martedì 28 febbraio 2017

Allarme!! L'Oceano Pacifico "Trasformato in Sangue" dal disastro nucleare di Fukushima che apre le "Porte dell'Inferno"

Sorcha Faal
Sa Defenza



Un articolo di ricerca davvero allarmante ... scritto da medici-scienziati del Servizio federale di Idrometeorologia e Monitoraggio Ambientale del Ministero ( ROSGIDROMET ) avverte che l'intera regione dell'Oceano Pacifico ( comprende un terzo della superficie terrestre ) è in pericolo di essere sussunto da due specie marine di alghe rosse la cui crescita esponenziale ora è in stato " accelerato " causa di uno sconosciuto rilascio di " atmosfera interna del pianeta  "   a seguito dell'incidente del 11 marzo 2011 nella centrale nucleare di Fukushima Daiichi in Giappone - che se non sono mitigate, farà sì che questo enorme corpo idrico attivato color " rosso sangue ", ucciderà tutto quanto incontra nel suo espandersi, rendendolo innavigabile.

Secondo questo articolo, i medici-scienziati del ROSGIDROMET , della Federazioni, esperti di idrometeorologia [una branca della meteorologia e idrologia che studia il trasferimento dell'acqua e dell'energia tra la superficie terrestre e la bassa atmosfera] il loro " principale / centro " oggetto di studio , viene chiamato " fiumi atmosferici ", ciò che descrive l'umidità concentrata in atmosfera  in corridoi ristretti, che sono tipicamente lunghi diverse migliaia di chilometri e ampi solo alcune centinaia di chilometri. (vedi immagine sotto)

Passati progetti di ricerca, a beneficio della Federazione, di ROSGIDROMET, spiega l'articolo, sono stati una " guida / controllo " di questi " fiumi atmosferici ", nel tentativo di effettuare controlli positivi (per le precipitazione) oltre certi oblasts e territori (regioni) in sofferenza da siccità. (ad esempio, il cloud seeding, la manipolazione del meteo)







Lavorando a stretto contatto con il Ministero della Difesa ( MoD ) nei loro sforzi per la  mitigazione della siccità, nel 2011, poco dopo il disastro nucleare giapponese di Fukushima, il ROSGIDROMET dei medici-scienziati hanno avuto accesso ai dati del MoD con il Satellite Luch sulla Regione del Oceano Pacifico, al fine di " tracciare / monitorare " la diffusione per via aerea delle radiazioni e più in particolare di come questa radiazione " farebbe / potrebbe " compromettere i " fiumi atmosferici ".

Il 31 gennaio, però, le note di questo articolo mostrano, i dati satellitari ricevuti, dai medici-scienziati del ROSGIDROMENT ,  hanno cominciato a registrare livelli anormali ed elevati di zolfo radioattivo proveniente da Fukushima, ed è  seguita due giorni dopo, il 2 febbraio, la segnalazione delle autorità giapponesi che i due loro robot " protetti " erano stati distruti dalla radiazione , e ancor più preoccupante, è stata la scoperta di un misterioso foro del diametro di 2 metri all'interno del reticolo sul fondo del recipiente di contenimento in metallo del reattore numero 2 dell'impianto nucleare.







Mentre queste letture anormali ed elevate di zolfo radioattivo provenienti da Fukushima erano di " grande / pesante " preoccupazione per i medici-scienziati del ROSGIDROMENT , quello che ne è seguito la scorsa settimana, il 23 febbraio, ha sollevato  preoccupazioni ad un livello senza precedenti per la lettura " delle carte nautiche esplose al largo ", e con le autorità giapponesi che ammettono solo un misterioso incendio era scoppiato nella centrale nucleare danneggiata, senza dare ulteriori informazioni .

Nel descrivere i livelli di zolfo radioattivo emessi in atmosfera da Fukushima , che iniziano a fare il giro del mondo,  i medici-scienziati di ROSCIDROMENT dicono che, si potrebbe spiegare soltanto con" l'apertura delle porte dell'inferno ", cosa che nessuna letteratura scientifica moderna ha mai teorizzato gli enormi livelli di zolfo presenti nelle parti più profonde della Terra, e che induce uno di questi medici-scienziati a suggerire che è avvenuto un evento chiamato " Sindrome cinese ", in cui il materiale nucleare di Fukushima sciolto il suolo entra in un antico deposito di " zolfo atmosferico ", mai conosciuto prima  .







Per i pericoli di tali livelli catastrofici di zolfo radioattivo che viene emesso in atmosfera, questo articolo mette in guardia, che è dovuta alla natura aereodispersiva delle alghe -La più pericolosa specie marina di alghe rosse scoperte in Giappone, nel 2014, chiamate " Congracilaria babae " che esposte alle radiazioni ne ha determinato una esplosiva crescita -e come le altre specie marine di alghe prosperano nello zolfo .

Ancora peggio, dice l'articolo,  nel 2010,  è stata fatta una scoperta dove si dimostra che una specie marina di alghe rosse chiamata " Plocamiocolax Puvinata ", aveva perso il gene chiave che ne impedisce la rapida replicazione-ed è stato ulteriormente scoperto, in altre specie marine di alghe rosse chiamate " Plocamium Pacificum ".







Importante notare sulle specie marine di  alghe rosse " Plocamium Pacificum ", continua l'articolo , che è un'alga intertidale e subtidale trovata lungo le coste occidentali del Nord America nella seconda metà della zona bassa intertidale e sub-tidale ad una profondità di 40 metri -intendendo dire che man mano che cresce e si diffonde, distrugge i livelli di ossigeno  uccidendo tutto quanto è nel suo cammino, rimane nascosta, ma gli effetti hanno cominciato a farsi vedere dal 2015, con il crollo del settore ittico in queste regioni a causa delle enormi morie di pesce , e di molte altre anomalie fin troppo strane .




Voglio sapere di più? Clicca QUI .


Ma  i più grandi timori, dei medici-scienziati del ROSCIDROMENT , spiega l'articolo, sta nell'unione delle specie marine giapponesi di alghe rosse " Congracilaria babae " con quelle della costa occidentale del Nord America con DNA-fratello il " Plocamium Pacificum ", che, dovrebbe avvenire, in particolare con i " fiumi atmosferici " sommersi del Pacifico e le enormi quantità di zolfo radioattivo fuoriuscito dalla recente apertura delle " porte dell'inferno " in Giappone , l'evento catastrofico delle alghe rosse contaminano tutte le acque e le trasformano in zone morte color " rosso sangue ", che non solo pregiudica l'oceano, ma anche le zone interne dove questi flussi dei " fiumi atmosferici " rilasciano precipitazioni sotto forma di pioggia e neve.

E come se questo articolo di ricerca ROSCIDROMENT non fosse abbastanza spaventoso -questi medici-scienziati lo hanno reso ancora più spaventoso (apocalittico appunto) avendo, il Dipartimento per le relazioni esterne ( Decr ) , scritto un addendum sui loro risultati al fine di scoprire se ci fossero controparti storico-religiose da poter esaminare in modo da acquisire maggiore " chiarezza / intuizione " .






Il Decr, naturalmente, costretto da questi medici-scienziati del ROSCIDROMENT, con il loro addendum di oltre 300 pagine, nell'articolo di ricerca scientifica ha rilevato che le Sacre Scritture hanno, infatti, previsto un tempo futuro in cui un terzo delle acque di tutto il mondo sarebbero divenute  " rosso sangue " -e  citato con evidenza due brani del libro di Rivelazione : " e la terza parte del mare divenne sangue;  e la terza parte delle creature che vivono nel mare morì, e la terza parte delle navi andò distrutta"- e -" Il terzo angelo versò la sua coppa nei fiumi e nelle fonti delle acque ; e divennero il sangue ".







Esperti religiosi del Decr in questo addendum, inoltre, notano che le parole della Sacra Scrittura " sorgenti di acqua ". Alla fine del Libro di Rivelazione c'è l'avvertimento composto dalle antiche parole greche " pHGH " ( πηγάζω ) e " udwr " ( ὕδωρ ) -e che combinate assieme, formano il significato di " acqua del diluvio ", dove arriverà questa acqua " rosso sangue " -  corrisponde ai resoconti storici del diluvio universale, dove si dice che , ha piovuto per 40 giorni e 40 notti inondando tutto il mondo, e le cui acque scese da quello che ora sappiamo siano i " fiumi atmosferici ".  [ Nota: In qualsiasi momento, l'atmosfera contiene una sorprendente quantità d'acqua , 37,5 milioni di miliardi di litri d'acqua,  in vapore invisibile.]







Per quanto riguarda l'esistenza finora sconosciuta, alla scienza moderna, di una " atmosfera interna del pianeta " fatta di zolfo, gli esperti religiosi del Decr nel loro addendum sulle ulteriori ricerche del presente articolo affermano che questo è noto da tempo, e scritto, alla maggior parte dei popoli antichi della Terra - nel cristianesimo si parla di un regno sotterraneo profondo chiamato Inferno, Sheol e / o Gehenna,







Questo articolo di ricerca di questi medici-scienziati  del ROSGIDROMET si conclude non dando previsione per quanto le loro peggiori paure potrebbero realizzarsi, e come apparentemente ripreso dagli  esperti del DECR nel loro addendum fa semplicemente notare che ogni giorno Dio si aspetta che noi tutti siamo vigili di fronte a  queste cose, e che, almeno per noi, suoni come buona notizia.



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!