sabato 27 luglio 2019

La strategia di Ron Unz per sconfiggere i media mainstream è geniale

Ron Unz

Sa Defenza 

Apriamo il dibattito generale su come combattere le menzogne quotidiane dei media mainstream che dall'alto dei loro superfinanziati scranni lanciano anatemi continui su chiunque si schieri contro il pensiero unico delle èlite globaliste, sostenute da partiti come il PD +EU ecc., menzogne scagliate addosso di tutta la stampa alternativa e i blog di soggetti spontanei che combattono nel loro piccolo questo sistema autoritario e schiavizzante . Seguiamo il consiglio di Unz e proviamo a trovare l'unità necessaria per la nostra vittoria: " Per analogia, un grande e potente impero è spesso abbattuto da un'ampia alleanza di molte diverse fazioni ribelli, ognuna con obiettivi non correlati, che insieme sopraffanno le difese imperiali attaccando simultaneamente in più luoghi diversi. " #SaDefenza

L'articolo di Ron Unz "I media alternativi possono sconfiggere i media mainstream" ha molto senso, soprattutto, visto in prospettiva dei suoi stessi articoli in cui non evita di criticare la religione ebraica, il sionismo o abitudini radicate. Soprattutto, sprona gli altri a fare lo stesso. Di fatto, fanno per minare l'establishment degli MSM ebrei con denaro di molti presunti o veri antisemiti. Charles Bausman ha il  merito di aver rilanciato l'importante articolo strategico di Unz quì sotto di Russia-Insider. 
I media alternativi possono sconfiggere i media mainstream: ecco il piano di gioco 
L'autore è il fondatore e redattore di Unz Review, un sito Web politico conservatore americano, un imprenditore e un candidato unico per il governatore della California. 
Questo articolo è stato originariamente pubblicato nell'ottobre 2016 alla Rivista Unz.
Un paio di anni fa, ho lanciato la mia Unz Review , fornendo una vasta gamma di diverse prospettive alternative, la maggior parte delle quali totalmente escluse dai media mainstream. Ho anche pubblicato una serie di articoli nella  serie americana della Pravda, concentrandomi sulle cadute sospette e lacune nelle nostre narrazioni sui media.
 
Sono un bersaglio facile 
La strategia politica alla base di questi sforzi potrebbe essere già evidente e talvolta l'ho suggerita qua e là. Ma alla fine ho deciso che avrei potuto anche delineare esplicitamente il ragionamento in un memo come indicato di seguito.


Il Media Mainstream è la Forza avversaria cruciale

I gruppi che sostengono le politiche opposte dall'establishment americano dovrebbero riconoscere che il più grande ostacolo che affrontano è di solito i media mainstream.
Sicuramente esistono oppositori politici e ideologici comuni, ma di solito sono ispirati, motivati, organizzati e assistiti da un potente supporto mediatico, che modella anche il quadro percepito del conflitto. In termini Clauswitziani, i media spesso costituiscono il "centro di gravità" strategico delle forze opposte. 

I media dovrebbero diventare l'obiettivo primario 
Se i media sono la forza cruciale che abilita l'opposizione, allora dovrebbe essere considerato come un obiettivo primario di qualsiasi strategia politica. Fintanto che i media rimangono forti, il successo può essere difficile, ma se l'influenza e la credibilità dei media fossero sostanzialmente degradate, le forze opposte ordinarie perderebbero gran parte della loro efficacia. Per molti aspetti, i media creano la realtà, quindi forse la via più efficace per cambiare la realtà passa attraverso i media.


Discreditare i media ovunque li indebolisca 
I media mainstream esistono come un insieme senza soluzione di continuità, quindi l'indebolimento o il discredito dei media in una determinata area riduce automaticamente la sua influenza ovunque sia. 
Gli elementi della narrativa mediatica affrontati da un particolare gruppo anti-istituzione potrebbero essere troppo forti e ben difesi per attaccare in modo efficace, e tali attacchi potrebbero anche essere scontati come motivati ​​ideologicamente. Quindi, la strategia più produttiva a volte può essere indiretta, attaccando la narrativa dei media altrove, in punti in cui è molto più debole e meno difesa. Inoltre, vincere quelle battaglie più facili può generare maggiore credibilità e slancio, che possono quindi essere applicati agli attacchi successivi su fronti più difficili.

Un'ampia alleanza può sostenere l'obiettivo comune di indebolire i media 
Una volta riconosciuto che l'indebolimento dei media è un obiettivo strategico primario, un ovvio corollario è che altri gruppi anti-stabilimento che affrontano le stesse sfide diventano alleati naturali, se non temporanei.

Tali alleanze tattiche inaspettate possono attingere da una vasta gamma di diverse prospettive politiche e ideologiche - Sinistra, Destra o altro - e nonostante i gruppi componenti abbiano obiettivi a lungo termine che sono ortogonali o persino contrastanti. Fintanto che tutti questi elementi della coalizione riconoscono che i media ostili sono il loro avversario più immediato, possono cooperare ai loro sforzi comuni, guadagnando in realtà maggiore credibilità e attenzione dal fatto stesso di essere in netto disaccordo su così tante altre questioni.

I media sono estremamente potenti ed esercitano il controllo su una vasta distesa di territorio intellettuale. Ma tale influenza onnipresente assicura anche che i suoi avversari locali siano quindi numerosi e diffusi, essendo tutti amaramente contrari ai media ostili che affrontano sui loro problemi particolari. Per analogia, un grande e potente impero è spesso abbattuto da un'ampia alleanza di molte diverse fazioni ribelli, ognuna con obiettivi non correlati, che insieme sopraffanno le difese imperiali attaccando simultaneamente in più luoghi diversi. 
Un aspetto cruciale che consente tale alleanza ribelle è il focus tipicamente ristretto di ogni particolare membro costituente. La maggior parte dei gruppi o individui che si oppongono alle posizioni dell'establishment tendono ad essere ideologicamente zelanti su una questione particolare o forse una manciata piccola, pur essendo molto meno interessati agli altri. Data la totale soppressione delle loro opinioni da parte dei media mainstream, qualsiasi luogo in cui le loro prospettive non ortodosse ricevano un trattamento ragionevolmente equo ed equo piuttosto che ridicolizzato e denigrato tende a suscitare notevole entusiasmo e lealtà da parte loro. Pertanto, sebbene possano avere opinioni abbastanza convenzionali sulla maggior parte delle altre questioni, inducendole a considerare opinioni contrarie con lo stesso scetticismo o disagio di chiunque altro

Attacca la narrativa dei media dove è debole, non dove è forte 
Applicando una metafora diversa, i media dell'establishment possono essere considerati una grande muraglia che esclude prospettive alternative dalla coscienza pubblica e quindi confina l'opinione all'interno di una gamma ristretta di punti di vista accettabili.

Alcune parti di quel muro dei media possono essere solide e vigorosamente difese da potenti interessi acquisiti, rendendo difficili gli assalti. Ma altre porzioni, forse più vecchie e più oscure, potrebbero essere diminuite nel tempo, con i loro difensori che si sono allontanati. Rompere il muro in questi punti deboli può essere molto più semplice e, una volta che la barriera è stata rotta in diversi punti, difenderla in altri diventa molto più difficile.

Ad esempio, considera le conseguenze della dimostrazione che la narrativa dei media consolidata è completamente falsa in alcuni importanti eventi individuali. Una volta che questo risultato è stato ampiamente riconosciuto, la credibilità dei media su tutte le altre questioni, anche totalmente estranee, sarebbe in qualche modo attenuata. La gente comune concluderebbe naturalmente che se i media fossero stati così sbagliati per così tanto tempo su un punto importante, potrebbe  essere sbagliato anche su altri, e la potente sospensione dell'incredulità che fornisce ai media la sua influenza diventerebbe meno potente. Perfino quegli individui che formano collettivamente il corpus dei media potrebbero iniziare a nutrire seri dubbi su se stessi riguardo alle loro precedenti certezze.
Il punto cruciale è che tali scoperte possono essere più facili da raggiungere in argomenti che sembrano semplicemente di significato storico e sono totalmente rimossi da qualsiasi conseguenza pratica dei nostri giorni. 
Rinominare le vulnerabili "teorie della cospirazione" con efficaci "critiche mediatiche
book6.jpg Nel corso degli ultimi decenni, l'establishment politico e i suoi alleati dei media hanno creato una potente difesa intellettuale contro le principali critiche investendo considerevoli risorse nella stigmatizzazione del concetto di cosiddette "teorie della cospirazione". Questo duro termine peggiorativo viene applicato a qualsiasi importante analisi di eventi che si discostano drasticamente dalla narrativa approvata ufficialmente e suggeriscono implicitamente che il proponente è un fanatico irripetibile, che soffre di delusioni, paranoia o altre forme di malattia mentale. Tali attacchi ideologici spesso distruggono efficacemente la sua credibilità, consentendo di ignorare i suoi argomenti reali. Una frase una volta innocua è diventata politicamente "armata". 
Tuttavia, un mezzo efficace per aggirare questo meccanismo di difesa intellettuale potrebbe essere quello di adottare una meta-strategia di riformulazione di tali "teorie della cospirazione" come "critica dei media".

Secondo i soliti parametri del dibattito pubblico, le sfide all'ortodossia consolidata sono trattate come "affermazioni straordinarie" che devono essere giustificate da prove straordinarie. Questo requisito può essere ingiusto, ma costituisce la realtà in molti scambi pubblici, basato sul quadro fornito dai media presumibilmente imparziali.

Poiché la maggior parte di queste controversie coinvolgono una vasta gamma di questioni complesse e prove ambigue o controverse, è spesso estremamente difficile stabilire in modo definitivo qualsiasi teoria non ortodossa, diciamo ad un livello di confidenza del 95% o del 98%. 
Pertanto, il verdetto dei media è quasi invariabilmente "Caso non dimostrato" e gli sfidanti vengono giudicati sconfitti e screditati, anche se in realtà sembrano avere la preponderanza delle prove dalla loro parte. E se contestano vocalmente l'ingiustizia della loro situazione, quella risposta esatta viene successivamente citata dai media come ulteriore prova del loro fanatismo o paranoia. 
Tuttavia, supponiamo che sia stata adottata una strategia completamente diversa. Invece di tentare di presentare un caso "al di là di ogni ragionevole dubbio", i sostenitori forniscono semplicemente prove e analisi sufficienti per suggerire che esiste una probabilità del 30% o una probabilità del 50% o una probabilità del 70% che la teoria non ortodossa sia vera. 
Il fatto stesso che non sia avanzata alcuna pretesa di quasi certezza fornisce una potente difesa contro ogni plausibile accusa di fanatismo o pensiero illusorio. Ma se il problema è di enorme importanza e - come di solito accade - la teoria non ortodossa è stata quasi totalmente ignorata dai media, nonostante apparentemente abbia almeno una ragionevole possibilità di essere vera, allora i media potrebbero essere effettivamente attaccati e ridicolizzati per la loro pigrizia e incompetenza
In effetti, l'unico mezzo che i media potrebbero avere per respingere efficacemente quelle accuse sarebbe quello di esplorare tutti i dettagli complessi della questione (contribuendo così a portare loro stessi vari fatti controversi a un'attenzione molto più ampia) e quindi sostenere che c'è solo una trascurabile possibilità che la teoria potrebbe essere corretta, forse il 10% o meno. Pertanto, il solito carico presuntivo è completamente invertito. 
E poiché è improbabile che la maggior parte  dei media abbia mai prestato sufficiente attenzione seria all'argomento, la loro presentazione ignorante può essere piuttosto debole e vulnerabile per una decostruzione consapevole. In effetti, lo scenario più probabile è che i media continueranno a ignorare totalmente l'intera controversia, rafforzando così quelle plausibili accuse di pigrizia e incompetenza. 
Gli individui angosciati dai fallimenti dei media su un argomento controverso spesso accusano i media e i loro singoli rappresentanti di essere di parte, corrotti o silenziosamente sotto il controllo di potenti forze alleate con la posizione dell'establishment. Queste accuse a volte possono essere corrette e altre volte no, ma di solito sono abbastanza difficili da dimostrare, tranne nelle menti dei veri credenti , che portano la contaminazione alla "paranoia". D'altra parte, affermando che i fallimenti dei media sono a causa di peccati veniali come la pigrizia e l'incompetenza è altrettanto probabile che siano corretti, e queste accuse hanno molto meno probabilità di rischiare una reazione.

Infine, una volta che i media stessi sono diventati il ​​principale obiettivo della critica, perde automaticamente il suo status di arbitro esterno neutrale e non ha più tanta credibilità nel proclamare la parte vincente del dibattito.


Il vantaggio di inondare le zone di difesa dei media 
Gli individui che sfidano la narrativa mediatica prevalente con affermazioni non ortodosse sono spesso riluttanti a sollevare troppe affermazioni controverse simultaneamente per non essere ridicolizzati come "pazzi", con tutte le loro opinioni sommariamente respinte. 
Nella maggior parte dei casi, questa potrebbe essere la strategia corretta da perseguire, ma se gestita correttamente, un approccio esattamente opposto a volte potrebbe essere abbastanza efficace. Fintanto che la presentazione generale è inquadrata come critica dei media e nessun peso eccessivo è attaccato alla validità di nessuna delle rivendicazioni particolari presentate, attaccare su un fronte molto ampio, forse includendo dozzine di oggetti completamente indipendenti, può "inondare la zona" dei media, saturando e travolgendo le difese esistenti. O come suggerito in una citazione ampiamente attribuita a Stalin, "La quantità ha una qualità tutta sua". 
Considera l'esempio dell'intrattenitore Bill Cosby. Nel corso degli anni, una o due singole donne si erano fatte avanti sostenendo di averle drogate e violentate, e le accuse erano state in gran parte ignorate come prive di fondamento o non plausibili. Tuttavia, nell'ultimo anno o due, la diga è scoppiata all'improvviso e un totale di quasi sessanta donne separate si sono fatte avanti, facendo tutte accuse identiche, e anche se sembrano esserci poche prove concrete in nessuno dei casi particolari, praticamente ogni osservatore ora ammette che è probabile che le accuse siano vere. 
Supponiamo che sia stabilito che esiste una ragionevole probabilità che i media abbiano completamente perso e ignorato una questione importante che avrebbe dovuto essere indagata e segnalata. L'impatto non è necessariamente sostanziale e molti individui ostinatamente legati alla credenza nella loro storia, i racconti dei media potrebbero persino resistere all'ammissione della possibilità che i media abbiano seriamente sbagliato in quella particolare situazione. 
Tuttavia, supponiamo invece che possano essere stabilite diverse dozzine di tali esempi separati, ciascuno dei quali suggerisce fortemente un grave errore o omissione da parte dei media. A quel punto, le difese ideologiche si sarebbero sgretolate e quasi tutti avrebbero tranquillamente riconosciuto che molte, forse anche la maggior parte, delle accuse erano probabilmente vere, producendo un enorme divario di credibilità per i media mainstream. Le difese di credibilità dei media sarebbero state sature e superate.
Il punto chiave è che tutti gli elementi particolari dovrebbero essere presentati come casi di probabilità ragionevole e indicativi delle carenze dei media piuttosto che essere provati o necessariamente come questioni importanti in sé e per sé. Rimanendo distaccato e in qualche modo agnostico rispetto a qualsiasi singolo oggetto, c'è poco rischio di essere etichettato come fanatico o monomaniacale per sollevarne una moltitudine. 

Prendo a esempio la serie dei miei articoli della Pravda Americana e della rivista  Webzine Unz Review 
La strategia politica dei media descritta sopra è stata la motivazione centrale alla base dei miei articoli sulla Pravda americana e della rivista  webzine Unz Review
Ad esempio, nell'articolo originale del 2013 sulla Pravda americana ho sollevato più di una mezza dozzina di enormi cadute mediatiche, tutte ormai universalmente riconosciute: la caduta di Enron, le armi di guerra della guerra in Iraq, i Madoff Swindle, le spie della guerra fredda e molti altri. Avendo quindi posto le basi presentando questo ammesso modello di grave fallimento, dimostrando che era giustificata una notevole sospensione dell'incredulità, ho quindi esteso la discussione a tre o quattro importanti esempi aggiuntivi, nessuno ancora riconosciuto, ma tutti perfettamente plausibili. Forse la conseguenza, è che l'articolo ha ricevuto un'attenzione ragionevolmente buona incluso da elementi degli stessi media principali, che sono spesso disposti a riconoscere gli errori della loro classe, purché questi siano presentati in modo persuasivo e responsabile. 
Dopo quel pezzo, ho prodotto a intermittenza elementi aggiuntivi nella serie, alcuni più completi di altri, e ora sto iniziando una serie di ordine regolare
Gli esempi su McCain / POW della serie illustrano perfettamente la strategia che ho suggerito sopra. La guerra del Vietnam è finita oltre quaranta anni fa, i prigionieri di guerra sono probabilmente tutti morti da decenni e persino John McCain è al crepuscolo della sua carriera (ndr è già morto). Il significato pratico di suscitare lo scandalo o fornire prove che ne stabiliscono la probabilità è praticamente nullo. Ma se si dovesse riconoscere ampiamente che tutti i nostri media hanno coperto con successo uno scandalo così massiccio per così tanti anni, la credibilità dei media avrebbe subito un colpo devastante. Molti di questi colpi sarebbe la loro rovina. Nel frattempo, i potenti interessi acquisiti che una volta mantenevano così vigorosamente la narrazione ufficiale in quella zona sono spariti da tempo, e il caso ortodosso ha ancora pochi difensori rimasti nei media, aumentando notevolmente la probabilità di una svolta e di una vittoria. 
Una strategia simile in forma più ampia è applicata dalla mia webzine media alternativa di Unz Review , che ospita numerosi scrittori, editorialisti e diversi blogger, tutti tendenti a sfidare bruscamente la narrativa dei media dell'istituzione lungo una vasta gamma di assi e problemi diversi, alcuni dei quali contrastanti . Sollevando seri dubbi sulle omissioni e gli errori dei nostri media mainstream in così tante aree diverse, l'obiettivo è quello di indebolire la credibilità percepita dei media, portando i lettori a considerare la possibilità che ampi elementi della narrativa convenzionale possano essere del tutto errati.

Penso che Ron Unz abbia ragione nel concentrarsi sui media. "I gruppi che sostengono le politiche opposte dall'establishment americano dovrebbero riconoscere che il più grande ostacolo che devono affrontare è di solito i media mainstream", afferma. E aggiunge: "In termini Clauswitziani, i media spesso costituiscono il" centro di gravità "strategico delle forze opposte".


A giudicare dalla discussione che seguì, alcuni lettori rimangono sospettosi del motivo di Unz. Il lettore di nome < PsyOp mlnw > 
è convinto che < Parlare di "verità al potere" è inutile ... sono impervi alle nostre parole: controllano totalmente le leve del potere e non danno un grido di ciò che le nostre opinioni loro sono. fintanto che restiamo dispersi e disorganizzati, cosa che siamo - grazie a persone come Ron Unz, che parlano mezze verità e offuscano il vero problema. >.

Sono piuttosto d'accordo con il lettore  Avatar che "Attaccare Ron Unz solo perché è, o potrebbe essere di fede ebraica, è disgustoso. Offre un'importante piattaforma alternativa alle voci che dicono la verità sul potere e, se non la capisci, anche tu fai parte del problema ".

Recentemente ho discusso di problemi simili nel mio articolo “ Get Ready for the 2020 Presidential Race Jews & Gentiles United . ” Tra le altre cose, ho rimproverato il disfattismo delle forze anti-Establishment negli USA ( http://www.raga.org/news/steve-sniegoski-pete-buttigieg-and-ron-unz ) .

.
Qui non posso che essere d'accordo con <Hildisvíni> che scrive che "l'antisemitismo non è una posizione di lavoro. Gli ebrei sono solo specializzati per comprendere le dinamiche di potere di una società complessa. Se non hai nessuno dalla tua parte, perderai sempre ".

Inoltre, direi che l'idea stessa di "antisemitismo" è una trappola astuta in cui i sionisti e altri estremisti ebrei vogliono catturare il maggior numero possibile di gentili. In effetti, gli ebrei sono divisi sulle questioni vitali di oggi come qualsiasi altra nazione sulla Terra. Come ogni trappola, porta un nome fuorviante che allude al bigottismo "razziale". Presumibilmente, i tipici "antisemiti" sono WASP cristiani. In effetti, uno dei più viziosi "antisemiti" fu Karl Marx, un ebreo battezzato, che denunciò gli ebrei come "truffatori" e invocò la violenza contro tutti i capitalisti, compresi gli ebrei.

Soprattutto, l'intruglio stesso di "antisemitismo" è un termine improprio progettato per confondere i problemi. 

Antropologicamente, gli arabi, compresi i palestinesi, sono più semiti della maggior parte degli ebrei ashkenaziti e russi in Israele. Negli Stati Uniti sono in  molti di più i sionisti cristiani rispetto agli stessi ebrei che votano per qualsiasi cosa vogliano a Netanyahu . In Russia, gli ebrei hanno dominato il partito bolscevico di Lenin, ma la maggior parte degli ebrei è rimasta lontana dalla rivoluzione. Fanny Kaplan , una rivoluzionaria socialista ebrea, ha tentato senza successo di uccidere Lenin il dittatore (che era un altro ebreo) e ha pagato con la sua vita per il tentativo omicida. Leonid Kannegisser , un ufficiale ebreo dell'esercito russo, fu giustiziato per aver assassinato Moisei Uritsky https://en.wikipedia.org/wiki/Moisei_Uritsky), uno dei sanguinari fondatori ebrei di ChKa. Personalmente, non approvo la violenza, ma i comunisti l'hanno fomentata su scala globale. Non possiamo certo concludere che tutti gli ebrei siano uguali.

Quando Charles Bausman, il fondatore di questo sito, scrisse It's Time to Drop the Jewish Taboo , l'ho tradotto rapidamente in russo perché ero certo che non lo avesse fatto per attirare gli ebrei, ma perché il tabù "sta discutendo seriamente della geopolitica russa e della storia quasi impossibile ". Sapevo che il suo scopo era quello di combattere l'anonimato dell'establishment MSM degli Stati Uniti e quindi aumentare la sua responsabilità per l'attuale ostilità degli Stati Uniti verso la Russia che minacciava la sopravvivenza del Pianeta , un compito urgente per destra e sinistra, liberali e conservatori, ricchi e poveri, credenti e atei, ebrei e gentili.

Siamo tutti sulla stessa barca.


Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.



Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM






Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!