martedì 22 maggio 2018

L'informatore dell'FBI che ha monitorato la campagna Trump, Stefan Halper, ha supervisionato un'operazione di spionaggio della CIA nelle elezioni presidenziali del 1980

Glenn Greenwald
The Intercept
Sa Defenza 

Quanto si rivela vera, in questa "Spystory" tutta americana sulle elezioni presidenziale,  il detto "il diavolo fa le pentole ma non i coperchi" i TG e i media mainstrem ci hanno frantumato le palle per mesi con la falsa storia su "Russiagate" e Trump, così pian piano passano i mesi da che un anno e mezzo fa si sono tenute le elezioni presidenziali in USA , ora finalmente dopo tanto trambusto e sollevare della polvere, si aprono nuovi scenari , il prof. Halper presso la facoltà di Cambridge si svela essere la spia della campagna di Trmp per conto dei Democratici... che ha imbastito tutto lo scenario di fake news sul coinvolgimento della Russia nelle elezioni USA per meri fini elettorali.. e post-elettorali , al fine di esautorare Trump dal governo, ora le pentole sono scoperchiate .. vediamo come descrive il reo,  il giornalista Chuck Ross: "a Cambridge, Halper ha lavorato a stretto contatto con Dearlove, l'ex capo dell'MI6. Negli ultimi anni hanno diretto la Cambridge Security Initiative , un gruppo di consulenza di intelligence senza fini di lucro che elenca "agenzie governative britanniche e statunitensi" tra i suoi clienti ".
Sa Defenza 
L'agente della CIA, Stefan Halper

UN EPISODIO ESTREMAMENTE GRAVE  ha travolto la Washington ufficiale nelle ultime due settimane ove si è arrivati a una conclusione davvero bizzarra questo venerdì sera. E ruota intorno a un agente, molto impreciso, nel servizio da molti anni nella CIA, Stefan Halper.

Quattro decenni fa, Halper e stato il responsabile di uno scandalo di spionaggio, messo nel dimenticatoio, che coinvolse le elezioni del 1980 , in cui la campagna di Reagan - usando funzionari della CIA gestiti da Halper, secondo quanto riferito sotto l'egida dell'ex direttore della CIA e dell'allora candidato alla vicepresidenza George HW Bush - sono stati scoperti mentre eseguivano un'operazione di spionaggio dall'amministrazione Carter. La trama coinvolgeva gli agenti della CIA che passavano informazioni classificate sulla politica estera di Carter ai funzionari della campagna di Reagan per assicurarsi che la campagna di Reagan fosse a conoscenza di qualsiasi decisione di politica estera presa in considerazione da Carter.

Nelle scorse settimane, i Repubblicani affermano che l'FBI durante le elezioni del 2016 ha usato un agente per spiare la campagna di Trump, e hanno innescato l'indignazione all'interno dell'FBI cercando di apprendere la sua identità. La polemica si è intensificata quando il presidente Trump si è unito alla mischia venerdì mattina. "Secondo alcuni rapporti, almeno un rappresentante dell'FBI è stato impiantato, per fini politici, nella mia campagna elettorale per presidente" , ha scritto Trump , aggiungendo: "Si è svolto molto presto, e molto prima che il falso Russia Hoax (bufala) diventasse una vera fake news " bollente ". Se è vero, è il più grande scandalo politico di tutti i tempi! "

In risposta, il DOJ e i vari portavoce dei media dell'FBI non hanno negato l'accusa principale, ma hanno cavillato con il linguaggio (l'FBI ha usato un "informatore", non una "spia"), e poi hanno iniziato a usare un linguaggio sempre più stridente per avvertire che esponendo il suo nome avrebbe messo a repentaglio la sua vita e quella degli altri, mettendo anche in serio pericolo la sicurezza nazionale americana. L'8 maggio, il Washington Post descrive l'informatore come "una fonte di intelligence top-secret" e cita funzionari del DOJ sostenendo che la divulgazione del suo nome "poteva mettere a repentaglio la vita esponendo potenzialmente la fonte, un cittadino statunitense che ha fornito intelligence alla CIA e l'FBI. "

Il responsabile democratico al Senato della Intelligence Committee, Mark Warner, che ha trascorso gran parte della settimana scorsa a lavorare per garantire la conferma della scelta di Trump per la guida della CIA, Gina Haspel, in realtà ha minacciato i suoi stessi colleghi al Congresso con procedimenti penali se avessero cercato di sapere l'identità dell'informatore. "Chiunque sia incaricato dei più alti segreti della nostra nazione dovrebbe agire con la gravità e la serietà degli scopi che la segretezza merita", ha detto Warner.

Ma ora, a seguito di alcune scelte molto strane da parte dei maggiori media nazionali, tutti conoscono il nome dell'informatore dell'FBI: Stefan Halper. E la storia di Halper è piuttosto preoccupante, in particolare per il suo ruolo centrale nello scandalo delle elezioni del 1980. Altrettanto preoccupanti sono le affermazioni altamente brucianti e, al massimo  fuorvianti del DOJ (Dipartimento della Giustizia) e dell'FBI che hanno, di fatto, cercato di impedire che l'identità di Halper venisse alla luce.

Per cominciare, è evidente che la persona che l'FBI ha usato per monitorare la campagna di Trump è la stessa persona che ha lavorato come agente della CIA nella campagna elettorale presidenziale del 1980.

Solo dopo diversi anni dalla vittoria di Reagan su Carter è emerso questo scandalo. È trapelato da funzionari della destra all'interno dell'amministrazione Reagan che volevano minare i funzionari che consideravano troppo moderati, incluso il capo di gabinetto della Casa Bianca James Baker, che era un fedelissimo di Bush.

Il NYT nel 1983 disse che l'operazione di spionaggio della campagna Reagan "coinvolse un certo numero di funzionari della CIA e fu molto secretata." L'articolo, dell'allora giornalista del NYT Leslie Gelb, aggiunse che "le sue fonti identificavano Stefan A. Halper, nella campagna come aiutante responsabile  coinvolto nella fornitura di aggiornamenti nel viaggio per le news ogni 24 ore e idee politiche del partito di Reagan. " Halper, che ora ha 73 anni, aveva anche lavorato con Donald Rumsfeld, Dick Cheney e Alexander Haig come parte dell'amministrazione Nixon.

Quando lo scandalo scoppiò per la prima volta nel 1983, l' UPI suggerì che l'agente  Halper era il candidato per questa operazione per le presidenziali di Reagan, mentre George HW Bush, che era stato direttore della CIA lavorava con il suocero di Halper, l'ex vice direttore della CIA Ray Cline , ha lavorato alla campagna presidenziale di Bush del 1980 prima che Bush  diventasse il Vice Presidente di Reagan. Ha citato un ex funzionario della campagna di Reagan accusando la fuga di "conservatori [che] stavano cercando di manipolare la polemica sui documenti di Jimmy Carter per forzare la cacciata del capo di stato maggiore della Casa Bianca James Baker".



Halper, tramite il suo lavoro alla CIA, ha molti legami con la famiglia Bush. Pochi ricordano  l'intromissione della CIA nelle elezioni del 1980 - in aperto sostegno al suo ex direttore, George HW Bush, per farlo diventare presidente - è stata una controversia politica molto seria. E Halper faceva parte di quella intromissione.

Nel 1980, il Washington Post ha pubblicato un articolo che riportava il coinvolgimento estremamente insolito e abbastanza aggressivo della CIA nella campagna presidenziale del 1980. "In poche parole, nessuna campagna presidenziale nella memoria recente - forse mai - ha attirato tanto sostegno dalla comunità dei servizi segreti quanto la campagna per l'ex direttore della CIA Bush", afferma l'articolo.





Sebbene non ci fosse stato riscontrato nulla di illegale nei confronti degli ex funzionari della CIA che si univano all'ex direttore della CIA dell'Ufficio Ovale, il documento diceva "ci sono alcuni rumors di disagio nella rete di intelligence". Identificò specificamente Cline come uno dei più importanti funzionari della CIA lavorare apertamente a favore di Bush, sottolineando che "ha raccomandato il genero, Stefan A. Halper, ex assistente alla Casa Bianca di Nixon, per essere assunto come direttore dello sviluppo e della ricerca alla politica di Bush".

Nel 2016, i migliori funzionari della comunità dell'intelligence si sono mobilitati attorno a Hillary Clinton. Come ha precedentemente documentato The Intercept :
L'ex direttore della CIA, Michael Morell, non solo ha approvato la Clinton con il New York Times,  ma ha affermato che "Mr. Putin aveva reclutato Trump come un inconsapevole agente della Federazione Russa. "Il direttore della CIA e della NSA di George W. Bush, il generale Michael Hayden, ha dichiarato che Trump era un" pericolo chiaro e presente " per la sicurezza nazionale statunitense e quindi, meno di una settimana prima delle elezioni, è andato al Washington Post per avvertire che "Donald Trump è davvero in sintonia con Vladimir Putin" e ha detto che Trump è "l'utile idiota, un po 'ingenuo, manipolato da Mosca, disprezzata nel suo segreto , ma il cui cieco sostegno è felicemente accettato e sfruttato. "
Alla fine, l'informatore utilizzato dall'FBI nel 2016 per raccogliere informazioni sulla campagna di Trump non era una risorsa sconosciuta, top-secret, la cui esposizione di agente poteva mettere a repentaglio la sua vita. Al contrario: i suoi decenni di lavoro alla CIA - compreso il suo ruolo in una operazione di spionaggio, ovviamente non etica, se non criminale, durante la campagna presidenziale del 1980 - sono pubblicamente noti.

E ORA, come risultato di alcune sconcertanti scelte da parte delle maggiori organizzazioni di notizie della nazione e delle loro fonti anonime all'interno del governo degli Stati Uniti, anche il lavoro di Stefan Halper per l'FBI durante il 2016 è ora pubblicamente noto

La scorsa notte, sia il Washington Post che il New York Times - i cui reporter, come praticamente tutti a Washington, sapevano esattamente chi fosse l'informatore dell'FBI - hanno pubblicato articoli che, pur ricevendo le richieste dell'FBI di non nominarlo, fornivano tanti dettagli su lui che ha reso estremamente facile sapere esattamente chi fosse. Il NYT ha descritto l'informatore dell'FBI come "un accademico americano che insegna in Gran Bretagna" e che "ha contattato a fine dell'estate con" George Papadopoulos e "ha anche incontrato ripetutamente nei mesi successivi con l'altro assistente, Carter Page". lui "un professore americano in pensione" che ha incontrato Page "in un simposio sulla corsa alla Casa Bianca tenutasi in un'università britannica".

In contrasto con l'immagine volutamente dipinta dal DOJ e dai suoi alleati che questo agente " informatore" (spia)  era una sorta di segreto, un segreto anzi super-segreto, di alto livello, il NYT lo descrisse come ciò che è in realtà: "l'informatore è ben noto nei circoli di Washington, dopo aver servito nelle precedenti amministrazioni repubblicane e come fonte di informazione per la CIA negli anni passati ".

Nonostante quanto sia "noto" a Washington, e nonostante abbia pubblicato così tanti dettagli su di lui che chiunque con Google sarebbe stato in grado di conoscere istantaneamente il suo nome, il Post e il NYT nondimeno si rifiutarono bizzarramente di identificarlo, con il Post che giustificava la sua decisione che "non sta riportando il suo nome in seguito agli avvertimenti dei funzionari dell'intelligence USA che potrebbe esporre a dei pericoli lui o i suoi contatti." Il NYT era meno melodrammatico a riguardo, citando una politica generale: il NYT afferma "ha conosciuto l'identità della fonte ma in genere non  nomina gli informatori alfine di  preservare la loro sicurezza ".

In altre parole, sia il NYT che il Post hanno scelto di fornire così tanti dettagli sull'informatore dell'FBI che tutti avrebbero saputo esattamente chi fosse, mentre fingevano scherzosamente di obbedire alle richieste dell'FBI di non nominarlo. Che senso ha? O questi giornali credono veramente ai gravi avvertimenti dell'FBI che la sicurezza e le vite nazionali sarebbero state in pericolo nel caso si sapesse chi hanno usato come loro informatore (nel qual caso questi documenti non dovrebbero pubblicare dettagli che potrebbero rendere probabile la sua esposizione), oppure pensano che il L'FBI (come al solito) stava solo invocando false giustificazioni di sicurezza nazionale per nascondere le informazioni che ingiustamente vuole nascondere al pubblico (nel qual caso i giornali dovrebbero nominarlo).

In ogni caso, la pubblicazione di quegli articoli da parte del NYT e del Post ieri sera ha reso completamente ovvio chi fosse l'informatore dell'FBI, perché il giornalista investigativo del Daily Caller , ha pubblicato un articolo che riportava che un agente della CIA da lunga data che ora è un professore a Cambridge ha incontrato ripetutamente Papadopoulos e Page. L'articolo, nel suo paragrafo iniziale, nominò il professore, Stefan Halper, e lo descrisse come "un professore  dell'Università di Cambridge con contatti CIA e MI6".


L'articolo di Ross, usando informazioni pubbliche, ha raccontato a lungo i legami di lunga data di Halper con la CIA, incluso il fatto che suo suocero, Ray Cline, era un alto funzionario della CIA durante la Guerra Fredda, e che lo stesso Halper aveva ha lavorato sia con la CIA che con la sua controparte britannica, l'MI6. Come ha scritto Ross: "a Cambridge, Halper ha lavorato a stretto contatto con Dearlove, l'ex capo dell'MI6. Negli ultimi anni hanno diretto la Cambridge Security Initiative , un gruppo di consulenza di intelligence senza fini di lucro che elenca "agenzie governative britanniche e statunitensi" tra i suoi clienti ".

Sia i giornalisti del NYT che del Washington Post si sono vantati , con apparente orgoglio, del fatto che non hanno nominato l'informatore neanche quando hanno pubblicato tutti i dettagli che hanno reso semplice identificarlo. Ma NBC News - citando il rapporto di Ross e altre informazioni pubbliche - ha deciso di nominarlo , sottolineando al contempo che non ha confermato di aver effettivamente lavorato come informatore dell'FBI:

Il professore che ha incontrato sia Page che Papadopoulos è Stefan Halper, un ex funzionario nelle amministrazioni Nixon, Ford e Reagan che è stato un consulente pagato per un think tank del Pentagono noto come Office of Net Assessment, che si occupa di questioni relative alla Russia e la Cina, secondo i registri pubblici.



“The professor who met with both Page and Papadopoulos is Stefan Halper, a former official in the Nixon, Ford and Reagan administrations who has been a paid consultant to an internal Pentagon think tank known as the Office of Net Assessment.” https://www.nbcnews.com/news/amp/ncna875516 




NON C'È NULLA di intrinsecamente spiacevole, o addirittura insolito, dell'FBI che usa spie e informatori in un'indagine. Ci si aspetterebbe che lo facciano. Ma l'uso di Halper in questo caso e le bizzarre affermazioni fatte per nascondere la sua identità sollevano alcune domande che meritano ulteriori indagini.

Per cominciare, il New York Times ha riferito nel dicembre dello scorso anno che l'indagine dell'FBI sui possibili legami tra la campagna di Trump e la Russia è iniziata quando George Papadopoulos un po alticcio si è vantato con un diplomatico australiano di qualcosa sui russi con Hillary Clinton. È stata la divulgazione di questo episodio da parte degli australiani che " ha portato l'FBI ad aprire un'indagine a luglio 2016 sui tentativi della Russia di interdire le elezioni e se qualcuno dei membri del presidente Trump avesse partecipato alla cospirazione", afferma il NYT.

Ma ora sembra chiaro che i tentativi di Halper di raccogliere informazioni per l'FBI sono iniziate prima. "Le interazioni del professore con i consiglieri di Trump iniziarono poche settimane prima dell'apertura dell'inchiesta, quando Page incontrò il professore al simposio britannico", riferì il Post. Anche se non è raro che l'FBI raccolga informazioni prima di aprire un'indagine formale, il precedente spionaggio di Halper mette in dubbio l'accuratezza della dichiarazione del NYT secondo cui le discordanze dovute all'ubriachezza di Papadopoulos ha suscitato l'interesse dell'FBI in quanto alle possibili connessioni. E suggerisce che gli agenti della CIA, che apparentemente lavorano con  alcune fazioni all'interno dell'FBI, stavano cercando di raccogliere informazioni sulla campagna Trump del tempo prima di quanto era stato riportato precedentemente.

Poi ci sono domande su quelli che sembrano essere delle retribuzioni molto sostanziose del governo  a Halper per tutto il 2016. Halper viene elencato come un "fornitore" ,sui siti Web che tracciano i pagamenti , del governo federale per appaltatori privati.




All'inizio di questa settimana sono stati rilevati record di pagamenti effettuati nel corso del 2016  dal Department of Defense’s Office of Net Assessment sui conti di Halper,  sebbene da questi documenti non sia stato possibile conoscere il tipo di lavoro esatto per il quale sono stati effettuati questi pagamenti. L'ufficio del Pentagono che ha pagato Halper nel 2016, secondo una news del Washington Post del 2015 sulle sue nuove funzioni , "riferisce direttamente al Segretario della Difesa e si concentra pesantemente sulle minacce future, ha un budget di $ 10 milioni."



È difficile capire come identificare qualcuno le cui connessioni con la CIA siano una questione di tale documentazione pubblica, e che abbia una lunga e ben nota storia di lavorare su programmi di spionaggio che coinvolgono le elezioni presidenziali per conto della comunità dei servizi segreti, potrebbe mettere in pericolo vite umane o portare a gravi danni alla sicurezza nazionale. Non è come se Halper fosse stato una sorta di attività segreta segreta e nascosta della CIA che è stata appena  scoperta. Al contrario:  è una spia incorporata nella comunità dei servizi segreti degli Stati Uniti, molto nota a chiunque abbia accesso a Internet.

Altrettanto strani sono i giochi semantici che i giornalisti stanno giocando per affermare che questa rivelazione smentisce, piuttosto che provare, l'accusa di Trump che l'FBI "spia" la sua campagna. Questo bizzarro scambio tra il CNN Andrew Kaczynski e  Trip Gabriel del New York Times illustra in modo vivido le strane macchinazioni usate dai giornalisti per giustificare il modo in cui tutto questo viene caratterizzato:


Nonostante ciò,  in realtà è Halper, l'FBI e i suoi deboli informatori hanno passato settimane usando un linguaggio disperato per cercare di nascondere l'identità di Halper e il lavoro che ha svolto come parte attiva  nelle elezioni del 2016. Ecco la reazione profondamente emotiva alla storia della scorsa notte da Benjamin Wittes di Brookings, che è diventato una star dei social media rivaleggiando il suo status di migliore amico di Jim Comey e fedele collaboratore di lunga data alle agenzie statali della sicurezza in un ruolo di primo piano nella promozione della falsa narrazione Trump/ Russia:


L'affermazione di Wittes secondo cui tutto ciò ha comportato l'"outing" di una sorta di "fonte di intelligence" sensibile è assurda dato che il ruolo di Halper come agente della CIA è  pubblicamente noto da decenni. Ma questa è la truffa a cui l'FBI e persone come Mark Warner sono ricorse per due settimane: ingannare le persone per far credere che l'esposizione dell'identità di Halper creerebbe gravi danni alla sicurezza nazionale rivelando alcuni asset dell'intelligence precedentemente sconosciuti.

Wittes sottintende anche che sono stati Trump e Devin Nunes a essere responsabili dell'esposizione di Halper, ma quasi certamente non ha idea chi siano le fonti del NYT o il Washington Post. È noto che Wittes è troppo codardo per incolpare le istituzioni che hanno reso facile l'identificazione di Halper - il New York Times e il Washington Post - preferendo invece sfruttare l'opportunità di rappresentare i nemici del suo amico Jim Comey come traditori.

Qualsiasi altra cosa sia vera, l'agente della CIA e l'informatore dell'FBI che raccoglievano informazioni sulla campagna di Trump nella campagna del 2016 è stata falsamente rappresentata per settimane come una risorsa di intelligence sensibile piuttosto che la realtà: un agente della CIA da lungo tempo con ampi legami con la famiglia Bush, responsabile di un'operazione di spionaggio illegale e probabilmente illegale anche per le elezioni presidenziali del 1980. Per questo motivo, è facile capire perché molte persone a Washington fossero così disperate nel cercare di nascondere la propria identità, ma quella disperazione non aveva nulla a che fare con le alte e nobili preoccupazioni per la sicurezza nazionale, come sostenevano, fossero le motivazioni.

http://sadefenza.blogspot.com/2018/05/linformatore-dellfbi-che-ha-monitorato.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!