lunedì 27 maggio 2019

La conquista della Persia: Capacità Militari Statunitensi In Una Potenziale Guerra Con L'Iran

Dmitry Semushin
Joaquin Flores 
Sa Defenza 



Dmitry Semushin - In questo rapporto considereremo il potenziale degli Stati Uniti in uno scenario militare contro l'Iran. Naturalmente, queste opportunità potenziali non significa che saranno necessariamente realizzate.

Possibile attacco militare statunitense all'Iran

1) Invasione di terra. L'obiettivo è una totale distruzione della Repubblica islamica dell'Iran con un'occupazione temporanea, un cambio di regime politico, l'eliminazione della sovranità e l'effettivo smembramento parziale del territorio dello stato. Tutti i tipi indipendenti di forze statunitensi sono direttamente coinvolti in operazioni militari: forze di terra, aeronautica, marina, guardia costiera, nonché parti di forze speciali, corpo dei marines e comando di riserva, compresa la guardia nazionale. Analogia diretta: l'operazione delle forze armate statunitensi e dei loro alleati britannici nell'operazione  "Iraqi Freedom" del marzo-aprile 2003 contro l'Iraq.

2) Offensiva aerea. L'obiettivo è distruggere il potenziale militare-industriale iraniano e, soprattutto, la capacità di produrre armi di distruzione di massa (principalmente nucleari) e i loro mezzi di consegna (missili balistici), distruzione delle infrastrutture, intimidazione della leadership e popolazione del Repubblica islamica dell'Iran per costringerlo a un accordo. Una versione limitata di questo scenario è un attacco aereo puntato su un numero limitato di obiettivi relativi al programma nucleare e missilistico iraniano. L'offensiva aerea coinvolse direttamente l'aviazione, la marina, l'aviazione delle forze di terra e il corpo dei marines. Le forze di terra e gli altri eseguono la deterrenza del nemico da azioni di ritorsione attive. L'analogia è l'operazione "Desert Fox" del dicembre 1998 con un attacco di armi da aviazione e missili su siti militari e industriali in Iraq. Esempio di attacco puntuale:

3) La guerra per distruggere i "proxi" dell'Iran - la milizia sciita in Iraq, le unità mercenarie iraniane in Siria, le unità di "Hezbollah" in Siria e in Libano. Le unità operative speciali e le unità di Air Force sono direttamente coinvolte. Le forze di terra e altri trattengono l'Iran dall'intervento diretto e dal supporto delle risorse suoi alleati in Iraq, Siria e Libano. L'analogia è l'operazione "Determinazione incrollabile" (Operation Inherent Resolve, OIR) degli Stati Uniti e dei suoi alleati contro ISIS. Dopo il suo effettivo completamento, una parte della leadership politica e militare degli Stati Uniti è tentata di schierare e coordinare le forze dell'OIR alla distruzione dei "proxy" iraniani - principalmente in Iraq.

4) Blocco navale dell'Iran. Viene introdotto nello sviluppo di una politica di sanzioni economiche per il divieto totale o parziale delle esportazioni iraniane lungo le rotte commerciali marittime e il controllo sulle importazioni iraniane. Le navi della Marina Militare e della Guardia Costiera, di pattuglia e di ricognizione sono direttamente coinvolte. Le forze di terra e  altri attuano la deterrenza dalla risposta militare dell'Iran. L'analogia è il blocco navale di Cuba nell'ottobre-novembre 1962.

Nota . Qui è necessario chiarire la possibilità di utilizzare i suddetti scenari militari contro l'Iran individualmente o in varie combinazioni. Ad esempio, in questa sequenza: la distruzione dei "proxy" iraniani, l'implementazione di un attacco aereo, la condotta di un'offensiva terrestre, ecc. L'insieme delle combinazioni può essere diverso.

Teatro delle operazioni. Se questa o quell'operazione militare USA contro l'Iran viene eseguita, allora il Centro lo pianificherà e dirigerà - il Comando Centrale delle Forze Armate statunitensi, la cui area di responsabilità è il Medio Oriente con i paesi dell'Afghanistan, Bahrein, Egitto, Giordania, Iraq, Iran, Yemen, Kazakistan, Qatar, Kuwait, Kirghizistan, Libano, Emirati Arabi Uniti, Oman, Pakistan, Arabia Saudita, Seychelles, Siria, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan, così come le acque internazionali del Golfo Persiano, Mar Rosso e Arabo, più ampiamente - la parte occidentale dell'Oceano Indiano. Dal punto di vista degli strateghi militari americani, è in questa area del mondo che si trova il centro strategico globale. E la Repubblica islamica dell'Iran è il centro di questo centro globale dagli anni 2000 dell'American strategic environment. Nella serie di Guerre irachene (1991, 2003-2011, dal 2014), della guerra afgana (2001-2014), gli americani hanno attrezzato e preparato questo teatro di operazioni per le loro forze armate. Considera ulteriormente lungo l'arco del perimetro dell'ambiente strategico americano l'Iran.

Iraq. Con l'operazione dell'invasione terrestre degli Stati Uniti in Iran, il fronte principale dell'offensiva cade nelle regioni meridionali e centrali dell'Iraq adiacente al confine iraniano. Nel nord stanno arrivano azioni attraverso il sistema montuoso del Kurdistan iracheno. L'Iraq è una rete stradale naturale che porta all'Iran. Quando si difende contro le forze iraniane, l'Iraq è un presupposto  cuscinetto controllato dagli americani. Con l'attacco all'Iran al momento attuale, si tratta di un'area controllata di spiegamento avanzato degli americani. Dalla Mesopotamia, da Babilonia a Persepoli o da Ninive a Ecbatana, per lo più attraverso una pianura desertica aperta con eccellente visibilità, questo è stato un vero teatro locale di guerra "storico" che è stato ben studiato dagli storici militari sin dai tempi di Alessandro Magno.

Ora, nel marzo 2019, in Iraq, in ordine di rotazione di nove mesi, gli americani dispiegarono la loro unità di prima classe delle forze terrestri degli Stati Uniti – la prima Brigata della 101a divisione aviotrasportata. L'unità è stata addestrata in attacchi d'assalto con elicotteri. Nel caso di una concentrazione di truppe americane in Iraq per un'offensiva contro l'Iran, Le unità della prima Brigata possono facilmente prendere il controllo degli aeroporti iracheni necessari agli americani e proteggere in modo affidabile le forze americane dagli attacchi iracheni delle milizie sciite e di altri partigiani.

Attualmente, le forze armate statunitensi hanno cinque roccaforti in Iraq - le basi militari statunitensi - tutte sono coinvolte dalle forze operative speciali statunitensi in funzione di Risoluzione intrinseca contro ISIS.

- Base aerea di Al Asad. Due piste con una lunghezza di 4mila metri. Due gruppi di droni d'urto MQ-1B Predator e MQ-1C Grey Eagle, un gruppo di elicotteri Sikorsky HH-60 Pave Hawk, che svolgono funzioni di salvataggio.

- Baghdad. La fornitura del gruppo antiterrorista iracheno degli Stati Uniti. Il 160° Reggimento aviotrasportato delle forze speciali è schierato su elicotteri MH-47G Chinook e MH-60M Black Hawk. C'è un gruppo di droni d'urto MQ-1C Grey Eagle.

- Bashur. Un gruppo di droni con droni MQ-1C Grey Eagle. Squadrone di forze speciali per operazioni su U-28A Pilatus.

- Campo "Taji". Gruppi di supporto per elicotteri polivalenti, trasporto, incendio, ricognizione su Apache AH-64D, Chinook CH-47 ° F, Hawk nero UH-60A / M, Hawk nero HH-60M.

- Erbil. Kurdistan iracheno. Punto di supporto logistico "Roberts". 4000 m di spazio aereo. Gruppi di supporto per elicotteri polivalenti, trasporto, incendio, ricognizione su Osprey CV-22B, Apache AH-64E, CHinook, CH-47 ° F, Chinook MH-47G, Falco nero MH-60M, UH-60A / M Black Hawk, HH-
60M Black Hawk.


La situazione in Iraq nel marzo 2019 con la designazione delle basi americane. Fonte: US Congress Reports


Si noti che dal 2017, il Pentagono ha smesso di fornire informazioni ai media sul numero di militari statunitensi in Iraq. L'ultimo rapporto di esperti al Congresso, datato 26 marzo 2019, afferma che ci sono circa 5.000 soldati americani in Iraq . Questa cifra è completamente correlata alla voce di budget richiesta per il 2020 per il mantenimento di 7mila truppe americane in Siria e in Iraq. Ovviamente, queste forze sono sufficienti per controllare l'avanzata area di dispiegamento per operazioni militari contro l'Iran, ma non è assolutamente sufficiente per condurre operazioni militari contro i "proxy" iraniani in Iraq o per controllare questo territorio durante un'offensiva aerea contro l'Iran.

Kuwait. Se l'Iraq è un'area di schieramento avanzata per un attacco all'Iran, allora il Kuwait funge da porta d'ingresso per l'Iraq per gli americani sulla terraferma.

Dal ritiro delle truppe americane dall'Iraq nel 2011, circa 13.500 soldati americani rimangono in Kuwait, che rappresenta più di un terzo del totale di 35.000 soldati americani nel Golfo Persico.

Dal 2011, le truppe americane di stanza stabile in Kuwait sono state progettate per supportare l'operazione Spartan Shield, una missione per "contenere l'aggressione regionale e stabilizzare i paesi della regione". L'operazione Spartan Shield non è solo una presenza, ma anche un deterrente in primo luogo , ovviamente, per l'Iran. Le forze statunitensi in Kuwait includono non solo le forze di supporto, ma anche le unità di combattimento dell'esercito USA, che offre agli Stati Uniti l'opportunità di proiettare la propria forza militare verso l'Iraq e l'Iran. Nel marzo del 2019, come parte di una rotazione di nove mesi, la 155ª Brigata Armata (ABCT) della Guardia Nazionale degli Stati Uniti fu aggregata al Kuwait, sostituendo la 3a Brigata Corazzata della 4a Divisione di Fanteria nella missione. Inoltre, nell'ambito dell'operazione Spartan Shield, sulla base della rotazione in Kuwait, è stata dispiegata un'altra struttura dello staff divisionale - ora è la 28a Divisione di fanteria. La struttura divisionale schierata consente, se necessario, di schierare almeno tre brigate di fanteria leggera qui in Kuwait molto rapidamente.

In conformità con l'accordo sulla cooperazione militare con il Kuwait, gli americani stanno mantenendo in Kuwait 2,2 mila veicoli corazzati con protezione antimine (MRAP). Queste navi corazzate per il trasporto di personale sono sufficienti per ospitare fino a tre brigate di fanteria leggere su di esse.

Il centro di rifornimento aereo per le truppe americane in Kuwait e in Iraq è la base aerea di Ali Al Salem, mentre la fornitura navale (più importante) è il campo dei patrioti, o la base navale del Kuwait Mohammed al-Ahmed. Inoltre, è anche un sito di atterraggio preparato per le unità US Marine Corps.

Camp Arifzhan in Kuwait è una base logistica avanzata e un deposito di riparazioni, un punto di transito per il trasferimento di truppe e appaltatori statunitensi in Iraq. Ha una pista. La base impiega fino a 9 mila persone. Inoltre, qui in Kuwait, in "Arifzhan", si trova il quartier generale del Corpo dei Marine USA, della US Air Force, della US Navy e della US Coast Guard.

Camp "Buring". Questo è un punto intermedio per il passaggio delle truppe americane in Iraq. Ha una pista di 1590 metri. Nel 2017, è stato ampliato attraverso la costruzione di nuovi locali residenziali per un importo di $ 3,7 milioni.

Qatar. Qui ci sono le retrovie dell'esercito degli Stati Uniti per il dispiegamento in Iraq e in Kuwait. Sulla base americana nel campo "As-Siliyah" si trovano i servizi di retroguardia delle forze di terra statunitensi. C'è un gran numero di magazzini con clima artificiale. I veicoli corazzati sono immagazzinati per una brigata meccanizzata. Esiste un centro di riparazione per la riparazione dei danni di Stryker per ripristinare i blindati corazzati Stryker danneggiati durante i combattimenti.

Afghanistan. La guerra afghana del 2001-2014 ha creato il fronte orientale dell'Afghanistan in caso di una guerra degli Stati Uniti contro l'Iran. L'Iran sembrava essere tra due fuochi o tra le truppe americane situate da ovest - in Iraq - e dall'est - dalla parte dell'Afghanistan.

Recentemente, la situazione di una guerra simultanea in Iraq e Afghanistan è stata particolarmente pericolosa per l'Iran da un punto di vista strategico. Ad esempio, nel 2009, nell'ambito dell'ISAF, le forze di terra degli Stati Uniti detenevano nove brigate delle forze di terra in Afghanistan, tra cui due truppe aviotrasportate, un "attaccante", quattro truppe di fanteria leggera (incluse due guardie nazionali), un aereo rifornimento, più una Brigata di spedizione del Corpo dei Marines degli Stati Uniti. Un tale gruppo di combattimento potrebbe effettuare un'invasione terrestre dell'Iran dall'Afghanistan.

Ora, dopo il ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan, la situazione è cambiata. A partire dal febbraio 2019, il numero di truppe statunitensi in Afghanistan era di 8.475, che è esattamente la metà delle forze totali della NATO nel paese. Le seguenti unità statunitensi sono schierate in Afghanistan come parte dell'operazione Resolute Support: Aviation Assault Brigade della 1st Armored Division, due brigate di supporto logistico - 1st Infantry Division e 2nd Special Operations Logistics Brigade. La 2a brigata è impegnata ad addestrare le truppe governative afghane. I suoi militari svolgono la funzione di consiglieri militari. Sempre in Afghanistan, è stata dispiegata una struttura di quartier generale divisionale: la 1ª divisione di cavalleria. L'ultima circostanza significa

Al momento, è assolutamente chiaro che il gruppo americano schierato in Afghanistan nella sua attuale composizione non ha né le forze per un'offensiva sull'Iran, né la difesa contro l'offensiva grave da parte dell'Iran. Cosa, ad esempio, può accadere al gruppo afgano se gli americani conducono alcune operazioni contro l'Iran, come un attacco aereo o un attacco ai "proxy" iraniani in Iraq, e gli iraniani in risposta nel primo caso attaccano le loro truppe in Afghanistan e nel secondo manderanno artiglieria e armi missilistiche ai talebani (organizzazione bandita in Russia) insieme ai loro consiglieri militari? In generale, il gruppo esistente in Afghanistan necessita di un sostanziale rafforzamento se gli americani realizzeranno uno qualsiasi degli scenari militari elencati contro l'Iran.

Forze speciali statunitensi sul ring che circondano l'Iran. Una serie di continue guerre statunitensi in Medio Oriente ha contribuito all'intenso sviluppo delle forze speciali statunitensi. Se verranno implementati gli scenari militari di cui sopra contro l'Iran, saranno coinvolte le unità delle forze speciali operative. La natura delle loro azioni dipenderà dallo scenario specifico. Attualmente, unità delle Forze operative speciali degli Stati Uniti sono schierate in Giordania, Siria, Iraq, Afghanistan e stanno conducendo operazioni di combattimento come parte delle operazioni di Supporto per la risoluzione e la risoluzione degli aderenti. A questo proposito, nonostante la dichiarazione del presidente Donald Trump nel dicembre 2018, il ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria; nel marzo 2019, la pubblicazione del Wall Street Journal, citando funzionari senza nome, riferiva che l'esercito americano si stava preparando a lasciare fino a 1.000 truppe americane in Siria. In numero significativo, questi soldati sono nelle forze speciali. Il finanziamento del bilancio del Congresso per il 2020 prevede un articolo sul mantenimento di 7mila soldati statunitensi in Siria e in Iraq. Qual è il numero di forze speciali tra di loro è sconosciuto, ma lo è.

Nella prospettiva militare iraniana, è necessario prestare attenzione alla preparazione da parte degli americani del Kurdistan iracheno della milizia militare locale dei curdi, nota come Peshmerga. Come parte dei trentacinquemila iracheni Peshmerghi, gli istruttori americani addestrano i curdi iraniani, che periodicamente invadono il Kurdistan iraniano e hanno scontri sanguinosi con le divisioni anti-partigiani e di confine delle guardie rivoluzionarie iraniane. Nel settembre 2018, gli iraniani hanno persino sparato missili balistici su una delle basi militari del Partito Democratico Curdo (Iran) nel Kurdistan iracheno. Non c'è dubbio che nel caso dell'attuazione degli scenari militari americani contro l'Iran, truppe di curdi iracheni e iraniani invaderanno il Kurdistan iracheno in Iran, dove condurranno operazioni militari sotto la guida e in cooperazione con le forze speciali statunitensi. Le capacità militari dei curdi sono esagerate. Le milizie kurde possono attaccare solo con il supporto aereo degli Stati Uniti, coordinato dalle forze speciali statunitensi. Con le possibili operazioni militari contro l'Iran schierate in Afghanistan dalle unità statunitensi delle Forze speciali, quest'ultimo può attirare nei loro ranghi "alleati" - vettori locali del Farsi afghano.

Un'altra domanda interessante. Oltre alle basi militari esistenti, le forze speciali statunitensi usano nelle loro stazioni segrete CIA e stazioni segrete. Pertanto, in caso di inizio delle ostilità contro l'Iran, ci si può aspettare che alcuni piccoli gruppi delle forze speciali statunitensi invadano illegalmente il proprio territorio dal nord - dal Turkmenistan, dall'Azerbaijan e persino dall'Armenia, in cui, secondo Rapporti dei media, l'Ambasciata degli Stati Uniti è al secondo posto nella zona dello spazio di proprietà del Dipartimento di Stato all'estero dopo la Germania. Il numeroso personale dell'ambasciata americana a Yerevan potrebbe essere il personale militare delle forze speciali.

In conclusione, si dovrebbe notare che le tese relazioni degli Stati Uniti con il governo di Erdogan mettono in discussione le capacità militari americane contro l'Iran dal territorio della Turchia - ancora una volta, a causa della questione curda e della futura prosecuzione della costruzione del Kurdistan indipendente - questa volta al spesa per le aree popolate dai curdi Iran Ricordiamo che, ad esempio, nel 2003, agli Stati Uniti è stato negato l'uso delle basi della NATO turche nella guerra contro l'Iraq.

Riassumiamo. In qualsiasi variante delle operazioni militari statunitensi contro l'Iran, gli americani hanno bisogno di ulteriore dispiegamento delle loro forze di terra in Iraq, Kuwait e Afghanistan. Allo stesso tempo, la portata e il contenuto di questo spiegamento indicheranno la natura dell'imminente operazione militare contro l'Iran .

Un rapporto del New York Times datato 14 maggio 2019 indicava che il Pentagono stava considerando la possibilità di aumentare le sue forze a 120 mila persone in Medio Oriente. Si noti che questa quantità di truppe americane non è chiaramente sufficiente per condurre un'operazione di invasione di terra sul territorio iraniano, ma sarà abbastanza per scoraggiare le forze armate iraniane, altre cose elencano possibili operazioni militari contro questo paese. A questo proposito, la cosa più facile per gli americani sarebbe iniziare a costruire le loro forze militari contro l'Iran in Iraq con un conflitto militare con le milizie sciite in quel paese.

Per un'operazione offensiva di invasione della terra e per la totale distruzione dell'Iran, è necessaria una forza di terra di almeno 200 mila persone. E forse 300 mila. Negli Stati Uniti per una tale scala richiederà lo spiegamento della mobilitazione con l'appello dei riservisti. Unità della riserva organizzata delle Forze Armate statunitensi: la Guardia Nazionale dovrà essere inviata al fronte iraniano. Ricordiamo che attualmente il numero di truppe US Army (US Army) regolari e la riserva della National Guard sono uguali - 450 mila per componente - per un totale di 900 mila. Nel Corpo dei Marine degli Stati Uniti ci sono 60 mila militari.

Concentrare il gruppo di 200.000 uomini dell'invasione dell'Iran, come dimostra l'esperienza degli attacchi all'Iraq nel 1991 e nel 2003, circa cinque mesi di preparazione. Allo stesso tempo, oltre il 90% della logistica di trasporto verrà dalla spedizione. A una velocità di trasporto marittimo di 12-15 nodi, ci vogliono 25-30 giorni per viaggiare via mare dalla costa orientale degli Stati Uniti fino alle rive del Golfo Persico.

Nel frattempo, i pessimisti nella comunità di esperti degli Stati Uniti credono generalmente che per un'invasione terrestre dell'Iran sia necessario creare un gruppo di 600 mila persone, cioè inviare tre quarti dell'esercito regolare americano e della Guardia nazionale alla guerra. Ci vorrà circa un anno per concentrarsi sui suoi confini. Inoltre, i pessimisti sottolineano che con un'area dell'Iran di 1648 KM quadrati e una popolazione di circa 83 milioni di persone per la sua occupazione e il pieno controllo richiederà un gruppo di 1,6 milioni di soldati. È vero, si riconosce che, in caso di rifiuto dell'occupazione dell'Iran e ritiro delle truppe americane subito dopo la vittoria nel paese, la situazione scaturirà dal caos in stile libico, cioè si rivelerà come in Libia dopo il rovesciamento di Muammar Gheddafi. Ma forse è proprio in questo - la creazione di zone di caos, guerre civili, ondate di rifugiati dagli "stati falliti" - è il vero obiettivo della strategia americana per quanto riguarda gli spazi dell'Eurasia?

Tuttavia, notiamo che finora non ci sono segnali di preparazione di una grande operazione militare statunitense per "conquistare la Persia"
*

John Bolton vuole un cambiamento di regime in Iran. Qual è l'alternativa?
Le tensioni tra Stati Uniti e Iran sono nettamente aumentate. John Bolton,  consigliere per la sicurezza nazionale, ha a lungo spinto per il cambio di regime in Iran. Uno dei suoi sostituti scelti è il gruppo dissidente Mujahedeen Khalq, noto come MEK 
CreditCreditDoug Mills / The New York Times

****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/05/la-conquista-della-persia-capacita.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse.


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!