria nel 2015 ha cambiato radicalmente il corso della guerra e ha restituito un capacità di condurre operazioni di successo al governo di Assad. L'anticipato attacco del governo sul Aeroporto Militare Tabqah non ha portato a nessun guadagno. Ciò nonostante, è divenuto chiaro che se la coalizione guidata dagli Stati Uniti contro l'ISIS continua a ignorare il gruppo terroristico in Siria, il governo siriano e dei suoi alleati sono in grado di risolvere il problema da soli. [Solo per esempio, nello stesso anno, l'esercito siriano ha liberato la città di Aleppo da Jabhat al-Nusra e dei suoi alleati. Questa è stata una delle più grandi vittorie del governo in questa guerra.] Questo potrebbe diventare un grave fallimento diplomatico e pubblico per gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali.

Nel mese di ottobre 2015, il nuovo marchio delle forze sostenute dagli Stati Uniti è apparso nella guerra. L'istituzione delle Forze Democratiche Siriane (SDF) è stato dichiarato nel corso di una conferenza stampa a Hasakah, una città controllata dai curdi del Democratic Union Party (PYD) e dalla sua ala militare di People’s Protection Units (YPG). Mentre gli Stati Uniti e i media mainstream dicevano che, SDF era un'organizzazione multi-etnica, YPG e la YPJ, l'equivalente femminile del YPG, è divenuto il nucleo del gruppo. La comprensione di questo problema, la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha contribuito con sforzi significativi nel 2016 e nei primi mesi del 2017 a costruire una fazione araba nel SDF. Tuttavia, le milizie curde sono rimaste il ​​nucleo preponderante e indiscusso di SDF.

Il 6 novembre 2016, SDF, potendo contare su forze di attacco aeree e speciali della coalizione guidata dagli Stati Uniti, ha lanciato l'Operazione Eufrate Wrath volto a cacciare ISIS dalla provincia di Raqqah.

Ora, la SDF include ufficialmente:
36.000 combattenti YPG
24.000 combattenti YPJ
20.000 combattenti tribali arabi compresi i gruppi come il Consiglio militare Manbij

Tra i 10.000 e 20.000 membri del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) presenti nell'area occupata da SDF nel nord della Siria e ufficiosamente partecipa alle operazioni militari in SDF. Rappresentanti ufficiali della PYDYPG hanno ripetutamente negato questo fatto perché potrebbe avere un impatto negativo nelle relazioni USA-turche. Un riconoscimento ufficiale di questo fatto creerà anche un pretesto per Ankara per lanciare un'operazione militare contro SDF. La Turchia e una serie di altre nazioni descrivono il PKK come gruppo terroristico. La leadership turca insiste sul fatto che il YPG è solo un ramo del PKK.

Tuttavia, questo non impedisce ad Ankara di condurre attacchi militari contro obiettivi YPG lungo il confine turco-siriano. Gli Stati Uniti sono stati spinti ad aumentare la loro attività militare lungo il confine e ad una linea di collegamento tra SDF e i militanti pro-turchi nella provincia di Aleppo per impedire una possibile operazione militare turca su larga scala contro lo SDF / YPG nel nord della Siria . Così, le truppe statunitensi hanno un ruolo di forza di interposizione tra la Turchia e l'SDF.


L'anticipo della campagna di SDF su Raqqah è in corso, in mezzo a un supporto di fuoco immenso da aerei da guerra della coalizione USA, con elicotteri d'attacco e artiglieria. Gli Stati Uniti hanno anche ampliato alcuni aeroporti all'interno della Siria. Sono utilizzati per la consegna di forniture d'armi per SDF e come basi avanzate degli elicotteri d'attacco degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti, la Germania e operazioni speciali delle forze francesi , svolgono un ruolo importante nel sostenere  SDF a terra. Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti fornisce un supporto di artiglieria alle operazioni di SDF intorno Raqqah.

Finora,  SDF è stato in grado di aggirare Raqqah dalle direzioni occidentali, orientali e settentrionali, di attraversare l'Eufrate e di catturare l'aeroporto militare di Tabqah, la città di Tabqah e impostare un punto d'appoggio per isolare la capitale dell'autoproclamato stato islamico di ISIS.

Da parte sua, ISIS ha iniziato a preparare la battaglia di Raqqah, ha dato l'annuncio  dell'operazione Raqqah della coalizione nel 2016.

Fin dall'inizio, è apparso chiaro che ISIS non aveva intenzione di difendere i numerosi villaggi nelle campagne Raqqah. A sua volta, ISIS ha implementato un approccio di difesa cellulare. unità ISIS stavano ritirando sotto la pressione del SDF e la coalizione guidata da piccoli villaggi e sono stati contro-attacco basandosi su fattori tecnici e veicolo di origine ordigni esplosivi (VBIED).

L'obiettivo, di questa strategia è stata (ed è) di fornire un massimo danno possibile alla manovalanza di SDF e alle attrezzature militari, invece, di tentare di difendere i piccoli insediamenti senza alcun valore strategico. Tabqah, l'aeroporto militare di Tabqah  e la diga di Tabqah sono gli unici luoghi che ISIS ha tentato di difendere la causa del loro valore strategico - e controllano questi siti, le forze appoggiate dagli USA avranno un punto d'appoggio sulla riva meridionale dell'Eufrate a ovest di Tabqah.

Dentro e intorno Raqqah, ISIS ha iniziato la creazione di una serie di fortificazioni intorno alla città dalla fine del 2016 costruendo un'alta banchina e una trincea che circonda la città nella sua interezza. Diverse fonti locali hanno inoltre riferito che il gruppo terroristico ha lavorato alla creazione di una serie intricata di gallerie, trincee, e barriere di cemento all'interno Raqqah.

Inoltre, fonti dell'opposizione hanno riferito che ISIS ha iniziato ad allacciare esplosivi e a impiantare ordigni esplosivi improvvisati nelle aree sensibili all'interno e intorno la città.

A cavallo del 2017 in seguito al successo delle forze appoggiate dagli USA nella campagna occidentale e orientale su Raqqah e il taglio della strada Raqqah-Deir Ezzor in aggiunta alla capacità di recupero del esercito siriano a Deir Ezzor, ISIS ha iniziato lo spostamento delle sue attrezzature e munizioni nelle parti più interne della città, così come ha stabilito linee di tiro e nidi di cecchini. Il gruppo terrorista ha trasferito i suoi combattenti più esperti nella città.

Secondo diverse fonti, a Raqqah, ISIS ha tra i 5.000 e 10.000 combattenti e la sua più efficace armamento comprende i TOW e missili Fagot contrabbandati da Idlib. ISIS è anche fornito di armi come gli RPG-29 e M-79 OSA per la Battaglia di Raqqah. Decine di carri armati e veicoli blindati sono stati dispiegati all'interno della città. Il gruppo è attivo nella produzione di vari tipi di VBIED utilizzando il proprio stoccaggio di esplosivi.

Una pianificazione militare, una di fanteria motivata e un uso sofisticato di VBIED sono i lati forti e fondamentali delle forze ISIS.

L'obiettivo attuale delle forze a guida USA è quello di prendere il controllo della campagna di Raqqah mettendo ulteriore pressione al gruppo terrorista dalla direzione settentrionale e occidentale. E' previsto che la coalizione guidata dagli Stati Uniti e dei suoi alleati sul terreno cercheranno di ripetere l'operazione come quella di Mosul. Tuttavia, c'è una differenza: le forze appoggiate dagli USA potrebbero lasciare una via di fuga ai membri di ISIS a sud di Raqqah. Questo potrebbe consentire di alleviare la resistenza dei membri di ISIS all'interno della città. Nel frattempo, se questo viene fatto, molti membri del gruppo terrorista saranno in grado di rimanere vivi e liberi di circolare in Siria. Alcuni di loro potrebbero poi trasferirsi in Europa come rifugiati.

La tempesta su Raqqah includerà una campagna di bombardamenti pesanti da parte dell'aviazione della coalizione guidata dagli Usa con aerei da guerra, elicotteri d'attacco e droni, così come con l'artiglieria dei Marine. Gli Stati Uniti espanderà la sua presenza militare in prima linea contro l'ISIS e nel distribuire più truppe ed equipaggiamento militare. Come già avvenuto a Mosul, Washington e i media mainstream probabilmente negheranno che le truppe degli Stati Uniti sono direttamente impegnate in una battaglia contro ISIS a Raqqah. Tuttavia, senza un attivo sostegno militare degli Stati Uniti, SDF non sarà in grado di riprendere Raqqah da ISIS in un tempo realistico.
ISIS utilizzerà anche l'esperienza di Mosul, utilizzando piccoli gruppi ben attrezzate di combattenti, distribuiti con un gran numero di cecchini in tutte le strade della città, e, naturalmente, l'uso pesante di attentatori VBIED e suicidi per attaccare qualsiasi raggruppamento di SDF, e la distribuzione di mine e IED in tutte le strade.

Uno dei maggiori problemi che  SDF dovrà affrontare è un numero elevato di civili in città. Secondo fonti locali, ci sono più di 250.000 persone, i rifugiati provenienti da Deir Ezzor e dal Iraq, oltre alle famiglie dei terroristi di ISIS a Raqqah.

In generale, la battaglia dovrebbe durare mesi, e purtroppo, come a Mosul, un gran numero di civili sarà ucciso a causa dei combattimenti e della campagna di bombardamenti della coalizione. I funzionari militari sostengono che le forze appoggiate dagli USA inizieranno l'assalto a Raqqah questa estate. Ciò nonostante, è complicato prevedere quando la città verrà riconquistata dai terroristi. Le forze irachene hanno lanciato la loro spinta finale verso la roccaforte ISIS di Mosul il 16 ottobre 2016 e la città non è stata ancora completamente liberata  finora.

Le tensioni tra il PYD / YPG e il governo turco è un altro fattore che influisce e rallenta l'avanzata SDF su Raqqah.

Nel frattempo, lo SDF a dominazione curda ha annunciato che la città liberata sarà inclusa nella Federazione della Siria-nord Rojava (mappa sotto), l'area YPG / SDF- occupata della Siria settentrionale.

Mappa della situazione militare in Siria aggiornata al 22 Maggio 2017
SITUAZIONE MILITARE IN SIRIA IN DATA 22 MAGGIO 2017

Questo solleva molte preoccupazione nel governo siriano e nei molti attivisti filo-governativi nella discussione sulla lealtà all'amministrazione che governerà la città e il desiderio del popolo di unirsi alla federazione curda, soprattutto dopo il gran parlare circa le pratiche razziste dell'Amministrazione federale kurda a Hasakah e Qamishli contro gli arabi. Alcune speculazioni dicono che se SDF riesce a controllare la città, potrebbe non riuscire a gestirla. Tuttavia, è troppo presto per tirare conclusioni di vasta portata.

La liberazione di Raqqah è una parte importante del più ampio sforzo volto a espellere i terroristi di ISIS  dalla  Siria e dall'Iraq. Tutte le parti condividono questo punto.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/05/la-battaglia-per-raqqah-premesse-forze.html


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!