martedì 15 maggio 2018

Il MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI SMENTISCE GLI USA: L'EGITTO NON MANDERÀ TRUPPE IN SIRIA

South Front 
Sa Defenza 



Immagine illustrativa: Reuters

14 maggio, durante le trattative tra i ministri degli esteri e della difesa russi ed egiziani sul formato 2 + 2, il Ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha ribadito che l'Egitto non avrebbe inviato le sue truppe in Siria per stabilizzare la situazione, ha riferito l'agenzia di stampa russa TASS .
"L'Egitto ha ripetutamente sottolineato che non invierà le sue truppe al di fuori del suo territorio in quanto la dottrina militare egiziana stabilisce che le forze armate egiziane devono difendere solo i confini. Discutiamo tali questioni solo dal punto di vista teorico come possibili passi ", ha detto Shoukry.
Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha sottolineato che Mosca "apprezza la posizione assunta dall'Egitto".

Il 4 maggio, un portavoce del Ministero degli Affari Esteri egiziano, Ahmed Abu Zeid, ha dichiarato che le precedenti dichiarazioni di Shoukry sulla possibilità di schierare truppe arabe in Siria "non riguardavano l'Egitto", secondo il quotidiano egiziano Al-Ahram .
"L'Egitto non invia truppe al di fuori del suo territorio a meno che non sia conforme alla costituzione e ai meccanismi legali e politici", ha detto Ahmed Abu Zeid.
Queste dichiarazioni arrivano dopo le voci secondo le quali Washington sta progettando di sostituire parte delle truppe americane in Siria con un contingente arabo.

Il 4 aprile, l'inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per la coalizione globale contro l'ISIS, Brett H. McGurk, ha osservato che i funzionari statunitensi dovevano "andare dai nostri partner della coalizione e ricordare loro che la loro coalizione ha un ruolo importante" nel portare la pace nell'Est del Medio Oriente.

Secondo quanto riferito, Washington ha invitato l'Egitto, l'Arabia Saudita, il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti (EAU) a destinare finanziamenti per gli sforzi di ricostruzione e a fornire truppe per una forza regionale incentrata per la prevenzione di ISIS.

Il 17 aprile, l'Arabia Saudita ha dichiarato la sua disponibilità a inviare truppe in Siria come parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti, se fosse stata presa una decisione di allargarla.

Il 24 aprile, il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha lanciato un avvertimento al Qatar, dicendo che dovrebbe pagare per la presenza delle forze militari statunitensi in Siria.

Il 30 aprile, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Jim Mattis, si è opposto alla decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump al ritiro delle truppe USA dalla Siria. Mattis ha sottolineato che Washington "non vuole semplicemente ritirarsi prima che i diplomatici abbiano vinto la pace".

Allo stesso tempo, Washington sta costruendo una grande installazione militare nella provincia di Deir Ez-Zor, riferisce l'agenzia di stampa iraniana Fars il 14 maggio citando sue fonti.


 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!