venerdì 27 luglio 2018

Assange alla fine dovrà lasciare la nostra ambasciata di Londra, dice il Presidente dell'Ecuador...

RT
Sa Defenza 

L'ambasciata ecuadoriana nel centro di Londra © Toby Melville / Reuters

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è a un passo dall'essere sfrattato dall'ambasciata ecuadoriana a Londra dopo che il presidente Lenin Moreno ha detto che l'informatore deve "alla fine" deve lasciare la struttura.

"Sì, certo, sì, la sua partenza dovrebbe avvenire tramite un accordo", ha detto il presidente ecuadoriano venerdì rispondendo alla domanda di un giornalista sul fatto che Assange alla fine debba andarsene dall'ambasciata.

"Per una persona rimanere  confinata per così tanto tempo equivale alla violazione dei diritti umani", ha detto il presidente Moreno. Ha aggiunto che l'Ecuador vuole assicurarsi che nulla "rappresenti un pericolo" per la vita del denunciante.




La notizia è giunta sulla scia dei precedenti rapporti secondo cui il fondatore del portale di denuncia delle denunce , WikiLeaks, sarebbe stato consegnato alle autorità britanniche. Il rapporto tra Assange e i funzionari ecuadoriani è apparso sempre più scontroso,  paese, che gli ha fornito asilo e cittadinanza, interrompendo la sua connessione a internet nel mese di marzo.

La ragione ufficiale dietro questa azione è stata quella di impedire ad Assange di "interferire negli affari di altri stati sovrani", ha detto il portavoce dell'Ecuador all'epoca. Gli sforzi per far cadere il  mandato di arresto contro Assange  del Regno Unito è fallito all'inizio di quest'anno. 



Si sospetta che l'informatore sia pronto all'estradizione negli Stati Uniti a causa dei documenti trapelati. Nel 2010, WikiLeaks ha pubblicato il filmato militare statunitense intitolato 'Collateral Murder.' Dove si vede la sparatoria di un elicottero Apache degli Stati Uniti che ha apre il fuoco su un certo numero di persone uccidendone 12 , tra cui due reporter's della Reuters, e ferito due bambini.

Molti attivisti  e gruppi per i diritti umani hanno chiesto la liberazione di Assange. Nel 2016, un gruppo delle Nazioni Unite ha anche scoperto che la permanenza di Assange nell'ambasciata equivaleva a una "detenzione arbitraria", ma da allora nulla è cambiato.

La ragione dietro il cambiamento di posizione dell'Ecuador nei confronti del denunciante informatore non è chiara, ma una grande " pressione è stata esercitata, presumibilmente dagli Stati Uniti", pensa l'attivista per i diritti umani Peter Tatchell.

"La prospettiva del presidente di revocare quelle protezioni che vanno dalla cittadinanza all'asilo, è un affare molto grande, un passo molto grave in avanti per abrogare il diritto di protezione di un cittadino ecuadoriano", ha detto Tatchell a RT.

L'attivista per i diritti umani ha affermato che il fondatore di WikiLeaks è in realtà un "eroe" che fa luce sul governo e sugli abusi militari, e di certo non merita  nessuna accusa e  pena detentiva. Tuttavia, Washington semplicemente "vuole vendicarsi" per "l'imbarazzo" che WikiLeaks ha causato  [agli USA , raccontando la verità sui comportamenti disumani  dei militari],  dunque vogliono usare questa azione "come deterrente per gli altri".

"Qualcuno  ha pubblicato tali informazioni con lo stesso modo e intento sul New York Times e il Guardian , non credo che possa rischiare trenta o quaranta anni di carcere negli Stati Uniti", ha detto Tatchell.
http://sadefenza.blogspot.com/2018/07/assange-alla-fine-dovra-lasciare-la.html

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!