domenica 24 giugno 2018

ELEZIONI IN TURCHIA: ERDOGAN MIRA A MANTENERE LA PRESIDENZA 

South Front 
Sa Defenza 




I sostenitori di Muharrem Ince, candidato presidenziale del principale partito popolare repubblicano dell'opposizione della Turchia (CHP), parteciperanno a una manifestazione elettorale a Istanbul, in Turchia, il 23 giugno 2018. Osman Orsal / Reuters

Erdogan è in testa con il 58,48%. Anche il suo partito al governo, che fa parte dell'Alleanza popolare, è in testa con il 50,19%.
Sei politici corrono nelle elezioni presidenziali. 
  • Il presidente in carica Recep Erdogan - l'Alleanza popolare, è un'alleanza elettorale tra il Partito di Giustizia e Sviluppo di Erdogan (AKP) e il Partito del movimento nazionalista (MHP);
  • Muharrem Ince - il Partito popolare repubblicano (CHP);
  • Selahattin Demirtas - il Partito democratico popolare filo-curdo (HDP);
  • Meral Aksener: il partito di destra IYI (Buono);
  • Temel Karamollaoglu: il Felicity Party;
  • Dogu Perincek - il partito patriottico.







I sondaggi sono iniziati nelle elezioni parlamentari e presidenziali in Turchia.

Ci sono 56,322,632 elettori registrati e 180.065 urne in tutto il paese. Circa 1,49 milioni di espatriati hanno già votato in un periodo di 13 giorni tra il 7 e il 19 giugno a 123 missioni turche all'estero.

Recep Tayyip Erdogan ha bisogno di oltre il 50% del voto presidenziale per assicurarsi il suo posto nel primo turno delle elezioni presidenziali. Se nessun candidato ottiene più del 50%, ci sarà un secondo turno. 

Il principale sfidante di Erdogan è Muharrem Ince del Partito popolare repubblicano (CHP).

Secondo i sondaggi prelettorali, Erdogan otterrà circa il 47-48% nel primo turno mentre Ince raggiungerà il 30%. Pertanto, molti esperti prevedono una sfida a due round.

Allo stesso tempo, anche il partito al governo di Erdogan, AK, dovrà affrontare alcuni problemi nel voto alle elezioni parlamentari.
"In un possibile secondo turno alle elezioni presidenziali, i voti curdi giocheranno nuovamente un ruolo importante. Probabilmente sarà Meral Akşener o Muharrem İnce in piedi contro Erdoğan nel ballottaggio. Sebbene i funzionari dell'HDP non vogliano commentare chi si rivolgerebbe agli elettori HDP in un secondo turno, si ritiene che l'İnce del CHP avrebbe migliori possibilità di Akşener nell'attrarre voti curdi. Dopotutto, la reputazione di Akşener come ex ministro degli interni non è buona per gli elettori kurdi. Se i curdi decidono di non votare al secondo turno, ciò andrebbe certamente a vantaggio di Erdoğan ", scrive Serkan Demirtas nel suo articolo per Hürriyet Daily News .

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/elezione-in-turchia-erdogan-mira.html

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:
Categories: , , ,

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!