mercoledì 12 maggio 2021




Nella sua preparazione per una grande competizione di potere, le forze armate statunitensi stanno modernizzando la propria intelligenza artificiale e le tecniche di apprendimento automatico e le stanno testando in Africa occidentale.

di Scott Timcke


NIAMI, NIGER (L' Africa è un paese ) - Una caratteristica sorprendente del coinvolgimento militare degli Stati Uniti nell'Africa occidentale è l' assenza di una visione strategica osservabile per uno stato finale desiderato . Nominalmente, la presenza degli Stati Uniti nei conflitti multilivello della regione ruota attorno alla costruzione di una " cooperazione per la sicurezza " con i partner statali per migliorare le capacità di antiterrorismo, fornendo apparentemente protezione alle comunità che gli stati non possono. Allo stesso tempo, l'esercito americano è tipicamente la principale entità diplomatica per impegni bilaterali di alto livello. Il risultato è che le forze armate statunitensi stanno sostenendo l'autorità pubblica degli stati deboli, anche se in modo ad hoc che barcolla da una crisi all'altra. 

Indipendentemente dalle ragioni della presenza degli Stati Uniti, non c'è quasi nessun profondo sostegno pubblico per queste operazioni; circa il 60% dei cittadini statunitensi non vede questo tipo di conflitti come una minaccia alla sicurezza e più del 90% si oppone alle invasioni statunitensi, anche se fossero in uso armi di distruzione di massa . "Per la prima volta nella memoria recente", scrivono gli studiosi statunitensi di relazioni internazionali John Mearsheimer e Stephen Walt , "un gran numero di americani mette apertamente in dubbio la grande strategia del proprio paese". 

Anche all'interno del Dipartimento della Difesa, questi dubbi continuano a sorgere periodicamente. Come ha testimoniato l' ex segretario alla Difesa Mark Espernel febbraio 2020 al Comitato per i servizi armati della Camera, le forze convenzionali in Niger, Ciad e Mali "[hanno bisogno] di tornare a casa in modo che possano prepararsi per una grande competizione di potere". A causa della stanchezza della guerra, gli Stati Uniti hanno fatto ricorso a " esternalizzare il peso strategico e operativo della guerra per i surrogati umani e tecnologici ", creando quella che alcuni studiosi chiamano una forma di" guerra surrogata ".

Un esempio di " esternalizzazione del fardello della guerra alla macchina " è uno strumento creato dalla Defense Innovation Unit e schierato presso la base aerea di Al Udeid in Qatar nel 2017.  Durante tutto il suo dispiegamento, questo strumento ha monitorato e combinato rapidamente i feed dei social media in Siria prima di trasmettere tali informazioni ai piloti e alle truppe di terra, che le hanno poi utilizzate per identificare, tracciare e colpire obiettivi in ​​quell'area di operazioni. Il generale Joseph Votel, allora comandante del comando centrale degli Stati Uniti, si vantava del successo del modello e ha indicato che sarebbe stato replicato " nelle operazioni future ".


Il Combined Air Operations Center (CAOC) presso la base aerea di Al Udeid, Qatar. Joshua Strang | US Air Force


Nella sua preparazione per una grande competizione di potenza, l'esercito americano sta modernizzando le sue capacità congiunte di intelligence, sorveglianza e ricognizione aerea (ISR) esplorando gli usi dell'intelligenza artificiale e delle tecniche di apprendimento automatico per l'identificazione del bersaglio. L'obiettivo finale è quello di " collegare i sensori ISR ​​in tutti i domini del combattimento (spazio, aria, terra, mare e cyber) direttamente con i comandanti e i sistemi d'arma, condividendo i dati a una velocità accelerata ". In Niger, questo progetto si è concretizzato come il dispiegamento della nuova variante Block 5 dell'MQ-9 Reaper, un drone utilizzato per la prima volta in Siria nel 2017. I principali aggiornamenti del Block 5 includono la capacità di integrare e combinare più feed di dati, nonché elaborare questi dati più rapidamente . Dal 2018, gli Stati Uniti hanno armato in modo simile i loro droni in Niger . In questo modo, l'Africa occidentale si unisce alla Siria come un luogo che è diventato un banco di prova per questa nuova ondata di tecnologie ISR.

Il programma di modernizzazione dell'ISR segue i precedenti investimenti militari statunitensi nella regione con progetti come il Trans-Saharan Counterterrorism Partnership, un pacchetto di aiuti militari di 353 milioni di dollari . Attualmente, HR 192, o Trans-Sahara Counterterrorism Partnership Program Act, è un disegno di legge bipartisan che cerca di codificare tale partnership. Nel 2015, l'esercito americano ha iniziato la costruzione di una base aerea ad Agadez, in Niger, vicino a una struttura militare nigerina. Con un costo di 110 milioni di dollari , Agadez " rappresenta un'opzione interessante da cui basare le risorse ISR ... data la sua vicinanza alle minacce nella regione e la complessità di operare con la vasta distanza della geografia africana", Scrive Nick Turse, uno dei principali giornalisti da guardia degli affari militari USA-Africa. Le forze statunitensi non dovrebbero avere una missione di combattimento diretto in Niger, ma il loro ruolo di ISR ​​significa che supportano le truppe locali che intraprendono operazioni di antiterrorismo contro Boko Haram e gruppi simili . Questo supporto ha portato a un impegno tattico degli Stati Uniti pubblicamente noto e vittime di combattimento .

Queste iniziative militari contribuiscono allo stato del continente africano come di lunga data in campo sul sito per la sperimentazione che attraversa il coloniale e epoche postcoloniali. Più recentemente, dalla pubblicazione del Rapporto Berg , l'Africa è stata un banco di prova per il pensiero neoliberista che permea l' economia dello sviluppo , sostenendo politiche di aggiustamento strutturale mentre la maggior parte degli investimenti esteri diretti è concentrata nelle economie di estrazione di risorse. Questo pensiero tendeva a fermarsi ben prima di riconoscere i danni duraturi causati dal colonialismo nel continente. L'esperienza coloniale del Niger è stata particolarmente crudele, con la violenza militare francese usata per “ pacificare ” il territorio. Questa tendenza è continuata nel periodo precedente all'indipendenza del Niger nel 1960, poiché le forze militari francesi hanno soppresso l' opposizione in modo che lo stato francese potesse consolidare il controllo sui depositi di uranio scoperti tra il 1957 e il 1967 e altri minerali utili per le industrie ad alta tecnologia. Oggi, l'uranio delle miniere francesi rappresenta circa il 70% delle esportazioni del Niger , ma le esenzioni fiscali significano che poco di quel valore fluisce allo stato o ai suoi cittadini.

È in questo contesto che il Niger fornisce un buon caso di studio sull'intersezione tra le lotte per la terra dei poveri rurali e la presenza militare degli Stati Uniti. La maggior parte dei nigerini sono agricoltori di sussistenza i cui diritti di proprietà fondiaria non sono sicuri. Il paese è soggetto a frequenti siccità e gravi carenze alimentari, condizioni che sono state esacerbate dai cambiamenti climatici. Nel 2004, il 9% dei nigerini ( circa 870.000 persone ) erano ridotti in schiavitù o vivevano come lavoratori schiavi. Poiché ci sono pochi canali politici formali o vie per la risoluzione delle controversie, le condizioni sono mature per le ribellioni rurali. Mediate dalla religione, queste ribellioni sono antagoniste nei confronti di uno stato che non è in grado di fornire costantemente servizi; anzi, i gruppi ribelli si presentano come una valida autorità di governo contraria al debole stato nigeriano. Ma per gli Stati Uniti, aiutare lo Stato nigerino a reprimere queste ribellioni è codificato come antiterrorismo, una mossa retorica che fraintende i fattori fondamentali del conflitto locale e allo stesso tempo sostiene le stesse forze che causano queste ribellioni.

Un modo di pensare alle operazioni militari statunitensi in Niger è vederle come laboratori di guerra, testando nuove forme di osservabilità e letalità guidate dal controllo con un algoritmico dello stato americano , i cui componenti sono costruiti dai tipi di metalli e minerali che vengono estratti dalle miniere del Niger. Probabilmente, a causa della mancata supervisione strategica , l'Africa occidentale è favorevole per testare questi sistemi d'arma e valutare come formano una sorta di " formazione predatoria " che si estende dai confini all'entroterra del mondo.

Foto caratteristica | Due soldati delle Forces de Armees de Niger in una struttura di addestramento militare statunitense. Robert Timmons | DVIDS



Scott Timcke studia questioni di razza, classe e disuguaglianza sociale. Il suo secondo libro, Algorithms and The End of Politics (Bristol UP) è stato pubblicato nel febbraio 2021.

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!