sabato 18 dicembre 2021


Ivermectina l'efficace terapia negata dal governo 




di CHESSMASTER

All'inizio della pandemia era abbastanza ovvio per molti medici che l'ivermectina funzionava. Il problema è che non c'erano studi ben controllati e la mancanza di un protocollo solido nella gestione clinica. In posti come l'America centrale e meridionale i medici non hanno avuto il tempo di fare studi controllati; lo prescrivevano semplicemente a tutti i pazienti come triage per arginare i corridoi ospedalieri straripanti. Per molti apparentemente ha funzionato perché hanno preso il farmaco all'inizio della malattia. Quando c'erano richieste per una sperimentazione clinica, non esisteva un gruppo di controllo a cui non fosse già stata somministrata l'ivermectina, quindi ha sofferto del suo stesso successo. Ci sono oltre 80 studi clinici per l'ivermectina solo negli Stati Uniti in questo momento, ma sulla base del meccanismo d'azione della proteasi 3CL che è così potente nel trattamento dei pazienti COVID, è improbabile che l'ivermectina ottenga l'approvazione. Ma c'è una nuova e migliorata ivermectina chiamata Tollovid e puoi comprarla OGGI per avere un supporto immunitario. Sfortunatamente per l'ivermectina, sono emerse le varianti e sono arrivate con una carica virale molto più alta. Questo è probabilmente il motivo per cui gli studi condotti in seguito alla pandemia non hanno confermato l'efficacia iniziale a cui hanno assistito i medici.

Mirare alla proteasi 3CL

Pfizer ha dimostrato che il blocco della proteasi 3CL è il metodo migliore per un antivirale, con i suoi risultati clinici che superano di gran lunga gli sforzi di Merck e altri. Quello che sappiamo è che l'ivermectina è un debole inibitore della proteasi 3CL, quindi anche se avrebbe potuto funzionare bene nella fase iniziale della pandemia, una volta che Alpha e Delta sono arrivati ​​con le loro cariche virali molto più elevate, l'ivermectina semplicemente non poteva competere una volta che il virus è stato stabilito in una persona. Il motivo è discusso più avanti nell'articolo. È anche probabile che l'ivermectina stesse mostrando un'efficacia davvero debole che può essere estratta solo attraverso meta analisi poiché è un inibitore della proteasi 3CL così debole, al punto che i suoi benefici non possono essere facilmente misurati. E alcuni di questi studi raccolti attraverso la meta analisi, in particolare quelli che mostrano un'elevata efficacia per l'ivermectina, erano fraudolenti o di parte.


Ivermectin funge anche dinibitore della proteasi 3CL

Prima che il COVID-19 colpisse, l'ivermectina era considerata un inibitore virale. Gli studi in vitro hanno mostrato benefici contro l'HIV, la dengue, il Nilo occidentale, la febbre gialla e il virus Zika. L'altro meccanismo d'azione era che l'ivermectina facilitava il trasporto delle proteine ​​al nucleo. Queste proteine ​​formate finirebbero per segnalare la produzione di citochine per migliorare la difesa cellulare e l'allarme per le cellule vicine. La gente sosteneva che il farmaco di Pfizer fosse un'ivermectina riproposta poiché entrambi i farmaci inibiscono la proteasi 3CL. Si è riscontrato che:

"L'ivermectina ha bloccato oltre l'85% dell'attività 3CLpro di SARS-CoV-2. Sebbene sia stabilita l'attività antivirale dell'ivermectina mediata dal blocco dell'importina α/β1, qui riportiamo gli effetti inibitori dell'ivermectina sull'enzima 3CLpro di SARS-CoV-2, suggerendo un meccanismo antivirale aggiuntivo dell'ivermectina verso SARS-CoV -2."

Dall'inizio della pandemia, gli scienziati hanno imparato molto di più sui meccanismi alla base dell'inibizione della proteasi 3CL. Si ritiene che la proteasi 3CL scinde il NEMO e impedisce al segnale di allarme cellulare di raggiungere il nucleo. Oltre a ciò, la proteasi 3CL se lasciata incontrollata finisce per scindere la Galectina-8 che è responsabile della difesa cellulare della xenofagia, che è il processo di inghiottire il virione e digerirlo.   

“Abbiamo scoperto che il virus si attacca e disattiva un'importante proteina sensore nella cellula ospite chiamata galectina-8, che protegge la cellula dalle infezioni. Disattivando la galectina-8, SARS-CoV-2 disarma il sistema di difesa antivirale di una cellula e consente al virus di assumere il controllo dell'ospite." - Dr. Chris Overall, autore senior dello studio, Canada Research Chair e investigatore principale, UBC Center for Blood Istituto di ricerca, scienze della vita e Facoltà di odontoiatria 

 

Ivermectina e profilassi 

Molte persone lo usano come profilattico e in teoria questo ha senso perché funzionerebbe visti i numerosi meccanismi d'azione, ma ci sono compromessi che si presentano sotto forma di effetti collaterali. Un rapporto sul Lancet ha enunciato i benefici clinici molto presto nella progressione della malattia e una diminuzione degli effetti collaterali e che i risultati hanno suggerito che sarebbe necessario uno studio più ampio per confermarlo. Alcuni potrebbero chiamarlo New England Journal of Medicine (NEJM) riporta un articolo di propaganda contro l'ivermectina, ma il NEJM ha una reputazione impeccabile che ha pubblicato un articolo piuttosto convincente che ha dimostrato che la prevenzione e il trattamento con l'ivermectina non erano una buona idea a causa della notevole tossicità e dell'efficacia discutibile. I sintomi del paziente includevano disturbi gastrointestinali (nausea, vomito e diarrea), confusione, debolezza, ipotensione e convulsioni. Gli effetti collaterali più comuni dell'ivermectina includono prurito e orticaria, vertigini, mal di testa, nausea, diarrea e dolori muscolari. Per ottenere una grande riduzione della carica virale al punto da farti sentire meglio, sarebbero necessarie grandi dosi di ivermectina. Chiaramente non è una buona idea a causa dei potenziali effetti collaterali per cui la cura diventa peggiore della malattia. 

C'è un nuovo inibitore della proteasi 3CL chiamato Tollovid che ha ottenuto il suo certificato di vendita libera dalla FDA. È fondamentalmente ivermectina sotto steroidi senza effetti collaterali. L'ivermectina è stata inventata nel 1975 ed era così ideale per il suo utilizzo (uccisione di vermi parassiti) che nessuno ha cercato di migliorarla in quasi 50 anni perché è stata utilizzata per brevi periodi di tempo e il profilo di sicurezza era gestibile date le circostanze. Molto è stato appreso dai dati Pfizer recentemente annunciati che ha mostrato che la proteasi 3CL è parte integrante della malattia. Quindi tutti gli oppositori che dicevano che l'ivermectina non funzionava si sbagliavano. Non è più una questione se ha funzionato o meno. L'ivermectina assume chiaramente la proteasi 3CL, ma ha dei limiti. La controversia a livello della FDA è se sia stato preso abbastanza presto o se sia abbastanza potente da vedere un beneficio clinico. La risposta a queste domande avrebbe potuto essere quantificata con campioni di carica virale prelevati forse ogni ora, ma non esiste un test approvato per questo e il punto è discutibile perché è disponibile una versione aggiornata in questo momento.  


Ivermectina ufficialmente defunta per le varianti

Ci sono ottime spiegazioni scientifiche sul perché l'ivermectina abbia funzionato sul virus di tipo selvaggio e buone ragioni per cui può funzionare nelle prime fasi della malattia. Tuttavia, solo perché ha funzionato in queste condizioni protette non dà alle persone la licenza per affermare che funziona ora.  Dovrebbe essere chiaro che ora non funziona e che è stato sostituito da Tollovid.   La maggiore infettività e carica virale di queste nuove varianti ha effettivamente diluito in modo drammatico l'efficacia del farmaco al punto che non ci si aspetterebbe alcun beneficio clinico. Bloccherà comunque la proteasi 3CL, ma il problema è che non ne bloccherà abbastanza. Il livello di inibizione della proteasi è determinato osservando la carica virale e nemmeno i livelli letali del farmaco si avvicineranno a fare un'ammaccatura.  


Dietro l'ascesa della Ivermectina

Il motivo per cui ci sono così tanti fan Ivermectina è perché la gente pensava a quanto fosse sciocco perseguire il concetto di immunità di gregge. Per decenni la nostra società ha cercato di raggiungere l'immunità di gregge per i virus mutanti, eppure le persone contraggono ancora l'influenza. Nonostante questi decenni di esperienza, le persone che si sottopongono al vaccino antinfluenzale capiscono che possono ancora contrarlo e che non esiste l'immunità di gregge. L'immunità di gregge è come Camelot, una società perfetta semplicemente irreale. L'influenza non è stata ancora debellata, né userà mai questi metodi antiquati. Non c'è ancora una risposta per l'HIV, ma i politici, incluso Fauci, hanno assicurato al popolo americano che questa volta con il COVID sarebbe stato diverso. Molti hanno visto attraverso la cortina fumogena e hanno chiesto perché non fossero più concentrati sulle terapie.

È innegabile che i vaccini funzionino e abbiano svolto un ruolo importante nell'appiattire la curva, ma semplicemente non sono stati utilizzati in modo efficace. Se fossero stati utilizzati con test diffusi e verifica dei livelli di anticorpi con il test cPass (test degli anticorpi neutralizzanti approvato dalla FDA EUA), gli Stati Uniti potrebbero aver avuto la possibilità di silenziare l'onda Delta. Invece, in questa stagione delle vacanze, molti americani sono gravati dalla scelta di vedere la famiglia e la potenziale infezione o il rifugio sul posto.  

Mentre la pandemia infuria in queste festività natalizie con l'aumento della variante Omicron, Israele inizia a spingere la 4a dose (secondo richiamo) e Fauci cambia idea ancora una volta sulla pandemia suggerendo una ridefinizione di ciò che significa "completamente vaccinato" , e le autorità sanitarie che spingono le vaccinazioni per i bambini (che se la salute non sono praticamente a rischio per i sintomi di COVID-19, per non parlare della morte) gli americani, in particolare gli anti-vaccinisti, stanno cercando le proprie soluzioni alla pandemia. Molti americani si stanno stancando di mascherine e blocchi e quindi le uniche due cose che queste persone possono fare sono rimanere in salute e cercare cure o trattamenti profilattici. Questo generalmente significa assumere integratori come la vitamina D per supportare la funzione immunitaria e assumere quotidianamente o fare scorta di antivirali orali per prevenire malattie gravi se si contrae il COVID-19. Con Omicron anche i vaccinati rischiano di contrarre la malattia e di essere ricoverati . Per coloro che hanno la nuova ivermectina chiamata Tollovid , c'è un'altra opzione per rafforzare il sistema immunitario condividendo e stando con la famiglia.

Così tante persone si sono rivolte all'ivermectina come antivirale orale, con l'aumento delle prescrizioni di ivermectina, l'argomento se funzioni o meno è stato oggetto di accesi dibattiti. I dissidenti che citano problemi con praticamente tutti i progetti di studi clinici sull'ivermectina, inclusi campioni di piccole dimensioni, dosaggio con altri farmaci, popolazioni eterogenee, mancanza di accecamento e altri fattori che rendono difficile trarre conclusioni scientificamente valide da questi studi.


Dati Ivermectina

I dati sull'ivermectina sono molto confusi. Esistono persino interi siti Web creati per raccogliere dati sull'ivermectina, fraudolenti o meno. I consumatori sentono parlare di medici che prescrivono l'ivermectina a tutti, e medici che si rifiutano di prescriverla, l'ivermectina è un farmaco miracoloso oppure dicono sia inutile nella lotta contro il COVID-19. Tra molta confusione e informazioni contraddittorie, cosa significa questo?

Ci sono dibattiti, generalmente tra coloro che seguono le autorità di regolamentazione e coloro che non si fidano delle autorità di regolamentazione, su quale sia la verità. L'OMS, ad esempio, consiglia l'uso dell'ivermectina solo per gli studi clinici, affermando in sostanza che la comunità medica ha bisogno di studi migliori per dimostrare i benefici del farmaco. D'altra parte, la FDA è totalmente contraria . Ma una revisione di studi effettivamente ben condotti (studi controllati con placebo, randomizzati, in cieco) come questo suggerisce un beneficio molto modesto se usato precocemente. I risultati dello studio suggeriscono benefici molto lievi , tra cui una tendenza alla riduzione della carica virale e un recupero più rapido dalla perdita dell'olfatto, ben lungi dal ridurre la morte.

Con Pfizer che ha recentemente annunciato un antivirale orale che si è dimostrato in uno studio in cieco ben progettato, randomizzato, controllato con placebo, i consumatori di ivermectina devono chiedersi perché è necessaria una meta analisi di oltre 30 studi per suggerire che l'ivermectina è efficace per COVID-19 . Con un campione di grandi dimensioni, è facile dimostrare un beneficio terapeutico, ma gli studi sull'ivermectina sono contrastanti. La pillola di Pfizer, che agisce bloccando un enzima virale prodotto nelle cellule chiamato proteasi 3CL, funziona chiaramente. Ciò dimostra l'utilità clinica di bloccare la proteasi 3CL e i fan dell'ivermectina devono tenere conto di queste nuove informazioni. In effetti, l'ivermectina è stata dimostrata inibire la proteasi 3CL, ma la quantità di ivermectina necessaria per bloccare sufficientemente l'enzima è irraggiungibile con una dose normale e comporterebbe una tossicità significativa se si prendesse abbastanza ivermectina per raggiungere questo obiettivo. 

L'incapacità dell'ivermectina di bloccare sufficientemente la proteasi 3CL potrebbe spiegare perché vari studi non riescono a dimostrare in modo conclusivo i suoi benefici clinici, e quindi gli utenti di ivermectina dovrebbero cercare inibitori della proteasi 3CL più potenti e comprovati. A partire da ora, sono disponibili solo due pillole: Paxlovid (farmaco su prescrizione di Pfizer) e Tollovid, che è un nutraceutico inibitore della proteasi 3CL. Questi prodotti sono molto più potenti nel bloccare la proteasi 3CL e gli utenti dovrebbero aspettarsi un effetto clinico molto più robusto.


Perché l'ivermectina non può bloccare la proteasi 3CL come il farmaco di Pfizer?

È facile cercare su Google un elenco di composti che potrebbero bloccare la proteasi 3CL. Infatti, vari flavonoidi presenti nella normale dieta possono bloccare l'enzima. Tuttavia, per bloccare sufficientemente il processo di replicazione virale, devono esserci abbastanza di questi composti nel corpo e quindi la domanda diventa: quanto composto è necessario? Sfortunatamente, questi composti non sono probabilmente in grado di bloccare sufficientemente la replicazione virale in quantità realizzabili. Lo stesso vale per l'ivermectina. Dipende dalla quantità necessaria nel corpo e da quanto si può assorbire nel corpo. Ci sono varie metriche per misurare questo, ma la misura principale è IC50 (concentrazione inibitoria richiesta per ridurre l'attività massima del bersaglio del 50%). Per tradurre quanto di un composto orale si deve assumere, ciò che conta è la biodisponibilità e la farmacocinetica del farmaco: cioè quanto bene viene assorbito il farmaco e poi quanto lentamente viene eliminato dall'organismo. L'ivermectina non è all'altezza di entrambe queste categorie.


Un confronto tra gli inibitori della proteasi 3CL

Diversi inibitori della proteasi 3CL come Paxlovid, Tollovid e ivermectina hanno diversi livelli di attività clinica. In primo luogo, Pfizer ha recentemente confermato un'ospedalizzazione dell'88-89% o una riduzione della morte nel suo studio di fase 2/3 per i pazienti a rischio e un beneficio del 70% per quelli a rischio normale, nonché un'attività confermata contro Omicron.

Ivermectina, d'altra parte, è stato suggerito avere un beneficio sulla mortalità del 56% in una meta-analisi di dozzine di studi clinici che utilizzano il farmaco. Tuttavia, gli autori hanno successivamente rimosso vari studi clinici dall'analisi in base al rischio di parzialità o frode. Secondo Andrew Hill

" Quando effettuiamo gli studi a rischio di bias o frode, non vediamo alcun effetto dell'ivermectina sulla sopravvivenza e non vediamo alcun effetto sulla guarigione clinica"

Un articolo che discuteva la meta analisi di Hill concludeva:

“Stima che dei 18 studi di controllo randomizzati circa un terzo siano falsi o non condotti come descritto. "Non esiste un singolo studio di controllo randomizzato che dica in modo affidabile che l'ivermectina salva vite", afferma Sheldrick. Una conclusione chiave per lui è che "la fiducia è tossica nella ricerca" e che partire da una posizione di fiducia "è una delle cose più grandi che deve cambiare".

[...]

"La cosa che ha davvero scioccato me e i miei coautori è quanto si tratti di frode deliberata", afferma Sheldrick. 'Cose come gli stessi 11 pazienti copiati e incollati, ancora e ancora.' In un altro esempio, centinaia di pazienti sarebbero stati reclutati utilizzando protocolli complicati in tempi incredibilmente brevi con un team di tre persone".

Manca uno studio di alta qualità che dimostri che l'ivermectina funziona nel trattamento di COVID-19 e gli studi che suggeriscono un solido beneficio hanno chiare prove di frode. Ciò non significa che l'ivermectina non abbia alcun beneficio che sarà mai dimostrato, ma ha senso date le proprietà dell'ivermectina perché il beneficio non è stato osservato; quando si tratta di bloccare la proteasi 3CL, Ivermectina impallidisce rispetto a Paxlovid e Tollovid.


La debacle dell'ivermectina rivela i difetti nella metodologia di meta-analisi

Tollovid d'altra parte è un nutraceutico completamente naturale di nuova concezione che blocca la proteasi 3CL. Non ci sono molti dati disponibili su di esso oltre al fatto che è stato dato in sicurezza a oltre 5000 persone e che l'azienda che lo produce sta aumentando la propria capacità di produzione a causa della domanda del prodotto.

Quando si cercano prove cliniche, il nutraceutico ha un cugino in uno studio clinico di fase 2, un farmaco, chiamato Tollovir, sviluppato da Todos Medical che ha lo stesso ingrediente farmaceutico attivo (API) estratto da fonti naturali. Lo studio esplorativo e osservazionale di fase 1/2 su pazienti ospedalizzati (al contrario dello studio di Pfizer che ha testato le persone con sintomi, non quelle già ospedalizzate) ha mostrato un beneficio sulla mortalità del 100%, nonché riduzioni dei biomarcatori infiammatori e degenze ospedaliere più brevi con il gruppo trattato contro non trattato.

Tollovir Fase 1/2 Dati

Non c'è un numero enorme di pazienti testati nello studio clinico, ma i pazienti ospedalizzati sono molto più difficili da trattare rispetto ai pazienti ambulatoriali e i dati sembrano eccellenti con nessuno che sta prendendo Tollovir in fin di vita. Questo è di buon auspicio per i consumatori che desiderano potenziare la loro funzione immunitaria con il nutraceutico, Tollovid, e questi risultati iniziali sembrano molto migliori di qualsiasi cosa l'ivermectina avesse da offrire.

La domanda che molti stanno affrontando è: se tutti i farmaci bloccano la proteasi 3CL, perché Paxlovid e Tollovid dovrebbero funzionare molto meglio dell'ivermectina? Come accennato in precedenza, dipende da quanto bene viene bloccata la proteasi 3CL.

Una risposta breve è che l'ivermectina, mentre blocca efficacemente la proteasi 3CL in vitro (in una capsula di Petri), deve essere presente nel corpo a livelli assurdi per bloccare il virus. Di seguito è riportata una tabella che può essere utilizzata come guida approssimativa e descrittiva di una gamma di potenze e della probabilità che un composto di una data potenza abbia una ragionevole possibilità di essere abbastanza "forte" da essere un farmaco utile. I valori sono approssimativi:

 

Valori comparativi IC50 per gli inibitori della proteasi 3CL ( adattati )

La cosa fondamentale qui è che questi grafici empirici presuppongono una sorta di tossicità da farmaci. Ecco perché i presupposti della "potenziale utilità come farmaco" escludono farmaci come l'ivermectina con un IC50 così basso come impossibili da trasformare in un farmaco COVID-19 tramite l'inibizione della proteasi 3CL. Come visto in clinica e come notato dal New England Journal of Medicine, molti pazienti sperimentano tossicità ed effetti collaterali significativi quando cercano di assumere una quantità sufficiente di ivermectina per bloccare la replicazione del COVID-19.

L'inibizione in vitro dell'85% di 3CL pro può sembrare sorprendente a coloro che non studiano lo sviluppo di farmaci, ma non lo è. Questo perché, per bloccare dell'85% l'attività dell'enzima, è necessaria una concentrazione di 50 µM di ivermectina. Questa è una concentrazione estremamente alta per un farmaco tipico. 

Alla dose di ivermectina approvata, 12 mg per un tipico uomo di 60 kg, la concentrazione plasmatica massima ( cmax ) di ivermectina è 47 ng/mL. Rispetto alla IC50 di ivermectina (21,5 pM, o 18,815 ng / mL) c max 1/400 th di quello che sarebbe necessario per bloccare l'enzima. Non c'è mai abbastanza ivermectina in una dose normale per bloccare la replicazione virale di SARS-CoV-2 .

Con i centri antiveleni che segnalano che dosi di 2 mg/kg sono tossiche (in genere sono 120 mg in compresse), qualsiasi tentativo di bloccare veramente l'ivermectina la proteasi 3CL comporterebbe probabilmente un viaggio al pronto soccorso. Tollovid e Paxlovid, d'altra parte, sembrano fare il loro lavoro a livelli biologicamente tollerati con fantastici dati di studi clinici. Ci si potrebbe chiedere se Tollovid/Tollovir possa davvero raggiungere livelli ematici ragionevoli, ma la risposta è che ha una dose molto più alta e il prodotto naturale è così ben tollerato che questa concentrazione plasmatica può essere raggiunta. Pfizer ha anche riportato una bassa biodisponibilità dei suoi altri composti selezionati prima di selezionare Paxlovid come candidato preclinico, quindi è possibile che Tollovid abbia anche una migliore solubilità/biodisponibilità.


Tabella degli inibitori della proteasi 3CL

Trattamento

ivermectina

paxlovid

Tollovid

Dose orale

12mg/giorno

[ fonte ]

300mg +100mg ritonavir

(2 volte al giorno) 

[ fonte ]

900mg/giorno 

[ fonte ]

IC50

21,5µM

[ fonte ]

6nM-18nM

[ fonte 1 , fonte 2 , fonte 3 ]

1.2µM

Affinità di legame

−32 kJ/mol

[ fonte ]

−102 kJ/mol

[ fonte ]

 

C max (ng / ml)

23,5-50

[ fonte ]

~3.000

(EC90 = 292 ng/ml)

[ fonte ]

 

t max (h)

3.4-10.3 

[ fonte ]

~1.5

 

t 1/2 (eliminazione, h)

11.1-12.6 

[ fonte ]

  

Tossicità limitante della dose osservata

sospettato

No

Prodotto naturale

No

No

 

È ora di fare scorta di Tollovid

Le folle che si rivolgono all'ivermectina e anti-big pharma devono cercare di fare scorta di Tollovid come alternativa al trattamento COVID-19 in sostituzione dell'ivermectina. In alternativa, per coloro che sono convinti che l'ivermectina funzioni ancora, Tollovid potrebbe essere utilizzato come backup nel caso non faccia abbastanza. Dopotutto, Tollovir è stato testato con successo in ambito ospedaliero. Inoltre, i consumatori che si oppongono alle droghe in generale possono acquistare Tollovid sapendo che proviene da una pianta. Non c'è davvero alcun aspetto negativo nel mantenere una mente aperta su queste cose, specialmente quando si visita con familiari e amici a rischio durante le festività natalizie. Nessuno vuole essere quello che ha fatto ammalare il proprio amato amico o familiare e quella persona viene ricoverata in ospedale o muore per COVID, ma solo poche opzioni come Tollovid offrono supporto immunitario. E arriva un po' di tranquillità sapendo che Pfizer non sta cercando di fregare tutti vendendo "Pfizermectin", dal momento che Ivermectina non può fare ciò che fa Paxlovid. Indipendentemente dallo stato di vaccinazione, tutti hanno l'opportunità di proteggere i propri amici e familiari durante le festività natalizie.



0 comments:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!