mercoledì 25 settembre 2019


Somiglianze tra la cultura indù e quella Maya


Swarupa 

thegr8wall 
Sa Defenza 







I Maya credevano nell'esistenza di una trinità con la conoscenza dei tre universi composti da Jaguar (materiale), Serpente (mente) e Uccello (spirito). Secondo loro, c'erano tredici strati di paradiso e nove mondi sotterranei, ciascuno con il suo dio presiedente, mentre gli antichi testi indù parlavano di tredici Loka (mondi) sopra la terra e sette Loka sotto la terra.

Nella filosofia indù, l'esistenza dell'universo è governata dai Trimurti (chiamati anche come Trinità indù) di Brahma (il Creatore), Vishnu (il Sostenitore) e Shiva (il Distruttore). Anche i parallelismi tra la Trinità indù Brahma-Vishnu-Shiva e la Trinità messicana Ho-Huitzilopochtli-Tláloc sono molto impressionanti.

Come la cultura indù, i Maya avevano un pantheon di divinità, molti dei quali hanno somiglianze con le divinità indù.

Fra Diego de Landa, un monaco francescano che ha bruciato tutti i manoscritti Maya (contenenti informazioni inestimabili su storia antica, mitologia, medicina, astronomia, scienza, religione e filosofia) e idoli nello Yucatán, nel suo libro - Relación de las cosas de Yucatán ha scritto: “Avevano un gran numero di idoli e templi che erano magnifici a modo loro e oltre ai templi della comunità, i signori, i sacerdoti e gli uomini guida avevano anche oratori e idoli nelle loro case dove avevano fatto le loro preghiere e offerte in privato .I Maya crearono idoli non solo degli dei ma anche di animali e insetti. Credevano anche nell'immortalità dell'anima e nell'aldilà. Tutto ciò suona molto simile al culto e alle credenze indù. Come i Maya, anche gli indù hanno numerosi dei che sono considerati le manifestazioni degli dei principali. Adorano anche animali, rocce, alberi e fiumi che sono considerati santi e sacri.

Infine, proprio come i conquistatori islamici e portoghesi costruirono moschee e chiese su templi indù vandalizzati e distrutti in India, le chiese spagnole costruirono sui templi Maya distrutti in Messico.

In seguito alle somiglianze nella cultura indù e Maya, ecco alcuni dettagli interessanti ...


Kundalini / Kultunlilni

Ancora oggi ci sono un certo numero di parole in lingua Maya che indicano una relazione con la cultura vedica. La parola Maya "Kultunlilni" si riferisce al potere divino e ha evidenti somiglianze con la parola sanscrita Kundalini che si riferisce anche all'energia vitale e al potere della coscienza. Kultunlilni è la forza vitale vitale che dà potere a tutta la crescita e lo sviluppo umano. Si riferisce al potere di Dio nell'uomo che è controllato dal respiro che è simile nel significato alla Kundalini indù.

Tradizionalmente, Kundalini è raffigurato come un serpente verde addormentato arrotolato tre volte e mezzo. Il serpente rappresenta la morsa del karma e dell'ignoranza spirituale.
La Kundalini è l'energia che sale dalla base della colonna vertebrale e fuoriesce attraverso il chakra della corona. I chakra, nella tradizione yogica, sono i sensi o i centri psichici. Nella lingua Maya, questi chakra sono chiamati chaclas, i centri di forza del corpo simili ai chakra dell'induismo. Al Muladhara Chakra l'energia - il serpente - viene risvegliata attraverso la spina dorsale e si unisce alla coscienza - l'aquila - nel Sahasrara Chakra nella parte superiore della testa. Ci sono in tutti e sette i chakra in ascesa. Quando tutti questi chakra sono completamente attivati, si sperimenta uno stato illuminato. Una volta risvegliata la Kundalini, trascende la dualità del mondo materiale e ritorna a uno stato di unità per realizzare la tua vera perfezione.

Per stimolare la Kundalini e iniziare la sacra ascesa, è importante praticare asana (le posture fisiche), pranayama (esercizio di respirazione) e meditazione. Questi strumenti ti consentono di riemergere la tua coscienza con quella del Creatore Divino, lo scopo più elevato del Tantra. La radiazione inconscia di una persona determina il suo destino.


Yoga / Yok'hah

Il termine sanscrito yoga può essere ritrovato nella parola Maya "y ok'hah" che significa verità superiore dalla combinazione di yok '(sopra, superiore) e hah (verità). Le origini dello yoga sono avvolte nell'antichità e nel mistero. Sebbene i principi e la pratica dello yoga siano stati cristallizzati migliaia di anni fa, fu solo intorno al 200 a.C. che i suoi fondamenti furono raccolti da Patanjali nel suo trattato, chiamato Yogasutra. In breve, Patanjali ha ipotizzato che attraverso la pratica dello yoga, l'energia latente all'interno del corpo umano possa essere risvegliata e rilasciata positivamente.

Yok'hah Maya o lo yoga Maya è un sistema di conoscenza e pratiche basato sulla profonda comprensione delle dinamiche energetiche sottili e di una cosmologia espansiva. Gli antichi Maya usavano queste pratiche yogiche per controllare l'energia, espandendosi consapevolezza, immaginazione e influenza delle forze naturali. Erano i padroni delle realtà interdimensionali. Disegni in codici Maya, su ceramiche, figurine scolpite, pannelli scolpiti e stele raffigurano sacerdoti e sovrani in pose (k'u - hatha), usando segni a mano (xock'ab - mudra), cantando inni vedici (manla - mantra) o facendo esercizio di respirazione (k'iik '- pranayama). Molte opere d'arte mostrano persone sedute per la meditazione e in posizioni di trance. Le raffigurazioni di serpenti intrecciati (k'ultanlilni - kundalini) e serpenti visivi indicano che i Maya lavorarono con questa energia e raggiunsero stati di coscienza alterati proprio come gli indù.


Ayurveda / Medicina Maya

L'Ayurveda è l'antica scienza della vita e della medicina che ha avuto origine in India. Costituisce idee su disturbi e malattie, i loro sintomi, diagnosi e cura e si basa fortemente su medicine a base di erbe, inclusi estratti di diverse piante di valori medicinali. Già nell'800 a.C. gli antichi studiosi indù si occupavano dei principi dell'Ayurveda. Il Charaka Samahita, un compendio di principi e pratiche ayurvedici è rimasto come un normale libro di testo per quasi 2000 anni ed è stato tradotto in molte lingue, tra cui l'arabo e il latino. Numerosi progressi furono fatti anche nel campo della chirurgia medica in settori come la chirurgia plastica, l'estrazione di cataratta e persino la chirurgia dentale. Nonostante l'assenza di anestesia, operazioni complesse furono eseguite già nell'800 a.C.

La medicina Maya, come l'Ayurveda, era praticata da sacerdoti che ereditavano la loro posizione e ricevevano un'istruzione approfondita. Gli antichi Maya erano consapevoli che la mente era molto importante e ponevano grande enfasi nel loro approccio alla medicina sulla connessione della mente e del corpo. Hanno usato strumenti fatti di osso, ossidiana e pelle (per clisteri). Hanno suturato ferite con capelli umani, ridotto fratture e usato calchi. Le lame di ossidiana sono state utilizzate per eseguire interventi chirurgici promuovendo in tal modo una guarigione più rapida con meno tessuto cicatriziale.

I Maya erano abili chirurghi dentali e costruivano protesi di giada e turchese e riempivano i denti di pirite di ferro. I denti sono stati archiviati in punti, rettificati in rettangoli e perforati con piccoli fori per consentire l'inserimento di piccoli pezzi rotondi di giada o pirite di ferro lucido. La decorazione dentale era leggermente più comune tra le donne.

Oltre 1500 piante diverse sono state utilizzate come prescrizioni a base di erbe. Alcuni di loro servirono come anestetici per eseguire operazioni. L'uso medicinale del cacao o del cioccolato, sia come rimedio primario che come veicolo per la consegna di altri medicinali a base di erbe, è stato ben documentato. Più di 100 piante sono state documentate, tra cui avocado, mandorli e zapote, ed erbe come camomilla, aloe e lattuga. La farmacopea Maya ha rivelato l'inclusione di tessuti di peperoncino in una serie di rimedi erboristici per una varietà di disturbi di probabile origine microbica.

Entrambe queste scienze simili della medicina sono ampiamente popolari nei rispettivi paesi fino ad oggi. Persino la stregoneria e le pratiche sciamaniche che esistevano in epoche precedenti sono prevalenti nelle parti meno modernizzate di entrambi i paesi.


Note:

Questo articolo e molti dettagli interessanti sono stati presi in parte dal  libro epico intitolato " Messico: un grande viaggio attraverso l'affascinante terra con antichi legami con l'India " che ho completato nel 2010. 

Ho messo da parte questi incredibili dettagli quando ho convertito il libro epico in tre e-book Alla scoperta del Messico , Messico: il paese, la sua storia e il mondo Maya e una guida alla cucina messicana che sono disponibili per la vendita.



*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/09/somiglianze-tra-la-cultura-indu-e.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!