giovedì 9 novembre 2017

LA ZONA MORTA DEL GOLFO DEL MESSICO DIMOSTRA I PERICOLI COMBINATI DI ALLEVAMENTO INDUSTRIALE E AZIENDE AGRICOLE

Alex Pietrowski
wakingtimes.com
Sa Defenza 



Se uno è veramente preoccupato per il cambiamento climatico, si chiede da dove iniziare a invertire il danno che è stato fatto al nostro pianeta, un ottimo posto per fare i cambiamenti sarebbe il moderno modello di allevamento industriale e agricoltura. Oltre al danno causato dall'uso eccessivo di pesticidi, erbicidi e fungicidi, l'uso eccessivo di fertilizzanti azotati e il deflusso proveniente dai lotti di alimentazioni animali provoca un disastro ecologico unico.

Nel Golfo del Messico, gli scienziati hanno recentemente annunciato di aver misurato le più grandi zone oceaniche morte mai registrate , appena fuori dalla costa della Louisiana e del Mississippi, alla foce del fiume Mississippi. Questa zona morta è un'area d'acqua dove i livelli di ossigeno sono troppo bassi per sostenere la vita, a causa di un inquinamento delle acque estreme.

Il principale fattore di creazione di zone morte è l'aumento innaturale dei livelli di azoto nell'acqua, anche se altre questioni relative all'inquinamento idrico svolgono un ruolo significativo, quali: la  copertura sistematica, di strade e autostrade, la costruzione di sistemi di drenaggio artificiale , e la perdita delle zone umide
"Le sostanze nutritive che scorrono nei corsi d'acqua, nei fiumi e nell'oceano provenienti dall'agricoltura e dalle acque reflue stimolano una sovrabbondanza di alghe che poi si decompongono. Ciò provoca l' ipossia o la mancanza di ossigeno nell'acqua, causando fuga della vita marina o la morte ". [ Fonte ]
Il seguente video della CBS di Miami riferisce su questo tema, anche se la definiscono come un problema economico e non ecologico:




La seguente presentazione offre uno sguardo semplificato sulla questione:



È arrivato il tempo di tornare alla produzione biologica ed etica degli alimenti

Quasi tutti i principali problemi del mondo sono il risultato degli squilibri introdotti nei nostri sistemi ecologici da parte dei sistemi di produzione agricola e alimentare che sono divenuti uno squilibrio, concentrandosi esclusivamente sul profitto piuttosto che sull'adeguata cura dell'ambiente.

Il lago più grande della Florida è stato lentamente avvelenato dall'industria dello zucchero, un altro esempio di come questi sistemi agricoli industriali ignorino l'impatto negativo sull'ambiente. Questo riguarda anche le aree intorno ai Grandi Laghi, tra cui le forniture di acqua potabile nel Midwest.
"Il problema non è limitato al Golfo del Messico. Molti altri corsi d'acqua sono inquinati da prodotti chimici agricoli. Il lago Erie, ad esempio, attualmente è in formazione una fioritura di alghe di 700 miglia quadrate, dalle cui tossine  si può contaminare anche l'acqua potabile. Le fioriture di alghe riempiono anche il più grande immissario dei Grandi Laghi, il fiume Maumee. Attualmente i funzionari sostengono che i livelli di microcistina (le tossine prodotte dalle alghe) nei tubi di aspirazione del Lago Erie sono basse, ma possono cambiare in qualsiasi momento.

Nel 2014,  Toledo, in Ohio, è stato costretto a interrompere la fornitura di acqua potabile a mezzo milione di residenti per tre giorni a causa di elevati livelli di microcistina nell'acqua. Le alghe compromettono anche l'economia regionale ogni anno, poiché la pesca ricreativa e il turismo deve essere limitato. Il lago Erie ha iniziato a manifestare problemi significativi nei primi anni 2000 ". [ Fonte ]
Le operazioni di alimentazione animale confinate in gabbie e spazi molto ristretti, contribuiscono a una litania di questioni, oltre alle pratiche disumane e immorali sul trattamento degli animali in questi ambienti. Queste attività intensive alimentano anche le malattie nel bestiame e distruggono intere comunità , provocando il fallimento delle piccole aziende agricole indipendenti o costringendo i piccoli agricoltori ad impegnarsi in pratiche non etiche.
"I rifiuti provenienti dall’allevamento intensivo di bestiame contribuiscono anche all’inquinamento atmosferico, e i lavoratori del settore e i residenti vicini agli allevamenti hanno una maggiore incidenza di asma, mal di testa, irritazione oculare e nausea".
"Secondo l’Environmental Protection Agency (EPA), gli stati americani con elevate concentrazioni di rifiuti da allevamento intensivo presentano annualmente 20-30 gravi problemi di qualità dell’acqua. Una delle ragioni per cui pochi americani sono consapevoli di queste problematiche è dovuto alle leggi cosiddette Ag-gag, che impediscono legalmente a chiunque, privati cittadini, giornalisti e dipendenti di riprendere o fotografare cosa succede nelle aziende agricole. ".[ Fonte ]
Questo elenco potrebbe andare avanti e avanti e ancora avanti e le prove ci sono. Il principale modello standard della produzione agricola è il suicidio, in quanto siamo noi stessi che distruggiamo l’ambiente naturale in cambio di alimenti a basso contenuto di nutrienti ma ad alto contenuto di antibiotici, ormoni e pesticidi che ci causano le più diverse malattie. Sappiamo già che solo un ritorno all'agricoltura biologica e su piccola scala potrà nutrire il mondo intero , è questo un obiettivo su cui puntare seriamente e globalmente se si desidera un benefico esteso a temp indefinito su ogni fattore, e forse un giorno faremo finalmente ritorno a queste metodologie intelligenti, sostenibili e rispettose dell’ambiente e della vita.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!