martedì 23 luglio 2019

CBG:  migliore nuovo cannabinoide, sostituirà il CBD?


Una nuova molecola della pianta di cannabis cresce tra i sostenitori della marijuana terapeutica

Jenni Gritters
SA DEFENZA 



Credito: Cattytonic / iStock / Getty Images Plus

Quando Shango Los, fondatore dell'organizzazione di educazione alla cannabis VIMEA e conduttore del podcast  Shaping Fire, al primo incontro con Judy* (nome di fantasia), lei era colpita da una sindrome ansiosa opprimente che accompagnava il suo modus vivendi quotidiano della sua intera vita. Era esausta, anche se usciva solo per fare la spesa. Svolgere il suo lavoro casalingo sembrava una lotta quotidiana e afferma che i farmaci prescritti offrivano più effetti collaterali negativi che un vero aiuto.

Judy inizialmente si è avvicinata a Los perché sapeva che stava insegnando un trattamento alternativo con la cannabis alle persone della sua locale comunità . Los per prima cosa raccomandò a Judy di usare del cannabidiolo o CBD per curare la sua ansia. Prese una dose di un rapporto tra 2 e 1 CBD e THC ogni giorno scoprendo che la sua ansia ha iniziato  a diminuire. Quindi, Los l'ha introdotta al CBG, un nuovo  cannabinoide  sul mercato, e le ha fatto ingerire  una capsula riempita con olio di cannabis estratto da una rara pianta di marijuana ricca di CBG. Judy rimase sbalordita: la sua ansia diminuì immediatamente.

Ora è meno esausta e dice che può passare del tempo con i suoi amici la sera. Ha l'energia per cucinare per se stessa e la sua famiglia e la sua vita è complessivamente migliorata. Tutto questo, Judy l'attribuisce al CBG, che ora prende quasi quotidianamente (alternandosi ad alcune altre tinture di cannabis) come parte del suo regime terapeutico.


Chimicamente, il CBG è il fratello maggiore di CBD e THC.

Se Judy e Los hanno ragione, il CBG potrebbe essere la prossima grande novità. Il cannabinoide meno noto, pubblicizzato dai sostenitori della cannabis per essere ancora più efficace del CBD per l'ansia e il dolore cronico, potrebbe persino seguire le orme che sconvolgono il mercato del CBD. Ma poiché la ricerca sul CBG è in una fase molto precoce e principalmente basata su modelli animali, gli scienziati sono ancora scettici.

CBG vs. CBD vs. THC: A Primer

Un buon modo per capire il CBG è fare un passo indietro e dare un'occhiata alla pianta di cannabis nel suo insieme. La pianta produce un certo numero di cannabinoidi, che sono molecole nelle piante di marijuana o canapa che agiscono sui recettori dei cannabinoidi - parte del sistema endocannabinoide - nel cervello. Probabilmente hai sentito parlare dei due cannabinoidi più comuni: THC e CBD.

Chimicamente, CBG è il fratello maggiore di CBD e THC. “Le piante di cannabis producono CBG, ma di solito la pianta non si ferma qui. Il CBG è solo una breve stazione sulla strada per la produzione di altri cannabinoidi, come THC e CBD ", spiega il dott. Ethan Russo, direttore della ricerca e sviluppo presso l'International Cannabis and Cannabinoids Institute. Questo va bene per i coltivatori che vogliono realizzare prodotti che piacciano alle persone che cercano di ottenere il THC o a coloro che vogliono saltare sul clamore del CBD.

Ma alcuni sostenitori della cannabis, come il fondatore di Heylo Cannabis e il chimico capo Lo Friesen, hanno iniziato a chiedersi se si potesse interrompere  lo sviluppo anticipato della pianta di cannabis al fine di preservare un'alta percentuale di CBG. Friesen e il suo team con sede a Seattle producono estratti di cannabis e crede che inseguire il progetto sul CBG possa essere una mossa aziendale intelligente.

Al fine di cogliere i potenziali e i limiti del CBG, ha senso dare un'occhiata più da vicino al suo fratello minore, il CBD
Il CBD è diventato estremamente popolare negli ultimi anni. In effetti, secondo Statista , si prevede che entro il 2022 valga quasi 1,8 miliardi di dollari . Le persone giurano per il CBD perché è un sottoprodotto della cannabis non psicotropo, il che significa che non ti fa sentire in alto. Il CBD deriva principalmente dalla canapa e alcune ricerche suggeriscono che fornisce sollievo per una serie di condizioni come epilessia, ansia, insonnia, e dolore cronico.


La ricerca sul CBD è ancora in una fase molto precoce e si concentra principalmente su test di laboratorio e modelli animali, il che significa che gli esperti non sanno pienamente se il CBD funziona davvero per il trattamento delle condizioni mediche negli esseri umani.

La popolarità del CBD dipende anche dalla sua natura a basso rischio. Secondo l' Organizzazione mondiale della sanità , "il CBD non mostra effetti indicativi di alcun potenziale di abuso o dipendenza ... Ad oggi, non vi sono prove di problemi relativi alla salute pubblica associati all'uso del CBD puro". (L'OMS non ha ancora rilasciato dichiarazioni sul CBG, probabilmente perché non è ancora abbastanza popolare per meritare una menzione.)

Detto questo, la ricerca sul CBD è ancora in una fase molto precoce e si concentra principalmente su test di laboratorio e modelli animali, il che significa che gli esperti non sanno pienamente se il CBD funziona davvero per il trattamento medico negli esseri umani o se i suoi effetti sono principalmente legati all'effetto placebo.

"C'è così tanto potenziale, che stiamo appena iniziando a capire, dall'uso del CBD e di altri cannabinoidi, sia in termini di uso medico che per altri problemi legati allo stile di vita", afferma il dottor Peter Grinspoon, un medico di base presso il Massachusetts General Hospital e un istruttore presso la Harvard Medical School. "Dobbiamo stare attenti perché è facile che le aspettative, l'entusiasmo e le affermazioni del marketing superino di gran lunga le prove scientifiche reali, come stiamo vedendo con il CBD."

L'altro grosso problema è che i prodotti a base di CBD possono variare notevolmente in termini di qualità perché non sono regolamentati. Il CBD è incredibilmente accessibile, in particolare online. Tutti e 50 gli stati hanno leggi che legalizzano il CBD in vari gradi di restrizione e, nonostante il CBD sia un prodotto di cannabis, la politica punitiva del governo federale per l'uso del CBD rimane un'area grigia.

La promessa del CBG

Il CBG è nella stessa barca del CBD, ma con ancora meno ricerche sulla sua efficacia e meno disponibilità. Tuttavia, i sostenitori ritengono che la sostanza potrebbe diventare un'opzione di trattamento alternativa praticabile per le persone con ansia e dolore cronico, forse anche più del THC e del CBD.

"Il THC può attirarti verso l'interno e può peggiorare l'ansia. Ma il CBG sembra mitigare questo effetto", afferma Daniel Luebke, responsabile marketing e marchio di Heylo Cannabis. Russo spiega che i primi studi hanno messo in luce i forti effetti anti-ansia del CBG, senza per questo essere un sedativo e senza la  potenziale dipendenza.

Il bonus finale è che il CBG sembra avere pochissimi effetti collaterali negativi, tranne aumentare l'appetito.

"Il CBG si lega ai recettori dei cannabinoidi ma con un'affinità che è molto inferiore al THC, quindi una persona può prenderne una grande quantità e non essere intossicata", dice Russo nelle sue prime ricerche sull'argomento. "Ma mostra un forte effetto anti-ansia e ha anche effetti rilassanti per i muscoli, forse anche più del THC." Gli scienziati ritengono che il CBG si leghi a determinati recettori endocannabinoidi nel cervello che mitigano l'ansia e il dolore.

Los cita diversi aneddoti di persone che hanno usato il CBG per trattare problemi di dolore cronico, spesso facendo ruotare il CBG con CBD e THC per assicurarsi di non ottenere troppa tolleranza a nessun specifico  cannabinoide. Dice che queste persone hanno sperimentato facilità nella tensione muscolare e nei crampi, ma senza eccessi. Per loro, è stata una vittoria totale.

Sfortunatamente, non ci sono ancora solidi studi scientifici per sostenere queste vittorie aneddotiche - e potrebbe passare un po di tempo prima che ci sia qualche tipo di prova sugli effetti del CBG sull'uomo. Alcune prime ricerche sugli animali hanno dimostrato che il CBG può effettivamente gestire efficacemente il dolore
In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che il CBG ha notevolmente giovato ai gatti con glaucoma ne ha ridotto la pressione oculare. In un altro studio, il CBG usato ha alleviato  una neuroinfiammazione nei topi. Uno studio del 2013  ha  scoperto che il CBG era efficace nel trattamento della malattia infiammatoria intestinale, gli scienziati stanno esaminando persino la sua capacità di aiutare nella gestione della neurodegenerazione .

Altri studi sugli animali sostengono l'esperienza di Judy nell'uso del CBG per regolare l'ansia, sebbene non siano ancora condotti studi sull'uomo a causa degli attuali divieti sulla ricerca con la cannabis. Uno studio del 2006 ha mostrato che l'erba ha avuto effetti antidepressivi nei topi, mentre un altro studio ha scoperto che il CBG ha avuto un effetto analgesico su alcuni recettori, portando alla riduzione dell'ansia.

Gli ostacoli


Ci sono ancora molte barriere quando si tratta di portare il CBG alle masse.

Innanzitutto, c'è il problema della regolamentazione e della ricerca. Grinspoon afferma che l'unico modo per far avanzare il settore è quello di eliminare le sostanze di cannabis come CBD e CBG dalla categoria "Schedule 1" della DEA, che impedisce la ricerca. A partire da ora, la FDA ha approvato un solo farmaco a base di CBD chiamato Epidiolex, per i bambini con epilessia. Per sapere se il CBD e il CBG funzionano per il trattamento di altre condizioni, è necessario effettuare studi sull'uomo. Russo osserva che qualsiasi futura ricerca sul CBG nell'uomo sarà probabilmente condotta al di fuori degli Stati Uniti. "Per quanto ne sappia, il National Institute on Drug Abuse, che svolge tutta la ricerca sulla cannabis negli Stati Uniti, non ha alcun CBG nel suo arsenale di ricerca in questo momento", afferma.

Come è accaduto nel mondo del CBD, questa mancanza di ricerca lascia ai pazienti di far da se le prove per quanto riguarda il dosaggio e il metodo di consegna, che poi riportano in organizzazioni  come VIMEA. "I pazienti disperati e coloro che si prendono cura di loro, scambiano informazioni online  portando avanti  studi scientifici sulla propria pelle ", afferma Los.

In secondo luogo, c'è il problema della quantità e della qualità del CBG. La maggior parte delle piante di cannabis produce solo piccole quantità di CBG, poiché in genere convertono il CBG in THC e CBD prima che fiorisca. Ciò significa che non c'è molto CBG disponibile per la distribuzione. Per i consumatori, il CBG può essere difficile da trovare, anche nei dispensari degli Stati in cui la sostanza è legale. (Nei dispensari, il CBG viene solitamente venduto in prodotti che combinano THC o CBD con CBG.) La maggior parte dei pazienti fa fatica a trovare abbastanza sostanza per dosarsi regolarmente. E anche se riesci a trovare abbastanza CBG, la qualità è sospetta.


Ci sono ancora molte barriere quando si tratta di portare il CBG alle masse. Innanzitutto, c'è il problema della regolamentazione e della ricerca. In secondo luogo, c'è il problema della quantità e della qualità del CBG.

Friesen ritiene che tutto cambierà negli anni a venire. Alcuni imprenditori, come David Heldreth, Chief Science Officer di True Terpenes e CEO di Panacea Plant Sciences , stanno lavorando per sviluppare piante di cannabis che non fermeranno lo sviluppo del CBG. Se questo processo funziona, le piante potrebbero produrre fino al 100% del cannabinoide secondario per chimici interessati come Friesen. Secondo quanto riferito, GW Pharmaceuticals ha una varietà di piante in grado di produrre CBG puro, che stanno usando per fare ricerche sul cannabinoide secondario.

"Per noi, c'è qualità e qualità", afferma Friesen con il suo desiderio di lavorare con coltivatori sostenibili che possono offrire prodotti a base di cannabis che si dimostrano chimicamente unici. Per Friesen, estendere le offerte del CBG a persone che non sono consumatori di cannabis è sia una decisione aziendale intelligente che un ottimo modo per educare il pubblico sui benefici dell'uso di marijuana medica.

"Il nostro obiettivo è offrire una vasta gamma di diversi profili chimici dei prodotti a base di cannabis e contribuire a diffondere la ricerca", afferma Friesen. "Penso che l'industria si stia spostando per fare tesoro di genetiche interessanti e vedremo un crescente interesse per prodotti come il CBG. Il consumatore di cannabis si sta anche evolvendo per concentrarsi su come questa pianta può aiutarli a ottenere una migliore vita. "

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/07/cbg-migliore-nuovo-cannabinoide.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!