mercoledì 25 luglio 2018

REPORT SULLA GUERRA SIRIANA - 24 LUGLIO 2018: L'ESERCITO SIRIANO INIZIA L'OPERAZIONE CONTRO L'ISIS AD EST DELLE ALTURE DEL GOLAN

South Front 
Sa Defenza 


Rapporto sulla guerra siriana, 24 luglio 2018




Il 23 luglio, l'esercito arabo siriano (SAA) e i suoi alleati hanno iniziato un'operazione militare per sconfiggere i terroristi dell'ISIS nel sud della Siria, a est delle alture del Golan occupate da Israele.


Le forze governative hanno liberato i villaggi di Ma'alaqah e Um Lawqas e alcune colline vicine nella parte settentrionale della tasca dell'ISIS.
Il 24 luglio, la forza armata a guida SAA ha continuato il suo avanzare mirando alla liberazione della città di Tasil e dei vicini villaggi di Saudah, Ain Thakar e Adawan. L'obiettivo generale dello sforzo è quello di ridurre la linea del fronte contro ISIS. Ciò consentirà all'SAA di concentrare i propri sforzi principali su aree più fortificate situate nella parte centrale e meridionale della tasca.
Separatamente, l'SAA ha ricontrollato un incarico della United Nations Disengagement Observer Force (UNDOF) nel villaggio di Al-Rafeed. Pertanto, le uniche aree controllate di fatto dai membri dell'Esercito siriano libero e Hayat Tahrir al-Sham ad est delle alture del Golan sono Baqira, Beerajam, Quneitra e Jubata al-Kashab.
Il 23 luglio, le Forze di difesa israeliane (IDF) hanno utilizzato i sistemi di difesa aerea Sling  David (patriot) lanciati vicino alla linea di contatto siro-israeliano. Secondo l'IDF, Israele ha lanciato due intercettori. Non è chiaro se gli intercettori colpiscono qualsiasi bersaglio. Tuttavia, l'IDF dice che non ci sono stati feriti o danni dai razzi, che erano stati lanciati durante i combattimenti tra l'SAA e i militanti terroristi.
È interessante notare che l'aviazione israeliana non ha effettuato attacchi aerei sulla Siria in risposta a questo incidente, qualcosa di inaspettato considerando l'atteggiamento generale di Tel Aviv verso il conflitto.
Più tardi lo stesso giorno, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il capo di stato maggiore  militare  Generale Valery Gerasimov ha avuto dei colloqui  a Gerusalemme con il primo ministro israeliano Benjamin NetanyahuDopo l'incontro il ministero degli Esteri russo Lavrov ha affermato che durante i colloqui "le parti hanno affrontato vari aspetti dell'agenda mediorientale, attribuendo un'importanza primaria alla situazione in Siria e nelle sue vicinanze".
Netanyahu ha discusso della situazione in Siria con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca due settimane fa. L'intensificazione dei contatti tra le parti è un altro segnale che la Siria meridionale sarà presto restituita al pieno controllo del governo di Assad alleato con l'Iran e Tel Aviv non ha alcuna opzione per impedirlo. L'accordo del 1974 sul disimpegno tra Israele e Siria sarà la base per allentare le tensioni, almeno in parte, tra Damasco e Tel Aviv.
Il Centro russo per l'accoglienza, l'assegnazione  dei rifugiati in Siria ha preparato più di 336.000 posti per accogliere rifugiati di ritorno e sfollati temporanei in Siria. I luoghi si trovano nelle province di Aleppo, Rif Damashq, Homs, Hama e Deir Ezzor.
L'esercito russo afferma che un totale di 1,7 milioni di rifugiati possono tornare in Siria dal Libano, dalla Turchia, dalla Giordania, dall'Iraq, dall'Egitto e da vari paesi europei. I russi stanno attivamente assistendo il governo di Damasco per prepararsi a questo rientro.
Con l'aiuto della Russia sono state ripristinate 83 strutture mediche, 213 istituti scolastici, 73 centrali elettriche, 69 impianti di approvvigionamento idrico e 2 impianti di rifornimento di carburante ed energia, nonché 244 km di strade.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!