venerdì 16 luglio 2021




Scoperto l'orologio della morte: le lancette dell'orologio biologico possono essere invertite con la molecola del vino rosso



di Bill Sardi

Uomo di 105 anni in Italia scoperto con un sistema immunitario di un 25enne

La proteina CXCL9 nel sangue determina "quanto è lontana una persona nella sua inesorabile marcia verso la tomba".

La molecola del vino rosso può produrre centenari biologicamente giovani




I ricercatori della Stanford University e del Buck Institute annunciano la straordinaria scoperta di un orologio biologico nel sangue umano in grado di determinare la tua " infiammazione di età
" (iAge) che equivale alla longevità . iAge può ora essere utilizzato per monitorare il rischio di sviluppare fragilità cronica legata all'età. Anticipa i kit di analisi del sangue che saranno presto disponibili.

Il team di ricercatori ha identificato CXCL9, una proteina infiammatoria che i biologi chiamano chemochine, come il più forte contributore a iAge. CXCL9 viene chiamato in azione quando i globuli bianchi sono necessari per rispondere all'infezione.

Il "tacere" epigenetico di CXCL9 inverte l'infiammazione cronica. In effetti, l'invecchiamento è stato ridefinito come "infiammazione". Il silenziamento genico avviene quando la produzione di proteine ​​geniche viene interrotta. Il termine "infiammazione" è stato coniato per la prima volta nel 2000 come segno distintivo dell'invecchiamento .

CXCL9 non solo attiva i geni coinvolti nell'infiammazione, ma induce anche la senescenza cellulare, l'invecchiamento dei vasi sanguigni e cambiamenti negativi nelle dimensioni, nella massa e nella funzione del cuore. La senescenza cellulare è quando le cellule viventi cessano la divisione e il rinnovamento .
La proteina CXCL9 determina "quanto è lontana una persona nella sua inesorabile marcia verso la tomba".
I ricercatori affermano che la proteina CXCL9 aiuta a determinare "a che punto è una persona nella sua inesorabile marcia verso la tomba".

L'età del tuo sistema immunitario ora può essere misurata

In media, i centenari hanno un sistema immunitario di 40 anni più giovane di quello che è considerato normale. "Abbiamo un outlier, un uomo di 105 anni super sano che vive in Italia che ha il sistema immunitario di un 25enne", hanno detto i ricercatori.

I ricercatori nel campo dell'invecchiamento ora affermano di dover prestare maggiore attenzione al sistema immunitario con l'avanzare dell'età, dato che quasi tutte le malattie dell'invecchiamento comportano un'infiammazione.

La scoperta è stata fatta dopo l'analisi del sangue di 1.001 individui ed è pubblicata sulla rivista NATURE AGING .



Famiglia CXCL e proteine ​​infiammatorie

CXCL9 è stato descritto per la prima volta come parte di una famiglia di "chemochine" negli anni '90 . CXCL9 e la sua famiglia di proteine ​​infiammatorie attivano i linfociti , i globuli bianchi come le cellule natural killer, le cellule T (cellule del timo) e le cellule B (cellule del midollo osseo) che si trovano principalmente nel fluido linfatico che bagna i tessuti di tutto il corpo umano .

Meglio del vino

Non dovrebbe essere una sorpresa apprendere che l'uomo di 105 anni in Italia è un bevitore di vino, come la maggior parte degli uomini in Italia. La domanda è: qual è l'etichetta sulla sua bottiglia di vino? E non dovrebbe sorprendere sapere che i bevitori di vino rosso vivono più a lungo degli astemi.

Questo perché i ricercatori del National Institutes of Health (NIH) hanno riferito nel 2015 che la molecola del vino rosso resveratrolo inibisce in modo dimostrabile CXCL9 e altre proteine ​​infiammatorie della famiglia CX.

La ricerca NIH è stata condotta come parte di un'indagine su ciò che provoca l'infiammazione dell'occhio umano negli ultimi anni di vita. L'infiammazione è una componente primaria della degenerazione maculare, una malattia oculare progressiva che provoca la perdita della visione centrale.

Metodologia CXCL9

Il resveratrolo inibisce le proteine ​​infiammatorie della famiglia CX attraverso la sua capacità di limitare l'attivazione di NF-KappaB, un regolatore interno del sistema immunitario innato che inizialmente risponde all'infezione e all'infiammazione. NFKappaB è comunemente misurato negli studi sull'invecchiamento e la longevità, soprattutto a causa del suo controllo sul gene di sopravvivenza Sirtuin1 .

Il gene di sopravvivenza Sirtuin1 è attivato dalla fame e imitato a livello molecolare dalla molecola del vino rosso resveratrolo .

I ricercatori del NIH riferiscono che il resveratrolo inibisce le proteine ​​pro-infiammatorie CXCL9, CXCL 2, CXCL5 e CXCL11 nelle cellule retiniche umane. Si può dire che l'effetto inibitore del resveratrolo su CXCL9 sia straordinariamente potente. Il rapporto NIH è stato pubblicato sulla rivista CYTOKINE nel 2015 . Esaminare il grafico sottostante.
Il resveratrolo attenua l'espressione di CXCL11 indotta da citochine proinfiammatorie nelle cellule epiteliali del pigmento retinico

R Krishnan Kutty 1, William Samuel 2, Rebecca Abay 2, Aswini Cherukuri 2, Chandrasekharam N Nagineni 3, Todd Duncan 2, Cynthia Jaworski 2, Camasamudram Vijayasarathy 4, T Michael Redmond 2
affiliazioni espandere
PMID: 25890876
PMCID: PMC4475468
DOI: 10.1016/j.cyto.2015.03.016Articolo PMC gratuito

Astratto

La disfunzione dell'epitelio pigmentato retinico (RPE) derivante dall'infiammazione cronica è implicata nella patogenesi della degenerazione maculare senile (AMD). È noto che le cellule RPE adiacenti ai depositi di drusen nell'occhio AMD contengono CXCL11, una chemochina coinvolta nel reclutamento di cellule infiammatorie. Abbiamo studiato la produzione di CXCL11 da parte delle cellule umane RPE (ARPE-19) in condizioni infiammatorie e testato la sua risposta al resveratrolo, un antiossidante antinfiammatorio naturale. Una miscela di citochine proinfiammatorie costituita da IFN-γ, IL-1β e TNF-α ha fortemente aumentato l'espressione dell'mRNA CXCL11 e la secrezione della proteina CXCL11 da parte delle cellule ARPE-19. Il resveratrolo ha sostanzialmente inibito la produzione di CXCL11 indotta da citochine proinfiammatorie, bloccando parzialmente l'attivazione del fattore nucleare-κB. Questa azione inibitoria del resveratrolo è stata osservata anche per l'espressione indotta da citochine delle chemochine CXCL9, CCL2 e CCL5. I nostri risultati indicano che il resveratrolo potrebbe potenzialmente attenuare la risposta infiammatoria dell'RPE implicata nella patogenesi dell'AMD.

Parole chiave: degenerazione maculare legata all'età; CXCL11; Fattore nucleare-kappa B; Resveratrolo; Epitelio pigmentato retinico.


Non inibire eccessivamente CXCL9

CXCL9 e le altre proteine ​​della famiglia CX non dovrebbero essere completamente abolite in quanto fanno parte della risposta immunitaria umana. È la loro eccessiva reattività che deve essere affrontata. La medicina moderna di solito progetta anticorpi monoclonali per bloccare completamente l'infiammazione e vasi sanguigni anomali che invadono una retina affamata di ossigeno, a spese del sistema immunitario . L'inibizione completa compromette la guarigione della ferita. Gli anticorpi monoclonali vengono iniettati regolarmente nei pazienti con degenerazione maculare, ma presentano questo inconveniente.

Resveratrolo in azione; qualsiasi pillola di resveratrolo non funzionerà

Niente di tutto questo dovrebbe sorprendere. I ricercatori del Veterans Hospital di North Chicago hanno utilizzato un nutraceutico a base di resveratrolo tra i pazienti di oltre 80 anni legalmente ciechi (visione 20/200 o peggio; devono stare a 20 piedi di distanza da una mappa degli occhi per vedere che cosa è perfettamente- l'individuo vedente può vedere da 200 piedi di distanza) e ha ripristinato la visione funzionale senza fallo .

Pillole di resveratrolo ampiamente disponibili ma spesso inutilizzate

Sebbene i nutraceutici a base di resveratrolo siano disponibili dal 2004, non sono ampiamente utilizzati, nemmeno tra i primi 100 integratori a base di erbe. Tra coloro che già includono il resveratrolo nei loro regimi di salute quotidiani, ci vorranno anni prima che si realizzi improvvisamente che potrebbe produrre una nuova generazione di centenari super sani. Gli integratori alimentari di resveratrolo evitano il problema dell'ubriachezza che accompagna il consumo di vino e forniscono una dose sicura di resveratrolo. La comunità medica è stata pronta a bollare le pillole di resveratrolo come "non biodisponibili" e di valore inutile.

È opportuno che la capacità del resveratrolo di aumentare l'immunità arrivi durante la pandemia COVID-19 che sta colpendo gravemente la popolazione anziana. Il resveratrolo blocca tutte le vie coinvolte nell'infezione virale da COVID-19 .

Non solo resveratrolo

Inoltre, un altro nutriente, il minerale zinco, è stato proposto per prevenire il declino del sistema immunitario legato all'età . È stato dimostrato che lo zinco riduce la percentuale di adulti anziani morti dal 52% al 10% e solo il 10% degli anziani fortificati con zinco è stato ricoverato in ospedale rispetto al 22% di coloro che non hanno integrato la loro dieta con lo zinco .

Non aspettarti che la Sanità pubblica paghi le compresse di resveratrolo

Il problema è che l'invecchiamento non è classificato come una malattia a cui è associato un codice di fatturazione dell'assicurazione. Non c'è alcun incentivo finanziario per medici e ospedali a indirizzare le persone su come vivere più a lungo e in salute. È un sistema di cura della malattia. Se l'invecchiamento viene ritardato di 20-40 anni, la domanda di cure mediche diminuirà. Inoltre, la longevità si scontra con un sistema sanitario che non può più permettersi di prendersi cura degli anziani americani. Il Medicare Trust Fund (sanità pubblica) è praticamente vuoto, fatta eccezione per i nuovi contributi dalle buste paga dei lavoratori più giovani, molti dei quali ora sono disoccupati.

Quindi, quando si tratta di longevità, gli adulti americani dovranno valutare le migliori prove disponibili. Montagne di ricerche dicono che ora è possibile vivere 120 anni sani, ma la decisione di farlo dovrà essere tua, non del tuo medico, e no, la Sanità pubblica non pagherà per le pillole anti-invecchiamento.

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!