mercoledì 8 aprile 2020

"Pensate con profondità, fare buona scienza  non farsi prendere dal panico!"Alcune considerazioni sulla crisi del coronavirus


Daniel Jeanmonod MD, Roxanne Jeanmonod e Francis Neirynck
Sa Defenza 



La monumentale importanza delle misure adottate in tutto il mondo nella lotta per il controllo dell'attuale pandemia di COVID-19 nelle ultime settimane ci ha motivato ad esprimere attraverso questo testo alcune considerazioni e commenti su questo argomento estremamente importante.

Il dott. Joel Kettner [ 1 ], professore di Scienze della salute della comunità presso l'Università di Manitoba e direttore medico dell'International Center for Infectious Diseases, ha recentemente dichiarato:

Non ho mai visto niente del genere ... Non sto parlando della pandemia, perché ne ho viste 30, uno ogni anno ... Ma non ho mai visto questa reazione e sto cercando di capire perché ... "
Lo facciamo anche noi e desideriamo condividere i nostri pensieri attraverso queste linee. Il Dr. David Jones [ 2 ] ha recentemente dichiarato, riguardo alla crisi del virus corona, al New England Journal of Medicine:
"La storia suggerisce che in realtà siamo molto più a rischio di paure esagerate e priorità fuori luogo "


CORONA E ALTRI VIRUS DA RAFFREDDORE COMUNE


Il raffreddore comune, come indica il nome, è la malattia infettiva umana più comune e colpisce persone di tutto il mondo. Gli adulti hanno in genere da due a tre infezioni all'anno e i bambini ancora di più. I tassi di infezioni sintomatiche aumentano negli anziani a causa della riduzione dei meccanismi di difesa. Sono implicati oltre 200 tipi di virus, i principali dei quali sono rinoceronti, corona-, adeno- ed enterovirus, nonché influenza, parainfluenza, sinciziale respiratorio umano e metapneumovirus.

Gli studi su diversi paesi sono stati esaminati da Wodarg [ 3 ] (vedi tra l'altro Nicholson et al. [ 4 ]), dimostrano che i coronavirus sono presenti anno dopo anno nel 7-15% delle infezioni del tratto respiratorio invernale (RTI). Ogni anno, infatti, questi comuni virus del raffreddore invadono il pianeta durante l'inverno dell'emisfero settentrionale e mutano per entrare nei nostri organismi e riprodursi nelle nostre cellule.

Abbiamo quindi a che fare con un'invasione planetaria virale ciclica con un'elevata capacità contagiosa, in questo senso una pandemia, che, poiché è così ben nota e il più delle volte benigna, non attiva paure significative nella popolazione e il più delle volte basso interesse da microbiologi.

Come il SARS-CoV-1 del 2002-2003 e il virus MERS del 2012, il SARS-CoV-2 è un virus corona che si pensa sia mutato da un animale. La successiva caratteristica essenziale di un virus, dopo la sua contagiosità, è la sua letalità per la popolazione umana. Roussel et al. [ 5 ] hanno appena pubblicato che i comuni coronavirus (cioè mutazione pre-SARS-CoV-2) avevano in Francia una mortalità stimata dello 0,8% nel 2016.

Hanno analizzato, inoltre, 4 ceppi di coronavirus comuni tra il 2013 e il 2020, che hanno avuto mortalità tra lo 0,36 e il 2,7% (altri 381 ceppi di corona diagnosticati prima del 2017 non sono stati assegnati a questo studio). I dati provenienti dall'OCSE e dalla Francia (Roussel et al. [ 5 ]) mostrano una mortalità SARS-CoV-2 rispettivamente dell'1,3% e dell'1,6%.

Questi dati sono fondamentali per dimostrare quanto segue: SARS-CoV-2 non mostra mortalità più elevata rispetto ai suoi compagni più anziani. Bisogna rendersi conto, tuttavia, che le RTI virali possono minacciare gli esseri umani anziani, malati e indeboliti. Il tasso di mortalità per il raffreddore comune può arrivare fino all'8% nelle case di cura per anziani (Ioannidis [ 6 ]).


TEST DIAGNOSTICI


Al momento non abbiamo idea della presenza (prevalenza) della SARS-CoV-2 nella popolazione umana. La rivista Le Monde [ 7 ] ha pubblicato una recensione dettagliata di 26 paesi, dimostrando che il 10% medio dei test è positivo e Capek [ 8 ] cita valori compresi tra il 10 e il 15%. È interessante notare che la presenza di coronavirus a freddo comuni negli RTI annuali in tutto il mondo è del 7-15% (vedi sopra).

Questi dati parlano della presenza abituale della SARS-CoV-2 quest'anno rispetto a quella, ogni anno, dei ceppi corona più vecchi. Contraddicono l'esistenza di una progressione delle infezioni SARS-CoV-2 oltre il normale tasso annuale.

I comuni virus del raffreddore mostrano un alto livello di contagiosità, dovuto, tra l'altro, al fatto che la maggior parte delle loro infezioni, stimate tra l'80 e il 99,5%, sono non o lievemente sintomatiche.

Dato che circa il 20-40% della popolazione ottiene un RTI in inverno, siamo portati alla conclusione che una percentuale molto ampia della popolazione deve ospitare virus del raffreddore comuni tra cui il ceppo corona SARS-CoV-2. Confermando questa linea di pensiero, Gupta et al. [ 9 ] dell'Università di Oxford hanno redatto un modello che suggerisce che gran parte della popolazione è già stata infettata dal virus SARS-CoV-2, attraversando un'infezione lieve o asintomatica.

Testare la sua presenza nella popolazione conferma questa realtà, e il numero (ovviamente!) crescente di test positivi non dovrebbe in alcun modo essere interpretato come un segno di un'insolita propagazione del virus. Questa interpretazione è uno dei due principali fattori di attivazione di panico alla fonte dell'attuale ondata di panico in tutto il mondo. L'unico lato utile di un test progressivamente più ampio su tutta la popolazione sarebbe abbassare il tasso di mortalità includendo forme di infezione più lievi (rinite, tosse, assenza di febbre) o asintomatiche.


MORTALITÀ


L'Organizzazione Mondiale della Sanità e numerosi esperti hanno comunicato al mondo un tasso di mortalità per COVID-19 del 3,4%, causando panico: ciò indica (erroneamente) un pericolo per la popolazione circa 30 volte superiore rispetto al virus dell'influenza, che è stimato allo 0,1%.

Oltre all'idea (non alle prove, come discusso sopra) di una pandemia eccezionale, questa affermazione rappresenta il secondo fattore essenziale di attivazione del panico. L'approccio qui è di contare il numero di decessi rispetto al numero di test positivi eseguiti.

Poiché in genere i test non vengono eseguiti su persone colpite lievemente o senza sintomi, questo approccio ignora la loro alta presenza, le stime per esso, andando per COVID-19 dall'82-90% in Cina (Li et al. [ 10 ]) fino al 99,5 % in Germania (Bhakdi [ 11 ]).

Un tasso di mortalità così elevato è quindi inadeguatamente elevato, non fornendo informazioni rilevanti a livello centrale: il numero di decessi calcolati sul totale delle infezioni da un determinato virus, comprese tutte le forme cliniche, da quelle asintomatiche a quelle fatali. Questo tasso di mortalità è quello che rappresenta il vero pericolo a cui la popolazione umana è esposta quando viene infettata: è il tasso di mortalità per infezione.

Si noti che il tipo di calcolo seguito da Roussel et al. ([[ 5 ]] menzionato sopra) stava considerando la percentuale di morte nei test positivi eseguiti, con alti valori di mortalità grezza. L'utilità di questo studio risiede tuttavia, come discusso in precedenza, nel confronto tra la mortalità dei ceppi corona SARS-CoV-2 più vecchi e quelli attuali.

Ioannidis [ 6 ] stima un tasso di mortalità per infezione da COVID-19 tra 0,05 e 1%. Supponendo un valore di mortalità a medio raggio dello 0,3% e un tasso di infezione dell'1%, corrisponderebbe a 10'000 decessi per gli Stati Uniti. Questo sicuramente è un numero impressionante, rimarrebbe comunque sepolto nel rumore della stima dei decessi dai normali RTI stagionali.

Il monitoraggio europeo dell'eccesso di mortalità per l'azione in materia di sanità pubblica [ 12 ] rivela che, fino alla settimana 13 dell'anno, non si può vedere alcun eccesso di mortalità globale in Europa rispetto agli anni precedenti, la tendenza del bilancio delle vittime per il periodo 2019-2020 è in realtà leggermente inferiore rispetto a anni precedenti.

A conferma di ciò, il tedesco Robert Koch Institute [ 13 ] ha documentato alla fine di marzo una diminuzione a livello nazionale dell'attività di RTI acuti, con il numero di ricoveri ospedalieri causati da questi ultimi al di sotto del livello degli anni precedenti e che attualmente continuano a diminuire.

Roussel et al.5 ci ricordano che ogni anno in tutto il mondo 2,6 milioni di persone muoiono di RTI. Oggi, alla fine di marzo e della stagione RTI, possiamo davvero sperare che il ceppo SARS-CoV-2 non sarà il "virus killer" che è stato profilato e che ha prodotto una reazione così intensa e mondiale. Un confronto rivelatore può essere fatto con la mortalità annuale delle infezioni influenzali, stimata tra 0,5 e 1 milione in tutto il mondo.

In Svizzera, dove il bilancio delle vittime dell'influenza è stimato in una media di 2'000 morti per stagione, viviamo, come tutti gli altri paesi del mondo, con questa realtà ciclica, e l'abbiamo integrata pienamente nella nostra. vita personale, sociale e nazionale  (Osterloh e Frey [ 14 ]). Con il COVID-19, la Svizzera rimane, a fine marzo, con un bilancio delle vittime inferiore.

Ad oggi, non abbiamo ancora una stima finale del tasso di mortalità per infezione del COVID-19. I dati sopra descritti indicano un valore pari o inferiore a quello dell'influenza. Bendavid e Bhattacharya [ 15 ] hanno proposto stime del tasso di mortalità per infezione del COVID-19 tra lo 0,01 per gli Stati Uniti e lo 0,06% per l'Italia (basato sui test dell'intera popolazione della città di Vò), valori vicini a quelli proposti da Ioannidis [ 6 ] e inferiore al tasso dello 0,1% dell'influenza.

Se il monitoraggio del bilancio delle vittime globale (ad esempio europeo) non mostra alcun eccesso di mortalità durante la stagione 2019-2020, è tuttavia vero che un aumento locale è presente nel nord Italia. Nella città di Bergamo, ad esempio, sono stati segnalati 652 decessi (comprese tutte le cause di decesso) tra il 1 ° gennaio e il 21 marzo di quest'anno contro i 386 dello stesso periodo del 2017, durante l'ultima ondata di influenza.

Un fatto interessante è che nello stesso periodo la città di Milano ha registrato 3.283 morti quest'anno contro 3.792 nel 2017 [ 16 ]. Ovviamente, saranno necessarie ulteriori analisi dei dati demografici e dei fattori locali.

I dati ufficiali italiani dettagliati [ 17 ] dimostrano un'altissima rilevanza per la mortalità di patologie preesistenti: l'età media dei pazienti deceduti era di 78,5 anni. In uno studio su 481 decessi, 6 pazienti (1,2%) non presentavano patologie preesistenti, il 23,5% ne aveva uno, 26,6% due e 48,6% tre o più pre-morbilità. Nove pazienti avevano meno di 40 anni, ma almeno sette avevano patologie preesistenti gravi. Nell'84% dei programmi terapeutici italiani sono stati applicati antibiotici, indicando un alto tasso di co-infezioni batteriche.

Va anche tenuto presente che la SARS-CoV-2 è spesso accompagnata, in media nel 24% delle infezioni secondo Shah et al. [ 18 ], da altri virus del raffreddore comuni, in modo che non possa sempre essere trattata principalmente responsabile della malattia e delle sue conseguenze.

Seguendo queste linee e secondo il Prof. Ricciardi [ 19 ], un'analisi dei certificati di morte italiani ha mostrato che solo il 12% di loro mostrava una causalità diretta dal virus COVID-19. Ciò porta ad una riduzione più significativa delle morti attribuibili ad essa. Uno finisce con qualche decina di decessi al giorno, rispetto ai 20.000 decessi per influenza all'anno in Italia.

Il servizio di protezione civile italiano sottolinea in questo contesto la necessità di distinguere tra morte e morte da virus corona [ 20 ]. Questa analisi è assolutamente essenziale, dovrebbe essere presa in considerazione da tutti i paesi che contano i loro decessi e contribuirà a ottenere una stima corretta finale del bilancio delle vittime di COVID-19 in tutto il mondo.

Infine, due ulteriori fattori si aggiungono al tasso di mortalità italiano: l'elevata età media della popolazione (con 633'133 morti [ 21 ] per tutti i motivi nel 2018, stimati 2.000 decessi al giorno in inverno) e alti livelli di inquinamento dell'aria. Si ottiene quindi l'aggiunta di 3 fattori che riducono fortemente la causalità di morte di COVID-19:
  1. perché spesso si incontrano altri virus
  2. infezioni secondarie batteriche
  3. morbilità preesistenti
In conclusione, un virus molto invasivo con un alto numero di morti è la base per lo sviluppo della paura e del panico nella popolazione umana. Le considerazioni statistiche di cui sopra ci consentono di sperare che il SARS-CoV-2 non sarà il "virus killer" che ci aspettavamo. I fattori locali, come in Italia, possono svolgere un ruolo significativo. Di seguito è discussa la paura e il panico che di per sé possono causare e aumentare localmente le perdite umane.


LA PNEUMOPATIA ALVEOLARE E INTERSTIZIALE (AIP) E LA SINDROME RESPIRATORIA ACUTA GRAVE (SARS)

L'AIP [ 22 ] colpisce circa 2 milioni di persone in tutto il mondo ed è dovuto all'innesco di una risposta di guarigione anormale mal compresa. Questa risposta è ritardata di circa una settimana nel caso della SARS.

Due terzi dell'AIP sono idiopatici, cioè non hanno una causa nota. Per quelli con un'eziologia nota, le cause sono autoimmuni, allergiche o infettive. Gli agenti infettivi sono il coronavirus, ma anche il virus respiratorio sinciziale e la tubercolosi. Esistono prove che le dinamiche autoimmuni e allergiche indicano la rilevanza dei meccanismi psico-neuro-immunologici che, in presenza di una predisposizione genetica associata, possono innescare reazioni infiammatorie deleterie iperattive.

Pertanto, nell'AIP, il virus è solo l'innesco ambientale di un processo che necessita di altri fattori, genetici e psico-emotivi, per svilupparsi.

In accordo con la presenza di una risposta autoimmune nella SARS, medici cinesi e italiani hanno applicato con successo a pazienti con SARS grave un trattamento con Tocilizumab [ 23 ], un farmaco utile nel trattamento dell'artrite reumatoide, un noto disturbo autoimmune. Proponiamo quindi che i fattori emotivi abbiano un ruolo attraverso lo sviluppo della SARS e dell'AIP, nella morbilità e mortalità COVID-19.

Le esperienze di vita di tutti e le crescenti prove scientifiche parlano di un'influenza diretta del nostro stato emotivo sui processi di immunità e infiammazione.

Ciò determinerà, al momento dell'invasione virale, il livello di attivazione dei nostri meccanismi di difesa, la chiusura o lo stress purtroppo aprendo una breccia che consente un'infezione respiratoria in piena regola (compresi i polmoni). Nel caso di un AIP, può anche essere indotta una iperattivazione delle risposte immunitarie e infiammatorie dell'organismo (denominata "tempesta di citochine o sindrome da rilascio" [ 23 ]).


IL RUOLO DELLO STRESS E DEL PANICO


Lo stress ha dimostrato di essere alla fonte delle perdite cellulari nel cervello limbico (comportamentale) degli animali. È in grado di attivare meccanismi eccitotossici, ossidativi, immunologici, infiammatori, endocrini e vegetativi e causare in determinate condizioni l'insufficienza potenzialmente fatale di più organi.

Una simile situazione è stata descritta dagli etnologi nel contesto di un rituale eseguito dall'uomo kurdaitcha, o sciamano della società aborigena. Si chiama "puntamento dell'osso" e causa la cosiddetta "morte volontaria", o "sindrome di puntamento osseo" [ 24 ] [ 25 ]. Consiste nel puntare su una vittima un osso rituale che attiva l'effetto di una "lancia di pensiero" e uccide la persona maledetta per giorni o settimane, senza grandi sofferenze.

Questo rituale potrebbe aver servito gli uomini kurdaitcha nel corso dei millenni quando un membro della loro comunità sarebbe diventato pericoloso. Il potere di un'idea e la sua emozione correlata, cioè la paura, è esemplificato qui in un modo più impressionante e definitivo.

Proponiamo di considerare la possibilità, nel contesto della crisi del corona, che una "lancia di pensiero" planetaria carica di paura e capace di uccidere sia attiva e minaccia l'intero genere umano, inducendo tra l'altro lo sviluppo dell'AIP e provocando reazioni a catena basate sulla paura in tutto il mondo.

Fattori preesistenti e di facilitazione possono essere la minaccia di estinzione umana da parte di un virus killer, come mostrato in modo impressionante nei film di disastro, e una sensazione attuale di stato planetario condannato e triste a causa dell'inquinamento.

Le immagini esposte in tutto il mondo di brutte scene da fantascienza, con sagome umane installate nei letti circondati da dottori e infermieri dall'aspetto alieno completamente mascherati e vestiti con tute di protezione, strade morte spazzate da grossolani sistemi disinfettanti, l'immagine ravvicinata del avviare un medico cinese con gli occhi in preda al panico su un dispositivo di ventilazione, dichiarazioni di "stato di guerra" sul virus da parte dei politici, messaggi falsi italiani come quello di una madre che voleva convincere il figlio a rimanere a casa, tende militari d'emergenza piene di persone in attesa del verdetto del test, ecc ...

Inoltre, è interessante considerare che sia il SARS-CoV-1 nel 2003 sia il MERS-CoV nel 2012 erano coronavirus: potrebbero aver spianato la strada verso una sensibilità dell'ambiente umano a una minaccia respiratoria. Sono stati giudicati pericolosi perché avevano un'alta mortalità, sebbene la loro propagazione fosse molto limitata con un bilancio delle vittime di 770 (SARS-CoV-1) e 850 (MERS-CoV) in tutto il mondo [ 26 ].

Erano presenti gli elementi per la generazione di panico: morte per un killer virus, fallimento economico e caos, perdita di sostegno familiare e sociale, perdita di libertà e isolamento a causa di misure di blocco, impotenza, futuro incerto per la civiltà umana e paura schiacciante di perdere una persona cara senza poter dire addio.

Come l'uomo maledetto dalla punta dell'osso del kurdaitcha, l'attuale "lancia del pensiero" del virus corona sembra in grado di colpire diversi obiettivi corporei e indurre l'insufficienza multipla di organi: ad esempio, la cardiomiopatia è descritta nell'alta percentuale di 33 % di pazienti italiani [ 27 ]. La paura e l'ansia si sentono davvero tipicamente a livello cardio-respiratorio, con dispnea (sensazione di soffocamento) e palpitazioni cardiache.

Immaginiamo una persona, ad esempio nel nord Italia nel febbraio 2020, tossendo e con malessere da  RTI. Una paura immediata di essere infettati dal virus COVID-19 nasce e domina la sua mente (prendo qui l'esempio di un uomo, poiché il rischio di infezione è più alto per i maschi!).

Ha sentito, annunciato il giorno prima dall'OMS, che questo virus uccide più dell'influenza (contro la quale viene vaccinato, avendo 70 anni). Sa che i poliziotti hanno chiuso il paese in cui vive, vietando l'ingresso e l'uscita. Essendo un buon cittadino, annuncia di sospettare un'infezione da corona e viene portato in un'emergenza all'ospedale locale.

All'arrivo, viene posto in una tenda probabilmente scomoda e fredda, nel mezzo di altri cittadini spaventati, e viene eseguito il suo test SARS-CoV-2. Altre persone tossiscono intorno a lui e lui aspetta l'esito. Il suo cuore batte forte e sembra che non riesca a respirare bene.

Il suo test è positivo, viene portato in ospedale da un team medico efficiente ma stressato e viene circondato da infermiere con mascherine. Si rende conto che ora non è più libero di lasciare tutto questo incubo, per tornare a casa. Il panico solleva dei cattivi pensieri e i suoi meccanismi di difesa cadono, aprendo la strada a un vero e proprio colpo, alla sua età lo minaccia l'infezione virale. In questo stato, il nostro paziente può sperimentare uno dei tre seguenti scenari:


  1. Nella migliore delle ipotesi: mantiene un RTI superiore, con un po di febbre, una tosse solida attraverso la bronchite, qualche difficoltà a deglutire e un naso pieno. Viene tenuto isolato in ospedale, il personale rimane efficiente ma stressato, molto impegnato e distante, e rimane solo con le sue paure per provare sensazioni di soffocamento in piena regola che portano così tanti al reparto di terapia intensiva e al ventilatore. Non riesce a ricevere la visita della sua famiglia e rimane malato con una solida RTI per le prossime due settimane. Molto probabilmente, questa esperienza rimarrà impressa per sempre nella sua  emotività.
  2. Nel peggiore dei casi, primo scenario: la sua età, la sua funzione polmonare subottimale di lunga data, il suo significativo sovrappeso precipita una broncopolmonite, con sviluppo virale combinato e infezione batterica secondaria da germi nosocomiali, che porta alla morte in pochi giorni. Muore senza un ultimo contatto con moglie e figli.
  3. Nel peggiore dei casi, secondo scenario: l'attacco virale al suo sistema polmonare è moderato e i tessuti iniziano a riprendersi in modo corretto nel corso di una settimana. Mantiene una profonda sensazione di paura e sventura, insorge la dispnea, viene eseguita una scansione che mostra la presenza di un AIP e viene portato all'unità di terapia intensiva. Nei prossimi giorni, la "lancia del pensiero" continua a volare, il suo stato di salute subottimale preesistente limita le sue risorse per superare la fase di rianimazione, sorgono infezioni secondarie, si sviluppano insufficienza cardiaca e insufficienza di altri organi e muore, ancora lontano dalla sua famiglia ...
Intorno a lui e a casa, altri pazienti che soffrono di altri problemi di salute vengono trattati in modo subottimale, tutta l'energia, il materiale e il personale si concentrano sulla crisi del virus corona.

È facile capire come il personale ospedaliero sarà sottoposto a un sovraccarico enorme:

1) le persone preoccupate affluiscono negli ospedali, aumentando il carico di lavoro delle squadre mediche e infermieristiche,

2) le squadre sono ridotte dall'assenza di collaboratori distrutti, dalla quarantena di altri e in alcune situazioni da quelli tenuti lontani dalla chiusura dei confini. Ancora una volta lo stress e il panico si sviluppano e creano l'impressione pervasiva di un caos eccezionale e incontrollabile ...

L'esistenza degli episodi di corona SARS-CoV-1 e MERS-CoV nel 2003 e 2012 potrebbe indicare la possibilità di mutazioni del coronavirus verso una particolare affinità polmonare.

Tre mutazioni uguali o simili, presumibilmente casuali, non sono tuttavia probabili, e in questo contesto privilegiamo l'ipotesi sopra menzionata della sensibilità dell'ambiente umano a una minaccia respiratoria, una "lancia di pensiero" carica di paura e che minaccia l'intero pianeta umano ...

Ci sono, attualmente alla fine di marzo, differenze molto significative nei tassi di mortalità tra i paesi. I rispettivi tassi di mortalità grezza (decessi sul numero di test positivi eseguiti) sono dello 0,3% circa per la Germania, del 3,6% per la Francia e del 7,8% per l'Italia.

Per gli stessi paesi, il numero di decessi per milione di abitanti è rispettivamente di 7, 40 e 178. Proponiamo che i tre seguenti fattori, oltre ai fattori locali (vedi la discussione sopra sull'Italia), co-influenzano la quantità di casi critici e morti:

  1. il livello di base dell'ansia in una data popolazione umana,
  2. la soppressione delle interazioni sociali umane di base attraverso l'isolamento, e
  3. la repressione della libertà democratica attraverso la limitazione dei diritti civili.
La differenza è fondamentale tra una raccomandazione per le persone in nome della sicurezza per tutti o un ordine applicato da punizioni statali (compresa la reclusione).

Il governo svizzero, ad esempio, è riuscito in tempi così tesi a passare misure principalmente come raccomandazioni e non come ordini, contando sulla buona volontà e l'adeguatezza del popolo svizzero. Per quanto riguarda il punto 2), va notato che l'interruzione dei legami sociali è in effetti un grave problema per tutte le società di primati e, nei primati non umani, l'isolamento può portare alla morte.

Una revisione sicuramente prematura di alcuni tassi di mortalità nazionale in tutto il mondo può fornire approfondimenti a favore di questa proposta: ad esempio, i paesi scandinavi hanno principalmente rispettato la libertà delle persone e le misure di sicurezza classiche sono state raccomandate come di solito contro l'influenza, senza confinamento di tutta la popolazione. Hanno tra i più bassi tassi di mortalità in Europa.

Una caratteristica dominante della paura è quella di favorire sempre le informazioni che la mantengono o amplificano e reprimono quelle che non lo fanno. Potrebbe essere il motivo per cui l'esperienza scandinava viene raramente menzionata e, in caso affermativo, qualificata come non etica, senza discussione di pro e contro e il rapporto rischio / beneficio dell'approccio al parto (vedi sotto). La paura non consente di svolgere una buona scienza e abbiamo davvero bisogno di una buona scienza, ora e domani.


MISURE DI CONFINAMENTO E ISOLAMENTO


La rapida adozione nella maggior parte dei paesi della strategia di controllo della diffusione virale con misure di confinamento , per quanto ne sappiamo, senza un'analisi approfondita, aperta ed equilibrata di tutti i pro e contro riguardanti questo approccio.

Come citato da Ioannidis e da altri esperti, esistono solo prove deboli per l'efficacia delle misure di confinamento (vedi Database Cochrane). Tuttavia, sono evidenti i loro effetti psicosociali negativi di cui abbiamo discusso in precedenza e effetti deleteri sull'economia mondiale sono già presenti e non possono essere sottovalutati.

Naturalmente, si devono raccomandare misure classiche di decontaminazione / isolamento per ridurre la trasmissione virale tra individui, ma possono essere limitate intorno ai membri sensibili della popolazione, ovvero individui anziani, malati e indeboliti. Questo è stato l'approccio dei paesi scandinavi. Un approccio di blocco generale non sembra avere senso sotto molti aspetti.

In primo luogo, la rapidità con cui i paesi europei hanno perso la traccia della catena dai pazienti in poi sottolinea l'estrema contagiosità ben nota, mettendo in dubbio persino la possibilità di interrompere la propagazione rintracciando il virus e i suoi portatori nell'intera popolazione umana.

Ciò è accaduto in Italia nel giro di un giorno o due, e nonostante misure di isolamento molto veloci ed estese. I virus del raffreddore comuni hanno probabilmente sviluppato una grande esperienza attraverso le loro invasioni planetarie annuali, e il loro monitoraggio, oltre a stabilire misure di blocco, non sembra essere la cosa giusta da fare quando ci si rende conto che, come discusso sopra, si distribuiscono in tutto il mondo su milioni di individui (vedi il modello di Oxford sopra) durante tutta la stagione invernale.

L'argomento successivo è incentrato sulla necessità regolarmente proposta di appiattire la curva di distribuzione dell'epidemia per ridurre il bilancio delle vittime. Questo approccio non considera l'esistenza e la rilevanza dell'"immunità di gregge o popolazione". Con ciò, maggiore è la quantità di persone immunizzate nella popolazione umana, meno pericolosa può essere l'epidemia virale.

L'applicazione di misure generali di allontanamento e di confinamento porta inevitabilmente a ogni sorta di decisioni discutibili. Ancora peggio, diverse misure, che hanno un minimo o addirittura nessun senso, possono essere imposte dagli stati e implementate / aumentate da individui paurosi.

In ogni caso, in nome della sicurezza di tutti, gli Stati fanno appello al dovere di tutti gli individui di accettare le limitazioni dei loro diritti civili e della loro libertà. Questa mossa dovrebbe essere limitata alle raccomandazioni e non agli ordini accompagnati da una punizione: la prontezza delle persone deve rimanere il fattore dominante e le persone non dovrebbero essere minacciate da un governo che hanno scelto loro stessi.

L'argomento dell'adozione di misure più o meno rigorose crea inevitabilmente fratture all'interno del gruppo sociale. I movimenti escono proponendo modi diversi, principalmente attraverso i media elettronici, per aumentare la penetrazione nella sfera privata degli individui in nome del controllo dell'epidemia, nonostante il fatto che qualsiasi controllo della popolazione sia un pericolo per la democrazia.

Quando sorge una discussione su questo tema, chiunque chieda il mantenimento della propria sfera privata si oppone agli argomenti 1) che il fatto che uno non abbia nulla da nascondere non dovrebbe creare alcun problema, e 2) che nel caso della prevenzione dell'epidemia , uno sicuramente non significa limitare le misure di sicurezza per proteggere tutti.

Nel caso del nostro paese, il consiglio federale svizzero ha mostrato una posizione molto solida e ha insistito per mantenere il più basso possibile la limitazione temporanea della libertà e dei diritti civili della popolazione svizzera, resistendo alle pressioni giornalistiche.

Come esempi di discutibili misure di blocco, citiamo prima la fermata della scuola, che si ritorce contro i nonni indotti a fornire assistenza ai bambini. Questa misura non è basata sull'evidenza, cioè non esiste uno studio scientifico disponibile che dimostri la sua efficacia, è stata introdotta da un paese all'altro solo perché un altro paese lo aveva già fatto in precedenza. L'immunità della popolazione sopra menzionata deve essere affrontata qui.

Lasciare i bambini a interagire a scuola e al parco giochi e lasciare che il giovane (sotto i 65 anni) lavori in gruppo e anche interagire può essere visto come il modo migliore per promuovere l'immunità della mandria e quindi proteggere l'intera popolazione, sapendo inoltre che queste due fasce di età hanno un rischio assolutamente minimo di essere minacciato dal SARS-CoV-2. Vi sono quindi validi motivi per mettere in dubbio l'utilità dell'introduzione di questa misura e possiamo persino immaginare che potrebbe essere controproducente.

La chiusura di spazi pubblici e naturali, in particolare i parchi nelle città, non ha senso: se le persone sono obbligate a mantenere le distanze nelle strade, non lo faranno nei parchi, per cui il modo in cui c'è più posto per loro mantenere le distanze?
Il contatto con la natura e l'aria fresca, come menzionato dal governo danese, sarà della massima importanza per il benessere degli abitanti delle grandi città, prima o dopo che escano per acquistare cibo, lavoro o altre attività primordiali. Con questa misura, sono ingiustamente limitati rispetto alle persone che vivono nel paese.

Tra le altre misure altamente discutibili, la soppressione / limitazione dell'accesso ai settori medico e spirituale è del tutto inappropriata, deleteria e disumana. Non solo i pazienti COVID-19, ma anche tutti gli altri pazienti ricoverati in ospedale per altri motivi non possono ricevere le loro visite.

In generale, ma in particolare ora nel mezzo della crisi, il sostegno dei propri cari fa parte delle funzioni sociali e spirituali che non dovrebbero mai essere toccate o ritirate, correndo il rischio di alienare gli esseri umani dal loro ambiente psicosociale e spirituale vitale. Perché un parente stretto non può applicare in ospedale le stesse precauzioni di sicurezza del personale medico? E i servizi religiosi potrebbero essere eseguiti con le stesse raccomandazioni a distanza di altre sessioni civili, che sono state mantenute perché considerate indispensabili.

Le pratiche di blocco e isolamento sono state adottate da molti con un'incredibile quantità di etica, pazienza, coraggio, adattabilità, inventiva e umorismo. Mentre bloccano la parte giovane e attiva della società, possono produrre nel tempo significativi danni psicosociali ed economici, rischiano di destabilizzare la società in tutto il mondo.  Dovranno essere cancellati dai governi, il prima possibile che dopo.


ESPERTI, POLITICI E MEDIA


Nel campo della biologia, e in particolare degli studi su grandi strutture e dinamiche biologiche, sono essenziali analisi dettagliate che considerano tutti i lati di un fenomeno, al fine di evitare opinioni distorte e conclusioni e decisioni inadeguate. La biologia non è matematica, fisica o chimica, la sua complessità richiede l'integrazione di più dimensioni e l'adozione di un'interpretazione, si spera, ben fondata. Nel campo intensivo ed esteso, a livello mondiale nella crisi del virus corona, è fondamentale uno studio aperto, profondo, attento, multidimensionale e quindi imparziale dell'intera situazione con presentazione di pro e contro e analisi del rapporto rischio / beneficio. Esperti medici, principalmente microbiologi ed epidemiologi, sono quelli che forniscono queste informazioni ai politici. Devono rendersi conto di avere in mano il potere di modulare lo stato d'animo dell'intero pianeta umano e che devono evitare accuratamente di attivare una potente reazione a catena mondiale di paura e panico. All'indomani della crisi del corona, dovrà essere eseguita un'analisi aperta, profonda e costruttiva, con l'obiettivo di evitare la futura ripetizione degli errori attuali.

I politici rappresentano la loro gente e, in questa funzione, hanno il difficile ruolo di proteggerli quando necessario. Hanno il diritto e il dovere di chiedere ai loro esperti l'analisi aperta, dettagliata e imparziale appena menzionata. I governi dovrebbero formulare al meglio proposte che siano il prodotto di analisi sana ed equilibrata. Queste proposizioni saranno spesso compromessi tra estremi (una tradizione nel nostro paese!), Ed essendo così moderati, saranno accettati più facilmente dalla gente. E, come discusso in precedenza, questo approccio può eliminare uno dei tre fattori di attivazione di panico che proponiamo, vale a dire la riduzione / soppressione della libertà democratica. Il pubblico deve essere informato in modo aperto e rassicurante e le informazioni negative dovrebbero essere bilanciate da quelle positive, mantenendo la speranza nella popolazione. Non c'è nulla di discutibile che offra speranza in un contesto informativo equilibrato. Inoltre, un governo deve rendere qualcosa di profondamente costruttivo congratulandosi con il suo popolo per il suo coraggio e l'adeguatezza ...

I media hanno un ruolo nel trasmettere informazioni da tutti i possibili ambienti e tendenze. Come esemplificato in modo particolarmente evidente nella situazione attuale, dovrebbero evitare di esercitare pressioni sui politici ed essere profondamente consapevoli del fatto che possono contribuire all'attivazione mondiale di potenti meccanismi ansiofeni se non forniscono informazioni equilibrate da fonti controllate.

La distribuzione molto rapida e travolgente dell'attuale panico ha come fattore facilitante la diffusione dell'efficienza dei social media, che hanno contribuito a profilare, attraverso notizie distorte e persino false, una situazione in Italia più caotica di quanto non sia nella realtà. Naturalmente, le notizie positive sono anche distribuite dai social media, ma un ambiente ansioso tende, come discusso in precedenza, a manifestarsi attraverso la trasmissione di informazioni prevalentemente ansiose.


CONCLUSIONE


Ad oggi (fine marzo 2020), un bilancio delle vittime di circa 35.000 in tutto il mondo è stato attribuito a COVID-19. Questo è ovviamente un numero elevato ma comunque molto inferiore all'influenza, che uccide ogni stagione tra mezzo milione e un milione di persone. Ci sono 2,6 milioni di morti in tutto il mondo ogni anno a causa di RTI.

Il mondo è, nel mezzo della crisi , ipnotizzato da un virus corona mutato come centinaia di altri che si diffondono in tutto il mondo ogni anno. Non presenta prove di mortalità più elevata rispetto alle sue mutazioni annuali precedenti. I test diagnostici vengono interpretati come un modo per seguire la propagazione epidemica, mentre rivelano (parzialmente) la presenza ubiquitaria e collaborativa dei comuni virus del raffreddore in tutto il mondo.

Il tasso di mortalità di COVID-19 è stato calcolato come la percentuale di test eseguiti risultanti positivi, non integrando la forte riduzione della mortalità consentita dalla presenza di un'alta percentuale di forme di malattia lieve o asintomatica. La paura e il panico sono stati accesi da queste due imprecise comunicazioni scientifiche e si sono diffuse su tutto il pianeta come un incendio boschivo, causando il caos che osserviamo ogni giorno nelle Notizie.

Esperti scientifici, politici e persone dei media dovranno comprendere profondamente l'importanza di fornire informazioni e raccomandazioni imparziali e fondate. La crisi del corona ha messo in luce che il pianeta umano soffre attualmente di un alto livello di ansia e deve essere trattato delicatamente, proprio come un paziente umano in una fase delicata della sua vita!

Non c'è modo per noi di concepire la vita senza virus. Sono ovunque, circa il 50% del nostro genoma è di origine virale e la virologa Prof. Moelling ha portato nel suo libro argomentazioni documentate secondo cui i virus sono "più amici che nemici" [ 28 ].

Il nostro nemico principale è la paura attivata da una scienza parziale e senza cuore. Siamo con la maggior parte dei virus in una situazione win / win e abbiamo 
need/need di interazione: non possiamo vivere l'uno senza l'altro. Nessuna parte ha il vantaggio di sradicare l'altro. Le pandemie più vecchie, che sono alla fonte di profondi ricordi di peste atavica, erano nella maggior parte dei casi dovute a batteri e strettamente legate a precarie condizioni di vita umana.

L'unica catastrofica pandemia virale fu l'influenza H1N1 del 1918, che uccise milioni di persone, ma si sviluppò a motivo delle conseguenze caotiche e malsane della prima guerra mondiale. Il panico sembra non essere un modo appropriato, nemmeno un modo fattibile per integrare la nostra interazione con i virus, ci garantisce un futuro pieno di paura per la prossima pandemia e ripetuti stati di panico e destabilizzazioni dell'ambiente umano mondiale.

Un futuro cupo, anzi per nulla desiderabile. Evitabile però se lo applichiamo: pensare con profondità, fare buona scienza e non farsi prendere dal panico ...


Daniel Jeanmonod MD , professore emerito di Neurochirurgia presso l'Università di Zurigo e Fisiologia e neuroscienza presso la New York University. Roxanne Jeanmonod , fisioterapista. Francis Neirynck , ingegnere civile


Riferimenti:



[1] Dr Joel Kettner on CBC Radio – Cross Country Checkup, March 15, 2020.

[2] Jones D. History in a Crisis – Lessons for Covid-19. New England Journal of Medicine (2020).

[3] Dr. Wolfgang Wodarg. Review on https://www.wodarg.com.

[4] Nicholson K.G. et al. Respiratory viruses and exacerbations of asthma in adults. British Medical Journal 307 (1993).

[5] Roussel Y. et al. SARS-CoV-2: fear versus data, International Journal of Antimicrobial Agents (2020).

[6] Dr. Ioannidis J.P.A. A fiasco in the making? As the coronavirus pandemic takes hold, we are making decisions without reliable data. www.statnews.com, March 17, 2020.

[7] Dagorn G. Coronavirus : la France pratique-t-elle assez de tests ? Le Monde. March 20, 2020.

[8] Kapek R. https://coronadaten.wordpress.com.

[9] Gupta S. Fundamental principles of epidemic spread highlight the immediate need for large-scale serological surveys to assess the stage of the SARS-CoV-2 epidemic. Link to download the draft in the following article: Cookson C. Coronavirus may have infected half of UK population — Oxford study. Financial Times, March 24, 2020. https://www.ft.com/content/5ff6469a-6dd8-11ea-89df-41bea055720b

[10] Li R. et al. Substancial undocumented infection facilitates the rapid dissemination of novel coronavirus (SARS-Co2). Science (2020).

[11] Bhakdi S. Corona-Krise: Prof. Sucharit Bhakdi erklärt warum die Maßnahmen sinnlos und selbstzerstörerisch sind. YouTube Video. March 24, 2020. https://www.youtube.com/watch?v=JBB9bA-gXL4&feature=emb_logo

[12] European Monitoring of Excess Mortality for Public Health Action https://www.euromomo.eu/outputs/number.html

[13] Buda s. et al. Influenza Wochenbericht Kalenderwoche 13/2020. Robert Koch Institut. March 27, 2020.

[14] Osterloh M. and Frey B. Coronavirus: Vergleiche sind wichtig. Gastkommentar Neue Zürcher Zeitung, March 12, 2020.

[15] Bendavid E. and Bhattacharya J. Is the Coronavirus as Deadly as They Say? Wall Street Journal Editorial, March 24, 2020.

[16] Istituto Nazionale di Statistica. Dataset sintetico con i decessi per settimana. https://www.istat.it/it/archivio/240401

[17] EpiCentro. Characteristics of COVID-19 patients dying in Italy Report based on available data on March 20th, 2020. Istituto Superiore di Sanità.

[18] Shah N. Higher co-infection rates in COVID19. Data shared at the request of the California Department of Public Health. Medium. March 18, 2020.

[19] Newey S. Why have so many coronavirus patients died in Italy? The Telegraph, March 23, 2020.

[20] Borrelli A. Dipartimento Protezione Civile. Conferenza stampa 20 marzo 2020 ore 18.00 – Coronavirus. YouTube Video (at 3.30 minutes), March 20, 2020. https://www.youtube.com/watch?v=0M4kbPDHGR0&feature=youtu.be&t=210

[21] Istituto Nazionale di Statistica. I.Stat. Popolazione e famiglie – Mortalità – Decessi – Morti. http://dati.istat.it/Index.aspx?QueryId=19670

[22] Synthesis on Interstitial lung disease on Wikipedia including detailed references. https://en.wikipedia.org/wiki/Interstitial_lung_disease

[23] Zhang C. et al. The cytokine release syndrome (CRS) of severe COVID-19 and Interleukin-6 receptor (IL-6R) antagonist Tocilizumab may be the key to reduce the mortality. International Journal of Antimicrobial Agents (2020).

[24] Cannon W.B. „Voodoo“ Death. American Anthropologist (1942)

[25] Milton G.W. Self-willed death or the bone-pointing syndrome. The Lancet (1973)

[26] Synthesis on Coronavirus on Wikipedia including detailed references. https://en.wikipedia.org/wiki/Coronavirus

[27] Arentz M. Characteristics and outcomes of 21 critically ill patients with COVID-19 in Washington State. Journal of the American Medical Association (2020).

[28] Moelling K. Viruses, more friends than foes. World Scientific Publishing, New Jersey London Singapore (2017).

*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma  hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale

Grazie al nostro canale #SaDefenzaChannel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!