sabato 17 gennaio 2015


Sono le statine, la causa del diffuso declino della funzione del cervello?




NaturalNews
Ethan A. Huff
tradusiu imprentau
de Sa Defenza

Le malattie del cervello sono dilaganti oggi in America, e non solo, prove suggeriscono che una classe popolare di farmaci possono esserne l'origine. Sono i farmaci conosciuti come statine, la scienza spiega come funzionano nel corpo, e rivela che questi potenti farmaci gradualmente degradano il cervello privandolo del colesterolo, causa problemi di memoria, di demenza e di altre condizioni simili. 

Nel suo libro Lipitor: Thief of Memoria , il Dr. Duanne Graveline, MD, ha scritto sulla sua terribile esperienza con le statine, e di come lo fecero soffrire due eventi di amnesia globale transitoria e di neuropatia cronica. L'ex astronauta e scienziato aerospaziale in ricerca medica spiega, come questi eventi traumatici siano il diretto risultato delle statine, che alterano il cervello. 

Il buon amico, il dottor David Brownstein ha evidenziato i meccanismi alla base di questo danno, e sottolinea che il lavoro delle statine avvelena un enzima noto come HMG-CoA reduttasi [1], che l'organismo utilizza per produrre il colesterolo, gli ormoni surrenali, ormoni sessuali e le proteine ​​di memoria. HMG-CoA reduttasi è anche responsabile del mantenimento dell'energia nelle cellule, necessaria per tutti i sistemi nel corpo. 

Bloccare artificialmente o altrimenti inibire questo enzima vitale è la ricetta per il disastro sanitario, spiega il Dr. Brownstein, che per questo motivo sconsiglia a chiunque di assumere statine.  Essere al corrente dei dei danni fisici prodotti dalle statine ci aiuterà a contestare qualunque medico ce le prescriverà, sapendo che almeno 3,6 milioni di persone hanno riportato disfunzioni cerebrali a causa del loro utilizzo.
"Non si può avvelenare un enzima cruciale o bloccare un recettore importante per lungo tempo e aspettarsi poi, un buon risultato ", ha spiegato il Dr. Brownstein nel suo libro Farmaci che non funzionano e le terapie naturali.


Le statine non funzionano e distruggono il corpo...
Sulla base delle migliaia di voci pubblicate nella US Food and Drug Administration (FDA) Adverse Events Database, le statine sono state collegate a tutto, dalla perdita di memoria a breve termine al disorientamento alla depressione cronica e alla demenza.
Questo stesso report del database e di oltre 100.000 eventi avversi in altri settori oltre che sulla base del tasso di riferimento 1-10% si traduce probabilmente in milioni di persone danneggiate dalle statine .

Come abbiamo segnalato in più istanze, l'uso di statine è dannosa per il fegato, avvelena i reni, genera dolori muscolari e il loro degrado, è causa di insufficienza cardiaca, così come per molte altre cattive condizioni di salute. E la cosa peggiore è che le statine non hanno mai dimostrato di funzionare come affermano, il che significa che sono completamente inefficaci ed estremamente distruttive.
"Forse potremmo vivere, con tutte queste reazioni avverse del farmaco, se le statine abbassassero in modo significativo il rischio di malattie cardiovascolari. Ma , non è così", ha scritto il Dr Brownstein sul ​​suo blog. 

"Le statine non sono mai state convincenti, hanno dimostrato di prevenire un primo attacco di cuore negli uomini e nelle donne. Negli uomini, nel migliore dei casi di studio le statine hanno mostrato un 1-4% di riduzione del rischio di un evento cardiaco secondario. Nelle donne, i numeri sono anche peggiori.
Ciò è altamente sconcertante alla luce dell'invito da parte di alcuni professionisti del settore medico a distribuire le statine come se fossero caramelle, o consigliare di immetterle nella rete idrica pubblica assieme al fluoro.  Questa cosiddetta "medicina" sta devastando la salute pubblica, e non prevede neppure eventuali benefici terapeutici legittimi. Chiediamoci, perché allora  sono ancora in vendita nel mercato farmaceutico, chi è il responsabile di questo sfacelo? 

"Questi farmaci  causano spesso danni muscolari, crampi muscolari, debolezza muscolare, dolori muscolari, intolleranza all'esercizio (anche in assenza di dolore e di elevata CPK [2]- un enzima muscolare), disfunzioni sessuali, fegato e danni ai nervi e altri problemi nel 10-15 per cento dei pazienti che li assumono ", ha aggiunto il Dr Mark Hyman
"Possono, in assenza di sintomatologia, causare significativi problemi alle cellule, ai muscoli, lesioni nervose oltre alla morte stessa delle cellule"...


Note di Sa Defenza :

HMG-CoA reduttasi: La idrossimetilglutaril-CoA reduttasi (o HMG-CoA reduttasi) è un enzima appartenente alla classe delle ossidoreduttasi che risiede nel reticolo endoplasmaticoliscio degli epatociti (cellule del fegato), che catalizza la seguente reazione:(R)-mevalonato + CoA + 2 NADP+ ⇄ 3-idrossi-3-metilglutaril-CoA + 2 NADPH + 2 H L'enzima risulta essere la tappa limitante e quindi regolatrice della sintesi del colesterolo. (wikipedia-reduttasi)

2 CPK: La creatinfosfochinasi (Cpk) è un’enzima che interviene nel meccanismo energetico associato alla creatina, è presente nei muscoli (tipo MM), nel cuore (tipo MB) e nel cervello (tipo BB).


Fonti:

http://blog.drbrownstein.com

http://www.amazon.com

http://www.drbrownstein.com

http://drhyman.com





Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!