lunedì 17 febbraio 2020

IL CORONAVIRUS PUÒ ROVESCIARE L'ECONOMIA GLOBALE NELLA RECESSIONE

Dr. Leon Tressell 
SouthFront 
Sa Defenza 



* Le catene di approvvigionamento globali subiscono gravi interruzioni 
Tracciato piatto dell'economia cinese
Ogni giorno che passa il numero di infetti peggiorano per l'impatto del Coronavirus. Il numero di persone che sono morte a causa del Coronavirus ha già superato il virus Sars e sembra destinato a peggiorare molto.

Come se ciò non bastasse, il Coronavirus minaccia l'economia globale con una recessione guidata dalla Cina. Ciò che accade in Cina conta più che mai a causa del suo enorme ruolo nell'economia globale. Alcune statistiche servono a illustrare questo aspetto.

La Cina ha la seconda economia più grande del mondo, che rappresenta il 17% del PIL globale mentre ha la più grande quota di scambi globali che si attesta al 13,45%. La Cina è di gran lunga il più grande produttore al mondo,  le sue fabbriche generano 3,7 trilioni di dollari di valore nel 2017, più di Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Corea del Sud messi insieme.

Il coronavirus colpisce la spesa dei consumatori in Cina
Secondo quanto stimato da Bloomberg, l'annullamento delle celebrazioni per il capodanno cinese ha provocato un colpo da 140 miliardi di dollari all'economia che non sarà recuperato una volta superata l'epidemia. Le piccole e medie imprese sono state particolarmente colpite.

A quanto pare, il turismo, i 
cinema, i ristoranti e la spesa dei consumatori durante il nuovo anno nel 2019 hanno rappresentato il 7% del PIL nel primo trimestre del 2019. Questa spinta una tantum per l'economia non può essere recuperata una volta passata l'epidemia.

Le cifre appena rilasciate danno un'idea dell'impatto economico del Coronavirus sui viaggi durante il periodo di Capodanno. Secondo il ministero cinese dei trasporti c'è stato un calo dell'82% dei viaggi effettuati rispetto allo scorso anno.

Alle ferrovie la vendita dei biglietti ha visto un forte calo. Quest'anno ne sono stati venduti meno di un decimo del 2019. Nel frattempo, le compagnie aeree nazionali hanno cancellato 20 milioni di biglietti per un valore di 2,86 miliardi di dollari.

Questa settimana vede un ritorno graduale al lavoro di milioni di lavoratori migranti che tornano nei grandi centri urbani. Una settimana dopo il ritorno al lavoro ufficialmente sanzionato, oltre 27 milioni di lavoratori fuorisede tornarnano a viaggiare .

Prove aneddotiche provenienti dalla Cina indicano che la spesa dei consumatori rimane contenuta a causa dello stato del semi-emergenza prevalente nella maggior parte delle principali città cinesi. Molte persone comuni hanno paura di uscire di casa e si avventurano solo per i rifornimenti essenziali. Non importa ai 50 milioni di persone in stato di emergenza nella provincia di Hebei e 30 milioni nella provincia di Zhejiang.

Milioni di piccole e medie imprese saranno gravemente testate da questo enorme calo della domanda, indipendentemente dall'impatto sulle società straniere che realizzano miliardi sul mercato interno cinese.

Il South China Morning Post rivela l'enorme dimensione del mercato interno cinese, che fornisce enormi ricavi di vendita a molte società straniere, da Apple ai produttori di automobili tedeschi.

"Il mercato di consumo cinese - gravemente colpito dal virus - è più grande dei mercati statunitensi ed europei messi insieme, con il solo mercato dell'e-commerce del valore di 615 miliardi di dollari USA nel 2015, è dominato da fornitori nazionali, è significativo per la maggior parte internazionale dei marchi di spicco. "

Stime recenti suggeriscono che le vendite di smartphone potrebbero calare del 50% durante il primo trimestre del 2020, mentre le spedizioni cinesi di smartphone dovrebbero diminuire tra il 30-50% durante questo periodo.

Le vendite di auto in Cina sono diminuite del 22% a gennaio, il calo più grande mai registrato in questo mese. Questa è una notizia terribile sia per i produttori di automobili nazionali che stranieri. Il gruppo Autovista , un analista con sede in Europa per l'industria automobilistica, ha affermato che questa notizia potrebbe "causare allarme tra molti produttori che ripongono le loro speranze finanziarie sul mercato [tutti importanti della Cina-LT]".

La China Passenger Car Association prevede che le vendite di auto potrebbero calare di oltre il 30% a febbraio.

Le vendite di auto in Cina sono diminuite negli ultimi 3 anni, il che indica un calo significativo del potere d'acquisto dei consumatori a causa della rapida disuguaglianza di ricchezza.

Le classi medie cinesi hanno sviluppato piacere per il turismo straniero nell'ultimo decennio e  rappresentano $ 23 miliardi al mese, che rappresentano circa il 16% della spesa turistica in tutto il mondo. Una stima dice che le destinazioni turistiche straniere stiano perdendo $ 4,6 miliardi al mese a causa del Coronavirus, mentre le principali compagnie aeree, da Cathay Pacific, America Airlines, British Airways e Lufthansa stanno subendo perdite che portano alla cancellazione di voli per la Cina.

L'unità di informazione economica stima che il turismo in uscita in Cina non si riprenderà fino al 2021, portando a una perdita globale di $ 80 miliardi. Molti cinesi iniziano a prenotare le vacanze dopo il capodanno lunare, ma quest'anno non accade.

Come se ciò non bastasse, anche il popolo cinese sta lottando con un rapido aumento dell'inflazione. L'inflazione su base annua è aumentata del 5,4%, mentre gennaio ha visto un aumento mensile dell'1,4% rispetto allo scorso dicembre. Anno dopo anno i prezzi OOD sono saliti di un enorme 20,6%, mentre i prezzi al consumo sono aumentati del 7,7%. I prezzi dei prodotti alimentari da dicembre 2019 a gennaio 2020 sono aumentati del 4,4%.

Resta da vedere come l'epidemia influenzerà i prezzi nei prossimi mesi, ma non sarebbe sorprendente se l'inflazione aumentasse di molto a causa della chiusura di grossi blocchi dell'economia. Quando la domanda supera l'offerta, spesso si ottengono prezzi più alti.

Minaccia di perdita di posti di lavoro diffusa nel 2020


Nel dicembre 2019 il governo centrale ha incaricato le autorità locali di prepararsi per possibili perdite di posti di lavoro su larga scala nel 2020. La riunione esecutiva del Consiglio di Stato cinese dell'11 febbraio ha dichiarato che una priorità assoluta durante l'epidemia era:
"Evitare licenziamenti di massa e incoraggiare i governi locali ad aiutare le imprese a stabilizzare l'occupazione con il saldo del fondo assicurativo contro la disoccupazione e altri fondi ".

La stabilità sociale è vista come un compito essenziale in un momento di crisi nazionale.

Il settore dei servizi in Cina,  ha assorbito molte delle perdite di posti di lavoro derivanti dalla ristrutturazione della manifattura pesante gestita dallo Stato, ha rappresentato oltre la metà di tutta l'occupazione nel 2019. È stato duramente colpito dallo stato di emergenza che hanno attanagliato vaste sezioni del paese e teme che il settore dei servizi subirà molti licenziamenti man mano che le imprese chiudono a causa di un forte calo di clientela.

Secondo i dati del governo centrale nel 2018 c'erano 63 milioni di piccole imprese che impiegavano oltre 150 milioni di persone.

Nel 2003 l'epidemia di Sars ha provocato 8 milioni di perdite di posti di lavoro quando l'economia cinese era in piena espansione dopo la sua adesione all'Organizzazione mondiale del commercio. Prima dello scoppio dell'attuale epidemia l'economia cinese stava rallentando portando a una serie di mini misure di stimolo da parte del governo e della Banca popolare cinese (PBOC) nel 2019.

Il governo centrale di Pechino teme molto l'impatto delle perdite di posti di lavoro su larga scala sulla stabilità sociale in un momento in cui ha subito molte critiche pubbliche nella gestione della crisi. Decine di milioni di piccole imprese in Cina saranno chiuse nei prossimi due-tre mesi, a meno che l'epidemia non muoia e l'economia si riapra completamente.

Secondo i dati del governo centrale nel 2018 c'erano 63 milioni di piccole imprese che impiegavano oltre 150 milioni di persone.

Il South China Morning Post ha pubblicato una serie di rapporti che descrivono in dettaglio le perdite di posti di lavoro, i tagli ai salari e le ore ridotte già affrontate da molte persone nel settore delle piccole imprese.

Il presidente Xi questa settimana ha affermato che il governo locale deve lavorare per "garantire la stabilità generale del mercato del lavoro". Nel frattempo, il Premier Li ha dichiarato che la Cina deve evitare tagli al lavoro "su larga scala".

Il governo nazionale ha introdotto misure per "stabilizzare l'occupazione", compresa l'iniezione di 1,2 trilioni di dollari (173 miliardi di dollari) nei mercati finanziari e la riduzione dei tassi di interesse per incoraggiare i prestiti bancari alle piccole e medie imprese e al pubblico. Oltre a ciò, ha 
improntato riduzioni fiscali per il settore dei servizi e sussidi alle piccole e medie imprese se non licenziano più del 5,5% del personale.

Nell'ultima settimana, la Banca entrale cinese ha iniettato altri $ 77 miliardi nel sistema monetario. Le banche dovrebbero offrire prestiti alle piccole e medie imprese in difficoltà. Apparentemente, le società potranno beneficiare di sovvenzioni, " nella misura in cui un" piccolo aumento "dei crediti deteriorati dovuti alle banche sarà" tollerato ".

Le autorità locali stanno introducendo una serie di misure di emergenza che vanno dalla riduzione degli affitti al rinvio dei contributi per la sicurezza sociale.

Molti analisti e piccole imprese affermano che queste misure di emergenza non sono sufficienti per impedire la chiusura di massa delle piccole imprese nei prossimi 2-3 mesi. Si teme che le misure finanziarie non calino in tempo per salvare molte piccole e medie imprese dalla chiusura.

Un analista finanziario, Tang Dajie del China Enterprise Institute, sintetizza l'opinione di molti quando ha affermato che "un grosso numero di aziende potrebbe morire" questa primavera prima che le misure del governo centrale si attuino. Ha detto che l'economia cinese ha bisogno di un "cardiotonico". In altre parole, misure simili ai farmaci usati per trattare l'insufficienza cardiaca.

Nel frattempo, il settore manifatturiero critico della Cina sta affrontando un grande disagio economico.

Decine di migliaia di fabbriche sono state chiuse in Cina per diverse settimane. Il Wall Street Journal ha riferito della lotta che le fabbriche cinesi devono affrontare per riprendere l'attività nonostante l'autorizzazione del governo per un ritorno di massa al lavoro. Molti lavoratori fuorisede rimangono nelle loro città / villaggi di origine o affrontano la quarantena una volta tornati nelle città in cui lavorano dei centri di produzione della Cina.

Il ritorno al lavoro non include regioni prospere come Zhejiang, vicino a Shanghai. Ha una popolazione di oltre 30 milioni che è ancora in pieno blocco per lo stato di emergenza. Le attività commerciali sono chiuse fino almeno al 18 febbraio mentre tutti i trasporti pubblici sono fermi. Anche i funerali sono vietati.

La provincia di Hubei, nell'epicentro dell'epidemia di Coronavirus, con una popolazione di oltre 50 milioni è ancora chiusa agli affari. Produce un quarto di tutte le auto prodotte in Cina. Tutti gli analisti del settore stimano che quest'anno saranno prodotte in Cina circa 435,00 auto in meno. Ovviamente. Ciò può cambiare in base al completo superamento dell'epidemia.

Interruzione delle catene di approvvigionamento globali


Oltre alle automobili ci sono oltre 70 fabbriche a Hubei che producono componenti essenziali, come l'illuminazione, i freni e le parti elettriche, per le case automobilistiche straniere.

Le fabbriche automobilistiche al di fuori della Cina stanno chiudendo a causa del ruolo centrale della Cina nelle catene di approvvigionamento.

Hyundai ha chiuso tutti i suoi stabilimenti automobilistici nella Corea del Sud, che comprende la più grande fabbrica automobilistica del mondo nel suo complesso di Ulsan, a causa della carenza di parti di cablaggio fornite dalla Cina. Ciò ha portato al licenziamento temporaneo di 25.000 lavoratori. Questo costa a Hyundai 500 milioni di dollari alla settimana.

Gli ultimi rapporti suggeriscono che Hyundai riaprirà tutti i suoi stabilimenti automobilistici la prossima settimana poiché alcuni fornitori cinesi chiave hanno ripreso la produzione questa settimana.

Nel frattempo, Nissan sta chiudendo diversi stabilimenti automobilistici a causa della carenza di parti essenziali prodotte in Cina.

I produttori di automobili nell'UE e negli Stati Uniti avvertono di non essere molto indietro a causa della carenza di parti critiche prodotte in Cina. Ciò avrà conseguenze dolorose per queste case automobilistiche considerando che la Cina ha il più grande mercato al mondo di automobili.

Economia globale / commercio interessato


Inoltre, l'enorme impatto dell'epidemia del virus sulla Cina sta diventando sempre più evidente che il commercio globale è influenzato dalla pandemia di Coronavirus. Ciò è illustrato graficamente dall'impatto sulla spedizione globale di container. È probabile che ciò comporti mesi di ritardi nella consegna per molte aziende. L'80% degli scambi mondiali di merci in volume è trasportato via mare. Tutto, dai vestiti alle automobili, ai prodotti elettronici e all'olio, viene spedito in container.

Alex Longley in un pezzo per Bloomberg ha osservato che:

"Febbraio 2020 verrà ricordato come un periodo di interruzione storica delle catene di approvvigionamento fisiche in tutto il mondo, mentre il coronavirus rovina il commercio".
Molte navi sono bloccate nei porti cinesi in attesa di carico / scarico mentre molte non riescono ad entrare nei porti. Shanghai e Hong Kong hanno riferito che solo il 50% dei lavoratori portuali è tornato al lavoro lunedì scorso. Nel frattempo, molte navi mercantili che tornano a casa dalla Cina sono bloccate in "zone galleggianti di quarantena", come si vede in Australia e Singapore.

Compagnie di navigazione giganti come Maersk. MSC Mediterranea, Hapag-Lloyd e CNA_GGM hanno ridotto il numero di navi sulle rotte verso la Cina. Sea-Intelligence, fornitore di dati marittimi con sede in Danimarca, ha dichiarato questo lunedì che oltre 350,00 container box sono stati rimossi dalle reti commerciali globali dallo scoppio del Coronavirus si perdono 350 milioni di dollari a settimana.

Un altro campanello d'allarme per l'economia globale è l'impatto dell'indebolimento della domanda di materie prime da parte dei consumatori e delle industrie cinesi. Il trasporto di rinfuse solide è stato colpito duramente a causa della domanda molto più bassa di materie prime importanti come petrolio, minerale di ferro e rame.

I prezzi del petrolio sono diminuiti del 20% nell'ultimo mese, riflette il calo del 20% del consumo giornaliero di petrolio della Cina. Anche i metalli industriali come il rame e il minerale di ferro hanno visto cali di prezzo a due cifre.

L'insaziabile domanda cinese di petrolio e metalli industriali dal 2008 ha giocato un ruolo importante nel contribuire a far uscire l'economia globale dalla recessione. Il declino della domanda cinese di queste materie prime essenziali non è di buon auspicio per l'economia globale che ha rallentato nel corso del 2019.

Il rapporto sulla domanda di petrolio dell'Agenzia internazionale per l'Energia (IEA) per il 2020 ha una lettura deprimente. Nel 2019 la Cina ha rappresentato oltre il 75% della crescita della domanda di petrolio in seguito al calo dei consumi delle nazioni OCSE. Il blocco della flat lining economy della Cina avrà un impatto notevole sia sui produttori di petrolio di scisto che sull'Opec. Il rapporto dell'AIE afferma:

"Le conseguenze di Covid-19 per la domanda globale di petrolio saranno significative. La domanda dovrebbe ora contrarsi di 435 kb / g nel 1° trimestre del 2020, il primo calo trimestrale in oltre un decennio. Per il 2020 nel suo complesso, abbiamo ridotto le nostre previsioni di crescita globale da 365 kb / d a 825 kb / d, la più bassa dal 2011. "

Il rapporto conclude che le nazioni dell'OPEC saranno costrette a fare ulteriori tagli alla produzione colpendo le loro principali fonti di reddito:

"Ora, il rischio rappresentato dalla crisi di Covid-19 ha spinto i paesi dell'OPEC + a considerare un ulteriore taglio alla produzione di petrolio di 0,6 mb / d come misura di emergenza in aggiunta agli 1,7 mb / d già promessi."

L'impatto sulla rivoluzione americana dello scisto potrebbe essere sostanziale considerando che sia i produttori di petrolio indipendenti che quelli principali non stanno generando alcun flusso di cassa libero e stanno sopravvivendo a causa di un massiccio accumulo di debito che ammonta a oltre $ 200 miliardi . 40 miliardi di dollari di tale debito scadono nel 2020. Il rapporto dell'AIE suggerisce:

"I prezzi del petrolio più bassi, se sostenuti, sono anche cattive notizie per le compagnie petrolifere statunitensi ad alta reattività, ma è improbabile che vedremo un impatto sulla crescita della produzione fino a fine anno. L'effetto della crisi di Covid-19 sull'economia in generale significa che per i consumatori sarà difficile percepire il beneficio di una riduzione dei prezzi del petrolio ".

Numerosi i rapporti sull'impatto dei guai economici della Cina sull'America. Gli esportatori statunitensi vedranno un calo delle esportazioni dell'8% quest'anno nonostante l'accordo commerciale di fase 1 che conduca JP Morgan a stimare che il Coronavirus ridurrà il PIL dello 0,25% a una crescita dell'1% nel 2020.

L'economia cinese stava rallentando prima dell'epidemia di virus


Il rallentamento dell'economia cinese nel 2019 è dimostrato dai profitti in calo delle società industriali che sono diminuiti del 3,3% nel 2019. È ulteriormente illustrato dai dati dell'indice degli acquirenti (PMI).

Le PMI forniscono importanti spunti sullo stato di un'economia e hanno il potere di spostare i mercati finanziari. Se danno una lettura superiore a 50 indica una crescita o espansione futura rispetto al mese precedente, mentre una lettura inferiore a 50 suggerisce una contrazione.

Nel mese di gennaio il National Bureau of Statistics (NBS) ha rivelato che il dato di gennaio PMI della Cina è 50,0 -0,2% rispetto a dicembre 2019. La NBS nel comunicato stampa , emesso il 3 febbraio, rompe le cifre ulteriormente verso il basso, suggerendo che i medi e grandi produttori sono stati in bilico sopra il livello di recessione di 50 mentre i piccoli produttori erano già in  recessione:

“...il PMI delle grandi imprese è stato del 50,4 percento, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto al mese scorso; quello delle medie imprese era del 50,1 percento, 1,3 punti percentuali in meno rispetto al mese scorso. ... Il PMI delle piccole imprese è stato del 48,6 percento, 1,4 punti percentuali in più rispetto allo scorso mese ed è rimasto al di sotto della soglia [recessione-LT]. "
Il settore non manifatturiero è andato leggermente meglio con un PMI di 53,1. Eppure il nuovo indice ordini per questo settore era 50,6 e l'indice occupazionale era 48,6 ".

Quest'anno l'economia cinese potrebbe andare in recessione

Il maltrattamento che l'economia cinese sta subendo in tutti i settori dal Coronavirus sta portando molti economisti a ridurre sostanzialmente le stime della crescita del PIL del paese per quest'anno. Secondo un sondaggio Reuters di 40 economisti di tutto il mondo, la crescita del PIL cinese per il primo trimestre dovrebbe rallentare al 4,5%. Ciò prevedeva di trascinare il tasso di PIL dell'intero anno al 5,5%, che sarebbe più lento dal 1990.
Alcuni economisti sono ancora più pessimisti. Freya Beamish, capo economista asiatico al Pantheon di Londra, stima che il PIL del primo trimestre potrebbe essere inferiore al 2%.

La maggior parte dei media
che si occupano di finanza e lo stesso governo cinese stanno facendo previsioni rosee secondo cui l'economia cinese rimbalzerà e coprirà rapidamente le perdite del primo trimestre una volta che l'epidemia di Coronavirus si è esaurita.

Tuttavia, non tutti gli economisti sono sicuri di questo, considerando la crescente serie di problemi della Cina già prima dello scoppio del Coronavirus. Queste vanno dalle tariffe americane ai massicci livelli di debito delle imprese e dei consumatori, il rapido aumento della disparità di reddito, il calo dei profitti delle imprese, il calo della produzione industriale e il crescente numero di controversie industriali nel settore dei servizi.

L'economista di Iris Pang di ING di Hong Kong ha dichiarato:

" Non prevediamo una rapida ripresa per l'economia, anche nel caso improbabile che non vi siano nuovi casi confermati. Dopo che il coronavirus è stato contenuto, potrebbero essere necessari quattro quarti per vedere un completo recupero. "

Questa valutazione pessimistica è ripresa dal CEO della più preziosa azienda cinese Daniel Zhang del gigante dell'e-commerce Alibaba. Ha avvertito dei pericoli che la pandemia rappresenta sia per la Cina che per l'economia globale. Ha definito l'evento virus un  "cigno nero":

"L'epidemia di [coronavirus] sta avendo un impatto significativo sull'economia cinese e potrebbe potenzialmente influenzare l'economia globale. Presenterà sfide a breve termine allo sviluppo del business di Alibaba su tutta la linea. "
Il Chief Financial Officer di Alibaba, Maggie Wu, ha aggiunto  quando ha affermato in modo drammatico che le entrate del primo trimestre 2020 saranno "significativamente" negative.

Bloomberg nota che il Coronavirus sta "mettendo in ginocchio Alibaba" e che la più grande divisione della compagnia "stava già scivolando". Conclude che il Coronavirus potrebbe infliggere un "colpo mortale" alla società più preziosa della Cina, la cui salute finanziaria è vista come un barometro per l'economia in generale.

Una forte contrazione dell'economia cinese durante il 2020 ha gravi conseguenze per l'economia globale oltre alle interruzioni delle catene di approvvigionamento. La crescita globale dalla recessione economica del 2008 è stata fortemente dipendente dalla Cina.

David Dodwell, direttore esecutivo del gruppo di studio sulla politica commerciale Hong Kong-APEC Trade Policy Study Group ha osservato:

“Questo è significativo non solo per Pechino, perché la crescita cinese è stata di gran lunga il principale contributo alla crescita globale dalla crisi finanziaria globale del 2008. Al suo apice nel 2012 e 2013, la crescita della Cina in termini di dollari ha rappresentato rispettivamente il 58% e il 48% della crescita globale. Anche nel 2017, ha rappresentato il 23,5 per cento della crescita del PIL globale, nel 2018 quasi il 30 per cento e l'anno scorso circa il 39 per cento ".

La capacità di Pechino di continuare ad essere il motore della crescita globale è discutibile considerando la serie di problemi che deve affrontare sia a livello nazionale che globale. In particolare, il suo ammontare di $ 41 trilioni di debito , di cui $ 1,5 trilioni è considerato un debito di sofferenza in difficoltà , sta lanciando bombe a orologeria sospese sull'economia. Questo è considerato pericoloso e insostenibile da molti economisti ed è stato riconosciuto come tale dal governo del PCC, quindi i suoi sforzi per ridurre la leva dell'economia negli ultimi anni.

Nel 2008 il calcio cinese ha spinto l'economia globale con il suo programma di stimolo da $ 586 miliardi. La sua capacità di fare qualcosa di simile nel 2020 per salvare l'economia dagli effetti del Coronavirus potrebbe essere limitata dai suoi enormi problemi di debito.

In passato è stato ampiamente riconosciuto che quando l'economia americana ha starnutito il resto dell'economia globale ha preso un raffreddore. Si potrebbe sostenere che questo vale ugualmente per la Cina. Il suo contributo all'economia globale è così vasto che una recessione della sua economia quest'anno potrebbe essere sufficiente per spingere il mondo alla recessione.


*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Grazie al nostro canale #SaDefenzaChannel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!