martedì 25 maggio 2021




Di Peter Koenig

"Ho detto che avremmo preteso un prezzo molto alto da Hamas e da altri gruppi terroristici, e lo stiamo facendo e continueremo a farlo con grande forza", ha detto Netanyahu in un infuocato discorso video.

Il premier israeliano Netanyahu è un criminale di guerra e dovrebbe essere ritenuto responsabile per crimini di guerra in tutta la sua premiership israeliana, secondo i criteri del processo di Norimberga del 1945/1946. I suoi crimini contro l'umanità, contro una Palestina indifesa sono paragonabili all'Olocausto.

Nel 2016 il signor Benjamin Netanyahu era stato incriminato con l'accusa di corruzione, frode e violazione della fiducia. Il processo è in corso ma è stato temporaneamente “sospeso”. Netanyahu ha liquidato le accuse come ipocrite e si comporta come se non esistessero. Anche se gli manca la maggioranza per formare un governo, agisce impunemente, - può perché ha il sostegno degli Stati Uniti.

Ancora più importante, Israele è stato accusato dinanzi alla Corte penale internazionale (CPI) dell'Aia per crimini contro l'umanità e crimini di guerra contro la Palestina .


Il 3 marzo 2021 il procuratore della Corte penale internazionale, la signora Fatou Bensouda, ha dichiarato di aver avviato un'indagine su presunti crimini nei territori palestinesi. Ha aggiunto che l'indagine esaminerà "i crimini nella giurisdizione della Corte che si presume siano stati commessi" dal 13 giugno 2014 e che l'indagine sarà condotta "in modo indipendente, imparziale e oggettivo, senza timori o favori".

In una rapida risposta, il premier Netanyahu ha accusato la Corte di ipocrisia e antisemitismo. Naturalmente, la difesa e il contrattacco più rapidi e spesso più efficaci è etichettare antisemita qualsiasi accusa, per quanto legittima sia. Definire un antisemita qualcuno fa tacere la maggior parte delle persone, indipendentemente dal fatto che l'accusa sia vera o falsa. Ciò spiega in parte perché nessuno osa nemmeno presentare la verità sui crimini commessi da Israele.

*

Immagina, gli ebrei furono le principali vittime del Terzo Reich tedesco, un regime nazista, e oggi i leader politici di Israele, molti dei quali discendenti degli ebrei, perseguitati e massacrati nei campi di concentramento nazisti, hanno permesso la trasformazione di Israele in un Quarto Reich sionista , che giustizia i palestinesi in stile olocausto. Lo  fanno impunemente da 73 anni, con gli attuali massacri che hanno raggiunto proporzioni inaudite.

Le proteste a favore della Palestina si svolgono in tutto il mondo - e soprattutto ora, finalmente, in tutta Europa. Lavoratori e giovani si sono uniti alle proteste in tutta Europa sabato 15 maggio, anche a Londra, Parigi, Berlino e Madrid, per opporsi al bombardamento israeliano della popolazione palestinese a Gaza. Le manifestazioni coincisero con la Nakba palestinese (Catastrophe Day, 14 maggio 1948), che segnò la fondazione dello stato di Israele, attraverso l'espulsione forzata di 760.000 palestinesi dai loro villaggi.

Ecco cosa ha detto un manifestante, Khalid, a Manchester, nel Regno Unito. Khalid teneva un cartello con la scritta "Ritirare l'assedio della Palestina-Stop ai bombardamenti della Palestina" . E ha detto:
Israele dovrebbe saperlo meglio. Sanno come ci si sente ad essere sterminati. Non avevano patria e sono venuti in Palestina come ospiti e ora si sono appropriati delle case dei palestinesi e stanno cercando di buttarli fuori. I palestinesi non hanno acqua, non hanno cibo. Ci sono persone come [il primo ministro britannico] Boris Johnson e altri presidenti che colludono con Israele e danno loro soldi per distruggere la vita umana " - (Vedi questo )

I crimini di guerra israeliani, crimini contro l'umanità, avvengono sempre con il sostegno incrollabile degli Stati Uniti. Nessun candidato presidenziale degli Stati Uniti ha la possibilità di essere "eletto" alla presidenza più alta dell'impero, la Presidenza, senza aver dimostrato il proprio sostegno indiscusso al sionista-Israele. Senza quel sostegno occidentale, la guerra di Israele contro e l'oppressione della Palestina sarebbe presto finita.

La Palestina potrebbe ricominciare a respirare e diventare un paese libero, un paese autonomo, sovrano, autosufficiente, quello che erano prima del Piano di partizione delle Nazioni Unite forzato per la Palestina, e come era stato previsto dalla Risoluzione 181 II dell'ONU del 1947. Questa situazione di conflitto genocida ha è durato quasi tre quarti di secolo - e ha poche possibilità di diminuire sotto l'attuale costellazione geopolitica del Medio Oriente e del mondo, dove l'obbediente sottomissione al comando e alle atrocità USA-Israele è il nome del gioco.

Contesto

Il conflitto è iniziato fondamentalmente con la creazione di Israele. Il Regno Unito, dalla fine della prima guerra mondiale e dalla dissoluzione dell'Impero Ottomano, occupante della penisola palestinese (Palestina e Transgiordania, vedi mappa), ha proposto all'ONU come condizione per il ritiro del Regno Unito, la creazione di Israele nella parte occidentale della quella che allora era conosciuta come Palestina e Transgiordania. Il cosiddetto Piano spartizione delle Nazioni Unite per la Palestina, fu votato il 29 novembre 1947 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, come Risoluzione 181 (II). Gli allora 57 membri dell'ONU votarono 33 (72%) a favore, 13 contro la risoluzione, con 10 astensioni e uno assente. L'Autorità Palestinese non è mai stata consultata su questa proposta. Pertanto, per molti studiosi la legalità del Piano di spartizione delle Nazioni Unite rimane discutibile.

Il Piano ha cercato di risolvere gli obiettivi e le rivendicazioni contrastanti di due movimenti concorrenti, il nazionalismo palestinese e il nazionalismo ebraico o il sionismo. Il piano prevedeva anche un'unione economica tra i due stati proposti e la protezione dei diritti religiosi e delle minoranze.

Tuttavia, subito dopo l'adozione della Risoluzione da parte dell'Assemblea Generale, è scoppiata una guerra civile e il piano non è stato attuato. I resti di questa guerra civile, la mancata accettazione da parte della Palestina di questa Risoluzione 181 dell'ONU, per la quale i proprietari storici della terra non sono stati consultati, persistono fino ad oggi.

*


Dopo la caduta dell'Impero Ottomano, l'amministrazione britannica fu formalizzata dalla Società delle Nazioni sotto il mandato della Palestina nel 1923, come parte della divisione dell'Impero ottomano dopo la prima guerra mondiale. Il mandato riaffermò l'impegno britannico del 1917 alla Dichiarazione Balfour , per l'istituzione in Palestina di una “Casa Nazionale” per il popolo ebraico, con la prerogativa di realizzarla.

La Dichiarazione Balfour era una dichiarazione pubblica emessa dal governo britannico nel 1917 durante la prima guerra mondiale, che annunciava il sostegno alla creazione di una "casa nazionale per il popolo ebraico" in Palestina, allora una regione ottomana con una piccola minoranza di popolazione ebraica. La dichiarazione era contenuta in una lettera datata 2 novembre 1917 del ministro degli esteri del Regno Unito Arthur Balfour, a Lord Rothschild, un leader della comunità ebraica britannica, per la trasmissione alla Federazione sionista di Gran Bretagna e Irlanda. La domanda è ancora oggi posta: quanto era legittima quella dichiarazione in termini di diritto internazionale? Molti accademici vedono questa dichiarazione ancora oggi come una mossa unilaterale e una violazione del diritto internazionale, poiché non ha mai avuto luogo alcuna consultazione dell'Autorità Palestinese.

*

Nel voto dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del novembre 1947, gli Stati Uniti erano tra i 33 paesi che votavano per il Piano di partizione. È interessante notare, tuttavia, che il presidente Truman in seguito osservò:

“I fatti erano che non solo c'erano movimenti di pressione intorno alle Nazioni Unite diversi da qualsiasi cosa si fosse visto lì prima, ma che anche la Casa Bianca era sottoposta a una raffica costante. Non credo di aver mai avuto tante pressioni e propaganda rivolte alla Casa Bianca come in questo caso. La persistenza di alcuni dei leader sionisti estremi - mossi da motivi politici e impegnati in minacce politiche - mi ha disturbato e infastidito ".

Questa pressione sionista era quella di stabilire il livello di ciò che sarebbe seguito - fino ad oggi.

David Ben-Gurion , statista sionista e leader politico , è stato il primo Primo Ministro (1948–53, 1955–63) e Ministro della difesa (1948–53; 1955–63) di Israele. In una lettera a suo figlio nell'ottobre 1937 , Ben-Gurion spiegò che la divisione sarebbe stato un primo passo verso il "possesso della terra nel suo insieme" (enfasi aggiunta dall'autore).

Ad oggi, settantatré anni dopo, il conflitto non è risolto. Al contrario. È diventata la guerra più lunga, o piuttosto l'aggressione, nella storia umana recente. Una guerra non è davvero, perché una pura oppressione e un massacro letterale contro un nemico percepito, come la Palestina che non ha armi di cui parlare, essendo bombardata e colpita dai più sofisticati sistemi d'arma sponsorizzati dagli Stati Uniti, non può essere definita una guerra. È puro genocidio. Le armi preferite dai palestinesi sono per lo più pietre; sassi lanciati dai palestinesi contro gli invasori israeliani dell'IDF, che poi li falciano con mitragliatrici, per lo più civili, donne e bambini.

Le forze di difesa israeliane armate fino ai denti (IDF), invadono le aree di Gaza e della Cisgiordania palestinese con le più sofisticate mitragliatrici, bombe, fosforo bianco, praticando uccisioni indiscriminate. L'IDF distrugge gli alloggi palestinesi, gli edifici amministrativi, le scuole, i negozi, le piccole industrie manifatturiere che costituiscono la loro economia, distruggendo un popolo già in bilico sull'orlo dell'estrema povertà e disperazione. Nessuna pietà. Come si chiamano le persone che stanno commettendo crimini così indicibili?

Come si chiama questo stile di aggressione? - Uccidere letteralmente centinaia, migliaia di persone senza difesa, nella prigione a cielo aperto più grande del mondo - Gaza - che ospita oltre 2 milioni di persone, che vivono in condizioni di miseria, abitazioni e infrastrutture costantemente distrutte, dolorosamente parzialmente ricostruite - solo per essere distrutte e bombardate a pezzi ancora. Coloro che non muoiono per le aggressioni dirette israeliane, possono morire per gli effetti indiretti - carestia, miseria, malattia e suicidio - di questa ostilità costante e abietta perpetuata su quella che doveva essere, secondo il Piano di Partizione delle Nazioni Unite, una Palestina autonoma. patria del popolo palestinese.

È un conflitto in corso - apparentemente senza fine, sin dalla prima Intifada iniziata nel dicembre 1987 (l'Intifada nel contesto del conflitto israelo-palestinese è un tentativo palestinese concertato di scrollarsi di dosso il potere israeliano e ottenere l'indipendenza).

Gli Accordi di Oslo I e II sono una coppia di accordi tra il governo di Israele e l'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), rispettivamente del 1993 e del 1995, sponsorizzati dalla Norvegia nel tentativo di raggiungere la pace tra le due parti. Gli accordi di Oslo fallirono amaramente sulla questione di Gerusalemme che sarebbe diventata la capitale religiosa di entrambi i paesi, ma Israele rifiutò, rivendicando Gerusalemme come sua, trasformando la città santa nella capitale di Israele. Il primo leader straniero a riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, è stato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump il 6 dicembre 2017.

*

C'era, tuttavia, un'altra questione meno discussa ma ugualmente importante - una questione di sopravvivenza - all'interno degli accordi di Oslo: l'equa condivisione delle risorse idriche. Israele non è mai stato d'accordo, poiché circa l'85% di tutte le risorse idriche di quella che era la Terra Palestinese, attualmente rientra nei confini di quello che è stato definito dal Piano di Spartizione della Palestina. Questo si basa su uno studio della Banca mondiale, a cui ho partecipato. Su insistenza di Israele, gli Stati Uniti hanno posto il veto alla pubblicazione dello studio. Pertanto, il rapporto non è mai stato pubblicato ufficialmente e pubblicamente disponibile.

I successivi, cosiddetti processi di pace, per lo più sponsorizzati dagli Stati Uniti, sono falliti fino ad oggi, perché sia ​​Israele che gli Stati Uniti non hanno alcun interesse a trovare una soluzione pacifica. Nessuna delle due nazioni ha interesse in un Accordo di pace, poiché gli Stati Uniti hanno bisogno del conflitto per mantenere il controllo sul Medio Oriente, mentre Israele non ha intenzione di rinunciare al controllo (schiavo) sulla Palestina, poiché il suo benessere dipende dal controllo generale di quello che era un territorio arabo-palestinese, e in particolare delle risorse idriche della Palestina . Senza di loro, Israele sarebbe un deserto arido e improduttivo.

C'è uno scopo dietro questo numero illegale, ma sempre crescente, di insediamenti israeliani nei territori palestinesi: il controllo dell'acqua. Gli insediamenti sono solitamente sopra o vicino a risorse idriche sotterranee. Questo è un modo per controllare l'acqua della Palestina. Ciò accade non solo nella cosiddetta Cisgiordania, ma anche a Gaza, dove le risorse idriche sono davvero scarse. Gaza è l'area pro capite più scarsamente idrica del mondo . Le poche falde acquifere di Gaza sono sovrastate dagli insediamenti israeliani.

Questa strategia degli insediamenti israeliani totalmente illegale e spesso condannata dalle Nazioni Unite - anch'essa totalmente ignorata da Israele - riduce gradualmente la terra palestinese e aumenta il controllo di Israele sulle risorse idriche palestinesi cruciali. Vedi mappa.

L'impedimento di poter gestire le proprie risorse idriche, aumentando quindi la propria autosufficienza alimentare attraverso la propria agricoltura, fa della Palestina uno stato di schiavitù israeliano.

Inoltre, Israele ha la possibilità di aprire o chiudere il confine di Gaza, rilasciano a suo piacimento che cibo, farmaci e altri elementi essenziali per la vita entrino a Gaza, oltre a consentire esattamente il numero necessario di palestinesi a basso reddito (letteralmente schiavi) attraversare. al confine la mattina per lavorare in Israele, e dover tornare la sera alle loro case palestinesi. È puro sfruttamento dell'apartheid. Inoltre, Israele non riconosce le acque territoriali del Mediterraneo che rappresenterebbero un mezzo per l'autosufficienza e l'attività industriale economica dei palestinesi.

Secondo un rapporto OCSE del 2016, Israele è la nazione con il più alto tasso di povertà tra i paesi OCSE, ovvero il 21% degli israeliani vive al di sotto della soglia di povertà. Questo è più di Messico, Turchia e Cile. La media OCSE è di circa l'11%. Questa cifra (21%) può essere leggermente esagerata, dato il settore informale relativamente ampio e il trasferimento di pagamenti a Israele dagli ebrei all'estero, nonché dalle organizzazioni ebraiche internazionali.

Tuttavia, è chiaro che Israele non è economicamente autonomo e ha bisogno della Palestina per sopravvivere, sia in termini di risorse idriche palestinesi confiscate, sia in termini di schiavitù palestinese. Pertanto, non c'è quasi alcuna speranza che la soluzione dei due Stati pianificata dall'ONU alla fine si concretizzi. Ci sono poche speranze che questa situazione cambi nelle attuali condizioni geopolitiche. Gli Stati Uniti vogliono dominare il Medio Oriente e hanno bisogno di Israele come stato di guarnigione armato fino ai denti per gli Stati Uniti - per poi crescere e diventare il governatore per procura di Washington del Medio Oriente.

*

Una domanda che viene posta di rado, se non mai: qual è il ruolo di Hamas in questo infinito conflitto israelo-palestinese? Dal 2007 Hamas governa ufficialmente gli oltre 2 milioni di abitanti dei 363 chilometri quadrati della Striscia di Gaza. Hamas è anche l'organizzazione paramilitare o di difesa palestinese. Si dice che Hamas sia finanziato in gran parte dall'Iran. È vero? E se è così, l'Iran è l'unico finanziatore di Hamas?

È strano, tuttavia, che mai così spesso, Hamas attacchi Israele lanciando razzi non sofisticati contro le città israeliane, razzi che il più delle volte vengono intercettati dal sistema di difesa dell'IDF o causano danni minimi. Ma causano, prevedibilmente , danni minimi contro un'IDF equipaggiata dagli Stati Uniti con le più recenti armi tecnologiche e sistemi di difesa.

Tuttavia, un attacco di Hamas a Israele provoca regolarmente una feroce rappresaglia; bombardamenti, non tanto contro l'obiettivo Hamas, come intimidisce Netanyahu, “ Chiederemmo un prezzo molto alto ad Hamas e ad altri gruppi terroristici...”, ma le popolazioni civili. Le vittime più pesanti sono i cittadini civili di Gaza, tra cui molte donne e bambini, dopo una rappresaglia israeliana di "autodifesa". Questa ovviamente non è legittima difesa. Gli attacchi di Hamas di solito seguono una provocazione israeliana.

Perché Hamas dovrebbe reagire, sapendo che non arrecherà alcun danno a Israele, ma scatenerà ogni volta un massacro mortale sulla popolazione di Gaza? - All'inizio, le provocazioni israeliane sembrano "false flag". Potrebbero essere false flag con la partecipazione volontaria di Hamas? In caso affermativo, con chi collabora Hamas?

Sono domande alle quali non c'è certo una risposta immediata. Ma lo schema di 14 anni di eventi ripetutamente simili solleva la domanda: c'è un'altra agenda (di Hamas) dietro ciò che sembra?
   
*

Ciò che è criminale quasi quanto le aggressioni dell'IDF, è il silenzio quasi completo dell'Occidente, e del mondo in generale, di fronte alle atrocità di Israele commesse sulla popolazione palestinese. È una tolleranza inespressa per le stragi che Israele infligge alla Palestina, specialmente nella Striscia di Gaza, la più grande prigione a cielo aperto del mondo.

Ad esempio, l'organismo politico delle Nazioni Unite, nonostante centinaia di risoluzioni, che condanna e contrassegna le azioni illegali di Israele contro la Palestina, compreso il numero sempre crescente di insediamenti israeliani illegali nei territori palestinesi, sembra essere sfortunato contro Israele. Le deboli condanne di Israele, chiamando entrambe le parti alla ragione, lascia Israele totalmente freddo e indisturbato. Non c'è punizione di sorta, né dal sistema delle Nazioni Unite, né dagli alleati occidentali, la maggior parte dei quali sono vassalli di Washington e della NATO.f

L'amministrazione Biden ha assunto la solita posizione imperialista di cinica neutralità, come se fosse un giocatore disinteressato non coinvolto, mentre dipinge Israele come una specie di vittima invece del brutale stato di apartheid sionista che è. È importante ricordare che la creazione di Israele è avvenuta in modo che gli Stati Uniti avessero uno stato di guarnigione per proteggere i suoi interessi in Medio Oriente.

Prendete ad esempio il Segretario generale delle Nazioni Unite. Invece di condannare la spietatezza israeliana e chiedere responsabilità, il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, si è limitato a chiedere al regime di Netanyahu di "esercitare la massima moderazione e rispettare il diritto alla libertà di riunione pacifica ".

Lo stesso Segretario Generale ribadisce il suo impegno, anche attraverso il Middle East Quartet, " a sostenere palestinesi e israeliani per risolvere il conflitto sulla base delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e degli accordi bilaterali". Il Quartetto , costituito nel 2002, è composto dalle Nazioni Unite, dall'Unione Europea, dagli Stati Uniti e dalla Russia. Il suo mandato è di aiutare a mediare la pace in Medio Oriente . Ad oggi non hanno raggiunto alcun risultato tangibile.

Perché NON VOGLIONO raggiungere la pace. Per i motivi accennati prima, la pace non è nell'interesse di Israele, né nell'interesse dell'Occidente, guidato dagli Stati Uniti. Per mantenere acceso il conflitto, sacrificare centinaia, migliaia, decine di migliaia di vite palestinesi non è importante. È solo un danno collaterale di un'agenda più ampia: il controllo del Medio Oriente e delle sue ricchezze, un passo verso il controllo del mondo intero.

Di volta in volta, Guterres ha disonorato se stesso e l'ufficio che ricopre non riuscendo a denunciare l'aggressione USA / NATO / israeliana e chiedendo la responsabilità per crimini gravi troppo gravi per essere ignorati.

Se l'ONU è incapace o riluttante ad assumersi la responsabilità di regnare in Israele, forse il Gruppo dei 77 (ormai più di 120 paesi membri dell'ONU) dovrebbe prendere una posizione comune, esercitando pressioni su Israele, chiedendo come intermediario di negoziare apertamente con Israele e Palestina per raggiungere un accordo di pace sostenibile, inclusa la soluzione originale dei due stati, fino ai confini israelo-palestinesi precedenti al 1967. Diventiamo proattivi, l'ONU, nel cercare e trovare una soluzione permanente per i palestinesi stressati a morte, affamati e torturati, specialmente quelli della Striscia di Gaza.

*

Peter Koenig è un analista geopolitico ed ex Senior Economist presso la Banca Mondiale e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dove ha lavorato per oltre 30 anni su acqua e ambiente in tutto il mondo. Insegna presso università negli Stati Uniti, in Europa e in Sud America. Scrive regolarmente per riviste online ed è autore di Implosion - An Economic Thriller about War, Environmental Destruction and Corporate Greed; coautore del libro di Cynthia McKinney "When China Sneezes: From the Coronavirus Lockdown to the Global Politico-Economic Crisis" ( Clarity Press - 1 novembre 2020)


0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!