mercoledì 23 maggio 2018

SUL RITIRO DAL TRATTATO NUCLEARE: IL PUNTO DI VISTA DI TEHERAN


Pepe Escobar







L'Iran sta considerando di condurre tutti gli scambi in euro e yuan tra l’incertezza sul fatto che Bruxelles possa sfidare il dominio della legge degli Stati Uniti e prevenire possibili sanzioni.

Il ritiro dell'amministrazione Trump dall'accordo sul nucleare iraniano, noto come Joint Comprehensive Plan of Action(JCPOA), ha monopolizzato i più alti livelli di governo a Teheran 24 ore su 24 da quando la decisione è stata annunciata il 9 maggio.

Il primo ministro Mohammad Javad Zarif [in realtà Ministro degli Esteri], che si è incontrato ieri con il capo dell'energia dell'Unione europea, Miguel Arias Canete, ha ribadito che le semplici parole di sostegno degli europei non sono sufficienti. La commissione mista JCPOA si riunirà a Vienna il prossimo venerdì per analizzare tutte le opzioni future. I diplomatici dell'UE a Bruxelles hanno dichiarato ad Asia Times che, contrariamente alle indiscrezioni, l'Unione europea non sta pensando di offrire aiuti finanziari a Teheran in cambio di concessioni verso un possibile nuovo accordo sul nucleare.

Ciò che Bruxelles cerca disperatamente, prima che le prime sanzioni statunitensi entrino in vigore da agosto, è di escogitare un meccanismo per contestare il predominio della legge americana extraterritoriale e rassicurare il presidente Hassan Rouhani, che presumibilmente ha una fiducia "limitata" che Francia, Gran Bretagna e Germania affermino una politica estera indipendente

Teheran, nel frattempo, sta considerando di condurre tutte le sue transazioni commerciali e commerciali in euro e yuan.

Ahmad Bahmani è il consigliere per l'Europa e l'America di Ali Akbar Velayati, che è il principale consigliere di politica estera del capo supremo Ayatollah Ali Khamenei. Quindi quello che dice Bahmani viene dai più alti livelli del governo iraniano.

Bahmani ha ricevuto Asia Times per uno scambio di idee esclusivo in un ufficio senza pretese a Teheran. Preferiva non farsi fotografare, sottintendendo che l'uomo sotto i riflettori è Velayati.

La storia potrebbe andar peggio, ad ascoltare Bahmani. Ecco i punti salienti della nostra conversazione:

Sul Nuovo Ordine Mondiale - esaminando la scacchiera da quando "il primo McDonald's aprì a Mosca" e considerando quando il mondo era bipolare ("ora ci sono almeno sei poli") Bahmani nota che, trent'anni dopo, Romania e Polonia potrebbero qualificarsi come "esempi di vero progresso" come "i partiti socialisti dell'Europa orientale sono quelli che avanzano costantemente". Nel frattempo, in tutta l'Europa occidentale, "la gente vuole il cambiamento". Evoca Brexit, Catalogna, Syriza (partito della sinistra radicale in Grecia), il Fronte Nazionale in Francia; ovunque c'è un "cambiamento nelle divisioni politiche classiche".

Sul Barjam (come si fa riferimento al JCPOA in Iran) - Bahmani è contento che l'accordo sia stato rotto - rivendicare l'ayatollah Khamenei che, nel verbale, ha sempre insistito affinché gli americani non possano essere considerati attendibili. Eppure non è sicuro "gli europei si allineeranno con noi. Potrebbero non avere la necessaria indipendenza. L'Europa fa 450 miliardi di dollari all'anno negli affari con gli Stati Uniti e solo 30 miliardi di dollari con l'Iran. Tuttavia, se arretrano, mostreranno che i governi dei popoli europei non hanno indipendenza".

Sulla psicologia iraniana - "Qui, quando realizziamo qualcosa con grande sforzo, ci aggrappiamo ad esso in pieno vigore. Quindi, al momento, c'è una sensazione di inaffidabilità nei confronti dell'Occidente. Per sei anni il nucleo della diplomazia iraniana ruotò attorno al Barjam. Presto l'UE dovrà rispondere di altre questioni. Non abbiamo illusioni".

Sulla resilienza iraniana - "Gli Stati Uniti hanno speso 7 trilioni di dollari in Afghanistan e Iraq. Commentando questo, Trump ha detto: "Abbiamo solo ampliato i nostri cimiteri". Bahmani evoca la vasta topografia iraniana - dal punto più caldo del pianeta a meno 35 gradi Celsius - per sottolineare, "sappiamo come difenderci". la connessione tra le massicce riserve iraniane di petrolio e gas e la capacità di bloccare il Golfo Persico in caso di guerra.

E lui esalta la capacità di recupero: "Sarebbe stato meglio se l'Iran non avesse avuto petrolio. Abbiamo subito quattro decenni di embargo. Durante gli anni '80, nella guerra Iran-Iraq, tutti erano contro di noi; non potevamo comprare razzi Katyusha per 10 volte il loro prezzo. Mai un giorno senza sanzioni ci ha costretti a diventare più creativi. Nel 1979 l'Iran aveva il 50% di analfabetismo. Ora abbiamo 5 milioni di studenti, rispetto ai 30.000 di allora; Il 95% dei nostri villaggi ha accesso a tutto; Il 93% dei farmaci viene ora prodotto localmente ed esportato. Siamo riusciti a convertire [quella] minaccia in opportunità. "Fa l'elogio del Made in Iran. E poi arriva l’argomento decisivo: "Gli americani non sono capaci di conquistare l'Iran".

Sulle alleanze regionali- Dopo aver rivelato al segretario al Tesoro Usa Steve Mnuchin, lascia che il vero obiettivo dell'amministrazione Trump sia quello di spingere per sanzioni più severe per ottenere un JCPOA diverso, Bahmani dice che Mnuchin è "già in una posizione di debolezza". Contrasta con le alleanze iraniane attraverso l'Asia sudoccidentale. Iraq ("Sappiamo chi sarà il prossimo primo ministro ma non possiamo dirlo"). Hezbollah ("erano sostenuti da un terzo del Libano, dopo le ultime elezioni hanno dal 60 al 65%.") Damasco. Saana. Gaza ("c'è una nuova alleanza con l'ayatollah Khamenei"). Questo "fa sei alleati, incluso l'Iran. Più simpatizzanti in Pakistan, Afghanistan, India e Turchia". Per quanto riguarda il Principe ereditario saudita MBS, "ha comprato tutti gli altri."

Sul prossimo futuro - "Non siamo preoccupati. Entrambi i sistemi attivi durante la Guerra Fredda fallirono. Dobbiamo creare un terzo sistema. "Dopo l'11 settembre, mostrami una vittoria americana in questa regione. Per quattro decenni hanno cercato invano di installare un sistema di sicurezza in Medio Oriente."

Su Israele - Bahmani sottolinea che conosce "la storia di Israele in dettaglio dal 1948". Sottolinea che il 1982 in Libano è stata "l'ultima vittoria israeliana". Poi c'è stato il 1986 ("dopo 16 giorni hanno accettato tutte le richieste di Hezbollah"). Nel 2000, "hanno lasciato il Libano in fretta". Egli enumera uno schema di guerra ogni due anni; 2006; 2008 ("hanno bombardato Gaza per 20 giorni"); 2010 ("la guerra degli 11 giorni"); 2012 ("8 giorni"); 2014 ("51 giorni"). Cita lo spionaggio iraniano che monitora i movimenti finanziari israeliani verso i conti europei. Gli israeliani potrebbero prepararsi a partire in caso di guerra di terra".

Sul bombardamento israeliano della base T4 in Siria, quando sono stati uccisi sette alti consiglieri militari della Guardia Rivoluzionaria islamica e la risposta siriana, colpendo quattro posizioni sensibili israeliane nelle alture del Golan occupate con 20 missili (questa era una risposta siriana, non iraniana) - "Secondo l'accordo tra Israele e Hezbollah dopo la guerra del 2006, se Hezbollah lancia un missile e Israele non risponde, una scaramuccia, o una guerra più grande, è finita. Questo è stato il caso tra Israele e la Siria qui. E quelli che hanno svolto il ruolo di intermediari sono stati i russi".

Chiedo se Teheran debba aspettarsi ulteriori attacchi israeliani in Siria. Bahmani: "Non per il momento, no. Questo è solo un capitolo. Uno nuovo può essere aperto, in un mese o due."

**************************

Articolo originale di Pepe Escobar:

https://www.geopolitica.ru/en/article/withdrawal-nuclear-pact-tehran-vision

pubblicato originariamente su Asia Times:

http://www.atimes.com/article/tehran-eyes-path-ahead-after-us-withdrawal-from-nuclear-pact/

mirror

http://sadefenza.blogspot.com/2018/05/sul-ritiro-dal-trattato-nucleare-il.html


Traduzione di Costantino Ceoldo – Pravda freelance



Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!